Maninchedda, l’indipendenza e la lingua.

Ve la ricordate quella volta che Renato Soru ha minacciato di far pignorare la scrivania del Ministro delle Finanze? La scrivania era di Quintino Sella–si, quello che a Iglesias si fa immortalare da un minatore che non ha nemmeno i soldi per comprarsi camicia e pantaloni!–e il ministro era Tremonti.

Poi Berlusconi e Tremonti persero le elezioni e Soru si trovò a trattare delle Vertenza Entrate con Romano Prodi, Presidente del Consiglio “amico”.

Soru sottoscrisse un accordo indecentemente al ribasso, che poi neppure così è stato rispettato da parte dei vari governi che si sono succeduti:Vertenza entrate – Wikipedia

Allora abbiamo visto quando conta l’amicizia tra governanti sardi e governanti italiani: conta a senso unico.

I governanti sardi fanno quello che i governanti italiani dicono loro di fare, almeno quando appartengono allo stesso schieramento politico “nazionale”.

I governanti italiani se ne fottono dei Sardi, qualunque sia il loro schieramento politico.

Adesso è il turno di Maninchedda.

Con un ordine del giorno presentato dal Partidu Sardu–e preparata da Maninchedda–il Consiglio Regionale ha addirittura messo in discussione il patto che lega la Sardegna allo stato italiano inadempiente.

Ojammommía it’arrori!

Si è spaventata perfino la Confindustria:Secessione: la Sardegna approva un ordine del giorno

www.ilsole24ore.com

Io sono distante e, per capire un po’ quello che stava succedendo, mi sono preso qualche giorno di riflettere e informarmi un po’ di più.

La cosa che colpisce di pù, a prima vista, è la scandalosa assenza del PD dalla maggioranza dei firmatari.

E ancora di più colpisce l’assenza di Soru e dei suoi.

Custa comenti dda spiegant in Seddori?

Ah, già, adesso al governo c’è il bocconiano Monti, e il bocconiano Soru non resiste al fascino bocconaro.

Ma già lo sapevamo già che Soru fa il Rodomonte a corrente alternata: tutto dipende dal governo che si trova davanti.

E Maninchedda?

A pensar male si commette peccato…

Ma che strano: Berlusconi non c’è più e Maninchedda si risveglia dopo anni di letargo.

Anche Maninchedda ci ha l’indignazione intermittente!

Vabbé, la politica è l’arte del reale: una mossa del genere non sarebbe riuscita senza l’adesione di una parte del PDL.

O magari sarebbe riuscita con il PD al posto del PDL.

Ma con i SE non si fa la storia e “A caval donato non si guarda in bocca!”

Oggi l’ordine del giorno esiste ed è merito di Maninchedda e del Partidu Sardu.

Un’ottima domanda, cari Consiglieri regionali

Ma qualche dubbio mi viene lo stesso: qui si stanno mettendo in discussione i rapporti di lealtà istituzionale con lo stato italiano (lampu!) sulla base–si, insomma, è vero che non si vive di solo amore, ma…–di quattrini non pagati.

E tutto il resto? E la nazione sarda? E la lingua sarda, cioè l’elemento che definisce in modo più chiaro la nostra identità?

Perché non vengono denunciate anche le inadempienze dell stato italiano in questo campo?

Tatticismo?

Un modo per arrivare a una maggioranza con partiti che da quell’orecchio non ci sentono?

La politica è l’arte del reale, ma Maninchedda è un amico dichiarato dei nemici della limba annidati nell’università di Sassari.

E sulla questione è stato per il resto assente.

Il dubbio mi rimane che Maninchedda abbia una visione dell’indipendenza molto simile a quella di altri indipendentisti all’amatriciana: cheret issu puru sa Repubbrichedda Italiana de Sardinnia.

Insomma, una nuova entità burocratico- statale nella quale spartirsi potere e poltrone, ma per il resto identica alla Sardegna attuale.

Penso male perché sono cattivo e Maninchedda mi è antipatico?

Malu già so malu, ma Maninchedda non m’est antipaticu.

E Maninchedda est omine abbile.

Ma deo non mi fido ne de issu ne de una coalitzione de partidos chi non tenent casi nudda de partzire, foras de sas poltronas.

Se vogliono essere presi sul serio, comincino a mettere in discussione i rapporti di lealtà istituzionale con lo stato italiano a partire dalle nostre specificità: identità e lingua, in primis.

6 Comments to “Maninchedda, l’indipendenza e la lingua.”

  1. Il PD non ha votato l’ordine del giorno (ed ha fatto benissimo) perché quell’ordine del giorno era strumentale, serviva a coprire le gravi inadempienze dell’attuale giunta rispetto a tutti problemi della Sardegna. Notare che il Psd’Az fa parte di questa maggioranza, così come faceva parte della maggioranza quando c’era Soru a governare. A parte comunque il Psd’Az, che (forse solo a parole? chissà…) si è sempre espresso a favore di una Sardegna staccata dallo Stato Italiano, gli altri sono tutti (TUTTI) partiti italiani di gente (castellazzi? Uras? Giorgio Oppi? ajò…) che NON CREDE nell’indipendenza, e la loro adesione a questa mozione è strumentale, ripeto, perché ora ci sono le elezioni amministrative… quelli di maggioranza (Psd’Az compreso) perché cercano di rifarsi una verginità scaricando tutta la colpa sul sicuramente non esente da responsabilità Stato Italiano (in oltre 3 anni di gioverno berlusconi, sempri citius si ndi funt abarraus… ora è più facile perché c’è Monti, tant’è che -ma càstia tui arratza de coerèntzia!- castellazzi su tzeracu mudu ha steso il tappeto rosso ad alfano quando è andato a Cagliari a “trovarlo” e lui ha ripreso la tessera del pdl), quelli di opposizione per lucrare qualche voto qua e la, stupidi che non hanno capito che così legittimano il tentativo del centrodestra (esclusi i Riformatori ed una parte del pdl) di lavarsi la faccia prima delle elezioni… o forse SEL ed IDV l’hanno pure capito, ma la tentazione di avere qualche decina di voti in più, per partiti che sono comunque sotto il 10%, era sempre tanta, e chi se ne frega se così aiutiamo la destra.
    Al PD io personalmente rimprovero di non avere il coraggio (escluso Renato Soru, mancai tui ddu ses sempri critichendu) di confrontarsi sul serio con i temi dell’indipendentismo. Confronto che non necessariamente implica l’adesione alla causa, ma che è necessario perché molte delle loro battaglie sono sacrosante. Se vai su SardegnaDemocratica (ma forse l’hai già fatto) trovi tanti interventi su questo tema, compreso uno di Soru. Io la penso come lui.

  2. (ovviamente per i discorsi sulla lingua sarda sono, come sempre, in completo accordo con ciò che scrivi)

  3. Quoto 100% sù chi at iscritu Marcu Solinas, ma aciungu: su PD at comìtiu su sbàlliu de no ddus custringiri a aclarai beni sa cosa, e dd’at comìtiu ca, depit èssiri craru, est confùndiu a pitzus de custa e de millanta atra cosa (praticamente, totu). Tui no ses generosu cun Soru, ddoi at pagu gente chi apat fatu unu de dexe cosas chi at fatu issu pro sa Sardigna.

  4. Se Soru fosse corso appresso a questa propagandistica quanto incredibile indipendenza, subito avrei pensato che il Banana non scherzava con Darth Soru e il Casco Del Delirio…. Ma se Soru fosse stato ancora Presidente della regione, credo che avrebbe avuto cose molto più serie di Cappellacci, da dire a Monti, i favori Soru li faceva uguali per tutti, ecco cosa non piaceva di lui. A menzur bidere

  5. Cari signori, il problema non è Soru. Chi se ne frega di Soru? Il problema è se un nemico giurato della lingua sarda come Maninchedda può essere non dico un indipendentista, ma anche semplicemente un autonomista o un sardista credibile. Secondo me, no.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: