Il plurilinguismo fasullo di Cristina Lavinio

“CLIL in http://www.sardegnademocratica.it/culture/clil-in-limba-ossia-insegnare-in-sardo-1.23009

Cristina Lavinio–credo di averlo già detto–fa come quei bambini che si tappano gli occhi e credono che siano gli altri che non possono vedere loro.

Condisce la sua avversione per il sardo in tutte le salse: adesso fa appello al destino dei bambini italofoni e al plurilinguismo, pur di impedire l’uso del sardo come lingua veicolare nelle scuole.

Lei che non ha mai speso una parola sulla tragedia di generazioni intere di bambini sardofoni violentati linguisticamente dalla sua amata Italia e che non spende una parola–ci mancherebbe!–contro le scuole bilingui in cui si usa l´inglese come lingua veicolare.

Del resto, quello che Lavinio intende per “plurilinguismo” l’ha dimostrato chiaramente quella volta che ha protestato vivacemente contro il mio intervento in sardo ad un workshop a Cagliari.

Ha gridato allo scandalo perché ho osato mostrare che in sardo si può anche parlare di linguistica.

Quello che lei spaccia per “plurilinguismo” è il suo monolinguismo isterico in italiano.

L’avete mai sentita dire che bisogna difendere il gallurese, il sassarese, il tabarkino, l’algherese e, perché no?–il campidanese, dall’unica lingua che li minaccia veramente?

Qual’è questa lingua?

Ma come? Non è la LSC?

No! È, appunto, l’italiano l’unica lingua che in Sardegna minaccia il plurilinguismo.

Forse che le varie lingue della Sardegna e le varietà locali del sardo perdono parlanti a favore della LSC?

Che malafede!

Quanta spudoratezza!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: