E toca ca bi provamus a partzire su sardu in duos!

In “Cando chirchende lacanas intra de su sardu sunt abarrados allacanados issos ” amus bidu ca, pro sa chirca sotziulinguistica famosa–semper cudda–is linguistas ki faxíant parte de su gruppu de chirca (gira e rigira, Lupinu, Prof. Giovanni) ant partzidu su sardu in duas limbas: su “logudoresu” e su “campidanesu”.

Sa partzidura l’ant basada a subra de unu fenomenu ebbía: s’articulu determinadu plurale. Anca fit pro “ragioni pratiche”!

E in s’articulu de Marinella Lörenczi–ki andat in giru nende ca deo l’apo ingiurgiada: ma cando, cussa borta de is patas intreas?–amus bidu ca is intervistados non fint de acordiu meda a narrer ca issos faeddaíant “logudoresu” o “campidanesu” (A Marinella è scappata una verità! ).

Spantu mannu de Marinella e spantu mannu de is ki iant partzidu su sardu.

De kie est sa curpa? De sa gente, est craru! Marinella narat: “Ciò si collegava alla ridotta familiarità dei soggetti intervistati con le tematiche di politica linguistica.”

Insomma, cussos inniorantes non ischint ne-mancu si faeddant “logudoresu” o “campidanesu”. Balla, ita genta male-pigada custos sardos!

Tando immoe deo bosi dongo is datos ki apo regortu deo a pitzos de su sardu de Desulu (GENNARGENTU!)

A Desulu imperant s’articulu plurale is. Duncas–si sighimus sa partzidura de Lupinu–su desulesu est campidanesu, ma is desulesos–inniorantes!–non l’ischint!

Pastoratzos a “ridotta familiarità con le tematiche di politica linguistica”! Comente si permitent?

Ma si castiamus a is 200 faeddos seletzionados dae su computer–in su corpus de 267.000 faeddos–e furriados e pronuntziados in desulesu, bidimus ca ” le tematiche di politica linguistica”–ma non fint “ragioni pratiche”?–sunt diferentes meda dae sa realidade linguistica.

is datos de Desulu:

1 tan`:O

1 OE

1 “kantOz_aO_X

1 gana

1 an`:a4E

1 tOr:au

1 “fO4az_aa_X

1 una

1 s_aOlE

1 s_ai

1 E

8 muntOnE

1 “O4az_aa_X

2 s_aa

1 s_au”ts`_XEDEntE_X

1 tanti

1 “mez`:uz_au_X

1 dOman`d:anta_X

1 ab:\a

1 “moviDa

1 ak:\ab:\aDa

1 ap:\O

2 lestru

1 t_Xs`_Xelu

1 kan`:O

1 d_Xz`_Xi4a4E

1 pres_a:iGi4E_X

1 no / 1 non

1 Ep:\O

1 is_a

1 “iaDa_X

1 bets`_Xu

1 kOstaju / 3 af:\janku

1 “Es_a:EDE_X

1 ispe4nt_Xs_Xa

1 “biEDE_X

1 at:\i4E

4 kOmO

1 aGwanta4E / 7 mantEnE

3 aNka

3 postu

1 “nOz_aO_X

1 daE

1 izmur”d_Xz`_XaOz_aO_X

1 “manOz_aO_X

1 kE

1 po”DiaDa_X

1 d`i

1 istOa

1 a

3 fuaDa

1 mam:a

1 n`E

4 fOed`:\u

1 ista4E

1 kOmpO4a4E

1 “auz_au / 2 te”neuz_au

1 ki

1 “tEnEz_aE_X

1 istuDja4E

1 pOJ:O

1 tentu

8 truBau

1 fat:\u

4 it:\E

1 bi”DiaDa_X

7 daEGan`:O

1 lin:a

2 t_Xs`_XirkaiaDa_X

1 ae4Opranu / 4 ap:\a4ek:\ju

1 dan:u

1 in

1 tot:\u

1 baE

4 “pOnEDE_X

1 “at:\e4u

1 maistu

1 kus_a:u

1 familja

1 nOstra / 1 nOsta

1 “tEnEDE_X

1 diE

6 u”t_Xs`_Xianta_X

1 trab:\az`a4E

1 pa”s_a:ianta_X

1 pa”z_aaDi

4 pu4u

2 d_Xz`_Xau

1 intra4E

1 aBe4u

1 O

1 d`us_a

4 Et:\ot:\u

1 rim:\eDju

1 iskuz_aa

1 ap:\rOvau

2 ma

1 dEO

1 mi

2 E4anu

4 laDa

5 poit:\E

2 dOman`:au

4 ap:\Oz_aEnted`:\u

1 mei”d_Xz`_Xinaz_aa_X

8 fat:\u

1 prEs_a:E

1 partE / 4 ala

1 polits_a_XjOt:\O

1 pas_a:idz`a4E

1 pa”4iaDa_X

1 kOa

3 o”r:uEDE_X

1 aintrO

6 Eb:\ia

4 “nar:EDE_X

2 kun

2 bab:\u

1 EstE_X

1 “faEDE_X

1 kOntraz_aa_X

2 pruz_au_X

1 bEnE

1 kumpEns_aa4E

1 drom:\iu

1 kurs_aa

1 faE

1 “duOz_aO_X

1 dE4et:\u / 1 di4it:\u

2 “fuanta_X

1 “OGOz_aO_X

1 is”tOGOmO

5 aGat:\a4E

1 pO

1 ma4iGOz_aa

1 pas_a:an`:O

1 s_ai”GiaDa_X

10 pi”p:\iOz_aO_X

2 a”p:\ustiz_ai_X

3 man:u

1 praJ:”iaDa_X

3 nud`:\a

6 me4its`_Xed`:\u

2 pE”4O

1 “ominE

1 kumbi”DaDa_X

1 “pErdEDE_X

1 ak:\ab:\au

1 t_Xs`_XinE

1 navE

1 al:Ontana4E

1 bid_Xz`_Xinu

4 istuau / 2 mortu

2 istit:\a4E

4 ka”laOz_aO_X

1 ap:\ertu

1 as_a:ut:\au

1 s_aeGu4u

2 is_a:i”iaDa_X

2 iskum:\it:\O

1 ka”f:\E_X

1 bal:a

1 intErnEt

2 ap:\rEts_a_Xau

5 goz_ai / 5 gaz_ai

1 an`:an`:Oz_ain`:E

6 ap:\or:i”n`:Od`:\i

6 ab:\ar:aDa

2 pa”4an`:Oz_ai

1 kustu

3 t_Xs`_Xiu

1 dets`_XiDju

1 perdju

5 iNkraz_aa_X

8 luEGO

5 o”liaz_aa_X

1 finE

6 kaldjaDa

1 mOmentu

6 ap:\rEt:\a”n`:Od`:\Oz_aO_X

1 adz`_XuDu

2 inOz`E

8 ak:\anta

2 ka

2 dOmO

1 mai

2 ar:Enes_aiu

3 is_a:a

1 s_aEJ:ala4E

1 “fiz`az_aa

2 komunE

1 “kurs_aOz_aO_X

2 manE4a

2 di”vEntanta_X

3 ats`_Xin:u

1 prad_Xz`_XE4E

1 “populOz_aO

1 kOz_aa

tanno
oe

cantos

gana

annare

torrau

foras

una

sole

si

e

muntone

oras

sa

sucedent (ma sa palatale desulesa est unu pagu diferente)

tanti

megius (ma sa palatale desulesa est unu pagu diferente)

domandant

abba

movida

acabbada

apo

lestru

celu (ma sa palatale desulesa est unu pagu diferente)

canno

girare (ma sa palatale desulesa est unu pagu diferente)

pressighire

non

epo

is

íat

beciu (ma sa palatale desulesa est unu pagu diferente)

costaju

essede (esser)

isperantza

biede (bier)

atire

como

aguantare/mantenere

anca

postu

nos

dae

ismurzaos

manos

che

podíat

ddi

istoa

a

fuat

mamma

nne

foeddu

istare

comporare

aus/teneus

e s’àteru bos ddu chircades a solos, ca deo tengio àtera cosa de faxer!

 

23 Comments to “E toca ca bi provamus a partzire su sardu in duos!”

  1. E ci n’e’ ci na’ ci no, marranu😀

  2. E po allacanare sos sardos mirade chi cussos sun de abberu mastros.Bistan partzinde a cantu podent:in s’ iscrittura antiga,in su crere in deus,in s’istoria(fenicios?),in sa limba, in s’archeologia.

  3. INDOVINELLO PER SARDI UN PO’ MENO TONTI: chi ha scritto questa poesia?🙂

    Fiera e ruzza, in mesu a sos castanzos
    seculares, ses posta o bidda mia,
    Attaccada a sos usos de una ia,
    generosa, ospitale a sos istranzos:
    Sos fizos tuos, pinos d’energia,
    chircan’in donzi parte sos balanzos,
    cun cuddos cadditteddos fortes, lanzos,
    carrigos de diversa mercanzia.
    Gai passande vida trista e lanza
    girant s’isula nostra ventureris,
    e cand’intran in calchi bidd’istranza
    Tott’isclamana: Accò sos castanzeris!
    E issos umiles naran: Eh, castanza!
    E chie comporat truddas e tazeris?

    ma siiiii !!!! è un desulese, che scrive in una lingua straniera…..😮
    come mai? autoodio linguistico??

  4. ma po ite limba furistera? custu est unu bellu esèmpiu de cuddu logudoresu illustre famadu. Non creo chi como in Desulo apant gana de iscrìere in custa manmera. Preguntados cherent!

  5. Ma in s’editzione chi tèngio deo est “Acò is castanzeris”😉

  6. In bidda mia ,Trennuraghes, tiat esser pretzisa pretzisa a su 1000 po 1000.

  7. Intanto però Antioco Casula l’ha scritta ed ha utilizzato quella variante di sardo. Certo, oggi nessun desulese scriverebbe così, ma quel patrimonio culturale (ammesso che lo sia questa poesia) intanto c’è, non si può buttare alle ortiche, fa parte della storia linguistica e letteraria della Sardegna, quindi sia da un punto di vista socio-linguistico che culturale.
    Ora ognuno può giustamente parlare e magari anche scrivere (se ci riesce) nella propria variante per cose intime e personali oppure per scopi artistici, ma non si può pretendere che gli organi amministrativi e legislativi della Sardegna emettano provvedimenti e norme con la variante materna dell’estensore (perchè ho sentito anche questa). Ci vuole una variante unitaria ma che non sia escludente, che non sia percepita, come sinora è stato, come una preponderanza di un gruppo (linguistico, storico-geografico, antropologico) su un altro o su altri come è stata la LSU e in parte è ancora la LSC, senza alcuna giustificazione nè politica, nè storica nè culturale, nè sociale.
    Nello stesso tempo, dato che comunque questa varietà comunemente accettata non esiste, nel frattempo che si lavora per costruirla (perchè bisogna costruirla esattamente come hanno fatto tutte le comunità linguistiche europee e non negli ultimi 2 secoli), bisogna trovare una soluzione che non faccia perdere di vista il risultato finale che DEVE essere una lingua unitaria (amministrativa ma non solo, anche nell’insegnamento, non ci prendiamo in giro), e può essere utile arrivarci anche attraverso le due tradizioni letteraie ed ortografiche esistenti, anche se oggi non hanno lo stesso appeal che potevano avere un secolo fa.
    Ognuno può scrivere la propria variante materna, ma, come ho detto, non è semplicissimo: troppi sono i suoni che non si possono rappresentare se non attraverso l’alfabeto fonetico. Il rischio, che è attualissimo, è che ognuno scriva a modo suo (tipo xida per intenderci) e questo non può essere accettato per un idioma che si prefigge l’obiettivo di rappresentare la moderna società sarda e le sue istituzioni. Non si può scrivere un testo normativo o una testo scientifico come salta in testa ad ognuno di noi. Troppe volte ci sfugge che la Sardegna, pur con tutti i suoi ritardi, è una moderna società estremamente complessa del XXI secolo. Magari estremamente frammentata, ed in questo, ahimè, siamo italianissimi.
    A meno che non vogliamo continuare ad usare il sardo solo da su tzilleri, perchè allora va bene tutto!
    In tale caso, un lavoro che, più che trovare l’ombelico geografico della Sardegna, cerchi di effettuare una reductio ad unum delle due tradizioni è probabilmente l’unica strada percorribile: siamo una democrazia, non in uno stato autoritario, abbiamo l’obbligo di cercare il consenso!

    • Una cosa: tu parli della percezione della LSC come se questa dipendesse unicamente da chi l’ha proposta. Dai, non prendiamoci in giro!
      Gruppi ben precisi, mossi da interessi ben precisi, si sono mossi contro la LSC a colpi di calunnie e bestialità. E non dirmi che non lo sapevi. Insomma, la LSC è una buona base di partenza, e non si pùo né considerarla intangibile, né buttarla a mare.

  8. Fatzo duos esempros. Unu est pura blasfemia😛

    Fiera e ruza, in mesu a sos castàngios
    seculares, ses posta o bidda mia,
    Atacada a sos usos de una bia,
    generosa, ospitale a sos istràngios:
    Sos fìgios tuos, prenos d’energia,
    chircant in ogni parte sos balàngios,
    cun cuddos cadditeddos fortes, làngios,
    carrigos de diversa mercantzia.
    Gai passende bida trista e làngia
    girant s’isula nostra bentureris,
    e cand’intrant in carchi bidd’istràngia
    Tot’isclamant: Acò is castangeris!
    E issos ùmiles narant: Eh, castàngia!
    E chie comporat truddas e tageris?

    Pof, l’apo fata diventare una poesia de pràstica, mischinu Antiogu😀

    Como pigamus sa poesia “Tiu Bobore Mannu”, semper de Montanaru. Leghìdela ascurtande sa bersione de su Tenore Santu Baìngiu de Oniferi

    Tenz’ottantannos, fizos mios caros,
    E su meu vivire nd’est passadu,
    Ma l’ischi’ Deus si nd’hapo provadu
    In sa vida de tribulos amaros.

    Giaiu ostru, babbu meu santu
    Mortu l’haian pro una vinditta;
    Deo piseddu fia ancora in titta
    E no hapo connotu cuss’ispantu.

    E mi fattei a mannu orfanu, solu,
    Senza mai ogare allegru mutu,
    Connoschinde a mamma sempr’in lutu
    E i sa domo piena de dolu.

    E in tant’isventura, in tant’anneu
    Su coro si pieneit de tristura;
    E andende in su monte a s’avventura
    Giurao de vendicare a babbu meu.

    A babbu, chi deo mai hapo connotu
    E tèteru e nieddu, intr’unu saccu,
    Nde l’han battidu mortu ’e istraccu
    Subra unu ramu de ilighe trottu.

    E los hapo connotos sos nemigos
    Chi han fattu viuda a mamma mia;
    Chi fin cun nois sempre a marrania
    Dae tempos famosos e antigos.

    E una die falei a su cuile
    Issoro, cun sa cannetta istrinta in manu.
    Fid’una die bella, de beranu,
    Propriu a Pasca Santa de abrile.

    Giuanne, su pius malu ’e s’areu,
    Cuntentu iscannaiad’un anzone
    E deo l’abboghineit: attenzione!
    A oe giompet sos annos babbu meu!

    Giuanne cun sos ateros pastores,
    Intendinde sa forte oghe mia,
    Si pesein che canes cun furìa
    Ma cun sa cara de milli colores.

    E deo inchietu, che procalvu in tana,
    Fia pro dare fogu a sa cannetta,
    Cand’assustrada dae sa pinnetta
    Besseid’una giovana galana.

    E pianghinde, e currinde a facc’a mie
    Mi nareit: «Pro cantu siet feu
    Su coro tuo a babbu, a babbu meu,
    Non boccas! est sa Santa e bella die

    Chi Deus a sos chelos est alzadu
    A saludare sa Mamma Maria!
    Ecco, o Bobore, sa persona mia!
    Ma non tocches a babbu meu amadu».

    Sa cara sua fit che i sa luna
    E nieddos sos ojos che mura;
    Deo olvidei s’antigh’isventura
    E mi passeit s’ira, tott’ind’una.

    E istei gai firmu e isturdidu;
    Cas’ilgonzosu poi hap’esclamadu;
    «Tando perdono ca tue has pregadu
    Culumba cunfidente in custu nidu!»

    E perdonei pro non prosighire
    Sàmbene subra sàmbene, e vinditta
    Subra vinditta, in custa malaitta
    Gherra ’e odios, malos a finire.

    E cussa giovana, fiza de sa nostra
    Razza nemiga, antiga e odiada,
    Cussa s’isposa mia est diventada,
    Sa bona e amorosa mamma ostra.

    E da ue prima essian sas mortes
    E sas discordias malas e timidas,
    Dai cue sas festas sun bessidas
    E cust’ischeras de omines fortes.

    Pro cussu o fizos mios odiade
    Onzi mala discordia, onzi bruttu
    Odiu vanu chi non battit fruttu;
    E vivide cun paghe e amistade!

    Non nodades sas diferèntzias tra su testu e su cantidu?

    E duncas, no est giae unu connotu de sos sardos a lèghere s’iscritu cunforma su faeddu? Forsis pro carcunu custu costumu est un’errore, imbetzes pro me est sa crae chi podet fàgher funtzionare a beru un’ortografia comuna.

  9. Mancari apo a èssere noiosu, ma si su problema est de agatare una manera comuna pro iscrìere totu is variantes de su Sardu “a critèriu”, tando custu problema ddu at resòlviu giai Màrio Puddu, chi proponet pròpriu unu critèriu ùnicu pro s’iscritura de totu is variantes partende dae sa grafia italiana (faghende su cunsideru chi is Sardos semus totos alfabbetizados in Italiano), ma pighende de s’ortografia italiana petzi is cosas chi tenet sensu a pigare. Poi est beru puru chi serbit una limba pro iscrìere is cosas prus pagu personales, commente is atos amministrativos de sa Regione, e pro custu sa LSC est giai pronta!

    • ??? Mi parit ca as cumprendiu mali su chi at fatu Mariu. Mariu scriit is pronuntzias diferentis in manera diferenti, a s’Italiana. Po cussu issu proponit su sardu de Samugheo che lingua uficiali. Si scriis totu is dialetus a sa propria manera, a s’inglesa, non tenis abbisongiu de un’atra lingua standard. Su standard est totu su sardu. Mariu at bogau custu slogan, ma non ddu ponit in pratica.

  10. Roberto, io sono fuori dal giro; devo esser sincero, posso individuare i gruppi di oppositori ma mi sfuggono questi “interessi ben precisi”, graniticamente condivisi da tutti i professoroni delle università sarde e oltre; insomma non vorrei ci fosse un po’ troppa dietrologia, ma certo tu ne sai più di me e non insisto.
    Posso testimoniare però che, tra gran parte dei docenti che ho frequentato io, ci sia più un abitudine da difendere che veri interessi. insomma, semplice, comoda conservazione.
    La LSC può essere una buona base di partenza, certo, ma anche chi la sostiene ha le sue rigidità: mi basta leggere il blog di Corraine! Il wagnerismo vi impera ancora sovrano.
    Da queste rigidità è nata la mancanza fondamendale della LSC, ed è un gap di comunicazione. Per questo che io insisto sul fatto che una scelta così importante non può essere lasciata solo a voi linguisti: ci vogliono anche dei sociologi, dei politologi, degli esperti di comunicazione soprattutto!
    Faccio un esempio stupidino: dire che da domani la lingua ufficiale della Sardegna sarà l’abbasantese (o il samugheese o l’atzarese) che impatto credi possa avere nella opinione pubblica delle città sarde? il casteddaio medio direbbe ” ita? sa lingua uffitziali at a essi cudda de unu stampu de bidda sperdia, dus tzius beccius e cuatru brebeis? ma bah spesarì !!!”.
    Sarà una brutta espressione, antipatica ed ingiustificatamente snob, ma questa sarà, analoga a quella del sassarese medio, dell’oristanese e perfino del nuorese medio.
    Io ho fatto una proposta già da tempo, ingenua forse, ma, secondo me, più vendibile. Ancorare la lingua comune e amministrativa alla storia e ai più importanti fatti culturali può essere filologicamente non del tutto corretto ma più digeribile per la maggior parte dell’opinione pubblica.
    La mia proposta può e forse è uno sciollorio, ma non si può passare sopra al problema del consenso e del rapporto con la pubblica opinione in tutte le sue articolazione.
    E’ una questione che non si è finora affrontata con decisione, convinzione e consapevolezza. Il consenso non è uno sciollorio, è essenziale e alla fine può superare anche le ostilità meno trasparenti.
    Bisogna costruirlo però!
    Forse però non ti posso chiedere di offrire l’altra guancia🙂

  11. No no, Robè, io ho capito benissimo cosa dice Mario: un criterio unico di scrittura non significa, nella proposta di Mario, che con un’unica scrittura si scrivono tutte le varianti (e che ognuno legge alla propria maniera, come nella tua GSC, esempio FAXER) ma che si forniscono criteri univoci per rappresentare graficamente (quasi) tutti i suoni presenti nel parlato, adottando come base la grafia italiana, ma senza ereditarne alcuni “vizi” (come ad es. quelli presenti nella parola “rozzezza”), ed inserendovi grafemi (es. /x/) o digrammi (es. /tz/ o il famigerato /dh/) quando occorre. Questo è quanto. Secondo la mia opinione da profano, questo criterio ha il pregio dell’immediatezza: fornisce un criterio complessivo che, insieme con delle regole di scrittura (es. si scrive “sa cida” e non “sa xida”), forniscono tutto sommato una visione d’insieme della lingua sarda che lascia la libertà di scrittura ai parlanti, che con poco sforzo possono adattare le loro capacità già acquisite di scrittura in italiano a quella in sardo. Ha ovviamente il difetto di ammettere ogni possibile scrittura (come il famoso melone, meloni, maboi etc) e questo può generare sicuramente confusione all’inizio (io ho imparato piano piano a districarmi). Ovviamente, ma correggimi se sbaglio, la GSC che proponi tutto in teoria questo problema non ce l’ha, si riescono a rappresentare tutte le varianti in qualsiasi modo, se non ho capito male (mi piacerebbe seguire un tuo corso, come ho seguito quello di Mario, perché a me non interessa la polemica, ma solo capire). Ciao!!!
    Ps: è vero, la LdM è il Sardo di Sammugheo. Allora mi sorge una domanda: quanto dista, secondo i tuoi calcoli, la LSC dalla LdM? Se la percentuale è dello stesso ordine di quella fra LSC e Sardo di Abbasanta…

    • bene! Detto questo non capisco a cosa ci serva scrivere i dialetti diversi in modo diverso, se non tramite un alfabeto fonetico che ci permetterebbe, quasi, di rappresentare la pronuncia reale. Mario vive in un mondo molto diverso dal mio. Qaunto alla distanza tra il sardo di Samugheo e la LSC, penso che sia paragonabile alla distanza tra LSC e il sardo di Atzara. Ma ovviamente avrei bisogno di misurare…
      Insomma, LSC, Abbasanta, Atzara, Samugheo, sono tutte possibilità di mesanía. La LSC odora di plastica per i suoi detrattori. Probabilmente puzzerebbe di pecora il sardo di Samugheo per gli stessi detrattori. Quanto a Mario, se la LSC avesse il DH, Mario sarebbe un suo fanatico sostenitore. Adesso invece è uno dei suoi più accaniti nemici. Se un DH vale tanto, meglio perderlo ( e anche Mario) che trovarlo!
      Quest’estate terrò un corso in zona di Cagliari. Ti faccio sapere.

  12. Su traballu de Puddu podet andare bene pro sas grafias locales, ma non pro una grafia comuna. A pàrrer meu sas grafias locales e (finas sas illustres) podent istare in pare a una grafia comuna chene problemas. Antzias est bellu a las mantènnere ca mustrant deretu su faeddu e sas particularidades de ogni bidda.

    Ma pigamus sas ainas informaticas (motores de busca, curregidores, traduidores, interfatzas graficas), o sas leges, o sas etichetas de sos produtos, o sos signales urbanos, in fines totu cussas cosas chi pro funtzionare rechedint unu standard iscritu. Comente si faghet, si de standard bi nd’at duos, tres, 400?

    Diat èssere una concuista manna a tènnere un google translator finas pro su sardu, ma ite diat respondere Google si li namus chi debent mantènner a su nessi duos motores ativos, ca non resessimus a nos pònner de acordu in mancu de 2 miliones de persones? E si li namus chi imbetzes de motores bi nde cheret belle 400? Nos pagat s’abertura de sa domo de Ritzeddu.

    E si pro casu facebook diat cuntzèdere sa bortadura in sardu a contributu de sos utentes? Pitica sa gherra linguistica chi bi essit, oi mama.

  13. E’ vero ciò che dice fp40… infatti Mario propone anche una lingua standard per gli usi meno personali, quali ad es. gli atti amministrativi ed anche alcuni tipi di pubblicazioni (ad es. la GrammLS che ha scritto, pubblicata da Condaghes, è scritta con lo standard LdM, cioè nel sardo di Sammugheo). Dunque immagino che anche per l’informatica egli stesso capisca la necessità di una varietà di riferimento. C’è anche da dire che il correttore ortografico che viene dato con il DitzLCS, che funziona benissimo, è in grado di riconoscere gli errori di scrittura (rispetto ovviamente al criterio di Mario) a prescindere dalla variante! Infatti, Robè, se ti ricordi a Firenze quel ragazzo che lavora per Condaghes ha detto che quel lavoro è fatto talmente bene che conviene partire da li per scrivere il correttore per la LSC. Per la polemica sul DH, se davvero solo quello il motivo sarebbe una polemica sterile…
    Per quanto riguarda l’utilità di rappresentare (quasi) tutti i suoni delle varianti anche nella scrittura ordinaria, similmente a quella fonetica, questa domanda mi è già stata fatta da Diego Corraine la volta che l’ho conosciuto. Non essendo un linguista non so dare una risposta scientifica, e non la seppi dare neanche a lui quella volta. Mi permetto solo di ribadire che con quel criterio chiunque abbia fatto le elementari può scrivere, con poco sforzo, in Sardo, oltre al fatto che verrebbero superate le ritrosie di quelli che non capiscono la necessità di una grafia unitaria e di uno standard di riferimento.
    E poi ammetto che io ormai mi sono affezionato alla scrittura “a sa Màrio Pudhu”…

    Comunque io torno in Sardegna ad Agosto… il tuo corso quando sarebbe? E’ già stabilito?

  14. provare cosa? ad offrire l’altra guancia?🙂
    Come avere un consenso diffuso?
    proviamo a pensarci; le esigenze sentite sono tre:
    1) permettere a tutti i sardofoni di scrivere nella propria variante; questo è compito dei linguisti, tu hai proposto la GSC; io non ho studiato bene la tua proposta, ma se non c’è la corrispondenza univoca tra suono e segno, mi sembra difficilmente percorribile; il campionario fonologico (così si dice?🙂 ) del sardo è vasto ma non enorme e sufficientemente studiato; si potrebbe studiare un sistema grafico con un offerta in grado di coprire la …domanda: cosa c’è di così assurdo nell’introdurre segni strani se il fine è quello di permettere il legittimo desiderio di scrivere nel proprio idioma materno? basta essere consapevoli che quello deve essere lo scopo, cioè uno scopo individuale e non sociale, e non pretendere che l’impiegato di un ufficio pubblico di Olbia impazzisca con le nasali campidanesi o un avvocato cagliaritano perda la testa dietro le laterali sibilanti o il colpo di glottide !! Via libera dunque a “mabõi” !!! Why not? Chi ce lo impedisce? Nessuno, e facciamo contenti una fetta; a scuola sarebbe un po’ complesso ma non impossibile; l’orgoglio e l’affetto locale premiato.
    2) Avere un modello linguistico, fonetico, ortografico, morfologico, sintattico, lessicale sufficientemente rigido da poter essere utilizzato nelle funzioni pubbliche complesse di una società moderna: LSU, LSC, Logudorese, Campidanese, tutte potrebbero andar bene una volta sufficientemente codificate; ma qua stiamo parlando di un idioma che rappresenta pubblicamente una comunità e, poichè siamo in democrazia, tutte le sub-comunità si devono sentire non dico rappresentate ma neppure pregiudizialmente escluse; la LSC aveva questo intento in teoria, in pratica ha prevalso sempre il wagnerismo, escludente e prepotente; creare una lingua di plastica col bilancino? Si, chi ce lo impedisce? nessuno ! se lo scopo è la chiarezza e la rappresentatività ben venga la lingua di plastica, l’esperanto sardo;
    3) Premiare il tradizionale, qualche volta goliardico altre decisamente antipatico campanilismo nord-sud? Bene, esclusi dalle funzioni pubbliche e dalla lingua dell’intimità, il logudorese e il campidanese rappresentano le lingue culturali della storia medioevale, moderna e contemporanea della nostra terra, ne rappresentano e riassumono pregi e difetti, sono il nostro DNA delle centu concas nei secoli dei secoli; cosa ci impedisce di utilizzarlo nello studio scolastico della lingua e della letteratura? Chi ci è affettivamente legato, un’elite ormai avanti negli anni, avrà ben chiaro che quel patrimonio culturale non verrà buttato via in nome del localismo estremo o dell’esigenze della modernità;

    In altri post ho scritto che non possiamo chiedere miracoli agli insegnanti, sono ancora di questo parere; dobbiamo trovare i modi per una soluzione didattica con una traccia sicura per loro: il compito che le aspetta sarà arduo.
    Il tutto è troppo complicato? si, ma non abbiamo molta scelta, altrimenti non ne usciamo da questo vicolo cieco.
    Altri hanno fatto esperienze simili, mi viene in mente il romancio, ma di soluzioni complesse se ne trovano a iosa in giro per il mondo: catalano, basco, norvegese, albanese, arabo; basta avere la volontà….politica, di tutti noi.
    Perdonate la logorrea🙂

    • “ma se non c’è la corrispondenza univoca tra suono e segno, mi sembra difficilmente percorribile;`
      Ecco, la chiave per capire quello che dici è tutta qui.
      Queste cose le ho spiegate mille volte. Adesso procaci tu a fare una proposta che accontenti tutti. Addío!

  15. @ Marco: apo a faxer su cursu in su mede de argiolas….

  16. Non faccio il tuo mestiere e non posso fare proposte in quel campo;
    dovresti prendere atto che la tua proposta non ha avuto molto successo, se poi non ti interessa e vuoi fare la guerra contro i mulini a vento come Mario Puddu col suo DH, avanti, nessuno te lo impedisce; auguri !
    Devo prendere l’addìo come un addìo?

  17. 😦 in argiolas… e tando non b’apo a pòder andare, ca so semper innoghe in cussos tempos…

    @Mauro Podda: non ti che andes, no! Sa discussione tra positziones diferentes est su sale de sa scièntzia!

  18. grazie Marco🙂
    anche perchè non ho detto che la proposta di Roberto non ha valore (non mi posso permettere di fare affermazioni di questo tono), ho solo detto che mi sembra difficilmente percorribile; è solo un’opinione, sarei felicissimo di essere contraddetto dai fatti.
    L’importante che ognuno non si intestardisca troppo sulle proprie idee (il sottoscritto compreso): la posta in gioco è, secondo me troppo preziosa.
    p.s. sarebbe per esempio di grande interesse se Roberto riportasse esperienze simili di altri paesi e situazioni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: