Archive for December, 2010

December 31, 2010

Granella

No ddu sciu chi ddu nant ancora in Iglesias: “Carandi Granella!”

Ddu naránt a unu chi fiat bantendi-si meda o esagerendi a atra manera.

Su contu fiat de unu predi Granella, arribbau de calincuna bidda pitica, ndi fiat artziau a su pulpitu e fendi sa predica si nci fiat ammollau: “E a de noti su tialu at a benni a si nci tirai a is peis e a si nci portai a s’inferru!”

E atras cosas de aici e is fidelis in cresia arriendi de cuddu bidduncu’ chi si creíat de ddus fai timmi.

Candu at biu comenti si fiat ponendi sa cosa, unu de is predis de Iglesias–non mi nd’arregordu a chini fiat–anca ddu tirát sa bistimenta e ddi narát: “Carandi Granella, ca non ses narendi nudda!”

E sa manera de nai est abarrada medas annus.

Atrus Granellas bivíant in Cordilanna  e fiat famillia manna e sfortunada.

A sa filla manna dd’iat bocía su fanceddu, a corpus de matoni a conca e dd’iat morta in sa fabbrica de s’asilu acanta de domu.

Deu femu pitichededdu, ma m’arregordu de is contus de custa picioca chi si cuát in sa fabbrica de s’asilu a de noti: is feminas ndi crastulánt meda e is piciocheddus non abarránt a coa.

A unu de is fradis Granella dd’iat cresimau Mamma e fatu-fatu nd’arribbát a domu po arrispetu.

A unu certu puntu custus fradis funt totus emigraus, ma issu nd’est torrau de Milanu a domu de su babbu.

E bivíat carrighendi sachitas de cimentu a is camius chi arribbánt acché Asaro. Ma prus che a totu bivíat de sa pensionedda de su babbu, ca su dinai de Asaro ddi serbíat po pagai is bichierinus de Vecchia Romagna chi si buffát acché Silvestro, abetendi a arribbai un’atru camiu.

Fiat omini piticu e marríu e is sachitas de cincuanta chilus si ddas atuát a coddu a disisperu.

Candu fueddát de issu Mamma narát sceti: “Est un’omini aici umili”.

A issa dda saludát sempri cun arrispetu meda.

Unu dominigu ndi funt arribbaus acché Mamma is parentis de S’Alighera e seus andaus nosu puru a fai su prangiu totus impari.

A pustis prangiu, su maridu de sorresta mia bolíat unu whisky e deu–ca figura-ti chi Mamma teníat whisky in domu–nci dd’apu portau acché su Brabaxinu.

E ddoi fiat giai Granella e Granella fiat giai cotu, ma non prus de cussu tanti.

Cantu m’at biu m’at saludau totu cuntentu, m’mat domandau de Mamma e de Babbu e totu in una s’est postu a mi contai su contu de sa mulleri.

Issu iat agatau trabballu in Milanu e issa anca dd’iat abetau. Si funt cojaus e funt torraus a partiri impari.

–Femus una parigas de annus cojaus. Deu trabballendi. Non si dda passastus mali. E una di issa mi fait: “Ti ddu depu nai, ca non nci dda fatzu prus a bivi de aici, contendi-ti faulas. Tui non ti ddu meritas….Deu fatzu sa bagassa e mi praxit a fai sa bagassa. Femu bagassa innanti de mi cojai e in pagu tempus mi seu posta a fai sa bagassa innoi in Milanu puru. Tui ti ndi depis scadesci de mei, ca deu non seu femina de si cojai cun un’omini sceti. E non cun unu omini che a tui.” Issa si nc’est torrada a Iglesias e deu unu pagu tempus ancora seu abarrau in Milanu. Ma non nci seu narrenesciu a mi ndi scadesci de issa. E seu furriau deu puru. Seu fintzas andau a fueddai cun sorgu miu, ma issu m’at nau sceti: “Est su destinu cosa sua”. E immoi seu innoi: un’omini chi non balit prus nudda!–

Deu non sciému ita ddu nai. Dd’apu domandau a chini fiat su sorgu e fiat Su Tedescu, su babbu de cussas duas bagasseddas chi teníant a Conca de Mallu che manniaciu. Giránt in apixedda totu de is tres: una sorri a una parti e una a s’atra de Conca de Mallu e arriíant sempri.

Sa mulleri de Granella fiat sa filla manna de Su Tedescu.

Non dd’apu nau prus nudda.

December 31, 2010

Furriendi a domu

December 19, 2010

Pratu torrau

Funt contus chi apu intendiu de is amigus suus, bai e circa chi est berus.

Anca una borta, in s’istadi, funt andaus a domu de custu impresarieddu chi trabballát in subappaltu in Portovesme.

Si funt satzaus a pisci arrustiu e inchiarentzaus a Vermentinu e custu impresarieddu anca fiat postu de piscina.

Una piscina abusiva in mesu de Iglesias e prena de acua, candu is atrus si fiant morrendi de su sidis.

Si nci funt ghetaus a s’acua.

S’urtimu chi nd’est bessíu anca fiat issu.

Si furriat su meri de domu e biit unu cagalloni mannu-mannu artziendi-ndi a pillu.

E is amigus suus arriendi:  “Ge ses piticu su fillu de bagassa!”

Custus amigus chi mi contánt custas cosas fiat totu genti chi iat fatu su ’68, parti in Iglesias, ma prus che a totu in Milanu, in su Movimento Studentesco e a pustis cun su MLS.

Candu fiant furriaus a domu, iant abertu una setzioni de su MLS in Iglesias puru e contánt de is “idraulicus”: is cumpangius armaus de crai inglesa manna-manna chi andánt a arropai a is fascistas.

E anca candu ndi cassánt unu, ddu fadíant setzi in su marciapiedi, cun is cambas in s’asfaltu e ddi sartánt in pitzus de is genugus, po ddu strupiai.

E arriíant contendi-ddu.

Ma is tempus funt cambiaus e, fatu a giometreddu o mancai puru a architetu, su dinai chi ddis passát babbu non bastát prus e ddis est tocau a cambiai partidu.

–Su PSI a su mancu est unu partidu laicu!–aici naránt.

E issu, su sindigu, nci fiat arrenesciu a fai de Iglesias su comunu prus socialista de s’Italia, a su mancu castiendi a is comunus prus mannus de 5.000 abbitantis.

Iglesias fiat prena de gravellus arrubius.

E issu, su sindigu, fiat bessíu importanti.

Ndi fiat aprolliau fintzas Craxi a ddu saludai e una borta nd’est bénniu Claudio Martelli a ddi fai su comitziu po is eletzionis comunalis

Fiat in Pratza La Marmora e deu a Martelli dd’apu tzerriau: “Bello, sei bellissimo! Sei più bello di Lory Del Santo!”

Ma deu si dd’apu gridau innanti de incumentzai su comitziu e mancai Martelli fessit vicepresidente del consiglio, deu dd’apu sceti fatu is complimentus e s’est depiu acuntentai de mi castiai mali. Tenemu duus politziotus a is palas e ddu castiamu cun un’arrisixeddu soddisfau.

E aici, ca nanca issu, su sindigu, fiat béssiu importanti, ndi fiat aprolliau puru unu deputau socialista spanniolu cun sa mulleri.

E dd’iant fatu cumbidu mannu, in sa sala cunsilliari, e nanca sa mulleri portát una gonna cun su spacu–comenti costumát cussus annus–e anca fiat totu scollada.

E totus castiendi-dda abramíus.

Non cumprendíant ca is Spanniolus ndi fiant bessendi-ndi de coranta annus de ditadura franchista e bigota e ca cussa puru fiat una manera de si libberai.

Candu est arribbau su momentu de ddus saludai, issu, su sindigu, anca ddi fueddat mesu in italianu e mesu in su spanniolu chi iat imparau ligendi is giornaletus de Tex Willer. Ma s’urtimu cosa si dd’at nada in sardu:

“E minca mia a mulleri tua!”

E is amigus, contendi-ddu arriíant.

Atru chi Berlusconi!

December 17, 2010

Il fascismo linguistico dello stato italiano, dal “risorgimento” ai video della RAI

Il brano che segue è tratto da Sardegna fra tante lingue. Il contatto linguistico in Sardegna dal Medioevo a oggi. (Bolognesi & Heeringa, 2005)

http://www.sardegnadigitallibrary.it/mmt/fullsize/2010011412224500014.pdf

Come si può vedere, non c’è soluzione di continuità nella storia delle sopraffazioni linguistiche subite dalle popolazioni soggette allo stato italiano, dalle origini fino a oggi. Così come non c’è differenza tra il trattamento subito dai Sardi e dalle altre popolazioni.

A qualcuno i toni “ruvidi” che uso nel blog non piacciono e si indigna per “il dito che punta alla luna”.

Bene, qui sotto ribadisco gli stessi concetti, ma in tono “accademico”.

Buon divertimento!

 

De Mauro (1970) ha calcolato che nel 1861, data di proclamazione dell’Unità d’Italia, soltanto lo 0,8% della popolazione del Regno conoscesse effettivamente la lingua che si pretendeva fosse la loro, e solo in forma scritta. De Mauro è giunto a questa cifra ipotizzando che, al di fuori della Toscana e di Roma, l’italiano venisse appreso solamente a scuola e lo 0,8% costituisce la percentuale della popolazione che, nell’intero Regno, aveva frequentato le scuole a tale data. A sua volta, Pira (1978) ha calcolato che nel 1861 oltre il 90% della popolazione della Sardegna fosse costituita da analfabeti. Fino alla realizzazione effettiva dell’istruzione obbligatoria, intorno alla metà del secolo scorso, le lingue ufficiali dei dominatori stranieri erano rimaste fondamentalmente estranee alla vita dei sardi.1 I dialetti del sardo sono rimasti per molti secoli le lingue di piccole comunità arcaiche che vivevano nei loro villaggi, isolate le une dalle altre e dal mondo esterno.2

L’Unità d’Italia trovò i dialetti sardi in una posizione estremamente debole nei confronti dell’italiano, da quel momento lingua ufficiale del nuovo stato. A questo si unì l’atteggiamento delle autorita italiane nei confronti delle lingue non ufficiali presenti nel territorio dello stato. Gensini (1982:326) descrive quest’atteggiamento nel modo seguente: «La fobia antidialettale attechì ben presto nelle nostre scuole, nella mentalità del ceto insegnante, nell’atteggiamento generale verso la lingua di tutte le autorità dello stato. Era in fondo un’ideologia del potere: una forma, la più immediata e violenta. […] Vedremo nelle prossime pagine che l’odio per il dialetto, vissuto con assoluta ignoranza e isterico autoritarismo dai pubblici poteri, durerà e si approfondirà nel corso del nostro secolo. Arriverà fino a noi, alle nostre scuole, all’esperienza di ciascuno di noi. Tutt’oggi esso non è stato interamente sconfitto».

La pressione psicologica esercitata dalle istituzioni italiane nei confronti degli scolari non poteva non avere conseguenze devastanti per l’atteggiamento linguistico dei parlanti sardi nei confronti della loro lingua nativa. Il libro di Gavino Ledda Padre Padrone rappresenta bene l’enorme difficoltà incontrata ancora negli anni ‘40 dai bambini della Sardegna rurale (e non) ad accedere effettivamente alla pubblica istruzione.

Questi fattori ebbero conseguenze numericamente limitate fino alla seconda metà del ‘900, dato il numero ancora ristretto di bambini che avevano effettivamente accesso all’istruzione pubblica. Si tenga presente che nel 1921 circa il 50% della popolazione sarda era costituito da analfabeti, mentre nel 1951 ancora il 21% si trovava in quella condizione (De Mauro 1970:99-100).

Pira (1978:259), riferendosi implicitamente all’analfabetismo di ritorno, presenta l’argomento in termini leggermente diversi da quelli usati da Gavino Ledda nel suo libro: «Di segno totalmente opposto [alla vicenda degli istruiti] era la vicenda di chi, terminate o interrotte le scuole elementari, restava nel villaggio (abitato o agro).

Per lui la misura dell’esposizione alla cultura italiana si faceva sempre più scarsa sino a ridursi quasi a zero, con la sola eccezione della breve, improvvisa, traumatica parentesi dell’esposizione assoluta al servizio militare; che era però appunto una parentesi: due giorni dopo il ritorno (qui un ritorno c’era), il giovane pastore barbaricino aveva già ripreso a parlare il suo dialetto […]. Insomma, il viaggio del pastore non era irreversibile come quello del suo coetaneo «studiato», non approdava ad un altrove».

Il fenomeno dell’italianizzazione linguistica divenne invece generale dopo il raggiungimento dell’effettiva obbligatorietà dell’istruzione primaria e quando una parte consistente della popolazione cominciò a raggiungere un grado di istruzione superiore.

Per quanto riguarda l’atteggiamento dello stato verso le lingue non ufficiali, solo nel 1923 si ebbe una leggera inversione di tendenza, con l’introduzione di “un insegnamento iniziale sostanzialmente bilingue (dialetti-lingua dello stato)” (Atzori & Sanna 1995b:425). Il provvedimento, suggerito dal filosofo Giovanni Gentile, era mirato soltanto ad agevolare, rendendola meno traumatica, l’imposizione della lingua statale e, data una simile base ideologica, era anche destinato a non durare a lungo.

Nel 1934, quando il regime fascista proibì l’uso del “dialetto” nelle scuole, si verificò la svolta decisiva nella guerra combattuta dalle autorità italiane contro le lingue non ufficiali (De Mauro 1970:341). Il bambino monolingue in dialetto veniva a trovarsi brutalmente confrontato con una lingua a lui sconosciuta che, in perfetta malafede, si pretendeva fosse la sua. A questa violenza psicologica si univa spesso la violenza fisica. Le parole dello scrittore Franziscu Masala descrivono in modo tragicomicamente adeguato l’impatto dell’italianizzazione forzata sui bambini sardi durante il fascismo: «Intremus in prima elementare allirgos e abistos, nde bessemus tontos e tristos».

La guerra dello stato italiano contro la diversità linguistica era comunque generale ed era in corso da tempo. Undici anni prima il regime fascista aveva abolito le scuole bilingui per la popolazione tedesca del Sud Tirolo, per le popolazioni slovena e croata delle regioni nord-orientali e per la popolazione franco-provenzale della Val d’Aosta. Nello stesso anno, tutti i toponimi di queste terre di frontiera vennero italianizzati, mentre nel 1925 l’uso dell’italiano divenne obbligatorio in tutti i luoghi pubblici. Nel 1926, addirittura, i cognomi dei cittadini di etnia slava e tedesca vennero «restuiti in forma italiana» (Gensini 1982:362).

La guerra fascista contro le lingue non ufficiali venne proseguita dal seguente regime democristiano che, costretto da trattati internazionali a riconoscere come tali le minoranze linguistiche presenti anche negli stati confinanti di Francia, Austria e Jugoslavia, continuò comunque a negare gli stessi diritti alla grande maggioranza di cittadini parlanti nativi di un ‘dialetto’. Esemplare, in questo senso, è il seguente decreto del Presidente della Repubblica del 24 giugno 1955: «L’insegnante dia sempre buon esempio del corretto uso della lingua nazionale e, pur accogliendo le prime spontanee espressioni dialettali dell’alunno, si astenga dal rivolger loro la parola in dialetto».

1Si veda PIRA (1978) per un’analisi antropologica del rapporto eternamente conflittuale fra le comunità dei villaggi sardi e il mondo esterno.

2Questa è la situazione geografica e antropologica descritta da LE LANNOU (1979).

December 16, 2010

Scegliere tra due fascismi contrapposti? No grazie!

Gli spot fascisti della RAI sui “dialetti” hanno ottenuto il risultato di far arrabbiare un bel po’ di gente.

Se l’obiettivo ricercato era quello di celebrare l’Unità linguistica d’Italia, si può dire che hanno ottenuto invece il risultato opposto e cioè quello di mettere in chiaro ancora una volta quanto l’Italia sia divisa e quanto sia necessario ancora una volta ripetere la menzogna della unità linguistica per tenere insieme uno stato ormai allo sfacelo morale, politico, economico e, appunto, linguistico.

L’Italia, come tutti gli stati, è nata dalla violenza–dall’espansione violenta del Regno di Sardegna, a  voler essere precisi–e dalla menzogna.

In questo non ci sarebbe niente di scandaloso se, a 150 anni dalla raggiunta unità statale, si fosse anche raggiunta una qualche forma di unità culturale, politica ed economica.

Non sono mai stato un nazionalista. Sono perfettamente cosciente di essere Sardo per caso e anche del fatto che, altrettanto casualmente, sarei potuto diventare Italiano. Se fossi Italiano, lo sarei nello stesso modo allegro–oddìo, adesso sto esagerando davvero!–in cui sono Sardo.

Non sono neanche uno storico, ma non occorre essere degli specialisti per capire che, se vuoi raggiungere un certo risultato e modificare una certa realtà, devi partire dall’accettazione di questa realtà. Negandola, neghi a te stesso la possibilità di comprendere ciò che vuoi modificare e quindi ti neghi la possibilità stessa di operare qualsiasi modifica: non puoi cambiare ciò che non conosci.

Sarebbe stato possibile realizzare l’Unità d’Italia in modo che andasse oltre la realizzazione di uno stato centralizzato “forte con i deboli e debole con i forti”, come ha scritto Sciascia, citando Pietro Nenni? Forse, ma solo a partire dalla comprensione, accettazione e poi rispetto delle diversità presenti in partenza.

Non avrei alcun problema a essere Sardo e Italiano–così come sono allegramente Sardo e Europeo–se la mia sardità non fosse stata negata con tanta violenza psicologica e culturale e–forse soprattutto–se l’Italia non fosse quella fogna a cielo aperto che è.

Non dimenticatevi che io vi guardo da qui, dall’alto dell’Olanda, dove–tra l’altro–nessuno si sognerebbe di ridicolizzare i Frisoni e la loro lingua minoritaria.

L’Italia è una fogna: solo il vostro monolinguismo isterico vi salva dal sapere quello che gli altri popoli pensano di voi.

Ed è una fogna proprio per le ragioni che ha detto Sciascia: è debole con i forti e forte con i deboli.

Gli spot fascisti della RAI sono l’ennesima esibizione di forza nei confronti dei deboli: le lingue minoritarie vengono definite dialetti–tutte, anche quelle riconosciute dalla legge!–e ridicolizzate dal Moloch dell’incultura statalista. E nel mentre tutti adottano termini inglesi–pronunciati in modo ridicolo!–pur possedendo le parole in italiano.

E io non distinguo tra quelle lingue minoritarie riconosciute dallo stato italiano–come il sardo–e quelle che non lo sono, come il veneto o il napoletano.

Questi penosi distinguo li lascio a chi non  ha ancora capito che il sardo è stato riconosciuto come lingua soltanto grazie alle pressioni dei linguisti europei, a suo tempo colte dall’Unione Europea.

Perché definisco quegli spot “fascisti”? Perché sono espressione di una mentalità (psicologicamente) violenta–anche l’olio di ricino era solo psicologicamente violento–e prevaricatrice, ma soprattutto perché espressione della cultura risorgimentale–che ha trovato nel fascismo la sua massima espressione–che, purtroppo, anche i democratici oggi abbracciano per contrastare il fascismo leghista.

Nella cultura risorgimentale nasce il disegno di negare violentemente le diversità presenti nell’espressione geografica denominata “Italia”, per arrivare a realizzare uno stato che potesse competere–come dimensioni–con gli altri stati europei. E la giustificazione veniva trovata nell’esistenza di un codice scritto comune a tutti i cortigiani/cortigiane della penisola: “la lingua italiana”.

“Una lingua-una nazione-uno stato!” = “Credere-obbedire-combattere!”

Perché definisco “fascisti” anche i commenti di un giornale democratico come La Repubblica?

Perché sono interni alla stessa cultura “risorgimentale”: si sono fatti sequestrare il cervello dall’Ernesta Galli della Loggia!

E questo impedisce loro, tra l’altro, di cogliere la natura anche violentemente classista degli spot della RAI.

Chi parla il dialetto, oggi?

Gli emarginati. I ceti sociali più deboli.

Perché questi turgidi democratici non fanno un’inchiesta sul rapporto tra lingua usata in famiglia e dispersione scolastica?

Come mai i linguisti italiani non sono mai stati curiosi di stabilire questo rapporto?

Perché non sono curiosi di sapere fino a che punto ancora oggi la negazione della diversità–RICCHEZZA!–linguistica dello stato italiano sia fonte di miseria per tanta gente?

Fascisti! Siete gente di cultura fascista!

E povero il nostro Corraine se pensa che io stia urlando: misía de tui!

Ma devo dire che oggi su La Repubblica ho visto un primo timidissimo accenno di cambiamento: “Protagonisti alcuni onorevoli del Carroccio che si esprimono nelle loro lingue locali invitando all’obiezione fiscale.” L’enfasi è mia e la frase si trova solo nel titolo, ma è la prima volta che La Repubblica definisce in modo scientificamente corretto quelli che ha sempre chiamato “dialetti”.

December 15, 2010

Baanditti (2)

Iat niau a Pasca Manna.

Cosa bia mai.

E su lunis, mancai niendi, nci femus artziaus a Marganai, a is domus de is impiegaus de sa Monteponi.

Portamus sa cosa de papai giai pronta, ca ddu sciemus ca non fiat cosa de si ponni a coi petza in sa nii.

E femus deu, Irene e Luca e Tonieddu su Cuartesu (su meri de Lotta Continua in Iglesias) cun sa sposa–ca fiat issa chi iat tentu s’idea de nci artziai a is domus de is impiegaus, ca issa andát a innias a piciochedda cun sa famillia–Albertu Pinna e Marina Muscas, sa mulleri.

Fiat fendi frius meda e deu mi seu arrosciu deretu de is contus de sa sposa de Tonieddu. Issa fiat s’unica chi iat connotu a Iglesias de sa parti de is impiegaus–su babbu fiat impiegau in Monteponi–e contát cantu fiat bellu a andai a passai unu mesi in s’istadi in  cussas domus: sa friscura, sa genti educada…

Issa fiat una feminedda “piccolo-borghese” chi si fiat posta cun cussu “rivoluzionario-fai-da-te”, orfanu de mamma e nebodi de s’obispu de Iglesias e fillu rebelli de unu maresciallu de s’arma, e nosu femus operaius e fillus de operaius. Irene non contát ca est svedesa e Luca teníat duus annus.

Deu sciemu is contus de fradis mius mannus in sa colonia estiva de sa miniera in Carloforte, cun is mongias malas e s’arrrungia (tigna) chi si pigánt. Ndi torránt sempri a conca lisa e prenus de bullucas de su tropu soli pigau.

Marina insaras si fiat posta a contai de sa fida issoru in Arenas.

Arenas–nomini strambu po unu logu in mesu de is montis–fiat una biddixedda de minadoris acanta de una miniera de prummu e argentu, aundi issa fiat nascia e pesada, innantis de si spostai a Iglesias.

De su contu suu m’arregordu sceti ca andánt a boddiri fragulas in su padenti e ca su babbu–Pepinu Muscas, midadori issu puru e, grandu amigu miu: immoi, chi non s’est mortu, at a tenni unus 90 annus!–est torrau a ndi pigai is matixeddas de cerexa chi fiant nascias a giru de sa lolla aundi papánt candu fiat tempus bellu e issus nci fuliánt su pisu a giru. E ddas at postas in s’ortu chi si fiat comperau cun sa licuidatzioni.

Ndi seus torraus scallonaus de Marganai e deu apu nau ancora una borta ca cun Tonieddu non nci emu a andai prus.

Sa di apustis fiat ancora niendi. Fiat su 5 de su mesi de Abrili o una cosa de aici.

De femu calendi in cussu strintu chi andat de Porta Noa a sa pratza de sa Seu.

Femu torrendi de s’uficiu de collocamentu e in sa machina parchegiada apu biu a Marcis, su fascista chi giogát in s’Iglesias.

M’at biu issu puru.

Fiat cun sa mulleri.

M’at fattu su cinnu de abarrai atentu, movendi sa manu oberta: “A tui ti dda fatzu pagai!”.

Candu iant acabbau su processu a Frau, ca iat donau una bussinada a Perra–su fascista chi ndi pigát sempri de totus–Marcis fiat partíu sgommendi cun sa macchina in mesu de is cumpangius e deu, a su postu de m’arretirai spramau, dd’emu castiau in faci e emu stesiau sceti su culu.

A Frau dd’iant assolviu e is fascistas fiant arrenegaus.

Frau non fiat de cussus chi ddi praxit a fai mali a is atrus, ma fiat forti che unu trau: dd’est bastau a ddi donai sa bussinada e Perra nc’est arrutu a terra.

Deu apu castiau a Marcis e sa sa mulleri e dd’apu fatu su propriu cinnu de issu, ma a s’artaria de sa minca.

E apu sighíu a camminai: ddu timemu.

Issu nd’est bessíu de sa machina e m’at sighíu, ma pressi de mi sighiri non ndi teníat.

In pratza de sa Seu mi s’est parau a innantis: “Finalmente ci incontriamo!–si fait.

Dd’apu castiau sceti.

Issu puru est abarrau castiendi-mi.

A sa fini m’at tzacau su buciconi.

Mi seu incruau unu pagu sceti e chentza de nci pensai dd’apu partíu deu puru e dd’apu fertu a s’origa cun s’ossu in pitzus de su didu mannu de sa manu.

Fiat niendi.

M’at castiau.

Dd’apu castiau.

S’est furriau.

Dd’apu nau: “E ti denuncio pure!

Si nd’est andau.

Apu girau una pariga de dis cun is bachitas de sa bateria, cussas grussas de ilixi americanu, ma non m’ant circau prus.

December 14, 2010

perché non posso dirmi italiano

Nel blog non scrivo mai di politica, perché qui si scrive di lingua e cultura sarda.

Ma è inevitabile parlare oggi di politica italiana, visto che oggi si è celebrata una delle giornate più rappresentative della politica italiana e più rappresentative dell’italianità.

Oggi abbiamo assistito al tradimento dei traditori da parte delle prostitute che avevano promesso ai loro clienti puttanieri e puttani e traditori–finalmente decisi a prostituirsi in proprio e a mollare il Magnax Maximus–di vendersi a loro per amore e per meno soldi di quanto non offrisse il Gran Puttaniere stesso.

Storie di ordinaria italianità.

Io, al contrario di molti altri democratici, sono contento che le cose siano andate così: non sono mai andato a puttane e questo qualcosa vorrà pur dire.

L’Italia è il paese in cui i democratici dicono le stesse cose dei fascisti e i fascisti dicono le stesse cose dei democratici.

Sarà anche vero che “Destra” e “Sinistra” non vogliono dire più niente, ma è vero soprattutto che non devi mai fidarti di quello che dicono gli Italiani: né di destra né di sinistra.

In Italia esiste una legge (la 482/99) che riconosce il sardo e il friulano come lingue minoritarie, ma sia la RAI (fascista di destra) che La Repubblica (fascista di sinistra) molto italianamente se ne strafottono della legge e parlano di dialetti.

Per non parlare dei linguisti!

Perfino De Mauro, che pure si è schierato contro il monolinguismo isterico degli Italiani, evita sistematicamente di parlare di lingue, quando si riferisce alle varie lingue regionali dello stato italiano, le quali, sia ben chiaro, non si limitano a quelle riconosciute per legge.

Se i cinque spot fascisti commissionati dalla Rai hanno un pregio, è proprio quello di far comprendere a tutti quanto sia grande la diversità linguistica dello stato italiano.

Cosa c’entra questo con il voto di fiducia a Berlusconi?

Già, mi dimenticavo che siete Italiani: tra onestà intellettuale e onestà personale non c’è soluzione di continuità.

Non lo sapevate?

L’Italia è finita a puttane, quindi è giusto sputtanarla. Forse così gli Italiani onesti si decideranno a “emigrare culturalmente” e a riconoscere agli altri il diritto di essere quello che sono.

December 14, 2010

Viva l’Italia e il ciel sereno…


Ma in su bixinau miu bi fit puru unu maístru de pannu betzu perdale. Tziu Mondinu, Bosincu, sotzialista postu de frocu nieddu, chi aíat tastau s’ogiu de ritzinu, ma-balla!-mancari betzu a nois pitzocheddos nos faxíat a beffa.
Unu de nois-malu a beru-ddi poníat semper “Giovinezza” in su “mangiadischi”. Issu lassaíat acabbare sa cantzone: “Ejaeja alalá”, e issu b’agiunghía: “Minca de cuaddu e brodu de fa’!”, fintzas cun sa serrada musicale chi bi keríat.
E a pustis, lassaíat passare cussos kimbe minutos, nois pitzocheddos pensende torra o a su pallone o a su pillitu, e issu s’acostaíat a cussu malu de nois, nde bogaíat una de sas agos chi giughíat semper istichidas in su colletu de sa giaca, e bi la cravaíat in sa nadia a su pitzocheddu.
E cussu a brincos che unu tilipirke!

Tziu Baldinu de s’Italia naraíat semper:
“Viva l’Italia e il ciel sereno
e il buco del culo è l’arcobaleno!”

A unu certu puntu, is figias bagadías ant cumprendiu ca ke maístras de pannu non faxíat a biver e ant abertu sa prima edicola de Cordilanna. Issu fit prexadu, ma sceti proita de aici faxiat dispetu a Gualtiero, su figiu de su fascista ki bivíat una pariga de bias prus a innanti e ki, cun sa mugere, aíat abertu sa prima libbrería de su bixinadu.

Su babbu de Gualtiero fit prus giovunu de Tziu Mondinu e non fit stadu impare cun cussos ki dd’ iant purgadu. Fit omine bantaxeri, ma non fit malu. Solu ca fit nostalgicu de sa mannaria fascista e naki a su figiu piticheddeddu dd’at postu sa spada in su coddu e dd’at nadu: “Gualtiero, con questa spada conquisterai un impero!”

E su fillu est abarradu callonatzu.

Infatis est stadu su primu de Cordilanna a si comperai un Volkswagen. Fit una Volkswagen birdi e legia e nisciunus renescíat a narrer su nomene de sa marca in manera giusta. Sa Renault puru dda furriánt a “Renauto”.

Depit essi pro cussu ca sa Fiat bendíat aici meda: FIATA fiant bonos totus a ddu narrer.

E Gualtiero si fit cojau cun una femina foresa legia, manna e totu musculus ki ndi faxíat duos de issu.

Gualtiero s’imperu non si dd’at conkistau ni-mancu cun cussa perdu-mascu.

Libbros non nde legíat nemos e dinai pro comperare giocatulos non nde teníat casi nemos.

Is feminas comperánt Grand Hotel e Sorrisi e canzoni a ke is figias de Tziu Mondinu e is ominis incumentzánt a s’acostumai a ligi su giornali e Tziu Mondinu prexadu, ca fit mandendi in fallimentu a Gualtiero e s’imperu suu.

Sa libbrería at serradu in pagos annos e a su postu est arribbadu unu carnitzeri desulesu ki teníat is porcos in su padente de landiri in susu de Canoniga, ma mancari sa petza fessit bona, non fiat bonu issu a faxer sartitzu. Preníat su matzamine tropu pagu, a sa petza ddi intraíat s’aere e su sartitzu si pudescíat.

Tziu Mondinu s’est mortu candu femu in Germania.

Candu seu furriadu, m’ant contadu ca prima de si morrer at chircadu contos de pillitu a is figias bagadías e sa die innanti de si morrer naki s’est fuidu in sa ruga in mudandas.

Naki ca b’at kerfidu unas cantas personas pro nche ddu torrare a su letu.

Balente e befulanu in sa bida e in sa morte.

December 11, 2010

Sirboni

Ddu tzerriánt Sirboni, ca fiat leggiu e pobiru.

Portát unu trincu in su nasu–in totu sa longaria de su nasu–unu trincu largu e unfrau, chi ddu strupiát totu sa faci.

Trabballát portendi birra e gazzosa a is bars cun unu triciculu beciu, po contu de unu grossista.

Fiat unu trabballu pesanti e de pagu contu e pagu cosa e totu ddi donant e si biíat de is bistiris chi portát.
Nosu, a una manera o a s’atra, sa moda dda sighemus, comperendi is cratzonis e is camisas e s’arrobba militari de is Napoletanus de via Sardegna, in Casteddu, e ponendi a mammas nostras a ddus stringi o a nci appoddai arrogus de peddi e atras cosas togas.

Sirboni fiat sempri bistíu che un’omini mannu: che un’omini mannu e pobiru.

Deu ndi femu furriau de Germania po sa visita militari e ndi femu furriau arrinegau e cun unu pagu de dinai, ca emu trabballau duus mesis in una fabbrica de fibra de imbirdi.

Femu arrinegau ca mi iant scrocorigau–antzis, ni-mancu amitiu a s’esami m’iant!–e mi tocát a arripiti a cuinta e ca in Germania mi femu innamorau de aderus. E immoi spaciau totu, po sempri: non dd’apu torrada a biri prus. Deu furriau a Sardistan e issa a Finlandia, a unu logu chi si tzerriat Oulu, in su corru de sa furca, acanta de su circulu polari.

In Cala Mosca s’ant fatu spolincai. Sceti is mudandas si podemus aguantai. E s’ant lassau abetendi in un’aposentu.

Sirboni non si fiat spollau totu. Si fiat lassau is cratzonis.

A sa fini nd’est aprolliau su maresciallu e dd’at pigau a tzerrius: “Boga-ti-nde-ddus cussus cratzonis, ca su capitanu medicu si depit visitai!”

E Sirboni  si nc’est calau is cratzonis.

Fiat postu de mudandas de famillia–cussas ca a pustis funt torradas in sa moda e immoi ddas tzerriant boxers–arrotoladas po ddas fai assimbillai a is slip chi portamus nosu.

E si castiát, abetendi de intendi is scracallus nostrus, ma nosu nci seus arrenescius a si cuntrollai. A mei mi paríat de essi castiendi unu film de Chaplin: mi beníat a arriri e a prangi.

Is mudandas de Sirboni fiant biancas-biancas-biancas, incingiadas sa di. E nosu femus a slips coloraus.

Su capitanu medicu m’at mesurau is piturras–e deu circhendi de mi ddas fai piticas-piticas–e m’at fatu calai is mudandas.

Mi nci at stichíu su didu aundi si podiat essi arresciu su calloni chentza de calai a su postu giustu e s’est disinfetau is didus cun s’alcol

–Avanti il prossimo!

A Sirboni dd’ant arriformau deretu.

Sa di a pustis giai non nci fiat prus.

In giru de un’annu est sparessiu de Iglesias puru e non apu intendiu prus nudda de issu.

December 10, 2010

Curruxoni e la sarditaggine dei Sardignoli

Mi nd’arregordu ca Mamma a sa bixina si dd’iat contau arriendi e a buca unu pagu trota : “Non femu trancuilla meda, candu nc’est intrau in s’aposentu de maridu miu e at serrau sa porta. No, no!”

E si funt postas a arriri.

E deu non cumprendemu poita.

Deu tenemu una cosa comenti e otu annus e Curruxoni fiat bénniu a domu a fai sa meixina sarda a Babbu, cun una nuxi.

Babbu portát sa sciatica–anca ddi fiat bénnia de una perda chi ddi fiat arruta a sa camba in gallería–e fiat giai a su mancu un’annu tragujendi cun cussa camba chi dd’increscíat. Fiat andau fintzas a “le terme” in cancu logu in provincia de Viterbu e ndi fiat torrau cun fotografías de issu crocau ca paríat mortu.

E ammostrendi-ddas arriíat. A giru de issu  ddoi fiant atrus ominis cun is manus strintas a pari chi paríant preghendi.

Fotografías de aici si ddas at fatas puru candu iant ocupau sa minera, in su ’60: is candelas a carburu fadíant sa parti de is candelas de cresia.

Cun genti strangia, Babbu fiat brullanu meda, ma in domu brullát pagu.

Comenti-chi-siat, sa meixina sarda de Curruxoni non dd’at fatu nudda e aici e totu non m’at fatu nudda a mei candu sa sciatica m’est tocada a mei puru. Ma cussa meixina mi dd’iat fata a linna de figu una Silicuaxa becia.

Bruvura m’iat fatu! E aici e totu a Babbu sa nuxi de Curruxoni.

Forsis Mamma teníat arrexoni ca fiat totu una scusa. Bai e circa.

Mamma narát sempri a ddas provai custas cosas–issa puru fadíat sa meixina de s’ogu pigau e nd’aprolliát a domu genti de totu Iglesias–ma sciíat puru ca certas cosas non funt cosa de sanai a pregadorías e a trigu e sali o a linna de figu e brebus.

–Nossi–narát–custa non est cosa po mei! Est a andai a su dotori!

Curruxoni a Babbu dd’iat biu camminendi tzopi-tzopi a s’ortu chi tenemus in Saramau, dd’iat preguntau ita teníat e si fiat prestau a ddi fai sa meixina.

Issu in Saramau nci bivíat propriu–fiat unu de is pagu medas de Iglesias chi bivíant in su sartu–e donnia mengianu andát a su mercau de Iglesias. A su mancu, a mei mi paríat de aici, ca casi donnia borta chi passamu in su mori de Saramau faci de ora de is dexi ddu biemu furriendi.

Camminát a bellu-a bellu, sempri cun cussu passu seliu e portát sempri cussa bussa de folla de pramma cun sa spesa.

Apustis de medas annus apu cumprendiu poita non si fadíat pigai de su pressi.

Bivíat in una domixedda in mesu de is matas mannas de suergiu de Saramau.

Fiat una domu beni fata, pesada a matonis e posta de crabetura a teulas: pitichedda, ma beni fata.

Is meris fiant genti de Cordilanna e totu–immoi non m’arregordu comenti ddis naránt: Marreddu?–e teníant unu bellu cani: unu setter irlandesu.

Cun issu is meris fiant a mesu e pari de s’ortigu e de s’olía e in prus Curruxoni bivíat a gratis in cussa domixedda e ddus castiát su logu. Forsis ddi pagánt calincuna cositedda puru, ca su dinai po andai a su mercau ge ddu teníat e ortu in mesu a cussas matas mannas non fadíat a ndi ponni. Sa cosa de papai si dda depíat comperai.

Ma cun s’olía imbrolliát: sa de cuatru partis de s’olíat chi bendíat a su molinu fiat landiri.

Nosus ddu sciemus ca portamus s’olía a su molinu de is fradi Medda in su propriu tempus e Totona, sa femina chi ddoi trabballát, murrungiát sempri.

Curruxoni at ai tentu s’edadi de Babbu.

Nosus ddu timemus, ma non sciemus poita.

Ca fiat bistíu mali? O ca fiat sempri a barba chentza de fai una pariga de dis?

Ma non ddi naramus cosas malas ca si connoscíat a totus.

A mannu apu cumprendiu ita teníat Curruxoni.

Su mannu de is fradis Soggiu sciíat totu e una borta funt andaus in una pariga a ddi domandai dinai po si ddu coddai.

Issu at postu cincuxentu francus in su comodinu, s’est calau is cratzonis e si nc’est sterriu in su letu.

O s’unu o s’atru anca dd’at abertu is nadias e anca nde ddu bessíant is murenas de culu chi non benit beni.

Guidu Soggiu, insaras, at pigau una tassa de binu chi nci fiat in su comodinu e si nce dd’at ghetada a culu.

E si funt fuìus.

Chentza de dinai.