La sfida che nesuno affronta: il presente

Lampu, non b’at nudda de faer!

De su presente non bolides faeddare no!

S’evidentzia de s’omogenidade de sa limba e de sa curtura materiale e immateriale de sa Sardinnia sarda e de sa mancantzia de continuidade cun sa curtura nuragica non interessat a nemos.

A su mancu a nisciunus de is ki si scadenant in sas interpretatziones de su passadu.

At esser ca de su presente b’at pagu e nudda de interpretare: su propriu mandigu, su propriu bistire, sa propriu limba, is proprius domus, fintzas is casias pro bi ponner su pane sunt is proprius: cun is proprius soles e is proprius pugioneddos. Sa propriu religione e is proprius santos: Gosantine, Alene, Antiogu e Efis.

Timent su presente o ddis praxet de prus a si bisare su passadu ki kerent issos?

16 Comments to “La sfida che nesuno affronta: il presente”

  1. “S’evidentzia de s’omogenidade de sa limba e de sa curtura materiale e immateriale de sa Sardinnia sarda e de sa mancantzia de continuidade cun sa curtura nuragica non interessat a nemos”.
    Io non sono uno studioso, ma seguo con interesse queste discussioni.Ritorno su un concetto che ho espresso in altri commenti.Il tuo pensiero sull’ argomento racchiuso dalla frase virgolettata è un presupposto secondo te assoluto e imprescindibile. Ma da qui nasce il malinteso o la divergenza nel contendere; mentre è verissima la prima parte della frase, è assolutamente falsa la seconda:la assenza di continuità con la cultura nuragica diventa presenza,viene completamente ribaltata. La scoperta che i nuragici sapevano scrivere molto bene ha rivoluzionato tutto.Una delle più importanti conseguenze è proprio la presenza ancora oggi di continuità con il nuragico: lingua,religione,usi e tradizioni, compreso pure il ballo sardo. Lo sapevi che (L)efisy è scritto già nella stele di Nora?
    E quindi la presenza di continuità ha a che vedere anche con la resistenza. O no?
    Persino la tua ricerca è in linea con la scrittura nuragica.

  2. ”….Timent su presente o ddis praxet de prus a si bisare su passadu ki kerent issos…?” …….Su passadu nostru non est’ istadu inventadu dae nemos, s’historia est s’historia, kin tantus de documentos iscrittos, kin tantus de testiomoniantzas. Pis’apprestu kalincunu ha kircadu de lu carragliare kin faulas e kin falsidades. Kalincunu timmet de s’abbizzare ki tottus kussu ki l’han postu in conca fintzas a kommo non tenet riscontru in s’historia nostra.

  3. Seo cumpletamente de acòrdiu cun tue: depimus partire de su presente istòricu, inue su passadu sighit a èssere presente in formas medas bortas interiorizadas, e àteras chi si bient. Ma no tèngiu nisciunu bisòngiu ca su passadu miu fessit istadu “gloriosu” opuru tristu. Aiat a èssere istadu comente a tanti àteros: prus pagu, de prus, o uguale.
    Is protzessos istòricu-sotziales nos’ant betidos a èssere unu cuncòrdiu, un’insieme.
    Su chi m’atristat est sa mancantzia de respetu pro su passadu ‘etotu e s’impreu chi nde faxent is polìticos pro sustènnere is tesis issoro, ma puru sa negatzione de partes importantes de su passadu. Soprattutto sa negatzione de is perìodos nuràxicu e juigarju e sa corrispondente esaltatzione e trasfiguratzione de ìs etotu. E faes bene a amentare ca no esistit un’istòria polìtica ebia, ma materiale, sotziale, chi est su tèssidu’eru de s’identidade cosa nostra, si bi nd’at una.

  4. Che io abbia molta fantasia potrebbe essere essere, solo che ho fatto riferimento ai libri de Thiu Gigi.

  5. Cun su cummentu tou vicinu a su cumportamentu sinistru radical chic ti pones a pare cun tzertos accademicos contrarios a sa ricerca tua. Istranu abberu!

  6. Ma de cali presenti ses chistionendi? De su miu o de su tu’? de su de Iglesias o de su de Casteddu? De su de sa Sardegna o de s’ italia? O de s’Europa o, po dda segai in curtzu, de su mundu interu? Mih ca su presenti non esistidi. prima non ci fudi e subitu dopu non c’est prusu.

  7. Ma ite balla ses narende, o Robé? Bi tenimus a su nessi 357 maneras de frìngher sa seada, e tue mi benis a faeddare de omogeneidade?

    E cale seada? Cun casu friscu, cun casu furriadu, limone embo, limone nono, cun tzucaru, cun mele, ….chissae sos nuràgicos comente si la frighiant.

  8. Con le battute non si ottiene nulla, cari miei, a meno che gli articoli (compreso questo ) non siano campo per i perdigiorno e per i loro (e i nostri!) sfottò di replica, quelli che rendono certamente umana, forse anche piacevle, ma terribilmente sciocca la vita. Il comico, si sa, tende a liquidare il serio, persino il tragico. Argomentare, argomentare dunque e non parlare di ‘fantasie’, di ‘sebadas’ e di quant’altro. Dietro quei termini ci sono anche dei concetti su presunte ‘verità’? Sono parole sintetiche spassose per riassumere analisi di vasto respiro? Quelle che costano un’infinita pazienza e ‘sas perras de su cu postas po chidas e chidas in in sa cadira’? Bene, si prega di esporli. Con la maggiore chiarezza possibile. Perchè vi dirò che Io ( e non credo d’essere il solo) mi sento offeso e non poco quando scrivo un libro ( che viene anche tradotto in inglese) facendomi un culo come la famosa ‘capanna’ e poi, senza uno straccio di prova, si spara ad alzo zero, magari dicendo che sono vuote ‘elucubrazioni’. Non ci sto. Perchè il dialogo non c’è e non ci può essere. Se si vuole mettere in campo il peggiore dei difetti, ovvero la supponenza, si faccia pure: io non risponderò per le rime e me ne ritornerò là dove si coltiva il rispetto. Costa così poco!
    Quando il ‘caro’ Dedola ha alzato la cresta su prusente ‘cabbale’ , qualcuno (non io si badi bene) gli ha fatto le bucce non rispondendo battuta con battuta ( a che serviva?), ma facendogli capire ’empiricamente’ (citando cioè le sue argomentazioni) che l’epigrafia non è un’opinione e neppure un’opinione è la traduzione di un testo se non ci sono prove documentarie che la sorreggono. Senza documenti ‘aria fritta’, ‘frittissima’. e sul ‘ sab’a semitico della Stele (appellativo divino) uno può dire tutto quello che gli passa per la mente e scrivere, se vuole, anche dei piccoli romanzi.

    • Caro Gigi, carma-ti pagu pagu!
      Con chi ce l’hai?
      Io rispetto alla scrittura “nuragica” ho già detto che non ne so e quindi mi astengo dal parlarle.
      Quanto ad Alinei, quello che ho visto mi sembra debolissimo sia logicamente che em[piricamente e l’ho già detto.
      Quanto alla “fantasia” non è sempre ho tempo o voglia di rispondere seriamente a chi non conosco e non mi da il tempo di capire eventualmente quello in cui lui crede.
      Il problema è forse quello della “controprova” necessaria da parte dei tuoi “colleghi”. Io il tuo lavoro non posso giudicarlo. È come se io mi aspettassi da te un giudizio su “The Phonology of Campidanian Sardinian”: un lavoro che poche centinaia di persone al mondo possono capire. Troppo tecnico.
      Io da anni mi sforzo di spiegare le stesse cose in modo accessibile ai profani e ci sono riuscito solo in parte. Me ne rendo conto.
      Nel tuo lavoro–che ho provato a seguire–trovo quelli che per me sono dei salti logici, ma sono anche abbastanza umile dal pensare che forse non hai spiegato tutto a noi profani e che per te tutto fila.
      Vabbé, ma per me no!
      Ripeto non capisco il tuo lavoro e non capisco perché tu me ne faccia una colpa: sempre che tu me ne faccia una colpa.
      Il rischio di non essere capiti è quasi una certezza per le avanguardie.
      Io l’ho accettato da molto.
      Tu a quanto pare, no!

  9. Perdonade Gigi Sanna, dadu chi aes numenadu sas seadas penso chi sa crìtica siat fintzas pro mene.

    Comentesiat, bos naro comente la bido deo sa chistione. Pigamus sa frase incriminada de Robertu

    “S’evidentzia de s’omogenidade de sa limba e de sa curtura materiale e immateriale de sa Sardinnia sarda e de sa mancantzia de continuidade cun sa curtura nuragica non interessat a nemos”.

    Sa batuta mea fiat pruscatotu pro sa prima parte, est a nàrrer pro cussa omogeneidade de sa limba e de sa curtura sarda chi a mie est làdina dae sa prima bia chi apo bocadu conca foras de bidda. E non resesso a cumprènder comente faghent talunos a non la làdire e si nd’abbarrare firmos a una descridura de su mundu insoro(!) lèghida in sos libros.

    Si dolamus unu cantu de taula cun una piana e bi colamus sa manu, sentimus deretu cantu est neda e paramighe sa superfìtzie. Ma si pompiamus cun una lente o cun su microscòbiu, iscuberimus sa prus minudas ingrispaduras. E tando sa taula est lissia o grispa? Dependent petzi dae cantu atesu la pompias!

    —————————————————————————————————

    Pro su chi pertocat sa scritura nuràgica non potzo èsser de agiudu. Cando Robertu bos at dimandadu cale fiat sa crae pro lègher custa scritura, l’aes respostu chi fiat prus o mancu totu in s’alfabetu protocanaanita. Deo non so abile a scuntrobare custa cosa e non potzo mancu imparare sos alfabetos anticos (aes a perdonare si non tèngio ora).

    Duncas s’unica cosa chi potzo nàrrer est chi mi paret una chistione aberta e apo a chircare de nde tènner prus informatziones. In su prestantis mi ghiat unu sanu scetitzismu (sonat sceti bene in sardu, annò😀 ), ma bi tèngio a marcare duos puntos chi, a mente mea, parent importantes:

    1) Tenides una manera de presentare sa chistione chi pro me est dificurtosa. Giae est dificurtosa sa chistione de se, ma leghende su chi iscriides in su blog de Pintore, non so resessidu galu a nde bogare cartzas. Su chi est craru est chi bois leghides custa scritura. Ma mi lassat spantadu su tonu chi a bortas pigat s’arresonu, chi diventat prus una defensa fanatica, chi unu arresonamentu scientìficu, cando non si finit in s’ofèndia. Tzertu, cumprendo chi bi tenides trigu betzu, ma custa ingrina polèmica riscat de fàxer fuire meda gente. Donade atentzione a non ruer in sa trampa de sa “comunidade terribile” chi tantas energias at derramadu pro de badas medas cussòrgias politicas e culturales de custa terra.

    2) Benimus a su cumportamentu de cussa chi si podet giuliare acadèmia. Apo chircadu respustas non banales a sa chistione chi ponides bois. Non nd’apo galu acatadu. Su màssimu de su carculu chi bos ant dadu est a archiviare sa chistione comente una catzada pseudo-scientìfica.

    A pàrrer meu, custa manera de faxer no est legìtima oeindie, e bos naro su proite: in su traballu meu bi tenimus migias de mitomanes chi s’imbentant “teorias fìsicas” tantu alternativas cantu isballiadas. Tzertu non si podet andare in fatu a sa fantàsia de totu sos macos de su mundu, ma intro sa scièntzia est de importu mannu fintzas cuss’opera de debunking (sciùsciu) de sas chistione pùbricas fata dae àteras tantas mìgias de scientziados e apassionados.

    E tando dimando, ue est s’opera de debunking a pitzu sa scritura nuràgica? Fintzas chi mancat custa, no est legitimu de nche la fuliare in su muntonàrgiu de sas catzadas.

    Pro fàxer un esempru, pigamus sa chistione de sas “tratas chimicas”, tantu de moda fintzas in Sardigna. Si carcunu mi diat dimandare unu pàrrer, dia respòndere chene duda chi est una catzada. Ma non ca lu naro petzi deo, ma ca esistit e est pùbricu su traballu de tanta gente, chi cun carma e passiètzia s’est posta spiegare, a livellu terra terra, proite custa fantasia non tenet fundamentu. Est beru chi bi tenet galu gente cumbinta de s’esistèntzia de sas tratas chimicas, ma custa chistione est ormai agorrada in s’ungrone de sa pseudo-scientzia e de sas bufalas. Idem pro 9/11, moon hoax, terra bòida, 2012 e gai sighinde, pro mentovare sas prus famadas.

    Duncas, gasi comente sos fìsicos e sos apassionados de fìsica faximus s’òpera nostra de debunking pro sa chistiones chi nos pertocant, pulinde su logu dae su catone malu de s’ignoràntzia, PRETENDO dae sa comunidade archeologica su debunking de custa chistione, in manera chi fintzas deo chi non so de su campu poda cumprènder proite diat èsser una catzada. Tropu fàtzile est a si nde faxer befas, petzi ca b’est unu “ipse dixit” in sos libros. A dolu mannu, sos fìsicos, semus famados ca su “ipse dixit” l’impreamus che carta igiènica.

    PRIMA benit su debunking sèriu, A PUSTIS sa befa (si per casu e si sa chistione sighit).

  10. No, Robe’ non ce l’ho con te. Tu sei il pretesto. Ce l’ho solo con la prassi che, colpevole soprattutto una certa accademia supponente quanto meschina, non dialoga perchè non ha la forza di farlo. Fa finta di interloquire ed è per questo improduttiva. Questa prassi ho inteso e intendo denunciare perchè ne ho davvero le balle piene. C’è un iperegoismo in giro che ha contagiato un po’ tutti, persino quelli tapini che di ‘ego’ in fondo non ne hanno; una malattia infantile di protagonismo che impedisce di fatto ogni crescirta scientifica. Si invoca tanto il concorrere delle discipline per un obiettivo comune nobile e poi vedo che ognuno va per i cavoli suoi, magari beandosi del suo orticello di patate, specialista delle sue e delle patate di tutto il mondo, ma prontissimo a ‘liquidare’ come prodotto da spazzatura i pomodori o le cipolle dei campi altrui! Bada quindi che ce l’ho anche con me anche se cerco, il più possibile, di prendere le distanze da un tale ‘gioco’ al massacro che proprio non mi va. Quindi io non ce l’ho con chi non mi capisce e men che meno posso dare colpe a te perchè stenti a capirmi. Lo hai detto e io ne ho preso atto. Io ce l’ho con la prassi delle battute perchè esse, spesso anche se uno non se ne accorge, uccidono proditoriamente proprio quello che tutti auspichiamo: una crescita con il crescere di tutti. La crescita anche con il minimo dei contributi del saggio o del volume più esposto agli sberleffi. Hai fatto bene a parlare della tua opera ‘tecnica’ che, in quanto tale, in pochi o pochissimi comprendono. Ora, te lo immagini se io avessi detto su di un capitolo o su di un paragrafo di essa, citato ad esempio da un terzo, sono ‘fantasie’. Ti avrei offeso e forse tu avresti dato il giusto giudizio su di un giudizio così immotivato, così assurdamente spericolato. Ma cito te per non citare non pochi altri che non capiscono e non sanno ( legittimo non capire e non sapere) ma sono pronti, salvando le loro patate, a parlare male dei prodotti di tutti i campi altrui. E siccome a me piace tanto parlare con franchezza, perchè tutti capiscano, ti rimando alle ‘scorrettezze’ di Blasco Ferrrer, ad un post nel Blog di Gianfrancxo che in questi giorni è particolarmente richiesto dai lettori. Leggilo e capirai perchè un po’ mi sono incazzato; capirai come uno arrivi a dire delle menzogne sapendole di dire, per screditare le persone, e per tentare così di farle ‘sparire’. Oppure leggiti se vuoi le mie risposte a persone sciagurate come Serra, Stiglitz, Bernardini o Minoja, per renderti conto della loro intenzione (solo questa) di uccidere il ‘dialogo’ su di una materia scottante ed imbarazzante: proprio loro che non sanno un accidenti nè di epigrafia nè di linguistica.
    L’on. Maninchedda che si è reso finalmente conto del ‘clima’ assurdo ha, sia pur nella maniera più nascosta possibile, detto papale papale: ”o Sanna ha ragione e quindi bisogna che finisca l’ostracismo accademico nei suoi confronti oppure ha torto e allora bisogna fare chiarezza”. Bene, finalmente un refolo di civiltà.Dopo quindici anni! Evidentemente si è reso conto che io non scherzo, come non non scherzano altri che come me ‘vedono’ e dicono, con tutti gli strumenti scientifici del caso, di ‘vedere nello stesso modo’..
    Quindi, niente da dire sulle critiche, ben vengano, ma niente ‘battute’. Ripeto: ne ho le balle piene, come certamente ce le hai tu per le tue cose, non certo perchè non ti capiscono, ma perchè non fanno niente per capirti. Ma si sentono comunque autorizzati a trinciare giudizi. .

    • Gigi istimadu, carmati-ti su naturale!
      Su chi ant fatu a tie dd’ant fatu a mie e a medas ateros. Ita totu su chi m’at ghetadu a pitzos Blasco! S’est postu fintzas a recensire “The phonology of Campidanian Sardinian” chentza de l’aer leghidu! E is tontesas a subra de sa chirca dialetologica?
      L’apo smerdadu in su blog–antzis pro cussu mi so “abblogadu”!–e chie a bofidu cumprender at cumpresu.
      Tue una cosa non ti podes permiter: de ti isolare!
      Su trabballu ki ses fende est malu meda a faer e ti serbit agiudu. Non podes faer totu a solu.
      Ma tando depes ponner is áteros in cunditzione de ti cumprender.
      Creo ki pagu gente de bonu sentidu potzat tenner dudas a pitzos de s’esistentzia de sa scritura “nuragica”.
      Ma creo ki bengiat male meda a ti sighire in is interpretatziones de custa scritura. A mie mi benit male meda.
      Forsis as kerfidu tropu in una borta sceti.
      Pro narrer: a mie mi mancat un’articulu inue si narat craru ca, biende cantu fit avanzada sa tecnologia de is “nuragicos”, sa conseguentzia logica de custa situatzione est ca teníant una scritura puru. E biende ca sa tecnologia podiat sceti benner dae su “medio-oriente” sa scritura puru podet solu esser arribbada dae inie.
      Insomma: first things first!
      Giai custu iat esser unu passu de gigantes, in una situatzione che cussa sarda.
      A mie mi paret ca tue curres tropu e non abetas a is ateros.
      Ma is ateros ti serbint e meda puru!

  11. Caro fp 40 (ho scritto bene?). Condivido ( e come sarebbe possibile diversamente) il tuo ragionamento. Ma credo di aver risposto in anticipo parlando della frase di Maninchedda. Il problema però, caro mio, non è la ‘lettura’ ( su quella prima o poi ci si mette d’accrodo, come ci si è messi d’accordo con le lettura di tutta la storia delle scoperte documentarie alfabetiche). Il problema è il negare (dopo la scoperta di quasi cento documenti epigrafici) l’esistenza stessa della ‘scrittura’ nell’età del Bronzo e del I Ferro.. Il negare ad oltranza quello che per ‘scienza’ non si può negare!
    E dal momento che tu, da quando capisco, sei un ‘fisico’, se appena appena ci hai seguito ti sarai reso conto che chi lotta ( da tre anni, con decine e decine di interventi) come una disperata per far capire che questa scrittura c’è è una professoressa di Fisica dell’Università di Parma: E parlo, credimi, di Lei sola. E’ una scienziata di fama internazionale e come te, non fa sconti sui dati scientifici. Qualcuno può pensare che stia dando i numeri?

  12. Ohi, ohi! Su currere! So andande che tostoinu betzu! In su mese de Martzu at a aere s’incominzu de su su Corsu ( su de tres!) de s’iscrittura nuragica. Due est sa assistente mea chi ispiegat (comente s’annu passau) sa primas cositteddas de sos alfabetos e de s’iscrittura antiga. Jeo sigo e ispiego in s’ora apustis, unu infattu a s’ateru, sos documentos in deghe chidas (meses de Martzu, Arbile e Maju). . Due est sa mostra permanente de s’iscrittura in Macumer (mostra ‘didattica’) cun barantunu pannellos de ispiegatzione! Due est sa mostra de su Direttore de sa Facoltade de Aristanis chi faet issu puru una mostra fotografica in s’Aula Magna de sa matessi facultade! Curro comente unu maccu de unu chirru a s’ateru de Sardigna po faere cumprendere su chi tocat de cumprendere.. Jeo non ispetto? Ohi, ohi Robè. Su contu est ateru! E una die nd’amos a chistionare, come si deghet!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: