Archive for September, 2010

September 29, 2010

La legge di Gresham e l’ignoranza selettiva degli intellettuali italiani

La Legge di Gresham afferma che la moneta cattiva caccia quella buona.

Attribuita all’inglese Sir Thomas Gresham (15191579), agente di commercio al servizio della monarchia britannica che la enunciò nel 1551, era probabilmente già nota da alcuni decenni, ritrovandosi per esempio nel trattato sul conio edito da Copernico nel 1525. Tuttavia la paternità potrebbe esser fatta risalire sino ad Aristofane (405 a.C.) nella sua commedia Le rane.

« Antepirrema / Agio avemmo spesse volte d’osservare come Atene / a quel modo coi piú onesti cittadini si contiene / ch’usa pur con le monete vecchie e il nuovo princisbecche. / Tutti sanno che fra quante mai n’usciron dalle zecche, / vuoi d’Ellèni, vuoi di barbari, dappertutto, quelle sono, / e non altre, le piú belle: quelle rendono buon suono, / hanno quelle buona impronta, sono prive di mondiglia. / Pure, Atene non le adopera, e ai bronzini oggi s’appiglia, / dalla zecca usciti appena ieri, perfidi nel conio. »

In un sistema monetario nel quale il valore nominale delle monete era pari al loro contenuto in oro o in metalli preziosi, era piuttosto comune che le monete in circolazione perdessero parte del metallo prezioso di cui erano composte per effetto dell’uso o per la pratica illegale consistente nel grattare, raschiare, tagliuzzare i bordi delle monete (non per nulla nacque l’uso della zigrinatura del bordo). Accadeva così che alcune monete, solitamente quelle in circolazione da più tempo, avessero un valore intrinseco decisamente inferiore al valore nominale. In altri termini tali monete, considerate “cattive”, continuavano ad avere ufficialmente un valore determinato dal tipo di moneta (oggi diremmo il valore su di esse stampato), mentre il loro valore intrinseco, determinato dal contenuto in oro, argento o altri metalli preziosi, era decisamente inferiore. Ovviamente, in una situazione del genere, la gente tende a conservare la moneta dotata di alto valore intrinseco e a usare come moneta di scambio quella meno pregiata. La conseguenza è quindi che alla fine la moneta più pregiata viene esclusa dagli scambi e tesaurizzata, in quanto scambiarla per una valuta meno pregiata comporta una perdita secca. ( http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_Gresham)

Applicata alle lingue, la legge di Gresham prevede che le lingue veicolari (statali, in principio, ma non solo) scaccino le lingue dell’identità (lingue locali).

In Sardegna, a partire dagli anni ’70, le donne–in particolare, ma non solo–hanno cominciato a usare l’italiano nell’interazione linguistica con i loro figli. Hanno cioè deciso di usare la lingua più valida come “moneta di scambio” e di tenersi per se e per l’interazione più intima la lingua con il maggior valore intrinseco (il sardo).

L’italiano, che la maggior parte delle persone in Sardegna conosceva in modo approssimativo, ha portato ovviamente ad un impoverimento delle capacità espressive e comunicative dei sardi. Per ovviare a questi limiti, l’Italiano Regionale di Sardegna (Loi Corvetto 1983) è stato arricchito con un numero altissimo di elementi grammaticali, fonologici e lessicali provenienti dal sardo. Questi elementi non standard venivano e vengono stigmatizzati dalla scuola, con le dovute conseguenze sul rendimento scolastico degli alunni sardi. Infatti–ma le cause sono senz’altro molteplici–la dispersione scolastica in Sardegna è all’incirca doppia rispetto alla media dello stato italiano. Insomma, come prevede la legge di Gresham, la lingua dotata di valore maggiore intrinseco (in quanto perfettamente padroneggiata e condivisa all’interno della comunità linguistica) è stata sostituita da una lingua più limitata espressivamente e comunicativamente, ma che permetteva scambi più ampi e economicamente più remunerativi  (valore nominale).

Ma i figli dei sardi e–in misura leggermete minore–le figlie hanno continuato e continuano ad apprendere il sardo per il suo valore d’uso, pur usando l’italiano come “merce di scambio”–lingua veicolare–nell’interazione con gli sconosciuti e nelle situazioni economicamente/socialmente più remunerative (si veda la ricerca sociolinguistica coordinata dalla professoressa Oppo: http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_4_20070510134456.pdf).

Nel mentre però, l’utilità dell’italiano come “merce di scambio” si è ridotta notevolmente a favore dell’inglese, lingua veicolare molto più utile dopo la globalizzazione. È diventato chiaro che i vantaggi economico-sociali comportati dall’uso dell’italiano come lingua veicolare sono limitati, rispetto alle attuali esigenze.

L’italiano–in Sardegna: Italiano Regionale di Sardegna, deviante rispetto allo standard–si trova oggi quindi schiacciato tra la lingua dell’identità, ad alto valore intrinseco (il sardo),  e la lingua più utile come lingua veicolare (l’inglese), molto più efficace come merce di scambio.

Questo costituisce uno dei motivi del tracollo dell’identità “nazionale” veicolata dalla lingua di Umberto Eco.

L’articolo di Umberto Eco che cito nel mio post precedente ignora–o finge di ignorare–i vari meccanismi coinvolti nella disfida in corso tra “lingua”  e “dialetti” e ci propone una difesa pesudoestetizzante, ma in effetti isterica, della fonte di reddito del Professore: l’italiano.

September 24, 2010

Tziu Tamasu Cara, Sestesu (1)

Sa primu cosa chi apu fatu est stetia a andai a sa butega de sa ferramenta. Su meri fiat un’omini de unus sessant’annus e dd’apu domandau chi mi bolíat agiudai cun sa circa.

—Non est cosa mala a fai—dd’apu nau—est sceti chistioni de ligi unas cantus frasias chi apu preparau. Fustei ligit e deu dd’arregistru.

—Deu? Nossi, balla! Deu non seu bravu cun su sestesu. Fustei depit andai acché Tziu Tamasu Cara.

E m’at scritu s’indiritzu.

Seu andau—domandendi a s’unu e a s’atru, po dd’agatai—e m’at obertu cust’omini scrutzu chi teníat giai una cosa comenti e otant’annus.

—B…b..brintit!—m’at nau achichiendi.

Mi nci funt calaus is bratzus: comenti dimoniu emu a podi fai a fai una circa fonologica de sa pronuncia de su sardu de Sestu cun un’omini chi achichiat?

Tziu Tamasu m’at fatu setzi e m’at cumbidau su cafei. Dd’apu spiegau su chi bolemu fai e su chi mi serbíat.

At cumprendiu deretu. Non m’arregordu immoi chi si dd’apu nau ca cun issu non fadíat a fai cussa circa mia, ma chi si dd’apu nau is fueddus fiant pagus meda.

Si seus lassaus de aici.

Sa di a pustis intendu sonendi a sa porta e mi ddu biu, impari a duus atrus ominis prus o mancu de s’edadi sua.

Is atrus fiant Tziu Valerianu e Tziu Egidiu.

Ddus apu fatus su cafei e apu torrau a spiegai su chi bolemu fai e su chi bolemu de issus.

Ant nau ca eja, ca ge fiat totu craru e nd’apu bogau is follus mius cun is frasias chi depíant ligi.

Giai su ligi non andát beni meda, ca non fiant acostumaus a ligi in sardu.

Deu ddus apu naus:

—Tocai, innantis de dda pronunciai sa frasia, narai-si-dda in conca de bosatrus e totu. Aici, comenti chi festis fueddendi normali cun calincunu.

Mancai stentosa, sa chistioni fiat incumentzendi a caminai, ma unu certu puntu seus arribbaus a sa frasia “Sa brebei papat erba.”

E issus:

—Sa brebei papat s’reba.

Ca “erba” si furriat a “s’reba” candu tenit s’articulu innantis ddu sciemu giai, ca s’agatát puru in sa literadura. A mei mi serbíat a sciri chi sa “metatesi” de sa R sutzedíat fintzas cun sa T de is verbus.

Ddus depemu fai cumprendi su chi depíant nai, ma chentza de si ddu nai deu, ca sinuncas ses imbolliendi cun is datus, e ddis apu naus:

—Bandat beni, ma sa frasia mi serbit chentza de s’articulu innantis de “erba”.

M’ant castiau comenti chi ddus femu fueddendi in cinesu.

—S’articulu, labai, bolit bogau. Duncas, torrai a ligi, ma chentza de su fueddu “sa”.

—Sa brebei papat s’reba.

—NO! S’apu nau, s’articulu a non ddu ponni!

Si funt castiaus. Ddus biías pensendi: “De ita est fueddendi?”

Torra:

—Sa brebei papat s’reba.

Fiat incumentzendi a mi pigai su nervosu.

E tziu Valerianu:

—Ascurtit o su Professori, in Sestesu si narat de aici!

E deu:

—Ma candu unu fueddat non de una certa brebei, ma, naraus de calisisiat brebei e bolit contai a un’atru ita papat una brebei calisisiat ita narais in sestesu?

—Sa brebei papat s’reba!

Mi seu arrinegau. Mi seu cuntrollau, ma a sa boxi e a sa faci m’ant connotu ca femu arrinegau.

E deretu nd’apu tentu brigungia comenti pagu bortas in sa vida.

Cussus tres becius si funt acostaus s’unu a s’atru, che pipius timendi a su maistru de scola minetendi-ddus e mi castiánt che pipieddus abetendi-si calincuna cosa mala.

Mi seu citíu unus cantus minutus. Issus mi castíant. Deu tenemu sa conca sbódia de sa brigungia.

Apu pigau is follus cun is frasias preparadas in s’Universidadi de Amsterdam, sighendi sa manera standard de trabballai, e ddus apu postus a una parti.

Mi seu strantaxau e ddis apu nau:

—Contus ndi scieis? Contai-mi contus e deu arregistru.

Tziu Tamasu mi nd’iat portau is mellus contadoris de contus de Sestu.

Apu arregistrau prus de 14 oras de “fueddada spontanea” e in custas 14 ora non ant produsiu ni-mancu una metatesi.

Cust’evidentzia m’at permitiu de arribbai a sa conclusioni ca su “Probblema de Platoni”—“comenti mai scieus aici medas cosas, tenendi aici pagu esperientzia?”—esistíat sceti in sa conca de Chomsky e fiat su produtu de su cuadru teoricu sballiau imperau de issu.

September 17, 2010

FIAT LUX

Adriano Sofri, circa un anno e mezzo fa, amareggiato dagli attacchi personali che subiva per via dei suoi interventi etici sulla stampa, ha scritto una nota su Facebook in cui diceva, più o meno: “Cosa sarei diventato se non fossi stato condannato per la vicenda di Calabresi?”

A me la sua reazione è sembrata fuori posto—la mia opinione su Sofri è molto articolata e ve la risparmio—e ho commentato: “Cosa saresti diventato se avessi avuto un padre analfabeta e avvinazzato?”, ma dopo pochi minuti ho eleminato il mio commento, perché poteva sembrare irrispettoso per la sua condizione di prigioniero e condannato in sede definitiva e io di queste situazioni non so niente: questa è una delle poche cose che la vita mi ha risparmiato.

Scrivo questo perché mi sembra arrivato il momento di spiegare in modo serio perché ho deciso di ritirarmi dalla scena della linguistica sarda e dalla lotta per i nostri diritti linguistici.

Alcuni credono che io sia amareggiato, eppure, se ci pensate bene, non può essere così, visto che ero a un passo dalla mia rivalsa sulla vita: il 13 ottobre sarei andare dovuto Cambridge a tenere un seminario sul sardo, su invito del Cambridge Endangered Languages and Cultures Group.

Per il figlio di un minatore/contadino analfabeta e avvinazzato sarebbe stata una bella rivalsa, lampu! Soprattutto se pensate che fino ai 34 anni il mio mestiere consisteva—fra l’altro—nel raccogliere gli stronzi di cane dalle aiuole di Piazza Sella, a Iglesias.

Non occorre essere stati educati in quella feroce palestra di umorismo che era l’Iglesias della mia gioventù per capire che a Cambridge ci sarei andato a sghignazzare di tanta gente. Loro comunque li avevo avvertiti: volevo intitolare il mio seminario: “Do you wanna play ball?”

Avevano gentilmente declinato l’offerta e optato per un titolo più convenzionale.

Perché mi ritiro allora?

Perché, da sempre, io l’eroe lo faccio soltanto se ci sono proprio costretto, come sulla spiaggia di Is Arenas.

Continuare a lavorare gratis per il sardo, in cambio di almeno altrettanti insulti quante sono state le dimostrazioni di affetto e di gratitudine, stava cominciando a costarmi troppo dal punto di vista personale.

Alessandro Mongili mi ha detto una volta che, secondo lui, un giorno qualcuno scriverà la mia biografia.

Chissà se mai succederà, ma io voglio anticiparvi un episodio che per ha costituito una svolta nella mia vita e che secondo me è del tutto analogo alla mia svolta di questi giorni.

Nel 1970 ero stato “promosso a giugno” alla quinta dell’ITI per periti chimici.

Un po’ per noia, un po’ perché soldi i miei non ne avevano davvero—mio padre riceveva una pensione di 48.000 lire al mese—ho insistito per andare a lavorare a Torino anche quell’estate. Con quei soldi mi sarei pagato i libri della quinta.

Mio fratello—il maggiore—mi aveva trovato un lavoro in un cantiere edile vicino a casa sua. Quando ci sono andato, assieme all’altro fratello appena più grande di me, il capocantiere e il geometra non si ricordavano di nulla. Comunque mi hanno messo in mano una piccola mazza e uno scalpello e mi hanno detto di scalpellare via una fascia di calcestruzzo alta una decina di centimetri, spessa 5 e lunga-lunga-lunga.

Dopo otto ore, le vesciche sulle mie mani erano tutte scoppiate da ore e le mani quasi non riuscivano più a reggere la mazza e lo scalpello.

Quando il mio fratello maggiore mi ha visto le mani ha detto: “Mettile in acqua e sale e ti passa”. Io le ho messe in acqua e sale e il giorno dopo non ero comunque in grado di continuare quel lavoro.

Mi hanno licenziato e mio fratello si è incazzato.

Con me!

Nel giro di un paio di giorni ho trovato un altro lavoro, adatto a uno studente di 17 anni.

Era in una “cromatura” che lavorava, come tutti, per la FIAT e dovevo semplicemente legare con dei fili di rame dei pezzi di plastica che poi sarebbero stati immersi in una soluzione elettrolitica da cui sarebbero usciti coperti da uno strato sottile di cromo o nichelio.

Ironia della sorte, ero uno dei pochi che capivano quello che stava facendo.

La storia è durata un paio di mesi.

Nel mentre ho litigato con quell’altro fratello da cui mangiavo e così son finito a cenare da solo ogni sera, tranne la domenica.

Non riuscivo a fare amici: ero troppo diverso sia dagli altri operai giovani, che dagli studenti torinesi. Oggi si direbbe che in quei mesi a Torino sono diventato depresso.

Prima di partire sono andato a Porta Palazzo e mi sono comprato un giubbotto “militare” e una borsa militare per metterci i libri di scuola.

Mi ero anche comprato un mangianastri e mio fratello—il maggiore—si è incazzato con me.

Arrivato a casa ho consegnato i miei guadagni a mia madre.

In seguito mi hanno detto che i soldi li avrebbero usati per pagare un po’ di rate della casa che stavano riscattando.

I libri li avrebbero chiesti alla scuola, al patronato.

Hanno mobilitato il vicino di casa socialdemocratico, come il preside della mia scuola.

Quell’anno non ho studiato e così non mi hanno ammesso all’esame di maturità.

E ho anche deciso che, dopo il diploma, non avrei continuato con gli studi.

Sono tornato sulla mia decisione soltanto 15 anni dopo.