Fallimentu de su sardu in Casteddu? No, fallimentu de Amos Cardia

Fallimentu de su sardu in Casteddu? No, fallimentu de Amos Cardia

Oe in s’Unione Sarda est essidu un’artìculu chi contat de comente sos
istudiantes de su Liceo clàssicu Dettori de Casteddu no apant carculadu
unu cursu de limba sarda ammaniadu dae s’iscola. Su giornale de
Casteddu, chi no iscriet mai de polìtica linguìstica, ma petzi cando
depet pònnere tìrrias e divisiones mustrat apentu a sa chistione de sa
limba, lassat cumprèndere chi sos giovànos de Casteddu non siant
interessados a su sardu.

Ma a banda s’intentu feu de su giornale de fàghere dannu a sa limba,
b’at de meledare.

Nois intames pensamus chi su problema siat in aterue. Sende chi totu
sos cursos fatos bene e cun professionalidade  ant semper balangiadu s’
aficu de sèneghes e crios, de seguru b’at àpidu carchi faddina in sa
proposta formativa. E tando diamus cunsigiare a dirigentes iscolàsticos
e responsàbiles de averguare bene sos curricula de sos chi si proponent
de insingiare su sardu a sos àteros. E de averguare sas propostas
formativas.

B’at difatis unu grùstiu minore de operadores linguìsticos chi ant
tentu sèrios problemas de formatzione e no ant mancu sa laurea giusta
ca est curiosu chi unu laureadu in Scienze Politiche si pòngiat a
insingiare una limba minoritària cando chi peruna àtera limba si podet
insingiare cun cussa làurea.  E custos pitzinnos maleformados, chi como
sunt ismaniende, non ant galu cumpresu comente si depet presentare sa
chistione de sa limba minoritària finamentas in sas àreas ùrbanas. Non
tenent sas cumpètentzias pro presentare unu problema gasi imboligosu. E
in prus est dae annos chi non si agiornant, non si formant e non si
cunfrontant in sas initziativas ufitziales o in cussas de su ML.

Bi diat chèrrere umilidade meda, e finas bògia de si pònnere a
cunfrontu cun àteros sende chi sos pitzinnos mentovados in s’artìculu
sunt annos chi sunt currende ideas macas de divisione linguistica e non
partetzipant prus a cursos de formatzione o agiornamentu si non a
cussos organizados dae issos etotu. Isperamus chi su fallimentu de su
Dettori, chi ponet in fatu a milli àteros problemas naschidos in
comunas e provìntzias a sos matessi operadores, los convincat a pònnere
in contu sa possibilidade de cambiare e de torrare a unu Movimentu
Linguìsticu prus mannu e democràticu, chi los podet agiuare a
istransire custas figuras malas.

Ca dae poi, in fundu in fundu,  a banda sos problemas pessonales,
cajonende custas novas feas si faghet male a sa limba…

Cunfradia de sos amigos de sa limba

Artìculu de s’Unione

Cagliari – Dettori, la limba piace poco agli studenti
Gli studenti del Dettori snobbano il sardo. Il corso facoltativo di
limba promosso dal liceo classico di via Cugia a beneficio dei docenti
e degli alunni ha riscosso un discreto successo solo tra i primi (una
decina di iscritti), mentre gli alunni hanno quasi disertato del tutto
l’appuntamento. «Solo in due o tre hanno aderito», ha riferito il
vicepreside del Dettori, Tito Aresu, «un po’ ce lo aspettavamo e ci
dispiace moltissimo perché le lezioni, oltre ad essere interessanti,
puntavano al recupero e al mantenimento dell’identità sarda e alla
riscoperta delle tradizioni della nostra terra. Io stesso ho
partecipato e sono rimasto molto soddisfatto».

Il problema di fondo è che per le nuove generazioni, specialmente
quelle residenti in una città grande e moderna come Cagliari, la limba
è un qualcosa di antico e di lontano dalla loro mentalità. «Purtroppo
non siamo riusciti a coinvolgere i ragazzi», si rammarica Aresu, «ma
riproporremo comunque l’iniziativa, anche se prima bisognerà reperire i
fondi necessari. Bisogna cambiare la mentalità, anche dei docenti.
Bisogna far capire l’importanza di recuperare la nostra identità,
cultura e conoscenza».

Il corso di sardo era stato inaugurato durante lo scorso anno
scolastico per iniziativa dello studioso di cultura sarda Amos Cardia,
ex dettorino, laureato in Scienze politiche con una tesi su “Lingua e
politica in Sardegna dal 1720 al 1848”. Durante le ultime settimane di
lezione il corso era stato però sospeso a causa dei molteplici impegni
di fine anno dei dieci docenti iscritti che ne avrebbero resa difficile
una conclusione proficua. Le lezioni pomeridiane riprenderanno quindi
il 7 novembre prossimo e si concluderanno ai primi di dicembre.
Saranno ammessi anche nuovi corsisti che per qualsiasi ragione non
hanno potuto seguire la prima parte del percorso, dato che Cardia si è
dichiarato disponibile a presentare, a beneficio degli eventuali nuovi
iscritti, una sintetica versione riepilogativa. Per il futuro il
Dettori spera, fondi permettendo, di riuscire a riproporre il corso di
sardo coinvolgendo non solo gli insegnanti ma anche e soprattutto gli
studenti. ( p.l. )

 

 

 

4 Comments to “Fallimentu de su sardu in Casteddu? No, fallimentu de Amos Cardia”

  1. Unu singiale malu, in ogni casu. Tocat de cumprènder bene sa chistione e de siguru s’artìculu de s’Unione no agiudat. Ma giae non mi sonant bene “le lezioni […] puntavano al recupero e al mantenimento dell’identità sarda e alla riscoperta delle tradizioni della nostra terra.”

  2. O Robertu, custa borta tue ses su chi at faddidu, e meda puru! Difatis, antes de ti ponner a pontificare de chistiones chi no nd’ischis nudda, dias dèpere pensare chi est menzus chi t’abarres citu a sa muda!
    1) De su chi contat s’Unione Sarda no nd’ischis nudda: e custu ti lu naro deo, s’insinnante de su Dettori chi s’annu colau su cursu de limba sarda in sardu l’at propostu a totus sos insinnantes collegas suos, pro chi issos poterent fàchere in sardu su traballu issoro, cunforma a su chi sa leze permitit oi in die, o a su mancu poterent annoare sas connoschèntzias issoro, de sa limba e de totu sas chistiones chi la pertocant. A sos dischentes puru e sos àteros traballadores de s’iscola, a chie li aeret picadu sa gana, lis fiat permìtiu bènnere e iscurtare. Duncas su cursu deo in perunu momentu l’apo pensau “pro mantènnere s’identidade sarda de chiechisiat” e Amos no diat aer chèrfidu una faina gai.
    2) S’annu colau si amus pòtidu fàchere feti sa mitade de sas oras chi nos aiant pacau, est istadu pro causas burocràticas: l’amus incumentzau in su mese de martzu (antes no est istadu posìbile), cando sa prus parte de sa zente tenet àteras cosas a fàchere, e mascamente sos insinnantes e sos dischentes.
    3) Su sardu in Casteddu: a dolu mannu a su prus de sos istudiantes de su Dettori su sardu lis paret che cosa de betzos, chene utilidade peruna (http://www.liceoclassicodettori.it/pub/241/show.jsp?id=1015&iso=1&is=241), e puru a medas insinnantes, chi su sardu no lu connoschent e chi los ant cumbintos a issos etotu chi sa chistione de sa limba sarda est una chistione de contai contus de zente betza o de “mantènnere un’”identidade culturale” tantu pro nàrrere o de nimancu mantènnere custa. Duncas, a nàrrere chi “a sos zòvanos chi bivent in d-una tzitade manna e moderna che a Casteddu su sardu lis paret cosa antiga”, su giornalista tenet resone. Chi Casteddu siat una tzitade manna e moderna, custu -pro mene- est irballiau.
    4) E duncas, o Robe’, no est chistione ne de insinnantes ne de làurea: sicomente lu connoschet bene, Amos Cardia imparat su sardu e tue lu dias dèpere respetare pro totu su chi fachet, mancari no la penset che a tue.
    De profetu prus mannu diat esser istadu pregontarse comente l’apat ìschida s’Unione sa de su cursu e pro ite nd’apat allegau.
    A menzus bìere.
    Dàvide Mulas

  3. Salve a tutti belli e brutti!
    sono Pedru.
    Solitamente rido da solo o in compagnia quando leggo certe perle di saggezza, ma questa volta voglio condividere la mia goliardia fanciullesca con tutti voi (visto che la risposta seria l’ha già data Davide Mulas, e la risposta di un nostro “studente” vale 1000 volte di più di qualsiasi altra cosa…).
    Vi racconto una storia:

    “Io c’ero alla prima lezione del laureato in scienze politiche Maos Cardiga (ite ‘irgonza! solo chi ha la laurea in filosofia, o la triennale in scienze del turismo può e deve insegnare il sardo agli altri! e solo chi ha la laurea in lettere moderne indirizzo artistico può scrivere sul sardo giuridico!!!), i ragazzi (saranno stati un 370!) erano infogatissimi!!! calincunu s’est atripau puru per entrare nell’aula…poi hanno visto a Maos…il classico pallido sardo meridionale…mmm buca trota…poi Maos at fatu su scimpròriu…at nau…saludi!!!…e giù un commento unanime…saludi??? nois cherimus “salude”!!!…le cose si stavano mettendo male, su maistu cun is ideas macas suas, fiat caghendi su logu…su campidanesu in Casteddu…piticu su macu!!! I ragazzi erano visibilmente indisposti! Hanno preteso di vedere il C.V. di Maos e li sono insorti!!! Laurea in Scienze Politiche!!! ma po caridadi de Deus!!! mai visto uno di Scienze Politiche che imparat a ligi e a scriri a calincunu! Per fare questo bisogna essere laureati in Filosofia (si sa che nella facoltà di Filosofia de Casteddu il sardo è di casa!) o in Lettere Moderne Italiane (lo dice il nome stesso, totu in sardu!) e la cosa più grave…master di secondo livello nella didattica del sardo, con Vasco Maistu de Ferru! Revuelta! Nunca Mas! Il coro era unanime…cherimus a Roberto! cherimus a Roberto!!! Dopo 10 minuti già si alzavano gli striscioni…o LSC o muerte!…i più scalmanati si sono legati alle porte con le catene…no pasaran! i divisori del popolo sardo non metteranno piede qui! Insomma, su maistu si nd’est dèpiu fuiri a sonu de corru…

    Casciali de su contu: certi errori non si devono più commettere! Gli istituti scolastici, i comuni etc etc, devono controllare bene i C.V. degli “esperti” amincullu anni di insegnamento, amincullu master su master, amincullu libri e traduzioni…una sola cosa ci deve essere scritto…servo fedele di XXX e umile sostenitore sottoposto della LSC!!!”

    “Questa è una storia di pura invenzione, ogni riferimento a persone o fatti realmente accaduti è puramente casuale”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: