Ma sa limba, est craru, non b’intrat nudda!

Labae custu post: Se non è emergenza questa… : SardegnaMondo

Su ki dd’at scritu at nomenadu medas rexones pro sa “dispersione scolastica”, ma non su fatu ca sa scola ancora discriminat is giovunos ki non faeddant s’italianu standard.

Si apo cumpresu bene, s’autore est Omar Onnis: indipendentista de importu.

 

P.S.: m’ant fatu notare che Onnis at scritu cara a sa fine: “la marginalizzazione dell’irrisolta questione linguistica (che con l’abbandono scolastico ha molto a che fare)”.

Spantu ca non mi nde so acatadu!

5 Comments to “Ma sa limba, est craru, non b’intrat nudda!”

  1. Ricordo nei tardi anni ’90 quando accompagnavo un amico nella famigerata IPSIA di Nuoro, una serie di giovani sardofoni dei paesi interni venivano spinti dalle famiglie a frequentare un istituto capace (o presunto tale) di introdurli al mercato del lavoro con una professione tecnica. Ebbene, non tutti furono fortunati a diplomarsi come il mio amico, molti di quelli abbandonarono gli studi, non per incapacità, ma per manifesta incomprensione della lingua d’insegnamento utulizzata: l’italiano standard. Dopo i primi mesi s’imponeva il ritiro per cercare fortuna nei loro paesi come manovali non assicurati o servi pastori da qualche parte.
    Il danno era evidente: delle persone erano state discriminate e private del libero accesso alla formazione per poter migliorare il proprio status sociale e professionale.

  2. Mi pogno in mesu a custu chistionu po duas cosas. Una po difennede s’Ipsia de is urtimos annos de su noranta. Fudi unu logu aube du iada cursos de tenore cun duos cuncordos de istudentes e su sardu fudi posti in grandu contu, ca issiaus ca po custos ( e non po issos ebbia) fudi de importu a dis “legalizzare” sa cultura issoro (e nosta). E aberu is ci ni essianta dae nie fuanta prontos po trabagiare, cun una preparazione bastante. Sempere ci di d’essente fatta a intrare in su munnu de s’iscola, ca de seguru fuanta giai foras prima de arribare a s’IPSIA de Nuoro.
    S’attera cosa es ca cussos tempos non funti finios: po is istudentes de Sardigna ci chistionanta, su prus, sardu non du at logu ancora oe. Ma non solu in s’IPSIA ma in tottu is iscolas de Sardigna. Comente non du at logu po is ci no issinti su sardu, ma mancu s’italianu, ca is babbos e is mamas issoro ant’offiu a dis imparare, issos, s’italianu ci non connossianta. Pobera gioventude nosta cena armas po annare in su munnu, e po cussu non movede. Deo nao: gruppa de noso Sardos ettotu, ca seus fuliannonne a s’aliga parte manna de su tempus benidore nostu.

  3. Ho citato l’IPSIA come esempio per la scuola italiana in Sardegna, diversi istituti hanno corsi più o meno connessi alla lingua sarda attraverso varie iniziative, ma rimangono pur sempre degli estetismi rispetto alla massa di studenti sardofoni che di fatto subiscono una imposizione linguistica centrale.
    Spesso si tratta sempre di un ristretto gruppo di docenti sensibili alla lingua locale (con la collaborazione di dirigenti scolastici interessati solo ad insaporire l’offerta scolastica dell’istituto col sardo per avere la coscienza a posto).

    E che dire dell’Agrario di Nuoro?…

    Nel complesso dell’Istruzione regionale il sardo viene visto più che altro come un qualcosa di corredo, una lingua di serie B. La classica dinamica da riserva indiana, dove si ghettizza in alcuni angoli al posto di divulgare e parificare.

  4. Non seo circanno iscusas po nemos. Seo de accordiu cun tue ca du ada un’iscola ci ni ogada is ci non connossente s’italianu standard. Ci non bolet a tennede contu ca in Sardigna du ada ancora “natives sardianspekers” e ca custos funti afforas de s’iscola, de sa formazione e de sa sociedate ci contat. Ma bae e bie cantu logu du ada in s’iscola po su sardu, e cantu volontade du ada de narrede ca unu ‘is motivos de s’iperdimentu de sa gioventude nosta este su essede sena oghe. E cantos sunti is intelletuales de moda dispostos a ddu narrede cena essede surbiaos dae is canes de istergiu. Ultimu, is politicos de ca**…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: