Sardegna come Alzheimer

“Sardegna come infanzia”: chi l’ha letto? Il titolo l’hanno pensato alla Mondadori–che evidentemente già si preparava all’arrivo di Berlusconi.

Il titolo originale–infatti non era originale abbastanza!–era “Viaggio in Sardegna’: Le solite coglionate sentimentali degli Italiani che scoprono i Baluba, ma senza rischiare di essere mangiati dai leoni.

Mi sono rimaste tre cose di quel libro: lo stupore di Vittorini per il Cinese che vendeva cravatte a Tempio –ovviamente, il Cinese oggi se la ride di brutto: chi ragiona in termini di 5.000 anni di storia sa quanto sei scemo tu a sorprenderti che sia stato lui a precederti; il vecchio seduto sulla sedia a sdraio sulla spiaggia di Torre Grande: cioè il suo stupore, perché ai miei tempi era ancora possibile essere gli unici esseri umani su una spiaggia; il “colore osceno” delle sughere galluresi appena scorticate.

Quel colore–da ragazzo–lo chiamavo “rosa mutanda”, perché c’erano delle vecchie che stendevano delle mutande di quel colore, anziché lo standard bianco. Penso che il nome tecnico del colore, nell’industria tessile,  sia “nudo”.

“Sardegna come infanzia” precede di poco “Banditi a Orgosolo” di Cagnetta e il magnifico film razzista, ma esilarante, “Una questione d’onore”.

Esilarante perché è così stupidamente razzista che bisognerebbe proiettarlo in tutte le scuole della Sardegna per curare i bambini Sardi da ogni sintomo di Italianità. La morale sarebbe: “Se pensavate che gli Italiani siano diventati razzisti solo dopo l’arrivo di Bossi, vi siete sbagliati di brutto!”

Tutte queste coglionate hanno in comune la visione razzista della Sardegna come terra ferma nel tempo.

I Sardi sono ancora talmente traumatizzati–in modo positivo o negativo–dall’imbecillità dei loro coglionizzatori che o credono alla coglionata o la ribaltano di 180 gradi.

Infatti–soprattutto dall’area iRS, ma non solo–vediamo proporci come alternativa alla Sardegna immaginata dall’imbecillità italiana, una Sardegna senza passato, senza lingua sua, senza cultura propria: una Sardegna immersa in un eterno presente, proprio come una una persona affetta dalla sindrome di Alzheimer.

Una Sardegna senza memoria di se, sarebbe ancora Sardegna?

Certamente!

Ma solo come espressione geografica.

Torniamo al mio articolo “https://bolognesu.wordpress.com/2010/07/19/due-identita-sarde-o-dialogo-tra-sordi/”: capite perché mi sono rotto i coglioni?

Io, l’unico prezzo che finora non ho pagato per arrivare a capire certe cose sono la galera e la pelle: insomma, mi avete rotto i coglioni!

Il problema è già definito in quell’articolo: la vostra identità sarda viene determinata dalla geografia o dalla cultura?

Forzando il discorso di Omar Onnis, nel suo post: “Saremo meno sardi per questo? Ovviamente no. Verrà compromesso il processo storico di emancipazione politica della Sardegna? Anche qui, direi proprio di no.” (http://sardegnamondo.blog.tiscali.it/2010/10/21/peli-sulla-lingua/) vediamo che, a quanto pare c’è chi pur di sfuggire alla “Sardegna come infanzia” (e quindi alla tutela dello stato italiano sulla regione minorenne) è disposto a fuggire in una “Sardegna come Alzheimer”.

Lunga è la strada, stretta è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

P.S. Ho scritto in italiano per quei mutilati e reduci che non capiscono il sardo.

3 Comments to “Sardegna come Alzheimer”

  1. Ma semper cun s’Irs che l’as? Bi nd’at àteros de partidos chi ant semper cumandadu in sardigna e nos nche ant acumpanzadu a manu tenta a su chi semus diventados.
    It’est amore e òdiu? 🙂

  2. Pro Roberto no nd’isco, ma pro mime no est ne amore ne òdiu. M’ant torradu una curcuriga in amore e, comente càpitat in ocurrèntzias de gasi, sa “disillusione” est peius de unu NONO bellu, tundu e naradu in s’incomintzu. Ite mi ponzo, a mi la leare contra a Fini ca est unu ipernatzionalista italianu? L’isco e, a su prus, naro issu a un’ala deo a s’àtera. O cun chie mi la leo, cun Umberto Eco chi isfutit sos “dialetti”? L’isco chi est de cussa iscola natzionalista grandu italiana e, a su prus, chirco de l’isfutire in cuncàmbiu.
    Ma cun chie si nch’est apoderadu s’idea bella de indipendèntzia, chi est finas sa mea, e si la giogat a marìllia cun s’economitzismu; cun chie pensaia de pòdere fàghere unu tretu mannu de caminu paris e mi pintat un’istadu sardu dissardigiadu, craru chi mi la leo.
    E so prus arrenegadu cun isse ma non cun chie isco chi est naschidu e s’est pàschidu a s’àtera ala de su ponte. Chirco de los addoviare ambos, craru, e de los cumbìnchere chi su sardu est fundamentu e siat de s’indipendèntzia e siat de formas de soverania forte de Sardigna. Ma sa disillusione est tropu manna.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: