L’On. Lupinu è un santo!

Cultivo una rosa blanca
en junio como enero
para el amigo sincero
que me da su mano franca.

Y para el cruel que me arranca
el corazón con que vivo,
cardo ni ortiga cultivo;
cultivo la rosa blanca.

L’On. Lupinu è un santo prestato alla politica.

Linguista? Ma no!

A cosa mai servirebbero i linguisti in Sardegna? Ha già fatto tutto San Max Leopold Wagner e tutto quello che occorre è vigilare sui suoi sacri dogmi.

L’On. Lupinu infatti non sa nemmeno cosa sia la linguistica. Il suo incarico è quello di Commissario Politico dell’Accademia Italiana in Terra Straniera (CPAITS).

Il compito di Lupinu, Prof. Giovanni, è quello di vigilare sul sardo.

Quando il sardo si pone  “in velleitaria competizione con la lingua nazionale”, Lupinu si inalbera e colpisce.

Io ho visto Lupinu, Prof. Giovanni inalberarsi dal vivo e vi giuro che è uno spettacolo impressionante!

E come colpisce duro e puro! Al punto che i suoi spettatori non hanno nemmeno il coraggio di mandarlo a cagare quando Lupinu, Prof. Giovanni, gli da degli incivili!

Colpiti dalla folgore divina, per tramite del vicario di Wagner in terra, i baluba di Paulilatino hanno percepito la santità della sua indignazione.

E oggi Lupinu, Prof. Giovanni, ha concesso  a un giornale giovanissimo (http://www.sardegnaquotidiano.it/) di ostendere la sua indignazione.

Il motivo della sua inalberazione è costituito da Sorigheddu, la versione in sardo di Topolino, realizzata con i finanziamenti della legge 26.

Sorigheddu è “in velleitaria competizione” con Topolino e quindi Lupinu, Prof. Giovanni, che vigilando vigila, ha colpito.

Ovviamente non perché Sorigheddu sia la penosa e succube traduzione di Topolino, anziché di Mickey Mouse (Mialinu Sorighe/Topi), ma perché l’immaginario dei bambini sardi potrebbe aprirsi alla nostra lingua e allora sì che la “velleitaria competizione” del sardo con l’italiano diventerebbe pericolosa per Lupinu, Prof. Giovanni, cioè per la sua missione di CPAITS.

Lupinu, Prof. Giovanni, per poter essere citato dai suoi colleghi italiani–cioè per poter esistere in una dimensione che vada oltre il giorno dello stipendio e la verifica della capacità dei suoi studenti di riprodurre in Wagnerpensiero (i miei coetanei sanno che sto riferendo al Maotsetungpensiero)–deve attenersi strettamente alle istruzioni: “il sardo non deve entrare in velleitaria competizione con l’italiano”.

E così, con la sua strabordante sensibilità, Lupinu, Prof. Giovanni, ci ostende le sue preoccupazioni per le altre lingue della Sardegna: il Sassarese-Gallurese, il Tabarkino e l’Algherese (questo in grave crisi, secondo Lupinu, Prof. Giovanni ), lingue minacciate dal sardo (ma non era il sardo ad essere in crisi irreversibile, secondo Lupinu, Prof. Giovanni?)

Ora, io ho molti parenti ad Alghero–mia mamma era di Biddanoa Monteleone–e ci vado quasi ogni anno e francamente, in questi ultimi anni,  non mi è mai capitato di sentire qualcuno che parlasse in sardo, né–è verissimo!–in catalano. Parlano tutti in italiano. Direi allora che il catalano di Alghero viene minacciato dall’italiano, non dal sardo!

Ma forse a me scarseggia la santità e non percepisco il messaggio divino, quello percepito da Lupinu, tramite Wagner o chi per lui.

I misteri della fede…

Io sono agnostico e non posso misurarmi con un credente.

Ma…

Ma allora voglio dare un consiglio a Lupinu, Prof. Giovanni: se davvero Lupinu, Prof. Giovanni, è così preoccupato per le sorti della altre lingue oppresse della Sardegna–oppresse dall’italiano!–perchè non convince il suo Rettore Magnifico (Mastino, il pittbull della Sardegna) a tenere metà dei corsi di lingua e cultura sarda in sardo e l’altra metà in Algherese, Tabarkino, Sarrarese-Gallurese, Veneto di Arborea, ecc.?

Allora sì che Lupinu, Prof. Giovanni, avrebbe il diritto di ergersi a difensore delle lingue minacciate dal sardo!

Se Lupinu, Prof. Giovanni,  riuscisse a compiere questo miracolo, le porte del Paradiso si spalancherebbero per lui e per il suo Mastino!

4 Comments to “L’On. Lupinu è un santo!”

  1. custa est troppu bella

  2. salludi Roberto, bellu meda su post cosa tua!

    Ma su dramma esti ca Lupinu, creiri de du esseri giai in paradisu, e non didi affuttidi una conca de cibudda de su fattu ca in sa cadira cosa sua iada e essiri mellusu chi dui sezzianta linguistasa mellusu de issu!!

  3. E adesso non dite che sarà colpa della LSC che lo stato italiano con la 482/99 ha riconosciuto sul territorio sardo come lingue tutelate solamente il catalano di Alghero e la lingua sarda… come mai quando Lupin scrive articoli sui giornali (Sardegna Quotidiano) non racconta tutto e menziona solo le leggi che più gli aggradano? Professor o Onorevol Lupin, come la dovremmo chiamare???
    Il più grande spettacolo dopo il Big Bang non è la LSC…è Lupin

  4. P.S. Il più grande spettacolo dopo il Big Bang è Lupin

    (quasi quasi fa rima anche se scritto in maniera differente)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: