Archive for July, 2010

July 29, 2010

nimancu unu cummentu: tropu de casu fragat custu casu ?

 

Intra de ariseru e oi 260 personis ant bisitau custu blog e, a su in prus, ant ligiu su post “Ita casu ant tratau”.

Ma, nudda, mancu unu cummentu! Apu castiau in su blog de ZF Pintore e-lampu, agiumai mi calat guta de sa gelosía!-issu tenit 28 cummentus a su post suu! A favori e contras.

Insaras arrispundu innoi a sa polemica muda de is chi non ant tentu s’atza de mi mandai a “pasci dindus”.

A Joyce, non bastat a ddu citai: tocat a ddu connosci puru, a su mancu unu pagu.

E deu non tengu duda ca, in sa “mesa tunda” de Casteddu ddoi fessit genti ca sciíat su chi fiat fendi, citendi su trabballu de Joyce che esempru de literadura “natzionali” scrita in un’atra lingua: “Sedda non ha affatto irriso la lingua sarda ma chi, forse come te (ZFP), non si capacita di come possa esistere una letteratura sarda che non sia scritta in sardo (rivedi Joyce)” (cummentu de Manuel in su blog de ZFP).

A pensar male si commette peccato, ma: “Il giovane Joyce leggeva troppi scrittori atei e non si occupava minimamente del movimento nazionalista irlandese. Non sembrava avere molto a cuore le sofferenze della madre terra Irlanda, che chiamava «la vecchia scrofa che mangia la sua figliata». Non aveva imparato il gaelico d’ Irlanda (la sottolineatura è la mia).” (http://archiviostorico.corriere.it/2004/giugno/16/Buon_giorno_Bloom_Ulisse_dei_co_9_040616070.shtml)

Su probblema innoi est ca–mancai sa chistioni de definiri unu trabballu literariu che “literariu” o che “aliga” est una cosa chi cumpetit a is literatus e, forsis, a is semiologus, e a sa fini cumpetit a is chi su libbru ddu pagant de busciaca–sa chistioni de definiri ita est una literadura “natzionali” est una chistioni politica.

Su chi apu cumprendiu deu de s’articulu de su giornali–e su chi narat Manuel in su cummentu suu–est ca Franciscu Sedda e is atrus ant ammisturau is duas chistionis e si funt donaus arrexoni a pari narendi ca su chi definit una literadura “natzionali” est su balori literariu de su trabballu.

Custu in italianu si narat “ciurlare nel manico” e in sardu “tirai sa perda e cuai sa manu”.

Sedda e is atrus ant donau una definitzioni politica de literadura “natzionali”, ma si cuant a palas de sa “libbertadi de su scritori”.

Ma calincunu est narendi forsis ca unu scritori sardu depit scriri a marolla in sardu?

A su chi narat s’articulu de su giornali, parit ca Sedda siat cumbintu ca su probblema siat cussu: “[…] il semiologo teorico dell’Irs che ha concluso il dibattito rimarcando che lo scrittore, anche quello sardo, non ha responsabilità politiche e quindi «realizziamo una buona volta l’indipendenza così i nostri romanzieri potranno scrivere di quel che gli pare» senza sembrare “disimpegnati”, senza che nessuno li accusi di essere “indifferenti” così come nessuno sgrida Carofiglio o Lucarelli se non si interrogano sulla propria italianità. Insomma, per rivisitare in salsa sarda Vittorini e la polemica con Togliatti, l’intellettuale non deve suonare il piffero dell’indipendenza, o la launedda che sia.”

Deu tengu una stima troppu manna de s’intelligentzia de Sedda, po mi pensai ca issu non apat cumprendiu ca, si “Su cuadorzu”  de Nanni Falcone fessit scritu in italianu, iat a abarrai unu bellu trabballu literariu, ma iat essi literadura italiana e non sarda. Non nci bolit miga meda a ddu cumprendi!

Non c’è sardo peggiore di chi non vuole capire.

Est ora de ndi bessiri de cust’ambiguidadi: su de definiri ita fait parti de sa literadura sarda o de sa literadura italiana est una chistioni politica e linguistica, misía de issus literaria!

July 28, 2010

Ita casu ant tratau?

Francu Mocci, maistru de muru

“I am a worker, a tombstone mason, anxious to pleace avery-buries and jully glad when Christmas comes his once ayear. You are a poorjoist, unctuous to polise nopebobbies and tunnibelly soully when ’tis thime took o’er home, gin. We cannot say aye to aye. We cannot smile noes from noes.” (Finnegans Wake)

Francu Mocci est una de is personis prus intelligentis chi apu mai connotu. Fiat capuscuadra in su comunu de Iglesias candu deu femu “aiuto-giardiniere = operaio di 3° * livello”. Candu si nd’acatát ca calincunu fiat circhendi de ddu frigai, boghendi-ndi a pillu argumentus mannus e nobbilis, po ddu cumbinci a fai su chi torrát a contu a s’atru, Mocci narát: “Ej’e’, viva l’Italia, ma a mei non mi coddas!”

Ita nc’intrat cun su chi ant nau a s’atobiu de s’iRS a subra de sa literadura sarda?

Labai s’articulu de su gnoni sarda:

http://formaparis.splinder.com/post/23067791/carta-penna-e-pecorino

Lampu, e chini non est de acordiu ca sa literadura depit essi libbera? Sa literadura o est libbera o non est. Seus totu de acordiu: Viva l’Italia!

Ma sa chistioni est un’atra. Sa chistioni est: “Ita est sa literadura sarda?”

Anca sa mesa fiat tunda (Camelot?): aundi totu ti setziast non ddi fadíat  nudda: fiant giai totus de acordiu. “Sa literadura depit essi libbera e libbera de stereotipus: Viva l’Italia!”

Mancu mali ca non ant nau ca fiat unu dibbatitu.

E insaras bieus chi nci arrenesceus a torrai sa chistioni a s’argumentu chi custa “mesa tunda” at lassau a una parti, mancai fessit su tema de discuti.

Si pigaus sa poesia cosa mia:

Cussas matas

tortas ke banderas de chentu e chentu

annos in su bentu,

furcas rebelles prontas dae ora,

mesu de chelu e terra

abetant s’ora issoro

in s’oru de su tempus.

si podeus domandai chi custa est literadura “bera”o no, chi est bella o no, ma po s’atru non ddoi at duda peruna: custa est literadura sarda. Poita? Mancai siat scrita in Amsterdam de unu chi ddi nant Bolognesi, est pensada e scrita in sardu! Emu a bolli biri a chini iat a tenni faci de sola de nai ca custa est una poesía italiana.

Ita est chi definit una literadura “natzionali” (ge ddu sciéis ca dei nci tengu probblemas cun custu fueddu”)? Sa lingua, non sa geografia.

Comenti fait a biri, seus torra a su cunflitu intra de is duas definitzionis de identidadi sarda:

issus funt sardus poita ca funt nascius e/o pesaus in Sardinnia;

deu/nosu seus sardus poita ca si cumportaus de sardus e, mescamenti, poita ca fueddaus e scriéus in sardu. Torrai-si a castiai s’articulu:

https://bolognesu.wordpress.com/2010/07/19/due-identita-sarde-o-dialogo-tra-sordi/

E custu est unu cunflitu politicu e sa “mesa tunda” at donau un’arrespusta politica: po fai literadura sarda bastat a essi nasciu e/o pesau in Sardinnia, mancai unu non scríat in sardu.

Provaus a giogai a su giogu issoru e provai a si pensai ca deu cras m’emu a acabbai de ammachiai e mi m’emu a ponni a scriri “fiction”, ma in olandesu. Ita iat essi cussa literadura olandesa o sarda?

Pagu, ma seguru ca iat essi literadura olandesa e mala meda!

E Joyce, intzandus? Ah, balla, sempri a custu Joyce in mesu a is peis m’agatu!

E Conrad, insaras? Emu a bolli agatai a unu chi mi narat ca sa de Conrad est literadura polaca!

O ca sa de Rushdie est literadura indiana: acabbai-mi-dda!

Joyce e s’Irlanda e s’iRS: ge ndi torru a fueddai.

Candu unu che Fois scriit in italianu, est fendi literadura italiana, mancai Fois siat sardu e mancai Fois scríat de cosa sarda. Deu emu a bolli intendi a Fois nendi ca sa sua non est literadura italiana:

Ajó o Fois, merranu!

Su chi bolint Fois e is atrus a giru de sa mesa tunda est a nai ca sa de issus puru est literadura sarda e—o Fois, mi dispraxit po sa libbertadi literaria de bosatrus—aici funt fendi politica. Poita ca su de si ndi negai ca non esistit unu continuum linguisticu tra sardu e italianu est una positzioni politica crara: “tra identità sarda e identità italiana non esiste soluzione di continuità”.

Trullallá, comenti m’iat arrespundiu cuddu dorgalesu in s’oru de su mari, candu femu giovuneddu e capelloni.

S’identidadi sarda che identidadi “regionali”: girai-dda comenti boleis, ma custa est una positzioni politica, non literaria. Sa curtura, a s’imbessi de sa geografía, est cosa fata de is ominis: a una manera o a s’atra sempri a scioberai tocat! Si issus bolint fraigai una curtura regionali “sarda” che parti de sa curtura “natzionali” italiana, bonu prou ddis fatzat! Bastat chi non nergiant ca non funt fendi politica e ca sa litedadura in italianu est literadura sarda.

A Fois ddu cumprendu. Comenti naraíat jaja mia: “Mai narrer de cust’abba non nde bufo”.

Est a s’iRS chi non cumprendu. Funt indipendentistas, ma cali indipendentzia bolint? Boh?!

Bolint fai che s’Irlanda? Misía de nosus!

De colonia inglesa e abramía, is Irlandesus si funt furriaus a colonia vaticana e abramía: is chi cumandánt de aderus fiant predis prus o mancu caddotzus.

Chentza de lingua—cussa puru s’est morta o s’est fuía in an Gorta Mór (su famini mannu)—s’identidadi issoru fiat definía sceti de sa religioni e de su de essi vitimas. E s’Irlanda est abarrada fintzas a is annus ’90 unu de is logus prus pobirus e arretraus de s’Europa. Sceti cun is contributus (mannus!) de s’Europa ndi funt bessíus. E immoi?

“Historian Richard Aldous considers that the Celtic Tiger has now gone the way of the dodo. In early 2008 many commentators thought a soft landing was likely. By January 2009, it seemed possible the country could experience a depression. In February 2010, a report by Davy Research concluded that Ireland had “largely wasted” its years of high income during the boom, with private enterprise investing its wealth “in the wrong places”, comparing Ireland’s growth to other small Euro zone countries such as Finland and Belgium – noting that the physical wealth of those countries exceeds that of Ireland, because of their “vastly superior” transport infrastructure, telecommunications network and public services.” (http://en.wikipedia.org/wiki/Celtic_Tiger)

Indipendentzia bolit nai indipendentzia curturali, po arribbai a s’indipendentzia economica, e s’atru tanti ddu detzidit Brusselas po prus de su 50%.

Repubblica sarda, ma in italiano?

No grazie!

E s’inglesu de Joice?

…If juness she saved! Ah ho! And if yulone be pouved! The olold stoliolum! From quiqui quinet to michemiche chelet and a jambebatiste to a brulobrulo! It is toild in sounds in utter that, in signs so adds to, in universal, in polyguttural, in each auxiliary neutral idiom, sordomutics, florilingua, sheltafocal, flayflutter, a con’s cubane, a pro’s tutute, strassarab, ereperse and anythongue athall…

Francu Mocci est una de is personis prus intelligentis chi apu mai connotu. Fiat capuscuadra in su comunu de Iglesias candu deu femu “aiuto-giardiniere = operaio di 3 * livello”. Candu si nd’acatát ca calincunu fiat circhendi de ddu frigai, boghendi-ndi a pillu argumentus mannus e nobbilis, po ddu cumbinci a fai su chi torrát a contu a s’atru, Mocci narát: “Ej’e’, viva l’Italia, ma a mei non mi coddas!”

Ita nc’intrat cun su chi ant nau a s’atobiu de s’iRS a subra de sa literadura sarda?

Lampu, e chini non est de acordiu ca sa literadura depit essi libbera? Sa literadura o est libbera o non est. Seus totu de acordiu: Viva l’Italia!

Ma sa chistioni est un’atra. Sa chistioni est: “Ita est sa literadura sarda?”

Anca sa mesa fiat tunda (Camelot?): aundi totu ti setziast non ddi fadíat  nudda: fiant giai totus de acordiu. “Sa literadura depit essi libbera e libbera de stereotipus: Viva l’Italia!”

Mancu mali ca non ant nau ca fiat unu dibbatitu.

E insaras bieus chi nci arrenesceus a torrai sa chistioni a s’argumentu chi custa “mesa tunda” at lassau a una parti, mancai fessit su tema de discuti.

Si pigaus sa poesia cosa mia:

Cussas matas

tortas ke banderas de chentu e chentu

annos in su bentu,

furcas rebelles prontas dae ora,

mesu de chelu e terra

abetant s’ora issoro

in s’oru de su tempus.

si podeus domandai chi custa est literadura “bera”o no, chi est bella o no, ma po s’atru non ddoi at duda peruna: custa est literadura sarda. Poita? Mancai siat scrita in Amsterdam de unu chi ddi nant Bolognesi, est pensada e scrita in sardu! Emu a bolli biri a chini iat a tenni faci de sola de nai ca custa est una poesía italiana.

Ita est chi definit una literadura “natzionali” (ge ddu sciéis ca dei nci tengu probblemas cun custu fueddu”)? Sa lingua, non sa geografia.

Comenti fait a biri, seus torra a su cunflitu intra de is duas definitzionis de identidadi sarda:

issus funt sardus poita ca funt nascius e/o pesaus in Sardinnia;

deu/nosu seus sardus poita ca si cumportaus de sardus e, mescamenti, poita ca fueddaus e scriéus in sardu. Torrai-si a castiai s’articulu:

https://bolognesu.wordpress.com/2010/07/19/due-identita-sarde-o-dialogo-tra-sordi/

E custu est unu cunflitu politicu e sa “mesa tunda” at at donau un’arrespusta politica: po fai literadura sarda bastat a essi nasciu e/o pesau in Sardinnia, mancai unu non scríat in sardu.

Provaus a giogai a su giogu issoru e provai a si pensai ca deu cras m’emu a acabbai de ammachiai e mi m’emu a ponni a scriri “fiction”, ma in olandesu. Ita iat essi cussa literadura olandesa o sarda?

Pagu, ma seguru ca iat essi literadura olandesa e mala meda!

E Joyce, intzandus? Ah, balla, sempri a custu Joyce in mesu a is peis m’agatu!

E Conrad, insaras? Emu a bolli agatai a unu chi mi narat ca sa de Conrad est literadura polaca!

O ca sa de Rushdie est literadura indiana: acabbai-mi-dda!

Joyce e s’Irlanda e s’iRS: ge ndi torru a fueddai.

Candu unu che Fois scriit in italianu, est fendi literadura italiana, mancai Fois siat sardu e mancai Fois scríat de cosa sarda. Deu emu a bolli intendi a Fois nendi ca sa sua non est literadura italiana:

Ajó o Fois, merranu!

Su chi bolint Fois e is atrus a giru de sa mesa tunda est a nai ca sa de issus puru est literadura sarda e—o Fois, mi dispraxit po sa libbertadi literaria de bosatrus—aici funt fendi politica. Poita ca su de si ndi negai ca non esistit unu continuum linguisticu tra sardu e italianu est una positzioni politica crara: “tra identità sarda e identità italiana non esiste soluzione di continuità”.

Trullallá, comenti m’iat arrespundiu cuddu dorgalesu in s’oru de su mari, candu femu giovuneddu e capelloni.

S’identidadi sarda che identidadi “regionali”: girai-dda comenti boleis, ma custa est una positzioni politica, non literaria. Sa curtura, a s’imbessi de sa geografía, est cosa fata de is ominis: a una manera o a s’atra sempri a scioberai tocat! Si issus bolint fraigai una curtura regionali “sarda” che parti de sa curtura “natzionali” italiana, bonu prou ddis fatzat! Bastat chi non nergiant ca non funt fendi politica e ca sa litedadura in italianu est literadura sarda.

A Fois ddu cumprendu. Comenti naraíat jaja mia: “Mai narrer de cust’abba non nde bufo”.

Est a s’iRS chi non cumprendu. Funt indipendentistas, ma cali indipendentzia bolint? Boh?!

Bolint fai che s’Irlanda? Misía de nosus!

De colonia inglesa e abramía, is Irlandesus si funt furriaus a colonia vaticana e abramía: is chi cumandánt de aderus fiant predis prus o mancu caddotzus.

Chentza de lingua—cussa puru s’est morta o s’est fuía in an Gorta Mór (su famini mannu)—s’identidadi issoru fiat definía sceti de sa religioni e de su de essi vitimas. E s’Irlanda est abarrada fintzas a is annus ’90 unu de is logus prus pobirus e arretraus de s’Europa. Sceti cun is contributus (mannus!) de s’Europa ndi funt bessíus. E immoi?

“Historian Richard Aldous considers that the Celtic Tiger has now gone the way of the dodo. In early 2008 many commentators thought a soft landing was likely. By January 2009, it seemed possible the country could experience a depression. In February 2010, a report by Davy Research concluded that Ireland had “largely wasted” its years of high income during the boom, with private enterprise investing its wealth “in the wrong places”, comparing Ireland’s growth to other small Euro zone countries such as Finland and Belgium – noting that the physical wealth of those countries exceeds that of Ireland, because of their “vastly superior” transport infrastructure, telecommunications network and public services.” (http://en.wikipedia.org/wiki/Celtic_Tiger)

Indipendentzia bolit nai indipendentzia curturali, po arribbai a s’indipendentzia economica, e s’atru tanti ddu detzidit Brusselas po prus de su 50%.

Repubblica sarda, ma in italiano?

No grazie!

E s’inglesu de Joice?

…If juness she saved! Ah ho! And if yulone be pouved! The olold stoliolum! From quiqui quinet to michemiche chelet and a jambebatiste to a brulobrulo! It is toild in sounds in utter that, in signs so adds to, in universal, in polyguttural, in each auxiliary neutral idiom, sordomutics, florilingua, sheltafocal, flayflutter, a con’s cubane, a pro’s tutute, strassarab, ereperse and anythongue athall…

July 27, 2010

Cessu cessu! Deu e Pittau seus de acordiu in una cosa!

Labai ita apu agatau in su situ de Massimu Pittau.

Narat sa propriu cosa chi nau deu in “Sa ‘Costante resistenziale’ e atrus mitus sardus”: is Sardus arresistentis fiant mortus e is feminas si funt cojadas cun is Arromanus.

Ma issu custas cosas ddas at nadas innanti de mei, mancari non ndi boghit totus is conseguentzias chi ndi bogu deu.

Spassiai-si!

http://www.pittau.it/Sardo/latinizzazione.html

July 24, 2010

ah l’inglese, l’inglese!

Non sono un tipo molto femminile, ma-com’è, come non è-so essere anche io molto perfida.

Le due volte che ho tenuto un seminario al master di sardo della Facoltà di lettere dell’Università di Casteddu ho preparato una trappola per gli studenti.

Volevo che capissero da soli come fosse impossibile che il pisano medievale potesse aver influenzato la pronuncia del sardo meridionale nei soli 64 anni in cui la repubblica marinara aveva dominato il regno di Cagliari. Così, prima ho chiesto ai corsisti: “Chi di voi ha studiato inglese alle medie inferiori e superiori?” Praticamente tutti hanno sollevato la mano. Poi ho chiesto: “Chi lo parla?”

Appunto…

Mia figlia Mitza ha 12 anni e frequenta il ginnasio-evitatemi i commenti maligni: ci pensa già Edith a dirmi che predico bene e razzolo male (“Sei di sinistra, ma mandi tua figlia a studiare in una delle scuole più elitarie di Amsterdam!” Non è vero! C’è voluta andare lei! Io anzi un po’ la sfotto, perché parla l’olandese con l’accento di chi si può permettere una casa sui canali)

Mitza è bilingue dalla nascita (in olandese e-ahimé-in italiano) e questo senz’altro può averla aiutata ad apprendere l’inglese: il bilinguismo implica lo sviluppo immediato di capacità di riflessione metalinguistica e di astrazione: se una cosa si chiama “latte” e “melk”, è chiaro che questa non è né “latte” né “melk”, ma un’altra cosa che si può chiamare in modi diversi. Era una cosa di una comicità irresistibile vedere una bambina di due anni tradurre con un notevole sussiego dall’italiano, per l’eventuale spettatore olandese della nostra conversazione, qualcosa che le avevo detto: capiva già che l’altro non poteva seguirci.

Mitza ha imparato l’inglese dalla televisione. In Olanda infatti  i programmi stranieri -o le interviste di personaggi stranieri-non vengono doppiati, ma si usano i sottotitoli in olandese.

Un bambino olandese in età scolare viene così esposto ogni giorno a alcune ore di inglese, con traduzione a fronte.

Imparano. I bambini le lingue le imparano.

Durante gli ultimi due anni delle elementari-in Olanda durano 6 anni e non esistono le medie inferiori-Mitza ha avuto anche lezioni di inglese, ma si annoiava perché erano troppo facili.

Arrivata al ginnasio-dove non tutti sono bilingui dalla nascita-la professoressa di inglese ha detto: “Non vi do liste di parole da imparare.  Leggetevi dei bei libri!”

Chi è stato anche solo da turista ad Amsterdam sa benissimo che la pretesa della professoressa di inglese non è esagerata, almeno per dei ginnasiasti. Mitza adesso legge un libro in inglese in uno o due giorni. Conversa in inglese da alcuni anni, quando si presenta la necessità. Avantieri, peró, mi ha rivelato di sentirsi più a suo agio con il francese: era appena tornata dalla Turchia e lí aveva incontrato una persona che parlava francese, ma non  inglese e così è stata costretta a usare anche quel dialetto dell’italiano. Mitza quest’anno ha infatti cominciato anche a studiare francese: ha dei bei voti.

Mitza era in Turchia con sua madre, per il matrimonio di una donna che ha fatto uno stage con lei. Erano in Cappadocia e Mitza aveva dovuto indossare vestiti con le maniche lunghe: solo le bambine piccolissime potevano mostrare braccia e gambe.

Tjeerd de Graaf è un fonetista in pensione da alcuni anni. Ci siamo conosciuti a Groninga. Tjeerd è Frisone e molto impegnato sul fronte della difesa delle lingua minoritarie e minacciate di estinzione. Si occupa soprattutto di lingue siberiane.

Quando nel 2001 ho organizzato quel convegno di linguisti parlanti di lingue minoritarie, a Paulilatino, Tjeerd era nervoso: “Non parlo italiano!” diceva “Non posso comunicare con nessuno”. Tjeerd parla 10 lingue, fra cui il russo e il giapponese. A un certo punto mi ha detto: “Però ho studiato latino!”.

Non so come abbia fatto, ma girando per conto suo a Oristano, è riuscito a trovare una donna siberiana, sposata con un sardo, parente di una sua informante del Nenets. Mi ha presentato le sue “conquiste” e ho sentito che con loro parlava in italiano, approssimativo, ma comprensibile. Questione di atteggiamento linguistico: Tjeerd non ha paura degli strafalcioni.

Il monolinguismo isterico in Italia è alimentato non solo dalla cultura linguistica fascista che imperversa a destra come a sinistra, ma anche dalla corporazione dei doppiatori, evidentemente bene ammanicata. Per riuscire a far imparare l’inglese ai bambini-e abituarli a sentire anche altre lingue-basterebbe licenziare tutti i doppiatori e introdurre i sottotitoli per i programmi televisi e i film in lingua straniera. Fra l’altro scoprireste quanto sono bravi gli attori stranieri.

Forse gli Italiani plurilingui diventerebbero anche più tolleranti nei confronti delle loro minoranze: autoctone e alloctone.

July 23, 2010

E se fosse l’italiano a sparire?

La lingua è tante cose: tra l’altro, strumento di potere.

Costringi un bambino a frequentare una scuola in cui la sua lingua è vietata o, comunque, stigmatizzata, e quasi sicuramente l’avrai condannato alla marginalità sociale. Chi ha il potere di decidere quale lingua si deve usare nella scuola, esclude in questo modo in partenza quei gruppi etnici e/o sociali con i quali non vuole condividere il potere. E può farlo appellandosi alla meritocrazia: “Lo vedi? Li mandi a scuola, ma non imparano!”.

In Italia, questo metodo di discriminazione si è usato fin da prima che il Regno di Sardegna venisse ribattezzato come Regno d’Italia:  “A partire [dal 1760] i nuovi padroni dell’isola, i Savoia, divenuti re di Sardegna nel 1718, imposero l’italiano come lingua ufficiale nelle scuole sarde. Nel 1764, l’imposizione fu estesa a tutti i settori della vita pubblica. L’intenzione dei Piemontesi era probabilmente quella di deispanizzare la Sardegna, ma l’effetto più immediato fu quello di radicalizzare l’emarginazione sociale del sardo.” (Bolognesi & Heeringa, 2005, Sardegna fra tante lingue, pag. 25). Secondo F.C. CASULA (La storia di Sardegna, 1998:464-5): «Giambattista Lorenzo Bogino, nominato ministro per gli affari della Sardegna nel 1759, aveva subito predisposto un piano di studi per l’istruzione inferiore, purtroppo pochissimo attuato dai viceré dell’isola per disinteresse delle popolazioni indigene. [l’enfasi è la mia R.B.]»

Se qualcuno pensa che queste siano cose del passato, faccio presente che i dati drammatici della dispersione scolastica in Sardegna, ma anche, per esempio, a Napoli, mostrano che per vasti strati della popolazione, la situazione non è affatto cambiata.

Ho cercato su Internet degli studi sulla dispersione scolastica che mettessero in luce il rapporto tra la lingua effettivamente usata dai ragazzi napoletani e il loro abbandono degli studi, ma non ho trovato uno! Stessa cosa che mi è successa per la situazione della Sardegna. Vedete da voi una rassegna di interventi indubbiamente seri, di cui fornisco i link:

http://ospitiweb.indire.it/~natd0006/oltrelascuola/oltrelascuola%201-2007/articolo4.htm

http://www.pupia.tv/campania/notizie/0003203.html

http://www.emagister.it/corso_stategie_per_contrastare_la_dispersione_scolastica-ec2369397.htm

http://www.cilap.eu/index.php?Itemid=38&id=163&option=com_content&task=view

http://www.psicozoo.it/index.php/2009/08/11/dispersione-scolastica-un-problema-di-tutti/

http://psicologiascolastica.blogspot.com/2008/11/abbandono-e-dispersione-scolastica.html

http://www.agoramagazine.it/agora/spip.php?article8937

Ripeto: nessuno di questi studi fa riferimento ad un eventuale rapporto tra la lingua effettivamente usata dai ragazzi napoletani e la dispersione scolastica.

L’unica cosa che può aiutarci a capire è questo passaggio: “A Napoli e dintorni, c’è invece un’ampia zona diffusa, dai confini incerti sia quanto alle strutture che quanto agli usi, con una distinzione assai minore [rispetto a Torino] fra le varietà di lingua e varietà di dialetto, un tipico continuum con sovrapposizioni.” (Lingua e dialetto nell’Italia del Duemila (2006); http://www.archive.org/details/linguaedialetton00sobr; pag. 10).

Tradotto in termini più terra terra, il sociolinguista Gaetano Berruto qui ci dice quello che un po’ tutti sapevamo già: a Napoli si parla normalmente napoletano e una forma di “italiano” distante dallo standard. Qual’è il rapporto tra questa situazione linguistica e la dispersione scolastica?

Se esiste una qualche analisi che riconosce questo rapporto, io non l’ho mai incontrata. Questa assenza, comunque stabilita negli interventi che ho visto, dovrebbe suscitare almeno qualche perplessità. Che sull’argomento esista un tabú che nessuno ha il coraggio di violare?

In Italia esistono vasti strati di popolazione autoctona che non conoscono l’italiano, almeno non l’italiano che la scuola pretende che essi conoscano.

La cosa che si avvicina di più a un tale riconoscimento è la seguente: “la disoccupazione e l’ignoranza parentali” (http://www.psicozoo.it/index.php/2009/08/11/dispersione-scolastica-un-problema-di-tutti/). Naturalmente, il problema non è della scuola, ma dei genitori ignoranti.

Cosa succederebbe se si ammettesse questa semplice verità?

In un paese serio si svilupperebbe dei metodi di insegnamento dell’italiano come L2 e si farebbe abbondante uso della lingua locale come lingua veicolare.

Almeno una parte dei casi di dispersione scolastica verrebbe evitata.

Un’altra delle ammissioni parziali che ho trovato nello studio citato qui sopra è infatti la seguente: “l’assenza di adeguate strategie didattiche centrate sul soggetto”.

Credo che insegnare qualunque cosa a un bambino, in una lingua che non conosce, non costituisca esattamente “un’adeguata strategia didattica”.

Cosa succede in un paese poco serio come l’Italia in una situazione come questa?

Si continua a negare che il re è nudo (l’Italia, come tutti gli stati, è nata dalla violenza e dall’assogettamento di altri gruppi etnici e non da una fantasiosa e preesistente unità linguistica e culturale), ma siccome lo sanno tutti, lo stato italiano sta comunque finendo a pezzi.

Altrove ho attribuito all’egoismo delle categorie sociali privilegiate della Sardegna quel loro afferrarsi spudoratatamente a un’identità “italiana”, che permette loro di  mantenere il monopolio del potere ed escluderne chi è portatore di un’identità antagonista: antagonista nei loro confronti, è chiaro.

Non conosco l’Italia abbastanza da poter estendere il mio giudizio anche su quel paese.

Dico soltanto che anche tra gli Italiani che concepiscono la lingua come strumento di potere comincia a penetrare la coscienza del fatto che presto la loro lingua diventerà, al massimo, strumento di comunicazione e-oramamma!-di identità.

È chiaro che la conoscenza dell’italiano sarà sempre più insufficiente per ottenere successo economico in un mondo globalizzato e ora questo fatto viene riflesso anche nelle politiche linguistiche dell’UE: l’italiano prima o poi verrà escluso dal novero delle lingue che contano in Europa. Gli italiani protestano: http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=1165078

La funzione dell’italiano come strumento di potere viene gravemente intaccata da questa esclusione.

In un contesto europeo, sta succedendo anche alle classi dirigenti italiane quello che-molto più gravemente e ferocemente-loro hanno riservato ai ceti subalterni dello stato italiano.

Ho l’impressione che anche loro incomincino a intravvedere un mondo in cui si parla e scrive sardo e inglese, napoletano e inglese, veneto e inglese e l’italiano continua a essere insegnato nei licei classici.

Eus a biri/we shall see.

July 19, 2010

Due identità sarde o dialogo tra sordi? (dedicato ai fascisti sedicenti di sinistra)


Uno degli interventi più interessanti all’ultima Conferenza sulla Limba di Macomer, nel lontano 2008, è stato quello di Gabriele Iannaccaro.

Fra le altre cose Iannaccaro ha detto che lo scontro in atto sulla lingua è in effetti lo scontro tra due diverse concezioni dell’identità sarda.

Secondo la fazione che, semplificando, si può definire come contraria alla limba—o almeno a un uso ufficiale della limba e al superamento della situazione attuale di diglossia—è il territorio della Sardegna a definire l’identità dei suoi abitanti e la limba, ma sí, si può usare per raccontare barzellette e per parlare con i nonni, ma per il resto va evitata, perché per comunicare seriamente è meglio usare l’italiano.

L’altra fazione—la nostra insomma—vuole che il sardo diventi—o torni ad essere—una lingua normale in cui si può fare qualunque cosa, perché l’identità sarda coincide con la cultura sarda—qualunque cosa “cultura sarda” significhi—e questa si esprime al meglio attraverso la limba.

Fermo restando che anche la nostra posizione, così definita, si può criticare o comunque porre in discussione—Qual’è il rapporto tra lingua e cultura? E tra lingua e identità? Chi ha qualcosa di definitivo da dire su queste cose?—la differenza tra le due concezioni dell’identità consiste nel fatto che la prima è una concezione statica: “Sei sardo se sei nato in Sardegna e molto più da dire o da fare non c’è!”; mentre l’altra è una posizione dinamica: “Sei sardo se ti comporti da sardo: soprattutto se parli il sardo!”

Lasciando stare il fatto scontato che la nostra posizione è superiore—per noi, è chiaro!—altrimenti ne avremmo un’altra, la nostra è delle due anche la posizione più intollerante, almeno in linea di principio.

Mi spiego: noi di fatto con la nostra posizione affermiamo che chi non parla sardo non è sardo o, almeno, lo è meno di noi!

E qui non si tratta di mettersi a cercare argomenti per dimostrare che effettivamente gli altri non sono molto sardi. Il punto non è quello.

Il punto è che la nostra posizione fa paura. E giustamente.

Mi spiego: anche tralasciando il fatto che tutti i sardi sono traumatizzati dall’italianizzazione linguistica della Sardegna (e del resto dello stato) e che molti automaticamente associano perciò l’ufficializzazione del sardo al fascismo linguistico storicamente impiegato dagli italiani (che però questi molti evitano sistematicamente di denunciare), rimane il fatto che la nostra concezione dell’identità sarda comporta una gerarchia di valori.

Per il fatto di parlare il sardo noi saremmo—anzi lo siamo!—dei sardi migliori di quelli che non lo parlano.

E non importa che questo non lo abbiamo detto—e forse neppure pensato—esplicitamente: questa è la logica consequenza della nostra posizione sull’identità.

Ecco perché la nostra posizione fa paura.

E allora dobbiamo chiederci se quello che vogliamo è far paura a chi non è d’accordo con la nostra posizione.

No, non sto parlando di quello che più o meno politicamente opportuno. Non sto dicendo, insomma, che bisogna tatticamente tranquillizzare i nostri avversari politici perché ammorbidiscano la loro opposizione.

Mi sto chiedendo a voce alta se voglio che la mia posizione sulla limba contenga un nucleo di intolleranza intrinseca.

La mia risposta è ovviamente: no!

Non vorrei vedere una Sardegna che sia l’immagine rovesciata della Sardegna attuale con dei Sardi di serie A (domani i sardoparlanti, oggi gli italofoni) e di serie B (domani gli italofoni, oggi i sardoparlanti), perché non credo che in una Sardegna del genere si vivrebbe meglio che nella Sardegna attuale.

Quello che in questi anni non abbiamo messo sufficientemente in chiaro è che noi vogliamo soltanto vivere gioiosamente la nostra sardità, che tutto quello che vogliamo è essere sardi quanto, dove e come lo vogliamo, che la nostra è una ricerca interamente positiva di quello che è meglio per noi e per il nostro prossimo: essere liberamente quello che siamo!

Essere culturalmente autonomi è esattamente il contrario della negazione dell’autonomia altrui.

Con questo, però, non voglio negare che in molti casi la paura vera dei nostri avversari sia quella di perdere la propria posizione di rendita come mediatori tra il centro dell’impero italiano e la sua periferia estrema: noi.

E anche se la maggior parte dei Sardi è a favore dell’uso ufficiale del sardo e della sua introduzione nella scuola, la maggior parte della sua classe dirigente—e gli intellettuali in particolare—sono invece contrari.

Se ci pensate, non è per niente un caso che proprio i Sardi con un’istruzione superiore siano maggiormente impauriti dall’idea di una Sardegna culturalmente autonoma.

Guardate la cartina seguente, presa da Google Earth, e che rappresenta l’Italia “secondo l’Atlante De Agostini”.

Secondo questa cartina, la Sardegna, senza l’Italia, sarebbe un’isola sperduta in mezzo al Mediterraneo, lontana da tutto e da tutti: perfino l’Albania è meno remota.

Senza questa rappresentazione della Sardegna nel mondo, non si capisce la paura di molti Sardi di identificarsi con la cultura e la lingua della propria terra.

La cartina seguente rappresenta la Sardegna come la percepiscono i ceti istruiti dell’isola, quando la immaginano culturalmente autonoma dall’Italia: una terra naufragata in mezzo al mare, di cui sanno quel poco o nulla che la scuola italiana ha loro insegnato. Il loro, in fondo, è solo un “horror vacui”.

E maggiore è stata la loro esposizione alla scuola italiana, più forte è questa immagine.

Quello di cui non si rendono conto costoro è il fatto che questa percezione della Sardegna è il frutto di una prospettiva molto particolare: quella in base alla quale Roma sarebbe il centro del mondo. “ Roma caput mundi”, no?

E questa, naturalmente, è la prospettiva di chi si è acculturato nel sistema scolastico italiano.

La cultura italiana è autocentrata—e, detto fra noi, estremamente provinciale—e misura il mondo in base alle proprie norme. Ecco perché la Sardegna risulta periferica in questa cartina. Non esiste altro motivo, ma naturalmente la scuola che i ceti istruiti della Sardegna hanno frequentato non svela, ne saprebbe svelare, il perché.

La cartina seguente, invece, ci mostra da un lato che la Terra è tonda—e che quindi qualunque punto può esserne il centro—e che la Sardegna-ombelico-del-mondo si trova esattamente al centro del Mediterraneo occidentale, circondata per ¾ da paesi dell’Unione Europea con cui esiste “libertà di circolazione delle merci e delle persone”.

Barcellona e Marsiglia sono più vicine alla Sardegna che non Milano o, rispettivamente, Genova, ma i ceti istruiti della Sardegna non se ne rendono conto.

Secoli di rapporti politici, culturali ed economici con la penisola iberica e anche con la Francia sono scomparsi nel nulla, inghiottiti dalla scuola italiana.

La prospettiva di Roma, imposta dalla scuola, ha cancellato la realtà geografica e anche quella storica.

Ma noi cosa abbiamo fatto per spiegare a questa gente che l’autonomia culturale della Sardegna significa non isolamento, ma esattamente il suo contrario?

Poco.

Non abbiamo mai spiegato abbastanza che non si tratta di recidere alcun legame, ma di darci la libertà di averne altri. Di arricchirci e non di impoverirci.

Tornando all’analisi di Iannaccaro, possiamo dire che le due fazioni che si contrappongono sulla questione della limba rappresentano in fondo due modi diversi di concepire il nostro territorio.

La prima vede la Sardegna come periferia dell´Italia, pittoresca ed esotica, cioè folkoristica e quindi intrinsicamente arretrata ed inferiore, con i sardi in perenne rincorsa delle norme linguistiche e comportamentali forgiate oltre il Tirreno: si vedano diversi forum “linguistici” del Gruppo “Fillu de chini ses” su Facebook..

La seconda vede la Sardegna semplicemente come centro del mondo per i Sardi: centro di un mondo molto più vasto, è chiaro!

La prima è la visione pre-informatica (pre-Google Earth!), centralista, statalista, vetero-progressista, cioè regressista, che concepisce la conquista della propria autonomia come negazione dell´autonomia altrui: si vedano i vari interventi anti-limba apparsi in questi ultimi anni. Erano tutti centrati sulla paura, reale o immaginaria, di volontà prevaricatorie da parte dei sostenitori della limba.

L´altra posizione è la nostra e abbiamo ancora molto lavoro da fare per chiarirla.

Fermo restando che non convinceremo mai la gente in malafede, dobbiamo fare ancora molto per far capire ai ceti istruiti della Sardegna che noi semplicemente rappresentiamo la libertà di scegliere la propria identità, anche per coloro che il sardo non lo vogliono parlare.

July 14, 2010

Proposta di grafia unitaria del sardo

L’Assessore Maria Lucia Braille ha proposto la grafia unitaria della limba.

July 1, 2010

Su giustu

Custu contu dd’apu pubblicau giai -in carateris foneticus e furriau in inglesu- in sa “appendice” de sa tesi de dotorau cosa mia.

Mi dd’at contau un’omini beciu de Sestu e deu dd´apu arregistrau.

Nci fiat in bidda Tziu Giuanni Antoni Musinu, chi bessíat ancora a cratzonis de arroda-a berrita e a cratzonis de arroda-e impari cun Tziu Giuannicu Marras-setzius in pratza de crésia-contánt faulas.

Si setzíant ingunis a palas de pratza de crésia: ddui fiant duas perdas biancas mannas-mannas.

E fiat Tziu Giuannicu Marras, Farci e Tziu Giuanni Antoni Musinu.

Nci ndi fiat un’atru, ma immoi non m’arregordat.

Tziu Giuanni Antoni Musinu non podíat biri su predi (this construction without prepositional accusative, confirms Mike Jones’ analysis!)

Su predi fiat predi Olla.

Su predi ca scidíat ca Tziu Giuanni Antoni non ddu podíat biri, pena ddus bidíat setzius, partíat de pratza de crésia, ca su municípiu insaras fiat de fronti a pratza de crésia-cussu casegiau chi nci est immoi-chi nci funt…

Si setzíant ingunis a faci-a faci.

A mangianu ddui pigát su friscu, poita est palas a soli, su municipiu, no?

Su predi, ca bidíat ca ddui fiat Tziu Giuanni Antoni-po nde ddu fai andai, ca non podíat biri is predis-a bellu-a bellu si poníat de aici: camminát e andát a innias.

Tziu Giuanni Antoni, chi ddu bidíat arribbendi:

`O piciocus, tenei-si contu!´

Pigát su bastoneddu e partíat:

´Tenei-si contu!´

Su predi arribbat:

´Oi puru Tziu Giuanni Antoni si nd´est andau. Eja´at nau ´ge ddu sciit!´ at nau´Poita non andat a cancu atru logu? Deu puru nci bollu passai un´ora cun bosatrus´ at nau ´ Ita mi ndi importat chi si ndi andat issu? Peus po issu chi si ndi andat!´

Predi Olla…

Bai oi, bai cras: Tziu Giuanni Antoni dd´iat cumbinada poita fiat unu grandu fauanciu-fauancius fiant totus, e poi non sciu custus ominis antzianus cumenti ddas cumbinánt-teníat giai sa fauledda pronta chi ddi serbíat.

Predi Olla-pena chi ddus at bius totus bellus e cuntentus-partit de crésia a bellu-a bellu: fiat torrendi a andai in manera chi Tziu Giuanni Antoni si ndi andessit.

Sa di Tziu Giuanni Antoni non si nd´est andau.

Arribbau issu (Predi Olla): `Bongiorno´

´Bongiorno´

´Bongiorno Tziu Giuanni Antoni, e ita cosa, ca oi non si nd´est andau?´

At nau: ´Ah, oi seu abarrau poita ddi bollu contai unu contixeddu: unu contu chi m´est sutzédiu.´

´Dd´est sutzédiu unu contu?´

´Est unu bisu chi apu fatu. ´

´E ita at fatu?´

´E non femus mortus totus e is duus!? E poita ca nci fiat fustei puru, in bidda, biit ita arratza de missa cantada chi ant fatu prima de s´interrai. Ant portau cantoris de Casteddu-a tres boxis-ma ge si bidíat ca, sa genti chi nci fiat, fiat sempri ca nci fiat fustei. Poita s´interru est stetiu fatu po totu e is duus-unu avatu de s´atru-e nci fiat sa banda, sa musica…

Si nc´interrant, si nci portant a campusantu e su sindigu iat fatu unu discursu po fusteti ca fiat un´anima bona, una cosa…

Po mei mi nomenát fatu-fatu, ma non tanti.

Po mesu de fustei, s´acumpangiamentu est stetiu bonu po mei puru.

Peró, ddoi est stetia una cosa. Ge ddu sciit ca s´anima partit a su celu e su corpus abarrat in campusantu.

Parteus a celu e ddui fiat Santu Micheli cun sa spada in manus e sa bilancia.

Pesat a mei e pesamu giai unus tres o cuatruxentu grammus in prus de fusteti.

A fusteti nce ddu bolíat portai a unu logu bonu, a mei a unu logu malu.

E fosteti, po chi pagu si bideus, ma ca fiat de sa propriu bidda, dda nau a Santu Micheli: ´Santu Micheli, est unu paesanu miu…

Santu Micheli insaras at nau: ´Tocat a tenni su pesu giustu!´

Pigat sa spada, ndi segat sa minca mia e dda ponit in culu a fusteti.

Si torrat a pesai e pesát cincuanta grammus in prus fustei.

Ndi segat su nasu a fustei e ddu ponit in culu a mei.´

E partíu su predi!

De sa di a Tziu Giuanni Antoni dd´at lassau a seriu su predi.