La piramide senza base di Renato Soru

L’ho già detto molte volte:

un’economia senza tecnologia è inconcepibile;

una tecnologia senza scienza è inconcepibile;

una scienza senza cultura è inconcepibile;

una cultura senza lingua è inconcepibile.

Insomma, senza una cultura sarda basata sulla lingua sarda non può esistere alcuna economia sarda.

Esagerato?

Guardatevi attorno: dov’è l’economia sarda basata sull’italiano?

Renato Soru sembra aver capito che dall’Italia non ci si può più aspettare molto: “La Sardegna «che deve bastare a se stessa», nell’impostazione politica di Renato Soru è quella che «saremo capaci di costruire, sapendo che siamo più soli del passato». …Il passo avanti si fa con un piano che punti sull’agroalimentare e il turismo.”

Quello che Soru, almeno da queste righe, sembra non capire è che l’economia avanzata e “che basta a se stessa” è quella basata sulla conoscenza.

Faccio per l’ennesima volta l’esempio dell’Olanda, ma ci aggiungo anche la Finlandia.

Paesi piccoli che parlano lingue piccole…ma anche tante altre lingue.

Di quale conoscenza hanno bisogno i Sardi per “decollare”: innanzi tutto conoscenza del mondo che immediatamente li circonda.

Su mundu de is sardos est unu mundu sardu, inghiriadu dae unu mundu italianu, inghiriadu dae unu mundu europeu, inghiriadu dae su mundu de totu su mundu.

Renatu Soru est omine abbile, ma custu ancora non dd’at cumpresu bene.

E non at cumpresu ca non bastat a nosi mostrare bisos bellos pro su benidore: tocat puru a faer bier ca ischit comente bi podimus arribbare a cussu benidore.

Sinuncas abarrant totu tzarras.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: