Il fonema e le tette

Un mio compagno di scuola aveva un difetto di pronuncia: anziché la S, pronunciava una T. Da grande è diventato Testimone di Geova, ma non  gli è servito a niente.

Quando lo sentivo parlare mi ricordavo di questa barzelletta che ci aveva raccontato il professore di Educazione Fisica.

“Il barone viene trovato assassinato e la polizia brancola nel buio. Dopo molti tentativi, fermi e interrogatori, ancora non si trova il colpevole. I giornali  scalpitano e gli investigatori sono disperati. Cosí quando si presenta un ometto con un piccolo difetto di pronuncia che dice: “Io tono in grado di trovare l’attattino”, i poliziotti decidono di dargli una possibilità.

L’ometto fa allora una richiesta un po’ strana: “Dovete portare 20 belle ragatte, farle mettere intorno al morto e poi loro devono denudare il teno”.

I poliziotti gli danno retta e dispongono 20 ragazze in topless attorno al morto. Il morto allora si mette a sedere e dice: “”Mi ha ucciso il maggiordomo!”

Il maggiordomo confessa e i poliziotti si affrettano a chiedere all’ometto come avesse fatto.

E lui: “Semplicittimo: quarantatette, morto che parla!”

Il fatto che riusciate a capire la barzelletta dimostra che il fonema non è un “suono” e meno che mai un suono concreto, ma una funzione astratta che definisce il rapporto tra suoni diversi: rapporti sintagmatici (come quello tra la S della parola seno e i fonemi /e/, /n/ e /o/) e rapporti paradigmatici (come quello con la M della parola meno).

Questa barzelletta mostra come, fin quanto la parola seno non viene confusa, per esempio, con la parola meno, in quel dato contesto, non importa un granché come un fonema viene realizzato concretamente. E se pensate che, sí, dai, questa è solo una barzelletta, vi ricordo che nel sardo di Sestu esistono 10 (dieci) modi diversi di realizzare il fonema /s/ in fine di parola. Il fonema /s/ ha dieci allofoni!

Pensate poi alla differenza tra le plosive sorde /p/, /t/ e /k/, che dopo una vocale vengono realizzate come le fricative sonore [B], [D] e [G], con le quali gli allofoni non leniti condividono soltanto il punto di articolazione, mentre tutto il resto è molto più diverso di quanto una [s] differisce da una [t]: se riducete la lunghezza della [s] registrata a quella di una [t], ottenete semplicemente una [t]!

E questo lasciando perdere il fatto che tutti i fonemi di qualunque lingua hanno un numero di allofoni che dipende dal numero di contesti che risultato dall’adiacenza degli altri suoni. Il fenomeno si chiama “coarticolazione” e implica il fatto che due suoni adiacenti influenzino la pronuncia l’uno dell’altro.

Se registrate le sillabe [ta], [ti] e [tu] e cancellate le vocali, sentirete che la prima /t/ ha quasi il suono della [k] e la terza quasi il suono della [p].

Il fonema allora è il comune denominatore astrattissimo di tutti questi allofoni.

Chi parla di “lingua di plastica” per le proposte di grafia unitaria del sardo che permettono diverse pronunce non conosce la differenza tra fonema e allofono. E badate bene che questi concetti sono stati definiti dalla Scuola di Praga, già negli anni Trenta del secolo scorso.

La colpa del fatto che tanta gente sia rimasta così grassamente ignorante–pur pretendendo di mettere in continuazione in discussione tutto quanto–di chi è?

Deu mi seu fintzas arrosciu de arripiti ca sa retza est prena de articulus aundi spiegu custas cosas.

17 Comments to “Il fonema e le tette”

  1. Da ignorante nel campo non posso che seguire con attenzione e interesse ciò che tu scrivi con ben altra cognizione di causa.
    Ciò che mi fa pensare però è la capacità della gente comune di comprendere tutto ciò avendo in mente un tipo di scrittura, come quella italiana ma non solo, che ci ha abituato a collegare un segno ad un suono. E’ vero, anche nell’italiano parlato ci sono più allofoni per alcuni fonemi. Però l’italiano standard mi sembra avere ha una certa stabilità nella pronuncia. Quindi anche il sardo dovrebbe avere una sua pronuncia standard, non pensi? Almeno, a me pare una necessità……
    Approfitto dell’argomento che hai aperto per chiederti quale sia il limite tra un allofono e un nuovo fonema: per esempio, in egua vs ebba i nessi gu/bb (perdona la scarsa precisione tecnica nei miei scritti) sono allofoni di uno stesso fonema? e in tal caso, quale è la forma preferibile di rappresentazione grafica? nei pronomi li, lis, lu, los las e ddi, ddis, ddu, ddos, ddas, ci sono in ciascuno allofoni di uno stesso fonema (l vs dd)? e is vs sos/sas ? dove è il limite?
    Ti prego, non t’arrosciast, ca bollu cumprendi beni, e bollu cumprendi si sa grafia unitaria cosa tua sia concretamente applicabile. Chi dda cumprendu deu, chi seu tosturrudu e corriatzu, dda podint cumprendi tottus🙂

  2. Comente apo nadu giae in antis, In su biztichesu (e in su lubulesu e parte de sa baronia) unu grustu de paraùlas chi in LSC si iscrient cun sas lìteras -rgi- nch’essint cun su sonu [λ]

    argia [aλa]
    argiola [aλOla]
    cussorgia [cussOλa]
    orgiu [oλu]

    finas sa paràula traballu, e àteras cun sas lìteras -ll-, tenent su sonu [λ]

    traballu [traβaλu]

    Pro me traballu faghet rima cun faulàrgiu e non cun ballu😀

    Comente iscrient, su prus, custas paraùlas? Dae su chi bido in facebook s’impreat pruscatotu su sistema ortograficu italianu, cun sas lìteras -gl- de “aglio” e “paglia” e duncas

    aglia [aλa]
    agliola [aλOla]
    cussoglia [cussOλa]
    ogliu [oλu]
    travagliu [traβaλu]

    *sas vocales diant deber èsser giustas como (torra a perdonare Robé).

    Apo scuntrobadu medas bortas chi, chie leghet pro sa prima bia sas paràulas iscritas de custa manera e non connoschet bene su faeddu nostru, agatat dificurtade a las reconnòschere. Medas bias tocat de iscrìere su currispundente de su faeddu insoro, o fintzas arribare a impreare s’italianu comente limba de mediatzione e posca sighire a iscrìere in sardu.

    In su faeddu totu custu anneu non l’apo mai agatadu.

    Si pagamus s’abandonu de su grafema italianu -gl- (e de totu s’iscritura italiana de su bitzichesu, pro nàrrere), su balàngiu chi diamus àer podet èsser chi gai resessimus a iscrier prus a craru a totu sa Sardigna. Ma si imbetzes est de impreare una norma petzi pro iscrìer a su mesus (o unu cuartu) de sos Sardos, forsis non nde balet su tantu e amus a restare in su connotu (chi in beridade est disconnotu).

    —————————————————————————————————————————————————

    Cando sos pipios chi proant su sistema ortogràficu cumprèndent chi non debent mudare su faeddu pro lèghere e iscrìere, si nd’ammàchiant. Issos non sunt galu colados in su molle de sa grafia italiana. Est megius a torrare pipios, imbetzes de si contare che sabios.

    Imbetzes a lègher a s’italiana e no a sa sarda est colonizatzione linguistica (comente at giae nadu Mauru), e sa prima cosa chi diant nàrrere est chi no est sa limba insoro, chi est istràngia. Comente m’at nadu sa pitzoca in sa mustra de Gaudì:

    http://fp40.wordpress.com/2011/01/18/gaudi-in-sardu/

    chi, s’iscura, leghiat sa LSC a s’italiana, ca nemo l’at assingiadu comente fàghere.

    Ma unu sistema ortogràficu difèrente dae s’italianu (a banda de s’utilesa pro iscrìer in sardu) diat dare anneu a s’imparu de s’italianu?

    Sos gallesos chi faeddant e iscrient su gaèlicu non paret chi tèngiant tantos problemas a imparare bene s’inglesu e non si birgòngiant de seguru su “accent” insoro, antzias nde faghent unu puntu de onore. E nodare chi sa pronùntzia inglesa de su Galles non cambiat meda tra chie faeddat fintzas su gallesu, e chie non lu faeddat. E custu puru m’ammentat carchi àteru logu.

    Sos gallesos pro su gaèlicu non tenent una pronùntzia standard e sunt faghende de sa limba insoro unu motore econòmicu pro su Galles. E sos chi faeddant e iscrient su gaèlicu sunt semper de prus.

    A ite serbit a unu sardu una pronùntzia standard? Non tenet giae ognunu sa pronùtzia de su faeddu suo?

    Forsis diat serbire a chie cheret imparare su sardu comente segunda limba? E pro ite? Si podet imparare s’ortografia comuna cun una de sas tantas pronùntzias a disponidura, comente si faghet cun su gaèlicu gallesu.

  3. Ita serbit una pronuntzia standard? serbit comenti a is cinesus su mandarinu!!
    Issus cun sa scrittura insoru giai si cumprendiant a pari, ant boffiu puru sa pronuncia uguali, cussa de sa corti imperiali, mancai fessint comunistas!! E tottus is cinesus imparant a liggi is ideogrammas con sa pronunzia de Beijing, mancai siat differenti meda de sa de sa bidda insoru.
    A is gallesus no serbit ca si cumprendit a pari in inglesu, a is sardus no serbit ca si cumprendit a pari in italianu…..
    Duncas podeus sighiri aici, dognunu in s’arrenconi suu.

    • In Cina, su mandarinu dd’imparant a su costau de sa pronuncia “locali”. Ma is differntzias intra de is “dialettus” de su cinesu funt mannas che is intra de su frantzesu e su sardu!
      Ah, e po s’inglesu americanu non esistit una pronuntzia standard…

  4. duncas, chi appo cumprendidu bene, segundu su chi narat Roberto, podemus scriere in sardu in una manera sceti(???), mancari separende sa forma grafica plus accanta a sa etimologica, gasinche (aici) est?
    Facemus esemplos:
    acua e abba, llos scriemus AQUA
    los e ddus llos scriemus LLOS
    scriri e iscriere llos scriemus SCRIERE
    rosa e arrosa llos scriemus ROSA
    chelu e celu llos scriemus CELU
    prus pius e plus illos scriemus PLUS
    orgiu e orzu llos scriemus ORIU
    fillu, fidzu, figliu, figgiu, filgiu llos scriemus FILIU
    pratza, pratha, piatta, platza llas scriemus PLATEA
    is e sos llos scriemus ISSOS
    andau, andadu e andatu llos scriemus ANDATU
    frumini, fiumene frumene flumini llos scriemus FLUMEN
    DUNCAS:
    Depia battiare issu filiu meu plus mannu, llu depemus battiare in issa platea, ma fiat ploende tottu issa die, su celu fiat nigeddu pro iss’aqua ca fiat calende, e issos cumbitatos teniant famen e llis amus datu a pappare oriu e pane cun oliu e insalata de rosas.
    Ci riusciamo a leggerlo ognuno nella propria variante?🙂🙂
    a su bitzichesu manca ddi bessit beni puru, a mei….
    deppemu battiai su fillu miu prus mannu, ddu depemus battiai in sa pratza, ma fiat proendi tottu sa di, su celu fiat nieddu po s’àcua ca fiat calendi, e is cumbidaus teniant famini e ddis eus donau a pappai orgiu e pani cun ollu e insalada de arrosas.

  5. depeus. non depemus…

  6. ita bolit nai chi in s’inglesu americanu no nc’est pronuntzia standard? deu biu chi candi chistionat Obama deu ddu cumprendu, candu chistionat un baccargiu de su Texas no nci cumprendu nudda, e no sceti deu….

  7. e sa pronuntzia locali in Cina mi parit ca dda imparint sceti in ….Taiwan, Hong Kong e Macau…

  8. La verità è che per una lingua come il sardo che non ha una solida tradizione scrittoria unitaria, e le cui varietà, non dico diastratiche (che voi democratici vi offendete), ma almeno diamesiche e diafasiche siano riconoscibili e conosciute dalla maggioranza dei locutori, un sistema come quello proposto da Roberto è, secondo me, di difficile applicazione.
    Rimango del parere che non si possa fare a meno di una pronuncia standard. Poi il tempo e l’uso faranno il loro lavoro. Ma per adesso credo che sia una necessità irrinunciabile.

  9. Deβiapo batiaɾe zu itzu meu pɾuɾ mannu, lu deβimuɾ batiaɾ i sa pɾatza, ma i pɾoEnne totu za die, zu kel’ ‘i’ nnieɖu pɾo s’abba ka i kalanne, e zos kumbitatos tenian famEne e liz amur dat a papare oλu e pane kin otsu e isalat ‘e rozaza

    *non balet a mudare su lessicu si semus faeddande petzi de pronùntzia.

    Deo apo scuntrobadu chi cun sa LSC non b’at apidu galu mancu unu (e torro a nàrrere mancu unu) chi no at reconnodu una paràula iscrita chi giae connoschiat in su sardu suo. Duncas in custu est superiore a sa ortografia italiana. Como proo unu pagu sa GSC e bidimus comente andat.

    Pro sa pronùntzia standard, sigo a pensare chi non tenet peruna utilidade. Mancu sos inglesos l’imparant prus a sos pipios sa “Received Pronunciation”, ca si sunt abigiados chi faghiat prus dannu chi no àteru. Fintzas a sos gallesos e sos scotzesos fiat faghende dannu, pròpriu in s’imparu de s’inglesu.

    Imbetzes de disaogare s’arresonu, pro ite non proas sa LSC (o fintzas sa GSC) cun su casteddaju? Gasi podes scuntrobare su chi non andat bene e fàgher propostas de annoamentos.

    O pretendes chi si furriet totu a culu a susu un’àtera borta?

  10. guarda che è già furriau tottu a culu a susu, perchè la provincia di Cagliari ha già fatto la sua scelta!! e dubito che tornerà mai indietro; la LSC non la provo nemmeno, perchè di comune ha poco e niente senza modifiche profonde; sulla GSC si può ragionare ma bisogna lavorarci molto.
    Riguardo a inglese e ad altre pronunce standard, le lingue di solida tradizione scritta se lo possono permettere di tollerare le varietà e comunque entro certi limiti. Tanto più in tempi di democrazia, ma sono sempre esistite forze “centripete” e forze “centrifughe”: la maggior parte delle lingue moderne si sono sviluppate in questo modi.
    Il sardo semplicemente non se lo può permettere: tu dimentichi sempre che è fortemente soccombente di fronte all’italiano, e la maggior parte della gente, non particolarmente appassionata come noi, farà sempre lo sforzo minore per comunicare, e secondo me non gli si può proporre una cosa su cui ci stiamo già accapigliando fra noi 4 gatti sardofili. Comunque tentar non nuoce, si prova e si corregge, è l’unica cosa che pretendo.
    Poi Roberto è perfino più permaloso di me, che è tutto dire.
    p.s. che te ne pare della scrittura etimologico-latineggiante di sopra?

  11. Custu est iscritu dae unu de Igrèsias

    ————————————————————————

    A onniunu de nois diat dèpere èssere cuntzèdida sa possibilidade, mancari una ebbia, de si bìdere dae foras, de si castiare a sese etotu. Pro nos cumprèndere mègius, pro bìdere si s’àndala chi semus sighende est dereta o torta, paremighe o a brìnchidos. Che a s’astronàuta chi sa Terra dda bidet tunda, ma a tie chi bi ses in pitzu ti paret totu paris. O cando un’àrvure giughet fròngias malàidas: a bias sa dificultade sua podet èssere cuada. In sas raighinas, ca pro crèschere sanu su sustentu ddu regollet dae cue.

    M’apo lassadu a palas sa terra mea carchi annos a como cun pagas cosas in bèrtula, ca pensaia de tènnere giai totu su chi serbiat. Pensaia chi sos istimados meos e sa terra nadia fessint s’ùnicu ligàmene sintzillu e essentziale pro m’intèndere fìgiu de cussa terra, pro mi nàrrere sardu.

    Apo cumentzadu a castiare dae tesu a sas raighinas meas, in antis cun sos matessi sentimentos de cale si siat disterradu, paràula forte chi sos sardos impreamus pro discinire cuss’istadu de privatzione de sa terra, de istesiamentu mancari non siat fortzadu. M’ispeddiaiat meda, ma ddu ischint medas ite cheret nàrrere.

    Sa sorte m’at fatu lòmpere a Catalugna, in ue s’agatat una cultura de minoria manna e bia. In cue sa gente est artiva, s’intendet pòpulu, ma non petzi gràtzias a sa terra in ue sunt. Pro cantu potzat èssere galana e rica una terra, est isceti unu donu chi nos ant intregadu pro ddu costoire, no est una cunchista o unu meressimentu de sa gente chi ddue bivet. Sas raighinas de unu pòpulu s’atzuvant in sa terra e dd’afarrancant pro s’istantargiare, ma non est che a is matas unu pòpulu: su sustentu suo ddu depet chircare in s’istòria sua e in s’erèntzia chi custa nos at lassadu. Dae sos catalanos apo cumpresu chi su marcu de s’istòria de unu pòpulu, paris cun sa cultura e sas traditziones suas, est fintzas – e massimamente – sa limba. S’istòria de una natzione sighit a bìvere peri sa limba. E si non connosches s’istòria de sa gente tua, non podes ischire de a beru dae ue benis.

    Su camminu meu, bidu dae tesu, duncas non fiat cumpridu, ca giughiat unu bòidu e cheriat prenadu. Pro more de cussu bòidu no apo pòdidu, pro nàrrere, arresonare cun giaju meu in sa limba sua de bartzolu: a isse etotu dd’aiant cunstrintu a pesare sos crios suos in una limba chi non fiat sa sua. Mi paret de mi lu ammentare cando naraiat “giai m’iat a arrechedi unu tzicu de cafei”: si t’aeret cumpresu ti l’aia batidu deo, giaju istimadu.

    Semus galu abetende chi sa dinnidade de sa limba nostra siat reconnota, chi intret in s’iscola, in s’amministratzione, chi torret in sa vida de cada die. Nos ant privadu de sas raighinas pro si pòdere sestare comente mègius lis cumbeniat.

    Ma como non b’at prus tempus pro lastimare: su sardu dae tropu tempus est abetende de poder intrare in sa modernidade comente ant fatu is àteras limbas. E comente is àteras est capatzu de descrìere sos tempos de oe. Tando est craru chi meda at a dipèndere dae sos giòvanos.

    Tocat a cumprèndere isceti chi su sardu est una sienda pro is sardos e fintzas un’ocasione pro crèschere e pro intèndere mègius s’identidade pròpia, comente individuos e comente pòpulu.

    Lisandru Camboni pro Eja Noas n.4, Maju 2011

    ————————————————————————

    Isse, chi l’at iscritu, narat chi resessit a lu lègher bene cunforma su faeddu suo.

    Isse at mandadu custu iscritu a unu giornale.

    Deo lego su giornale, e su chi b’est iscritu lu lego cunforma su faeddu meu, in bitzichesu.

    gresienti -> LSC -> bitzichesu

    Su chi iscrio deo in bitzichesu. Isse lu leghet in gresienti.

    bitzichesu -> LSC -> gresienti

    Una grafia, tantas pronùnzias. Ite b’at de gasi dificurtosu de cumprèndere?

    O est ca su paris de Lisandru est su Cixerri e non su Campidanu?

    Si dimandamus a Lisandru, so seguru chi tenet sas ideas suas a pitzu de sa grafia (diferentes dae sas meas, sas de Mauru, sas de Robertu, etz.).

    Ma siat deo chi Lisandru semus fìsicos, nos dant unu modellu de iscuntrobare cun sa realidade e l’iscuntrobamus. Pagas lanas, o funtzionat o non funtzionat.E s’unica manera de l’ischire est a lu proare. E ue non funtzionat si debet megiorare. Siat deo chi Lisandru no impreamus semper sa LSC in calesisiat testu, ma in su fitianu usamus sa grafia locale de su faeddu nostru (ue est su problema?).

    Sa LSC est incoerente? Ue sunt sas propostas de annoamentu (a banda de sa GSC de Robertu)?

    Deo so intendende petzi issollòrios a pitzu de limbas de pràstica, artifitziales, OGM e de colonizatzione linguistica, dae gente chi s’est intostada a lègher una grafia sarda cun sos otzales italianos. Mi dimando comente custa gente at a lègher s’inglesu.

    Ite li ahes sa honha nhe li sehas?

    Unu libru chi so leghende est “Language Death” de David Crystal http://www.davidcrystal.com , linguista de s’unirvesidade de Bangor in Galles, e non pròpriu unu lutzida-blasone in contu de amparu de limbas:

    “Even the question of competing dialects can be handled, with careful planning. An example is Quechua, where several local dialects were each given official status, all written in one alphabet*.

    * However, the question of which way to represent standardized Quechua has proved contentious. One group supports an alphabet which has symbols for five vowels, showing Spanish colonial influence.; another supports a system showing three vowels, which is more in line with the actual phonological structure of the language. The dispute has slowed the production of written materials, because publishers are naturally reluctant to invest in either system in case it is eventually rejected. Strongly held positions of this kind, though historically explicable, are a real hindrance to revitalization efforts, because they dissipate the energies of those who should be fighting on the same side.

    Another is Romansh, where five dialects had each developed an individual literary norm. In 1978, a non-Romansh linguist Heinrich Scmid, was given the task of devising a unified which would trear each dialect impartially. The resulting ‘Rumantsch Grischun’ reflected the frequencies with which words and forms were used in different dialects, choosing (when items where in competition) those which were most widespread. Although controversially received, as an artificial standard, it has since come to increasingly used as a practical administrative tool, in official situation where the five dialects need a lingua franca.

    All dialects seem to have benefited from the newfound presitge, as a result.”

    Un’àteru testu suo interessante pro sos puristas de sa limba no-OGM est custu

    http://www.davidcrystal.com/DC_articles/Langdeath4.pdf

    e a pitzu de s’impreu de su gaelicu e de s’inglesu in Galles narat

    “In actual fact, most people living in a community where there is a small language are already, to a degree, on the continua. Very few people in Wales know no Welsh at all, or in New Zealand know no Maori at all. My Icelandic has actually grown by 300 percent since Wednesday – I now know three words. It is inevitable that, as soon as you come to visit a community or come to live in it, you start moving on the various continua: you will start hearing the language regularly, you will see it around you routinely. Intuitions begin to be shaped. And people need to have this foetal sense of the small language reinforced. If I were in charge of a marketing drive for Welsh, for example, I wouldn’t draw a contrast between Welsh-speaking and non-Welsh-speaking. That is divisive. I would say: everyone in Wales uses Welsh. You can’t avoid it. Just by crossing the border, your reading comprehension starts to climb. You are already on the continuum. So, you know one Welsh word? Double your competence, learn another…! Minority language planners need to think positive, not negative: not how much Welsh don’t you know but: how much Welsh do you know? And if you need to mix two languages together to make communication work (the phenomenon of code switching), then mix them!”

    Ma difatis in Galles s’ant conchistadu su bilinguismu in s’interis chi nois s’iscorramus pro duas lìteras.

  12. “Una grafia, tantas pronùnzias. Ite b’at de gasi dificurtosu de cumprèndere?”
    Io trovo persino strano che tu non vi trovi difficoltà, ammesso e non concesso che ci si accordi su una grafia unitaria!!
    Mi sembra che tu pensi sempre alla lingua come il codice che si usa in famiglia e con gli amici.
    Ma non è così: ci sono situazioni in cui la precisione della comprensione è essenziale, anche nel parlato: come puoi pretendere che in un tribunale o in un aula universitaria (non di linguistica) o in sala operatoria mentre si opera a cuore aperto, ognuno parli la propria variante e venga facilmente compreso; il tutto in una situazione di diglossia (a essere ottimisti) con una lingua forte. Questa è la differenza sociolinguistica tra lingua e dialetto!!!
    Hai anche fatto gli esempi del romancio e del quechua, che sono esemplari. Io aggiungo che in Catalogna, l’unica situazione pubblica ove ostinatamente si continua a usare lo spagnolo sono i tribunali, eppure il catalano ha ben altro livello di standardizzazione rispetto al sardo!!

  13. Comente istocada de balla ant a fàgher unu chirurgu de Newcastle cun unu infermieri de Londra a si cumprendere? Ant a èsser totu assuconados a si fagher operare a su coro, ca unu narat [ha:t] e s’ateru li rispondet [härt]

    In su Brotzu s’ant a faddire s’operatzione, ca b’at unu cabillu chi narat coro [cOrO] intamis de [cOru].

    Semus puntu e a cabu Mauru, ses torrande a confundere “accent” cun “language style”. Sos registros linguisticos non b’ant de bìder nudda cun sa pronùntzia.

    Ponimus chi in sos manuales de fìsica in sardu s’at a detzìdere de giuliare su chi sos inglesos cramant “speed” (e sos italianos “velocità scalare”) cun su faeddu sardu lestresa, e su chi sos inglesos giuliant “velocity” (e sos italianos “velocità vettoriale”) cun su faeddu belotzidade (comente dia propònnere deo). Ite b’intrat cun su fatu chi deo naro [βelotsitate] e unu de Casteddu [βelotsiɾaɾi]? A s’urtimu, at a bastare de non s’atobiare una bia pro nos cumprènder. Ma sa comunicatzione iscrita podet biagiare chene problemas.

    Tue cheres sos registros linguisticos chene àer galu sa gente chi bi traballat. Cando in sas iscolas s’at a poder fàgher fìsica in sardu, su sardu at a tènnere unu registru linguisticu pro sa fìsica, fraigadu dae sos fìsicos chi imparant sa fisica in sardu.

    Cando in sos tribunales at a èsser prus fitianu s’impreu de su sardu (ca giae si podet, l’ischias?), su registru legale de su sardu s’at a ismanniare, e at a intrare finas in sos atos legales ue como b’est petzi s’italianu. E chie lu debet fraigare su registru legale, deo? O Robertu? At a èssere faina de giuighes e abogados.

    Cando in sa aulas de Meighina de Tatari e Casteddu s’at a imparare a operare su coro in sardu, b’ant a èsser ecuipas de medicos abiles a operare su coro in sardu. E custa est faina de dotores e infermieris. E cando si traballat in pare a una persona bi cheret pagos minutos a li tènner su ghetu (accent).

    Si si detzidit chi in sos manuales de meighina si impreat su faeddu bìsturi pro s’italianu “bisturi”, e non, pro nàrrere, lantzita o segante, ue est su problema si b’at a èsser gente chi narat [bisturi], [bistori], [bisture], [isturi], etz.?

    Si, pro nàrrere, in sos manuales si detzidit de impreare su faeddu rene, intamis de rigu, rungione, nerule (semper totu bonos a contu meu), t’ant a operare su fìgadu ca su dotore at nadu [arEnE]?

    E fintzas chi no amus a impreare una grafia comuna, a su mancu (o petzi) in sas materias tecnico-amministrativas, no b’at a èsser mai sa massa crìtica chi at a fraigare sos registros linguisticos.

    Peroe so deo chi chèrgio su sardu petzi in familia, ma bae, bae.

  14. io vado, ma tu non vuoi capire
    mi stai prendendo per scemo, non sai nemmeno chi sono, non hai idea dello spessore col quale io esprimo i miei pensieri e mi dici che in tribunale si può usare il sardo!!!
    Ma ci sei mai entrato in un tribunale? Spero per te di no, ma sarebbe molto istruttivo!!!
    Intanto divertitevi, tu e Roberto, con la vostra grafia unitaria o la LSC spacciata per neutra e neutra non è.
    Io, mio malgrado, sarò costretto ad usare is arregulas, ma ……ho di fronte degli intolleranti e anche un po’ fanatici, non c’è modo di accordarsi con voi, avete ragione e basta.
    Ora addio lo dico io, non ricordo con quale registro….. e vado a effettuare il mio lavoro di funzionario pubblico in grafia unitaria. tanto mi capiscono tutti, ecchè ce vò!!!
    Auguri!!!

  15. Art. 109 codice procedura penale. Lingua degli atti.

    1. Gli atti del procedimento penale sono compiuti in lingua italiana.

    2. Davanti all’autorità giudiziaria avente competenza di primo grado o di appello su un territorio dove è insediata una minoranza linguistica riconosciuta, il cittadino italiano che appartiene a questa minoranza è, a sua richiesta, interrogato o esaminato nella madrelingua e il relativo verbale è redatto anche in tale lingua. Nella stessa lingua sono tradotti gli atti del procedimento a lui indirizzati successivamente alla sua richiesta. Restano salvi gli altri diritti stabiliti da leggi speciali e da convenzioni internazionali.

    3. Le disposizioni di questo articolo si osservano a pena di nullità.

    —————————

    Chi posca unu sos deretos suos non los connoscat o non los fatzat respetare est totu un’àteru arrèsonu.

    ps: no est cun mecus chi debes chircare cuncordu. Deo iscrio e duncas impreo sas grafias, non las fraigo. De comente fraigare una grafia non nde cumprendo una tzapa. Faghe sas propostas de annoamentu e si colant comente standard apo a impreare cussas, a mie non mi cambiat nudda. Si iscries cun sas arregulas non mi chesso de seguru. A parte chi mi piaghet su campidanesu literariu, ma a su nessi iscries in sardu.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: