Immoe tocat a non si torrare a partzire

A su ki paret custu guvernu s’est detzisu a fae cussu passu a innantis in sa tziviltade ki fintzas a immoe is Italianos non aíant bofidu faer: Nelle scuole italiane sarà possibile insegnare anche il sardo

So prexadu meda, est craru, ma pensamentosu puru.

Timo a bentu su ki podet sutzeder immoe: su chetu–o megius, sa gherra–at a torrare a incumentzare.

Torra ant a tzerriare ca “tocat a faer intrare in sa scola su sardu de su logu’–e custu ddu bolemus totu–ma deretu ant a narrer ca su sardu est partzidu in “campidanesu” e “logudoresu” e ant a proponner is duas idealizatziones ki non torrant cun ne-mancu unu de is dialetos locales.

M’at a toccare torra a narrer e scrier totu su ki apo nadu e scritu miglia bortas: sa lingua faeddada est una cosa e sa scritura est un’átera cosa.

Bah, deo so prontu.

 

2 Comments to “Immoe tocat a non si torrare a partzire”

  1. Mescamente tocat a no si nde iscarèssere chi “Tra su nàrrere e su fàghere, in mesu ddoe est su mare”. Chie at a tènnere sa responsabilidade de pònnere in is currìcula de imparu su Sardu? Si at a mòvere, o at a isetare a s’ùrtimu che a su sòlitu? Pustis, cando at a bènnere cussa beneita ora de imparare su Sardu in iscola, ant a bènnere is problemas chi as mentovadu tue como.
    In onni manera, tenes resone: at a èssere una gherra lègia, peus de sa chi seus cumbatende oe in die. Preparemus·nos totu cantos!

  2. Roberto, non vedo il motivo della tua preoccupazione.
    I sardi (e i loro politici) sono intelligentissimi e capacissimi e per nulla obnubilati da una cultura da colonizzati.
    Per cui capiranno subito che se (come sostengono) esistono delle varietà di sardo molto differenti è necessario che ognuno impari la varietà dell’altro a scuola (oltre che la sua).
    Altrimenti esisterebbero sempre delle zone dell’isola in cui un sardo non potrebbe comunicare in sardo, il che non avrebbe alcun senso visto che TUTTI vogliono che la lingua sarda venga utilizzata al pari (o più) dell’italiano e quindi in TUTTA l’isola.

    A parte gli scherzi, facendo in modo che il sardo sia insegnato a partire dalle scuole elementari faremmo anche in modo da avere abbastanza tempo per insegnare tutte le parlate dell’isola, o almeno a capirci tra noi.

    Ma io mi chiedo, perché non sostituire (almeno ai richiedenti) l’ora di religione con un’ora di sardo? Ma avete idea di quante ore utili si perdono in tutta la carriera scolastica con le ore di religione?
    Forse trovare un insegnante di sardo preparato è più difficile di trovarne uno di religione non preparato?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: