Perché non vado in brodo di giuggiole per la Murgia

Come succede a volte, in questi giorni sono apparsi alcuni articoli che parlano dello stesso argomento, anche se i vari autori non lo sanno.

Uno di questi articoli è quello di Giovanni Maria Bellu, che ho linkato e citato nel mio post di ieri (Di ritorno da Barcellona ) e L’altro è di Umberto Eco ( Ma glielo abbiamo chiesto noi ).

Entrambi gli articoli parlano di Michela Murgia, anzi, la Murgia! Ché così la chiama adesso Bellu.

Ora io sulla Murgia ho già scritto troppo e naturalmente perché sono invidioso del suo successo, è chiaro.

Infatti io penso che la Murgia sia una brava artigiana della scrittura, ma una scrittrice modesta.

Questo l’ho già messo in chiaro nel mio post del 31 ottobre 2010 (Lettera aperta a Maria Listru ): la Murgia scrive di cose che non conosce e il risultato della sua scrittura è in questi casi completamente ridicolo: pensate ai 400 quintali di grano che dovrebbero rendere i 200 metri quadri rubati dai confinanti del protagonista.

I suoi difensori si sono appellati alla libertà poetica dello scrittore, per giustificare una coglionata talmente colossale.

Ma qui interviene, appunto, Umberto Eco, che di linguistica non capisce una mazza, ma di semiotica e di letteratura un po’ ne mastica.

Eco dice: “La prosa parla di cose, e se un narratore introduce un sambuco nella sua vicenda deve sapere cosa sia e descriverlo come si deve, altrimenti poteva fare a meno di evocarlo. Nella prosa “rem tene, verba sequentur”, possiedi bene quello di cui vuoi parlare e poi troverai le parole adatte. Manzoni non avrebbe potuto aprire il suo romanzo con quello splendido incipit (che è poi un novenario) seguito da una cantabile descrizione paesaggistica, se non avesse prima guardato a lungo e le due catene non interrotte di monti, e il promontorio a destra e l’ampia costiera dall’altra parte, e il ponte che congiunge le due rive, per non dire del Resegone. In poesia accade invece tutto l’opposto, prima t’innamori delle parole, e il resto verrà da sé, “verba tene, res sequentur”.”

Semplice no? O anche Eco sarebbe invidioso della Murgia?

Così tutta la vicenda su cui ruota il romanzetto della Murgia è basata su un anacronismo madornale: la gamba del protagonista, per poter fare ricorso a l’acabbadora, deve essere lasciata per mesi a marcire sul letto di casa. Malgrado il protagonista porti i jeans, nel mondo sardignolo inventato dalla Murgia non esistono gli ospedali.

Ma senza cancrena, nessuna amputazione e nessun ricorso all’acabbadora.

E senza acabbadora, niente sardi-ammazza-cristiani–il pubblico italiano reclama il sanguinaccio a cui li ha abituati Niffoi!–e allora niente cliché-sardignoli-sanguinolenti-che-vendono-così-bene.

Così come l’acabbadora è un’invenzione italiana, lo è anche la Sardegna-sardignola messa in scena dalla Murgia.

La Murgia è un fenomeno di costume, ma di costume italiano.

Il fatto che in Italia–grande paese civile, appena uscito dal bunga-bunga, grazie alle pressioni internazionali–la Murgia abbia così tanto successo mi lascia indifferente.

No, io non riesco ad andare in brodo di giuggiole come fa Giovanni Maria Bellu.

L’Italia non mi piace, anzi, mi fa abbastanza schifo.

Non vedo, quindi, perché–fatu a sardu–dovrei essere fiero di qualcosa che piace agli Italiani.

Ma pare che la Murgia come opinionista sia anche bravina.

Io non lo so, non la seguo.

Ho visto, però, che ha smesso di dire stupidaggini sul sardo e me ne felicito con lei.

E con me stesso, ché non sempre ho voglia di prenderla per il culo.

8 Comments to “Perché non vado in brodo di giuggiole per la Murgia”

  1. Intanto lei si è presa il Campiello… a pensarci bene anche quell’abomio scritto da Ledda ebbe premi e riconoscimenti.
    Però , che immagine di merda per i sardi da quel momento in poi considerati dei chiava pecore.

    • Buon pro le faccia! Io le auguro tutto il bene del mondo, ma non la riconosco come intellettuale sarda. È un’intellettuale italiana di origine sarda che produce letteratura italiana regionale.In sardo non ha mai p[rodotto una riga. Ma già, se scrivi in sardo, il Campiello te lo scordi.

  2. Ho letto in un libro edito da Fandango un racconto di Michela Murgia intitolato “Spadoneri” dove i dialoghi erano in sardo e recentemente ho assistito a uno spettacolo dove una cantante cantava dei versi in sardo scritti proprio da Murgia. E’ proprio sicuro che non abbia prodotto mai una riga in sardo?

  3. Boh. Dipende da quando la critica: il racconto di Fandango è di tre anni fa.

  4. Ho controllato e la poesia che ho sentito al Man di Nuoro pare essere stata composta quest’anno per una specie di spettacolo sul vino.
    Riepilogando, lei ha detto:
    1) che non ha mai scritto una riga di sardo, e non è vero.
    2) che ha cominciato dopo che lei l’ha criticata, e non è vero.
    3) che ha smesso e quindi è regredita, ma neanche questo sembra essere vero.
    Detto questo, dopo esserci capitato per caso facendo una ricerca sull’uso del sardo nell’opera di Murgia, ringrazio il caso: ho capito che un sacco di cose che si leggono qui dentro su Murgia e il sardo non sono vere.
    Adiosu.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: