El Amor en los tiempos del Internet

 

A quanto pare l’era Berlusconi sta finendo. Ma quella che sta finendo è soprattutto  l’illusione di poter controllare tutta l’informazione, attraverso il controllo dei media “pesanti”, centralizzati e centralisti. Siamo nell’era di Internet: in un certo senso, un ritorno al Paleolitico.

Gli imperi dell’informazione centralizzata devono fare i conti con gli incontrollabili “cacciatori-raccoglitori” che in piena autonomia possono portare avanti le loro guerriglie culturali, riuscendo ad arrivare a una parte ormai rilevante del pubblico.

E perfino in quella fogna a cielo aperto chiamata Italia i risultati di questa rivoluzione epocale stanno arrivando.

Non sappiamo quanto quest’Eta dell’Oro della comunicazione durerà, quindi per ora godiamocela.

In Sardegna, questa rivoluzione ha come conseguenza la fine del monopolio dell’informazione, detenuto finora dall’industria culturale italiana e antisarda: le università, i giornali, la televisione e il network dei notabili.

Per tornare al tema che ormai da un mese occupa il mio blog, grazie a Internet è stato possibile smascherare la manovra che l’industria culturale antisarda stava compiendo per stravolgere la politica linguistica regionale.

L’errore compiuto dal notabilato è stato appunto quello di usare Internet, invece di limitarsi all’impiego dei propri canali sotterranei e più o meno legali.

Paolo Maninchedda ha commesso l’errore–un grave errore tattico–di pubblicizzare sul suo blog il suo sostegno alla manovra dell’università di Sassari. In questo modo ha reso pubblico e accessibile a tutti il contenuto dell’articolo di Giovanni Lupinu. Questo, che era in origine un’arma di difesa personale, destinata al pubblico dei linguisti statalisti italiani e a dimostrare l’appartenenza del suo autore alla loro stessa fazione politica, è stato usato come arma d’offesa nell’assalto alla politica linguistica regionale.

È stato il classico boomerang: il giorno della mia replica, il mio blog è stato visitato 518 volte.

Invano Maninchedda ha cercato di defilarsi, provando a ridurre la questione a una lite tra comari dell’accademia.

È stato chiaro fin dal principio che in ballo c’erano ben altri interessi: interessi molto concreti e che Maninchedda stava dichiarando il suo sostegno politico ai nemici della lingua sarda.

Non mi sognerei mai di dare dello sprovveduto a Maninchedda, ma certo che pubblicare un simile attacco–oltretutto, gravemente offensivo nei miei confronti–a pochi giorni dalle elezioni amministrative, non è stata una mossa molto accorta.

Adesso sappiamo tutti di cosa si tratta: Maninchedda –spendendo la sua credibilità per accreditare quella di Lupinu–ha offerto il suo sostegno politico al tentativo illegale dell’università di Sassari di appropriarsi dei fondi destinati ai corsi di cultura sarda, da tenersi IN SARDO, per poter svolgere le sue attività antisarde.

E sappiamo anche che le stesse forze stanno ancora tramando per svuotare di contenuti il Piano Triennale per la lingua, messo a punto dall’Osservatorio e dall’Assessore Milia, che ancora deve essere approvato dalla giunta regionale.

Adesso mi aspetto da su Comitadu pro sa Limba qualcosa di più di un pigolio vittimista e disfattista.

2 Comments to “El Amor en los tiempos del Internet”

  1. vorrei capire se quelli che citi sono fatti o chiacchiere (o calunnie).quale e’ la fonte dove si puo’ leggere di queste pressioni e comportamenti illegali (lo dici tu) dell’univ. di Sassari? se sono fatti perché tu e pintore non fate una denuncia da un magistrato?

    • Le fonti di certe notizie non si bruciano. Mettiamola così: se le mie sono calunnie, saranno loro a denunciarmi.
      E tranquilla signora sempre Perentoria Zanda, che la denuncia partirà se l’illegalità sara commessa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: