Archive for October, 2011

October 30, 2011

Bogade su dinari!

 

Ddoe at pagu de discuter: su sardu, in custos 14 annos passados dae sa bessida de sa lee 26, s’est postu a postu in medas cosas.

Sa limba nostra est torrada a essere in medas logos e situatziones una limba pubblica; gente meda l’impreat pro faeddare de argumentos cultos e tecnicos; si faent atobios ufitziales inue sa limba veicolare est su sardu; sunt essidas in custos annos prus de 200 operas in prosa in sardu; in Internet agatas medas sitos e blogs innue sa gente scriet in sardu e aici e totu in Facebook agatas medas grupos pro s’amparu de sa limba; su numeru de studios modernos a subra de su sardu, fatos in is universidades europeas, est creschende semper e at superadu su pagu fatu dae Wagner e dae is nebodeddos suos siat in cantidade, siat–ma bi keríat pagu–in calidade.

Insomma, totu bene?

Totu bene pro su pertocat sa gente ki trabballat a gratis pro sa limba. Nos sa parte nostra dda semus faende.

Totu bene cando non est sa Regione ki depet bogare su dinari.

Sa Regione su dinari pro su sardu non ddu spendet.

Su cunsigeri regionale Efis Planetta nosi a fatu ischire ca su dinari spendidu in is urtimos tres annos pro sardu est custu:

€ 1.600.000, in su 2009 cun Soru

€ 1.300.000,  in su 2010  cun Baire & Maninchedda

€ 998.000, in su 2011   cun Milia

Immoe ca est craru ca su ki serbit a su sardu est DINARI (pro ponner giovanos a trabballare) su cunsigiu regionale su dinari non ddu spendet comente prevedit sa lee.

S’assessoradu a sa curtura depet spender s’1% de su bilanciu pro su sardu, ma non ddu faet.

Castiade a solos comente spendet su dinari s’assessoradu:

La dotazione iniziale di bilancio 2011 (dati ufficiali reperibili da Internet)  dei servizi è la seguente:

 

SERVIZIO ISTRUZIONE                                                                                                   EURO        61.000.000     

SERVIZIO FORMAZIONE SUPERIORE E UNIVERSITA’                                                  “             94.000.000

 AFFARI GENERALI                                                                                                             “               1.010.000

BENI CULTURALI                                                                                                                “              26.776.000

SPETTACOLO, SPORT, EDITORIA, CINEMA                                                                    “            47.880.000

BIBLIOTECA E BENI LIBRARI                                                                                             “             11.705.000

LINGUA E CULTURA SARDA                                                                                          EURO          2.788.000

TOTALE                                                                                                                          EURO           245.159.000

Dai dati relativi alle dotazione del servizio lingua sarda va sottratto

Il contributo Statale  della legge 482/99 pari a    Euro 1.500.000

Più gli importi riconducibili a Sa Die de Sa sardigna e a interventi di natura culturale (non linguistica)

Pari a euro  350.000, per un totale di euro 1.850.000

E aggiungiamo 50.000 arrivati con il collegato

Pertanto se sottraiamo a 2.788.000 la somma di 1.850.000 otteniamo la cifra di

988.000 euro

che è quanto la Regione spende in un anno per la sua politica linguistica

 

Rispetto a 245.159.000 euro di totale disponibile dell’Assessorato, 988.000 rappresenta lo

 

0, 40 PER CENTO CIRCA DEL TOTALE DELLA CULTURA IN SARDEGNA !!!

Questo è quello che la Regione “investe” per la Lingua sarda

LE UNIVERSITA DI CAGLIARI E SASSARI DEVONO ANCORA SPENDERE RISPETTIVAMENTE 750.000 EURO DI RESIDUI (ANNUALITA’ 2008, 2009, 2010) per la formazione degli insegnanti

October 29, 2011

Torra una discriminatzione de sa Rai contras a su sardu

 

CLS protesta contro la discriminazione linguistica della RAI in Sardegna

October 28, 2011

Spantu in Cambridge

 

Innanti de cumentzare nos amus bufadu una tassa de binu.

Custu fit s’unicu spantu de Cambridge.

In Olanda si bufat sceti a pustis de sa presentada.

Totu s’atru fit cosa normale.

Deo apo fatu sa presentada de sa chirca cosa mia.

Issos ant fatu is preguntas issoro.

Deo ddis apo torradu sceda.

E a pustis semus andados a mandigare.

October 25, 2011

Cras in Cambridge

Custu tziu est de Ulassá e tenet 95 annos. Dd’apo promitidu de ddi mandare sa fotografia, ma non tengio s’indiritzu. A kie ddu connoschet si dda podet imbiare.

Cras seo in Cambridge a contare comente est naschida sa LSC e de sa relata ki tenet cun is dialetos sardos de su connotu.

Sa cosa dd’at organizada una pitzoca mesu sarda, Elena Pala, figia de unu Bitzichesu. Est a issa, tando, ki ddi spetat s’onore de aer portadu su sardu in cussa universidade.

Tanti pro si cumprender, a mie in Cambridge non mi connoschent (ancora).

E a narrer sa beridade, issos propriu non dd’ischiant ita ratza de segamentu de matza aiant inbitadu.

Ma cras apo a esser ospite de un’universidade prestigiosa e m’apo a cumportare de ospite.

Si non mi ddu domandant issos, non apo a contare comente est posta sa linguistica e sa politica linguistica de is universidades italianas de Sardinnia.

Ma si issos bolent ischire de unu “partigianu de sa limba” su ki pensat de custas cosas, beh…

October 15, 2011

Bellu articulu de Giagu Ledda

Giagu Ledda at pubblicadu unu bellu articulu in Sardegna Democratica: Patrimòniu, paesàgiu, limba e logu

 

 

October 14, 2011

Cursos in Ogiastra

 

 

 

 

Partende de Lunis apo a faxer 4 cursos in 4 biddas de Ogiastra.

Clicade innoxe in basciu:

locandina bolognesi 4 biddas

October 13, 2011

Dov’erano le due Walchirie?

Massimo Zedda si è scusato per il suo errore.

Non è un gesto da poco.

Nci bolit su tanti de s’omini.

E io sono doppiamente contento: come partigiano della limba e come uomo di sinistra. Sono anni che cerco di far capira alla sinistra sarda che il tema dei diritti linguistici è uno dei campi di azione naturali della sinistra. Adesso comincio a crederci.

Se Zedda si è scusato, vuol dire che ha riconosciuto che dimenticare di menzionare il sardo nelle sue intenzioni programmatiche non è stato un errore da poco.

E vuol dire che le critiche–per altro tutte molto garbate–che gli sono arrivate dal movimento per la lingua gli sono servite.

Ma dov’erano gli strenui difensori della “diversità linguista minacciata dalla LSC e da qualsiasi tentativo di unificazione del sardo”?

Dov’erano quei coraggiosi militanti campidanesi quando c’era da difendere il sardo di Cagliari dall’imperialismo linguistico italiano che, per inerzia, rischiava di continuare, nei programmi del comune, a inquinare la capitale dei Sardi senza resistenza alcuna?

Dov’erano le due walchirie della facoltà di lettere?

Questa volta la pulzella di Sarroch e la dolce sposa transilvana non hanno fatto udire le loro vocine stridule.

L’On. Lupinu non ha ululato la sua solidarietà al sardo campidanese.

Il Dinosauro Manca manca anche lui all’appello.

Già, questa volta il pericolo non veniva dal sardo, ma dall’italianizzazione coatta della Sardegna.

Anche questa volta, le walchirie e il resto dello zoo non hanno perso l’occasione per dimostrare la loro disgustosa ipocrisia.

October 13, 2011

Beni meda, o su sindigu!

Su sindigu de Casteddu, Massimu Zedda, at incumentzadu sa replica a is cummentos a is decratziones programmaticas pedende scusa pro si nd’esser scadesciu de faeddare de su sardu. At aciuntu ca, impari a is cunsigeris at a donare croba a custa kistione ki issu cunsiderat de importu.

Bene meda, o su sindigu!

October 11, 2011

Fallimentu de su sardu in Casteddu? No, fallimentu de Amos Cardia

Fallimentu de su sardu in Casteddu? No, fallimentu de Amos Cardia

Oe in s’Unione Sarda est essidu un’artìculu chi contat de comente sos
istudiantes de su Liceo clàssicu Dettori de Casteddu no apant carculadu
unu cursu de limba sarda ammaniadu dae s’iscola. Su giornale de
Casteddu, chi no iscriet mai de polìtica linguìstica, ma petzi cando
depet pònnere tìrrias e divisiones mustrat apentu a sa chistione de sa
limba, lassat cumprèndere chi sos giovànos de Casteddu non siant
interessados a su sardu.

Ma a banda s’intentu feu de su giornale de fàghere dannu a sa limba,
b’at de meledare.

Nois intames pensamus chi su problema siat in aterue. Sende chi totu
sos cursos fatos bene e cun professionalidade  ant semper balangiadu s’
aficu de sèneghes e crios, de seguru b’at àpidu carchi faddina in sa
proposta formativa. E tando diamus cunsigiare a dirigentes iscolàsticos
e responsàbiles de averguare bene sos curricula de sos chi si proponent
de insingiare su sardu a sos àteros. E de averguare sas propostas
formativas.

B’at difatis unu grùstiu minore de operadores linguìsticos chi ant
tentu sèrios problemas de formatzione e no ant mancu sa laurea giusta
ca est curiosu chi unu laureadu in Scienze Politiche si pòngiat a
insingiare una limba minoritària cando chi peruna àtera limba si podet
insingiare cun cussa làurea.  E custos pitzinnos maleformados, chi como
sunt ismaniende, non ant galu cumpresu comente si depet presentare sa
chistione de sa limba minoritària finamentas in sas àreas ùrbanas. Non
tenent sas cumpètentzias pro presentare unu problema gasi imboligosu. E
in prus est dae annos chi non si agiornant, non si formant e non si
cunfrontant in sas initziativas ufitziales o in cussas de su ML.

Bi diat chèrrere umilidade meda, e finas bògia de si pònnere a
cunfrontu cun àteros sende chi sos pitzinnos mentovados in s’artìculu
sunt annos chi sunt currende ideas macas de divisione linguistica e non
partetzipant prus a cursos de formatzione o agiornamentu si non a
cussos organizados dae issos etotu. Isperamus chi su fallimentu de su
Dettori, chi ponet in fatu a milli àteros problemas naschidos in
comunas e provìntzias a sos matessi operadores, los convincat a pònnere
in contu sa possibilidade de cambiare e de torrare a unu Movimentu
Linguìsticu prus mannu e democràticu, chi los podet agiuare a
istransire custas figuras malas.

Ca dae poi, in fundu in fundu,  a banda sos problemas pessonales,
cajonende custas novas feas si faghet male a sa limba…

Cunfradia de sos amigos de sa limba

Artìculu de s’Unione

Cagliari – Dettori, la limba piace poco agli studenti
Gli studenti del Dettori snobbano il sardo. Il corso facoltativo di
limba promosso dal liceo classico di via Cugia a beneficio dei docenti
e degli alunni ha riscosso un discreto successo solo tra i primi (una
decina di iscritti), mentre gli alunni hanno quasi disertato del tutto
l’appuntamento. «Solo in due o tre hanno aderito», ha riferito il
vicepreside del Dettori, Tito Aresu, «un po’ ce lo aspettavamo e ci
dispiace moltissimo perché le lezioni, oltre ad essere interessanti,
puntavano al recupero e al mantenimento dell’identità sarda e alla
riscoperta delle tradizioni della nostra terra. Io stesso ho
partecipato e sono rimasto molto soddisfatto».

Il problema di fondo è che per le nuove generazioni, specialmente
quelle residenti in una città grande e moderna come Cagliari, la limba
è un qualcosa di antico e di lontano dalla loro mentalità. «Purtroppo
non siamo riusciti a coinvolgere i ragazzi», si rammarica Aresu, «ma
riproporremo comunque l’iniziativa, anche se prima bisognerà reperire i
fondi necessari. Bisogna cambiare la mentalità, anche dei docenti.
Bisogna far capire l’importanza di recuperare la nostra identità,
cultura e conoscenza».

Il corso di sardo era stato inaugurato durante lo scorso anno
scolastico per iniziativa dello studioso di cultura sarda Amos Cardia,
ex dettorino, laureato in Scienze politiche con una tesi su “Lingua e
politica in Sardegna dal 1720 al 1848”. Durante le ultime settimane di
lezione il corso era stato però sospeso a causa dei molteplici impegni
di fine anno dei dieci docenti iscritti che ne avrebbero resa difficile
una conclusione proficua. Le lezioni pomeridiane riprenderanno quindi
il 7 novembre prossimo e si concluderanno ai primi di dicembre.
Saranno ammessi anche nuovi corsisti che per qualsiasi ragione non
hanno potuto seguire la prima parte del percorso, dato che Cardia si è
dichiarato disponibile a presentare, a beneficio degli eventuali nuovi
iscritti, una sintetica versione riepilogativa. Per il futuro il
Dettori spera, fondi permettendo, di riuscire a riproporre il corso di
sardo coinvolgendo non solo gli insegnanti ma anche e soprattutto gli
studenti. ( p.l. )

 

 

 

October 10, 2011

Deretos tziviles

Pro su deretu de esser su ki semus, in sardu.