Archive for March, 2011

March 31, 2011

Su sardu non est mali pagau!

Labai ita s’ant imbentau in sa bidda de Benitu Urgu!

Cussa est genti chi si creit ca Lionora fiat de sa bidda de Arborea (OR), arribbada de su Venetu po sa bonifica e emigrada a Iglesias:

Tzia Lionora Mesulitru

Su sardu non est mali pagau, est tontu!
Advertisements
March 20, 2011

Una lunga tradizione

Gelateria da Benito, Haarlem

Non so voi, ma io sono perplesso.

L’Eni si è accodata alla Total e alla British Petroleum nella guerra alla Tamoil della famiglia Gheddafi.

I rispettivi governi seguono.

Ali Abdullah Saleh, presidente dell Jemen, quanto al tiro al piccione sul dissidente disarmato, non è da meno di Gheddafi, ma lì non c’è petrolio e, per esempio, L’Olanda ha deciso in questi giorni di continuare a fornirgli aiuti per lo sviluppo. A proposito, quale sviluppo? Lo Jemen riceve da decenni contributi olandesi per lo sviluppo e ciononostante è rimasto uno dei paesi più poveri del mondo, oltre ad essere governato da un feroce dittatore.

All’inizio della rivolta libica, la televisione olandese ha trasmesso un reportage sulla Tamoil, rivelando che la proprietà è della famiglia Gheddafi, ma tacendo sul fatto che la Shell (famiglia reale olandese fra i maggiori azionisti) e soprattutto la BP facevano ottimi affari in la Libia. Il reportage era, neanche tanto velatamente–il tono della voce del presentatore era chiarissimo–un invito al boicottaggio della Tamoil, presente anche in Olanda con un totale di 143 distributori di benzina. Non risulta che la Tamoil fosse di proprietà di qualcun altro prima della rivolta in Libia.

Sul piano dei voltafaccia, questa volta, gli Italiani non sono soli, ma è anche vero che i governi del Bel Paese hanno una lunga tradizione di tradimenti:

i) Prima Guerra Mondiale: La Triplice alleanza fu un patto militare difensivo stipulato il 20 maggio 1882 a Vienna dagli imperi di Germania e Austria-Ungheria (che già formavano la Duplice Alleanza) e dal Regno d’Italia. Inizialmente fu voluta principalmente dall’Italia, desiderosa di rompere il suo isolamento e di contrastare la Francia che aveva occupato Tunisi. Successivamente, con il mutarsi della situazione in Europa, l’alleanza fu sostenuta soprattutto dalla Germania.

Nel 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale, l’Italia, dopo un lungo percorso di avvicinamento e di accordi con la Francia, con la Gran Bretagna e con la Russia, in forza dell’articolo 4 del trattato, dichiarò la sua neutralità. Nel 1915, l’Intesa propose all’Italia, in cambio della sua entrata in guerra contro l’Austria, ampliamenti territoriali a scapito di Vienna e una posizione di dominio nell’Adriatico. Lo stesso anno l’Italia rifiutava le inferiori proposte dell’Austria, denunciava la Triplice Alleanza  ed entrava nel conflitto contro l’Austria-Ungheria. (http://it.wikipedia.org/wiki/Triplice_alleanza_%281882%29)

ii) Seconda Guerra Mondiale: per i governanti italiani è stato inventato il termine to badogliate!

iii) Oggi: Berlusconi come Gegé di Giacomo!

In pochi giorni, dall’importazione del bunga-bunga e il baciamano a Gheddafi il “guascone”, ai bombardamenti.

Quanto a figura di merda, questa volta anche gli altri non scherzano, ma la grandezza dei tradimenti italiani è semplicemente insuperabile.

Ma non sarebbe meglio se andassero per il mondo a vendere gelati e a raccontare barzellette?

Buon 150 anniversario!

March 18, 2011

Operazione riuscita. Paziente morto

Il traghettamento della sinistra italiana–di quello che ne resta–su posizioni nazionaliste pare riuscito.

A giudicare dai giudizi pacatamente trionfalistici che si trovano sui giornali di Carlo De Benedetti, l’operazione voluta con forza voluta proprio da quel gruppo editoriale è andata in porto.

Si è trattato di un’operazione spregiudicata di falsificazione della storia e della memoria collettiva degli Italiani.

Il “Risorgimento”–cultura ispiratrice del fascimo–viene oggi spacciato come anteprima dell’Italia democratica e antifascista.

La verità storica semplicissima (il “Risorgimento” non è stato altro che la conquista della penisola italiana da parte del Regno di Sardegna e dei Savoia: cosa di cui c’è poco di cui vantarsi) è stata rimossa e al suo posto è stata inventato un ruolo decisivo per la minoranza perdente e fortemente minoritaria che ha cercato di dare un’impronta democratica al processo di “unificazione” della penisola.

Lo slogan ricattatorio che presentava ieri la Repubblica non lascia spazio a dubbi: “Sono fiero di essere Italiano. Amo la Costituzione”.

Il nazionalismo granditaliano viene “saldato” ai principi democratici e antifascisti, saltando–anzi, rimuovendo–la colonizzazione violenta del Sud e della Sardegna e il fascismo,  che di quel nazionalismo nordista e risorgimentale sono stati la massima espressione.

La “sinistra” si è impadronita di quella cultura proto- e para-fascista.

Del resto la sinistra “politica” (dei politici, insomma) è ormai completamente deculturata e da tempo i giornali di De Benedetti producono l’unica cultura anti-berlusconiana e anti-leghista in Italia: l’iniziativa è da tempo in mano a loro.

E la loro cultura si muove completamente all’interno della logica culturale e linguistica grandeitaliana: non vedo differenze culturali con i loro predecessori fascisti.

Le lingue minoritarie vengono liquidate come “dialetti”, facendo finta di ignorare che alcune–troppo poche, in verità–sono già riconosciute come lingue da una legge dello stato; e ieri Scalfari scriveva, appunto, dei “dialetti” che al momento dell'”unificazione” impedivano agli Italiani di comprendersi a vicenda.

Come ammetteva Scalfari ieri, gli Italiani hanno un’identità debolissima: l’operazione del gruppo L’Espresso-La Repubblica consiste appunto nel cercare di fornirne loro una più forte. Ma per farlo ricorrono a tutti i ferrivecchi del nazionalismo ottocentesco.

Insomma, stanno facendo retrocedere la cultura della sinistra su posizioni antidemocratiche e intolleranti nei confronti delle minoranze interne dello stato italiano.

Stanno completando la distruzione della cultura di sinistra in Italia.

Non è un caso che ieri la CGIL di Cagliari abbia organizzato una festa per “Sardi con cognome italiano”.

Facendolo ha ribadito due cose che sapevamo già: la diversità dei Sardi rispetto agli Italiani–ma questa volta attribuendola in modo razzista al “sangue”–e il fatto che gli Italiani si sentono superiori ai Sardi.

In una discussione su FB ho trovato un “sinistro” sardo che si appellava, molto innocentemente, alla “patria”, al “patriottismo” e alla “nazione”  italiani.

Mala tempora currunt!

In sardu: aguantaus-si is costas! Is Italianus funt torrendi a si preparai a si fai gherra.

March 17, 2011

Professori (slight return)

Claudio Parodi m’at mandau sa fotografia de issu, Professori.

Ca Professori campát bendendi folla de murta a is carnitzeris dd’apu contau medas bortas.

Ma su contu prus bellu de Professori ddu contát issu e totu, mancai deu sa primu borta dd’apa intendiu de Giancarlu “Su Cavuru”, su bixinu de domu de arratza gresienti-gresienti e a sangunau pisanu.

Anca, a sa fini de sa gherra, custu sordau americanu nieddu, a Professori dd’iat circau su culu. Professori insaras fiat giovunu e a beciu puru non fiat legiu.

Candu dd’at contau a mei su contu–acabbu de is annus setanta–at nau: “E ndi bogat sa cosa de is cratzonis  e paríat unu palu de sa luxi cun unu cachi de cincuanta in punta!”

Custa cosa de su “cachi de cincuanta” dd’emu intendia giai de Giancarlo “Su Cavuru”, e intzandus tenemus unus dexi o doxi annus e cun cincuanta francus ndi comperást mesu chilu de cachis.

Sa cosa chi m’iat spantau, candu dd’iat contau a mei, est ca cussu contu paríat contendi-ddu sa primu borta.

Fiat unu contu beciu de prus de trint’annus, ma ddi biíast ancora su spantu e sa spramma in is ogus.

Ma Professori, mancai bonu e masedu non fiat giustu meda de conca.

Fadíat arriri a totus fendi s’ecuilibrista in bicicleta, ma–fendi su togu–a cuddu Cambule nce dd’iat fatu stupai cun sa Lambretta e cussu piciocu est abarrau cussu puru a conca mesu giusta e mesu no.

Ma nisciunus ddu bolíat mali, a Professori–nimancu sa famillia de Cambule–ca issu fiat abarrau pipíu: is Gresientis fiant malus–cuddu cunnu, malus!–ma a genti che issu dda lassánt bivi.

De candu dd’apu connotu deu, Professori at tentu duas staxonis bonas.

Sa primu fiat candu sa bovida de su mercau at incumentzau a ndi calai a conca de sa genti e su mercau dd’ant serrau.

Fiat cosa de arriri sceti!

Totus a foras–carnitzeris, pisciaus e birduraius–in cussas rughitettas strintas a giru de su mercau, a intru de barracheddas strantaxadas in pressi de is operajus de su comunu. Fintzas a nosu “giardinieris” s’iant postu a nci trabballai. Aici pressi meda teníant: is commerciantis fiant ammanigaus beni.

Ma fiat mesi de argiolas!

Axiu teníant cussus carnitzeris e–prus che a totu–is chi bendíant puddas de comperai folla de murta de Professori! Su fragu de sa petza scallendi-si e purescendi-si in sa basca non fiat cosa de aguantai.

Ma non fiat ancora su tempus de is supermercaus chi bendint fintzas pisci friscu e funt postus de aria conditzionada e sa genti bolíat papai.

A chini prus comperát folla de murta prus bendíat e Professori s’at passau un’istadi bona.

S’atra borta fiat candu s’est truncau is cambas.

Immoi non m’arregordu comenti at fatu, ma ge mi dd’at contau issu e totu, ca deu puru femu arricoverau in su “Centro Traumatologico” (arieddas!), ca tenemu s’ernia de su discu.

Narát: “E ita bolis de prus? Mi donant a papai tres bortas a sa di e crocu in unu letu pulíu e callenti: ita bolis de prus?”

Duas dis innanti de paschixedda si nci ant bogau a totus de s’ispidali. E nosu totus prexaus.

A Professori dd’ant lassau innías ca cun cussas cambas ingessadas non podíat fai nudda.

E issu prexau.

Poita ddu tzerríant “Professori” non ddu sciu. Sciu sceti ca non bollu a mi tzerriai a mei de aici!

M’at scritu immoi un’amigu ca a Professori ddu tzerriánt de aici ca fiat de aderus professori de scola. Iat agatau a sa mulleri cun unu piciocu e si fiat postu a fai su perdulariu e de Ude dd’at acabbada in Iglesias.

E anca una borta giovunus de Iglesias–arrobba de galera!–dd’ant acapiau a su monumentu de Quintinu Sella, de cussu arrogu de merda!

March 16, 2011

Il senso del limite

La pigliano alla lontana.

Tirano in ballo la filosofia e il terremoto di Lisbona del 1755.

Giustamente tirano in ballo i fallimenti dell’Illuminismo e del Positivismo.

Ma non citano il geografo Jared Diamond che l’aveva previsto quasi nei dettagli con il suo Collapses (http://en.wikipedia.org/wiki/Collapse:_How_Societies_Choose_to_Fail_or_Succeed).

È probabilmente già successo all’Isola di Pasqua e in Groenlandia. È probabilmente già successo ai Maya.

Wlodek Goldkorn (goldkorn)  e Barbara Spinelli (spinelli)–rispettivamente su L’Espresso e La Repubblica–non hanno il coraggio di dire apertamente che i Giapponesi se la sono cercata. Dicono però tra le righe che i Giapponesi sono l’avanguardia dell’Occidente e che anche noi ce la stiamo cercando.

Il Giappone, come i casi dei collassi di cilviltà analizzati da Diamond, vive al di sopra delle proprie possibilità.

È un paese sovrappopolato che vive sfidando i limiti della natura.

La natura–la Storia–in questi giorni gli ha presentato il conto.

Così come la Storia ha presentato il conto ai Giapponesi quando–per disperazione–hanno attaccato Pearl Harbour.

È un’ironia tristissima che in entrambi i casi il conto sia stato quello di un disastro nucleare, ma tutto fuorché un caso.

Chi di tecnologia ferisce, di tecnologia perisce.

Da oltre un secolo–da quando le cannoniere americane Mississipi, Plymouth, Saratoga e Susquehanna hanno costretto il Giappone a uscire dal suo isolamento feudale–il Giappone rincorre l’Occidente e lo imita, superandolo in molte occasioni

Ma il Giappone ha un territorio molto limitato, inadeguato alle sue ambizioni. Per questo ha prima imitato le potenze coloniali europee, cercando di espandersi, con la creazione di colonie sul continente asiatico (Corea e Cina). Il progetto è fallito quando l’economia giapponese si è scontrata–per libera, ma disperata scelta: lo scontro era inevitabile–con l’economia americana: l’impresa disperata era la totale colonizzazione dell’Asia–e superare l’America in quanto a risorse–o soccombere.

È finita con le atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

Nel dopoguerra il Giappone ci ha riprovato, imitando questa volta non il colonialismo europeo, ma l’imperialismo economico americano: limitandosi, cioè, a sfruttare economicamente il resto del mondo.

L’idea–realizzata con metodi diversi–era comunque sempre la stessa: raggiungere il sogno illuminista e positivista di superamento dei limiti imposti dalla natura del loro territorio e arrivare a un’espansione illimitata della loro economia e delle loro possibilità.

Come il sogno americano.

Adesso hanno avuto un’altra lezione durissima, ma probabilmente non impareranno neanche questa volta.

Così come buona parte del resto dell’Occidente fa del suo meglio per non imparare niente (La paura e la ragione – Corriere della Sera) www.corriere.it

Ho sentito liberali di varia schiatta professare in questi giorni la loro ammirazione per il “carattere nazionale” dei Giapponesi: “Non si arrendono mai e sono così disciplinati”: alla faccia del Liberalismo e dell’Illuminismo!

Non continuo per rispetto delle loro sofferenze.

Il Giappone–e così pure l’Isola di Pasqua–non sono ormai più isole di quanto non lo sia l’intero pianeta. Questo è il messaggio di Jared Diamond.

L’illusione–in fondo giudaico-cristiana, prima ancora che illuminista o positivista o marxista–di essere superiori alla natura è ormai arrivata a toccare i suoi confini.

Ai Giapponesi è toccato–in questa epoca–arrivarci per primi a questi confini, solo perché si sono spinti più di tutti gli altri sulla strada folle dell’espansione illimitata.

Uno tsunami è così devastante soltanto perché troppa gente vive nel raggio di azione di uno tsunami devastante, pur sapendo che prima o poi lo tsunami arriverà.

Idem con le centrali nucleari: prima o poi succede. Appunto, prima o poi succede.

In Giappone più spesso che altrove, ma prima o poi succede dappertutto.

Perché la natura non si lascia imbrigliare dall’idiozia positivista.

La Teoria del Caos ci dice già da decenni che su qualunque cosa si possono soltanto fare delle previsioni probabilistiche: “80% di probabilità che vada così”.

Ma il mondo è dominato da imbecilli che–nella migliore delle ipotesi–credono alle stupidaggini di Newton: una natura interamente prevedibile e quindi interamente assogettabile dagli umani e dalla loro tecnologia newtoniana.

Nella migliore delle ipotesi siamo guidati da gente che pensa che la scienza sia rimasta ferma al ‘600.

E domani il meglio dell’Italia festeggerà il cambiamento del nome del Regno di Sardegna in quello di Regno dItalia come se questo fosse chissà che.

La mamma degli imbecilli è sempre incinta!

March 15, 2011

Sa fini de su mundu

Deu bolemu pigai sceti una fotografia de su vasu de is arrosas caramadas–femu pensendi a sa cantzoni Dead Flowers de is Rolling Stones– tanti po biri su chi ndi bessíat e sa chi nd’est bessía est custa scena.

“Take me down little Susie, take me down
I know you think you’re the queen of the underground
And you can send me dead flowers every morning
Send me dead flowers by the mail
Send me dead flowers to my wedding
And I won’t forget to put roses on your grave.”

A bosatrus, forsis, non si narat nudda, ma a mei meda.

Custa est una fotografia de su chi non bolemu biri o, a su mancu, de su chi non biemu in cussu momentu .

Fred–s’amigu–est circhendi de cuncordai sa televisioni noa de Edith e sa filla de Edith est castiendi de sa porta a biri chi issu nci arrenescit a ddu fai.

Deu seu pighendi fotografias tanti po nci passai s’ora.

Femu contras a su comperai una cosa aici complicada, ca depis pediri a un’atru a ti dda cuncordai.

–Bofia dd’eis? Arrangiai-si!

Deu ni-mancu provau nci apu a nci ponni manus!

Edith iat spendiu milla euro po biri mellus is proprius tontesas chi deu biu in una televisioni chi apu pagau–de segunda manu–setanta euro.

Deu cracu unu butoni e sa televisioni m’ammostrat is tontesas.

Issa cracat unu de is medas butonis e non sciit su chi ndi bessit.

Ita nc’intrat totu custu?

Chini nce ddus at postus is Giaponesus in custu casinu?

Tenint–o teniant–sa de duas economias prus mannas de su mundu in un’arcipelagu cun una superficia de 377.835 km²–sa Sardinnia tenit una superficia de 24.090 km²: 16 bortas prus pitica–e ddoi bivint 126.771.660 personis–in Sardinnia 1.680.000: 75 bortas prus pagu.

In Giaponi ddoi funt medas terremotus e tzunamis.

Ddu scint fintzas in Sardus.

Su Giaponi non tenit risorsas naturalis.

Po cussu ant invadiu sa Cina e sa Corea custu seculu passau.

Bolíant “un posto al sole”.

Ant perdiu cussa gherra e ant perdiu custa puru.

Ma custa gherra fiat prus “mondiali” ancora de s’atra: fiat una gherra contras a su mundu beru, contras a sa natura.

Su Giaponi fiat su logu prus “ocidentali” foras de su “ocidente”  e de prima meda de fai gherra a s’America.

Bolíant essi che issus.

E ge funt che issus.

Consumant risorsas pigadas de atrus logus e bivint in unu logu chi non permitit a totu custa genti de nci bivi.

Si creíant de podi binci sa natura cun una tecnología chi nisciunus cumprendit beni.

Ant perdíu, ca a sa natura de is Giaponesus non nde dda frigat nudda.

Su Giaponi non est ni-mancu su primu logu aundi totu custu est sutzediu: Ligei-si Collapse, de Jared Diamond.

Su mundu de sa genti chi si creit de si podi acotzai a una tecnologia chi si ndi frigat de sa natura e chi nemus cumprendit beni–bastat chi siat noa!–est spaciau.

Custu est su progressu: su de andai a innantis chentza de sciri aundi ses andendi, ma “bastat chi bandis a innantis e ses andendi beni”.

Custu est su modellu de modernidadi chi a nosu sardus s’at sempri proponniu s’Italia: “Do you remember Petrolchimica?”

E…

sa crisi fintantziaria…

sa crisi in su Mesu Orienti…

sa crisi italiana…

Custa est sa fini de su mundu “italianu”.

March 14, 2011

Italiano Regionale di Sardegna

Andria Maccis scriit in su post suu: ”

“Insomma, fermo restando il sistema degli scambi, l’uniformazione culturale egualitaria porta tutti i soggetti che vanno allo scambio, ad avere gli stessi tipi (identici) di dotazioni iniziali, ma in quantità e valori differenti.

Chi nasce nel “centro culturale” del sistema partirà da una dotazione iniziale più alta, chi nasce nella periferia che importa cultura, partirà da una dotazione iniziale più bassa.

Qual è dunque la tremenda ingiustizia di un regime culturale ugualitario?

Creare un “mercato” nel quale tutti i soggetti scambino gli stessi beni, costringendo i “soggetti periferici” con dotazioni iniziali più basse di quei beni, ad assestarsi su equilibri meno vantaggiosi di quelli dei “soggetti centrali”.”

S’esempru innoi in basciu de “Italiano Regionale di Sardegna” ammostrat comenti est sa situatzioni in sa pratica.

S’italianu chi fueddat custa feminedda sarda, siat nosu, siat is Italianus, ddu giudicaus, naraus, “gagiu”. Non est custu s’italianu chi s’abetaus de intendi in televisioni.

Certu, su valori a custa forma de Italianu si ddu donaus nosu e totu, ma custu non cambiat nudda a su fatu ca, in custa situatzioni, su chi contat est su “valori de scambiu” de sa lingua.

Custu non iat a sutzedi si, a su postu de fueddai in unu “regime culturale ugualitario” innui totus funt custrintus a fueddai in italianu–e nosu fueddaus cust’italianu perifericu–emus a essi in unu “regime culturale paritario”, innui s’italianu e su sardu funt paris: deu fueddendi in italianu fatzu unu prexeri a tui, ca ses innioranti e non fueddas su sardu!

Custa est sa revolutzioni curturali chi si tocat a fai.

Ma a custa feminedda non creu chi fetzat a dda sarvai.

http://gossip.fanpage.it/valentina-offesa-da-samuele-nardi-chiedi-scusa-ai-miei-genitori-i-video/

March 13, 2011

Scambi economico-culturali nel “regime dell’uguaglianza”.

Articulu de Andría Maccis

La “riflessione” parte dagli articoli seguenti.

https://bolognesu.wordpress.com/2011/03/09/abbasso-luguaglianza/

https://bolognesu.wordpress.com/2011/03/10/luguaglianza-e-totalitaria/

https://bolognesu.wordpress.com/2011/03/11/luguaglianza-e-totalitaria-2/

 

Un economista, tal Francis Ysidro Edgeworth, inventò uno “strumento” molto interessante, la cosiddetta Scatola di Edgeworth appunto, che altro non è che una rappresentazione grafica su assi cartesiane, delle possibili allocazioni di quantità di beni, rispetto a gusti di consumo e dinamiche di mercato, che chiaramente partono dal presupposto che ogni soggetto che opera nel mercato abbia una dotazione iniziale di questi beni (consideriamo “beni” per esempio anche la propria forza lavoro e il proprio tempo libero, che si scambiano col denaro).

 

Per puro esempio diciamo che ci sono due soggetti in un “mercato semplice : il soggetto A e il soggetto B.

 

Il soggetto A ha dei “gusti di consumo” che sono rappresentati dalle curve di indifferenza (quelle blu) del grafico seguente.

 

 

Il soggetto A, in base alle sue dotazioni iniziali (le quantità del bene 1 e del bene 2 che possiede) è propenso a consumare e/o scambiare quantità del bene 1 e del bene 2, trovando un compromesso (es. cede 2 quantità del bene 1 che ha in quantità maggiore a quella che vorrebbe consumare, in cambio di 1 quantità del bene 2 che possiede in quantità minore a quella che vorrebbe consumare) che passi attraverso i punti di quelle curve blu.

Il finire su una curva blu rispetto a un’altra dipende dalla dotazioni iniziali di partenza : più si ha, più si può consumare e/o scambiare sia del bene 1 che del bene 2.

 

Anche B, in base alle sue dotazioni iniziali (le quantità del bene 1 e del bene 2 che possiede) è propenso a consumare e/o scambiare quantità del bene 1 e del bene 2, trovando un compromesso che passa attraverso i punti delle curve di indifferenza rosse.

 

 

Presi singolarmente, i grafici dei soggetti A e B non spiegano chiaramente le dinamiche di scambio e interazione economica, ma se capovolgiamo il grafico relativo all’utente B

 

 

e di seguito lo sovrapponiamo al grafico relativo all’utente A, otteniamo la famigerata Scatola di Edgeewort.

 

 

I punti di tangenza delle curve blu (soggetto A) con le curve rosse (soggetto B), sono i punti nei quali si posizioneranno gli equilibri dei soggetti A e B, relativamente agli scambi che possono intraprendere tra di loro e ai loro gusti di consumo, esattamente come ci mostra la curva dei contratti che unisce questi punti (curva gialla).

 

 

In sostanza il libero scambio consente, in base alle proprie dotazioni di partenza, di raggiungere l’equilibrio di scambio ottimale (io do una parte di quello che ho a te, tu dai una parte di quello che hai a me) attraverso le regole del mercato.

Se un soggetto è un povero sfigato, tale rimarrà, sia chiaro, ma il libero scambio gli permetterà (tendenzialmente, è solo un modello!) di raggiungere il “compromesso” migliore possibile di consumo in base alle proprie dotazioni iniziali.

 

Come si collega tutto questo col concetto di uguaglianza culturale?

Ipotizziamo che le dotazioni iniziali del soggetto A siano una determinata capacità lavorativa o una particolarità culturale che “vende” combinandole col suo tempo libero tramite attività lavorativa acquistata dal soggetto B.

Se la particolarità culturale è importata (parlare correttamente una lingua ad esempio) solitamente il soggetto che ne dispone (periferico in questo caso) sarà poco skillato ed evidentemente avrà minore quantità della stessa da scambiare.

 

Insomma, fermo restando il sistema degli scambi, l’uniformazione culturale egualitaria porta tutti i soggetti che vanno allo scambio, ad avere gli stessi tipi (identici) di dotazioni iniziali, ma in quantità e valori differenti.

Chi nasce nel “centro culturale” del sistema partirà da una dotazione iniziale più alta, chi nasce nella periferia che importa cultura, partirà da una dotazione iniziale più bassa.

 

Qual è dunque la tremenda ingiustizia di un regime culturale ugualitario?

Creare un “mercato” nel quale tutti i soggetti scambino gli stessi beni, costringendo i “soggetti periferici” con dotazioni iniziali più basse di quei beni, ad assestarsi su equilibri meno vantaggiosi di quelli dei “soggetti centrali”.

 

Forse creando tanti “centri di  scambio” al posto di tante “periferie di scambio”, quindi ampliando la rosa dei beni da scambiare, la situazione migliorerebbe.

March 13, 2011

Difendere la costituzione repubblicana, non l’Italia!

Ita lastima  cussas banderas italianas in sa die de sa defensa de sa costitutzione repubblicana. Ant furriadu una festa de sa democratzia in sa festa natzionalista de unu populu intollerante.

Italianos a mare!

“Non è il solo, nel ‘bel paese ch’Appennin parte e ‘l mar circonda e l’Alpe’; come osservò Prezzolini il fascismo è stato una manifestazione di una nostra tendenza perenne, “autobiografia della nazione”, diceva Gobetti, “adattamento alla storia e alla cultura del popolo” aggiungeva il Cuoco o, per citare Prezzolini, “gli italiani sono negati alla democrazia. Olandesi, svizzeri, inglesi, americani sono nati democratici. Noi autoritari e faziosi. Che l’italiano sia un popolo democratico è una assurdità”.”(Giorgio Bocca, su l’Espresso: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/il-paese-che-piace-a-silvio/2120124)

March 12, 2011

Indipendentzia curturale

Indipendentzia curturale bolet narrer a spender pro su sardu su propriu tantu de dinari chi spendides immoe in Sardinnia pro s’italianu.

Sa limba costat e meda puru e si is partidos politicos sardos non ddu comprendent, non sunt nen autonomistas nen indipendentistas.

Su sardu non podet biver de volontariadu ebbía!