Archive for April, 2012

April 27, 2012

Cras est sa die de sa Sardinnia e de sa limba. In Casteddu: multilinguismu in domo e in famìlia

Antonella-Sorace.mp4
Anna Cardinaletti – Università Ca’ Foscari – intervista Antonella Sorace – Universita’ di Edinburgo – sui vantaggi cognitivi del bilinguismo. La Prof. Sorace è stata ospite di Ca’ Foscari venerdì 6…

Pro “Sa Die de sa Sardigna” 2012, cras sàpadu 28 abrile, a mangianu, in Casteddu, pro festare totus in pare e fàghere profetu, amus organizadu un’addòbiu subra su multilinguismu in domo e in famìlia (Biblioteca Regionale, viale Trieste 137, h. 10.30). At a faeddare Antonella Sorace, professora de linguìstica acuisitzionale de s’universidade de Edimburgo, cun Skype e s’at sighire cun testimòngios de su bilinguismu in famìlia. Pro como ant dadu sa disponibilidade Luisa Marci Corona, Luisa Massidda, Manuela Mereu, Nicola Cantalupo, Maria Antonietta Piga, Antonello Garau, Marco Murgia, Paolo Zedda, Joyce Mattu e àteros. Beni tue cun sa familiedda puru ca chircamus de aprontare giogos e ispàssios pro sos pitzinnos.

 Est un’ocasione finas pro bos porrire saludos distintos

 Dr. Giuseppe Corongiu

  Diretzione Generale de sos Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport

Regione Autònoma de Sardigna

Viale Trieste 186

09131 Casteddu – Cagliari

Sardigna – Italy

 

April 26, 2012

Su vaporinu inglesu

Su vaporinu inglesu

bogat fumu e fiamma.

Fastigia-mi de atesu

E chi non ti biat Mamma!

In su 1998 femu in Sestu, po sa cena chi iat organizau s’Assessorau a sa curtura a pustis de sa primu cunferentzia de sa limba.

E femus nosu, is cungressistas, e genti meda de Sestu puru, ca iat portau puru su “Gruppo Folk” e candu ddoi at cosa de spuntinai is Sardus ge non funt brigungiosus.

Apu biu a unu piciocu de unus 18 annus e dd’apu domandau, totu in una:

–E tui su sardu ddu fueddas?

–E certu ca ddu fueddu!

–E cun issa ddu fueddas?

E dd’apu fatu su cinnu cun sa conca a una bella picioca chi ddoi fiat.

–E certu ca no!

In cust’arrespusta ddoi est totu su probblema de sa “trasmissione intergenerazionale” de su sardu.

Po fastigiai a una picioca sarda–de atesu o de acanta–dda depis fueddai in italianu.

Su sardu non est “sexy” po is piciocas.

E custu bolit nai ca su sardu depit abarrai in foras de s’aposentu de croca.

E, candu benit s’ora, ca Babbu e Mamma a is pipius ddus ant a fueddai in italianu.

Ma sa “interruzione della trasmissione intergenerazionale” incumentzat de cussa bella picioca ca non bolit a dda fastigiai in sardu.

–“Su sardu est grezu!”

Ddoi funt studius medas a subra de su cunformismu linguisticu de is feminas, incumentzendi de is trabballus de Labov in is annus ’70.

A si ponni a fai is moralistas non serbit a nudda, tanti non ti dd’onant su propriu, e insaras nudda fillus po ddis podi fueddai in sardu!

Su chi serbit est a trabballai a pitzus de su “status” de su sardu in su mundu de is feminas.

Custu iat a essi prus che a totu una cosa chi depiant fai is feminas e totu: is feminas chi scriint.

Ma foras de sa Cantadora (Paola Alcioni) deu non ndi connosciu feminas chi scriint in sardu.

Curpa mia ca seu emigrau? Podit essi, ma non creu de mi essi perdiu meda, sinuncas ddas emu a connosci.

E Paola puru, non est connota foras de Sardinnia.

Poita sa chistioni non est sceti una chistioni de lingua: is Sardus–e is feminas sardas de prus puru–castiant sceti su chi praxit a is Italianus.

Kelledda Murgia est “sexy”, poita ca bessit in sa televisioni italiana.

Deu a Kelledda si dd’apu domandau una pariga de bortas de scriri cosa de amori in sardu, ma issa s’est chesciada.

Est berus puru ca deu non seu stetiu dilicau meda domandendi-si-ddu, ma su propriu…

Siguru est ca Kelledda–indipendentista all’amatriciana–iat a podi fai meda po su sardu e po agiudai a is feminas sardas a lassai a perdi custas pinnicas macas e colonialistas.

Ma–comenti at scritu Gratzia Deledda–“Su mundu lu connosco e donzi cosa chi sutzedit, sutzedere depíat”.

Su sucessu incontinenti de Kelledda e su fatu ca issa non bolit scriri in sardu andant manu in manu. Funt duas caras de su matessi probblema.

Si issa non fessit colonizada, iat a scriri in sardu puru, ma insaras dificili ca iat tentu custu sucessu incontinenti.

Certu, iat a podi incumentzai immoi, ma iat a depi ponni in dicussioni totu s’idelogia “all’amatriciana” de “s’italianu lingua natzionali  de is Sardus”, ca issa e is amigus suus ant strantaxau in custus annus.

Comenti e sempri, in Sardinnia, po cambiai una cositedda, tocat a cambiai totu.

E, a nai sa beridadi, s’iat cumbenni a tenni unu personagiu “italianu” che “testimonial” de una cosa de importu aici mannu?

E intzandus tocat a pigai un’atra strada: tocat a is ominis a torrai a fastigiai a is feminas in sardu.

E tocat a chini scriit in sardu a si ponni a torrai a imbentai una lingua de s’amori in sardu.

Mi nci pongu deu puru, tocai!

E si sfidu: pensai una bella frasia in sardu po is feminas chi podeus imperai su 28 in sa ruga o in domu.

Su sardu est sa lingua de s’amigantzia.

Ddu depeus torrai a furriai a lingua de s’amori.

E chentza de vaporinus…

Si ses Sardu, su 28 fastigia-dda in sardu!

April 22, 2012

La lingua come motore della non-dipendenza

A colpi di uno scandalo di corruzione alla settimana, adesso nemmeno il Corriere della Sera può più permettersi di negare che l’Italia è malata. Lo leggevo ieri in un editoriale di uno degli “equidistanti” intercambiabili di cui dispone la prestigiosa testata alla milanese.

Nel dicembre scorso, Eugenio Scalfari scriveva che con Berlusconi l’Italia ha subito una “involuzione antropologica”. Scalfari–che non ha la memoria corta–non ci ha ricordato che Berlusconi era già espressione del CAF (Craxi, Andreotti, Forlani) e che il CAF è stato l’apice di 50 anni di regime democristiano + alleati, con le sue stragi, la complicità con le varie mafie, la corruzione e il clientelismo che hanno coinvolto una parte determinante degli Italiani.

L’Italia non è mai stata una democrazia vera e oggi il governo Monti è lì a rappresentare l’immaturità democratica degli Italiani.

La crisi economica mondiale ha sorpreso gli Italiani con le braghe calate–vi ricordate quando Berlusconi e Tremonti negavano l’esistenza della crisi?–e oggi l’Italia è commissariata dalla UE e dalle banche. Gli Italiani–la maggioranza degli Italiani–che avevano scelto per ben tre volte di farsi guidare da Berlusconi, sono oggi sotto tutela e subiscono, assieme agli altri che già subivano l’allegro governo di Papi Silvio.

Ecco perché io mi definisco “anti-italiano” e mi chiedo se quelli che mi hanno constestato questa autodefinizione sapevano che così si era autodefinito Giorgio Bocca.

L’Italia oggi deve “rifondarsi”. Perfino il Corriere dei piccoli lo riconosce, ma io non credo che possa farcela. È già pronto il nuovo leader carismatico che offre la scorciatoia populista agli Italiani, sempre ansiosi di trovare un uomo della provvidenza che risolva i loro problemi senza che loro si mettano in discussione. Grillo prenderà il posto di Bossi e tutto ricomincerà da capo. Fino agli scandali che travolgeranno anche lui: perché dovrebbe essere diverso?

I Sardi, in quanto sudditi dell’Italia, devono rifondarsi anche loro. O affogare con i loro padroni.

I Sardi possono ancora scegliere. Possono rifiutare di continuare ad assimilarsi all’Italia e cercare una loro strada, una strada che li porti oltre l’Italia.

L’importante è sapere da dove si parte.

Per l’ennesima volta: la Sardegna è periferia dell’Italia, soltanto perché i Sardi hanno accettato questo ruolo che gli Italiani ci hanno imposto.

In effetti, la Sardegna è il centro del Mediterraneo occidentale e i Sardi hanno il diritto e il dovere di rivendicare questo ruolo. Ma occorre che i Sardi abbandonino la visione di se stessi come parenti poveri e periferici degli Italiani.

I Sardi devono rinnovare la visione che hanno di se stessi: questo è l’unico rinnovamento che ci permetterà di scioglierci dall’abbraccio mortale con il corpaccione in decomposizione dell’Italia.

Il sottosviluppo economico della Sardegna è figlio del sottosviluppo morale e culturale che l’Italia ci ha regalato con la sua corruzione endemica e generale e con il suo provincialismo (che trova la sua massima espressione nel monolinguismo isterico).

Per rinnovare la propria classe dirigente i Sardi devono rinnovare la propria cultura, sopratutto quella antropologica: devono deitalianizzarsi.

Questo significa pensare a se stessi come Sardi ed Europei, Sardi e Mediterranei.

Significa pensare a se stessi come “non italiani”: non mafiosi, non corrotti, non ammiratori di un vecchio sporcaccione, non succubi di un popolo che, come ci ha ricordato Barbara Spinelli qualche giorno fa, non si è mai liberato dal fascismo.

Pensare a se stessi come Sardi significa pensare in sardo (o algherese, sassarese, gallurese, tabarchino).

Solo considerandoci “altri” rispetto all’Italia riusciremo a sfuggire al putridume italiano.

Solo rifiutando l’assimilazione riusciremo a esprimere una classe dirigente che sappia rispondere colpo su colpo alle prevaricazioni dell’Italia: l’ultima, la sparata di Monti sulle elezioni amministrative che i Sardi dovrebbero pagarsi da soli.

Tempi di rinnovamento inaccettabilmente lunghi di fronte a una crisi immediata e galoppante?

Questo è l’argomento più vecchio che gli oppositori usano contro il sardo: “Abbiamo altro a cui pensare!”

A cosa ci ha portato questa concretezza da miopi? Appunto alla situazione attuale, frutto della dipendenza culturale politica e psicologica della classe dirigente sarda.

La dipendenza nasce dall’incapacità di concepire la propria non-dipendenza.

E questa incapacità nasce dall’essere stati formati in una scuola e in un clima culturale, le cui norme sono tutte dettate oltre Tirreno.

Pensare in sardo significa allora pensare in una lingua le cui norme provengono dalla mia stessa terra. Pensare in sardo significa considerare la Sardegna come centro e non come periferia di Milano o di Roma o di Firenze. Pensare in sardo signica rifiutare la dipendenza.

Parlare in sardo significa mettere in pratica la propria non-dipendenza culturale e psicologica nei confronti dell’Italia e significa anche offrire e chiedere la collaborazione di altri Sardi nella pratica della non-dipendenza.

Parlare in sardo come punto di partenza verso una Sardegna migliore di quella governata da Berlusconi e Monti.

Si ses Sardu e Europeu, su 28 faedda-mi in sardu!

April 20, 2012

Beranu Olandesu

April 19, 2012

Ma cale italianu faeddant is Sardos?

Kentza de polemica…

Tocat a beru a b’abarrare atentos nende ca “is Sardos feddant s’italianu” e ca “s’italianu immoe est una de is limbas de Sardinnia”.

De ita semus faeddende?

E siguros semus ca immoe b’at un’iddiliu tra Sardos e s’italianu?

Bosi antitzipo un’áteru arrogu de su libbru miu…

…………………………………………………………………………………………

L’Italiano regionale di Sardegna

In Sardegna si parla una varietà dell’italiano che mostra differenze notevoli rispetto all’italiano standard. Loi Corvetto (1983:10) fornisce la seguente definizione

generale di italiano regionale: «L’italiano regionale si configura quindi […] come

quel sistema linguistico che, per il concorso di più fattori, è caratterizzato da costanti

generalizzate presso i parlanti della comunità ma, nello stesso tempo, specifiche rispetto

a quelle dell’italiano parlato in altre aree geografiche».

Diversamente dal cosiddetto Italiano Popolare (parlato dai dialettofoni incolti), l’italiano regionale si presenta come un sistema stabile nel tempo e nello spazio geografico e sociale (della Sardegna) al punto che ormai per i sardi di tutte le classi sociali (almeno per quanto riguarda i registri bassi e lo stile informale), l’italiano regionale costituisce l’italiano tout court: quello che effettivamente si parla. Per di più, i sardi sono generalmente convinti di parlare un ottimo italiano (Angioni, Lavinio & Löronczi Angioni, 1983). Questo luogo comune è in effetti molto lontano dalla realtà, ma ha come effetto quello di mantenere stabili le strutture dell’italiano regionale, in quanto le si ritiene coincidenti con l’italiano standard.

Il paradosso di questa situazione consiste nel fatto che se, dal punto di vista del

lessico (delle parole usate), l’italiano regionale si può definire con buona approssimazione

come una varietà dell’italiano, dal punto di vista delle strutture grammaticali (sintassi, morfologia, fonologia) esso è abbondantemente influenzato dalla grammatica del sardo, e le strutture grammaticali del sardo sono spesso molto diverse da quelle dell’italiano standard. Come dimostrazione valga il noto esempio televisivo del «capittomi hai?». Questa struttura sintattica “anomala” è il risultato di una regola ben precisa della grammatica del sardo, la quale prevede che qualsiasi elemento che modifichi il

significato di una frase dichiarativa neutra (per es. ‘mi hai capito?’) sia situato nella

prima posizione della frase. Nel caso di una domanda diretta, nella prima posizione

della frase viene inserito l’argomento della domanda (per es.: carne mangi?; verdi sono

le foglie?; ecc. Per un’analisi generale si vedano Jones 1993 e Bolognesi 1999a). Oltre

ad essere regolare (sistematico), il fenomeno è generale: un sardo di qualunque estrazione

sociale formula le frasi interrogative dirette in questo modo, almeno in una

situazione informale. L’Italiano Regionale di Sardegna è cioè ancora in gran parte “sardo”.

Gli esempi di costruzioni morfo-sintattiche anomale rispetto all’italiano standard

(appartenenti al sardo) si possono facilmente moltiplicare. Lavinio (1991), per esempio,

riporta frasi come «c’era una vecchia cucendo», oppure «[…] un tappeto per non

raffreddarsi i piedi», normalissime per un sardo, ma non grammaticali in italiano

standard.

In proposito va aggiunto che, da un punto di vista scolastico (prescrittivo), l’italiano regionale costituisce un esempio di italiano scorretto, sgrammaticato, da stigmatizzare: cosa che a scuola avviene regolarmente. In proposito risultano molto significative le parole di Cristina Lavinio (1991): «Ma la scuola non si preoccupa molto neppure di intervenire accuratamente e con un metodo adeguato sulle forme più evidenti e meno accettabili di incrocio (o interferenza) tra i due diversi sistemi linguistici, che infarciscono le produzioni linguistiche degli alunni. Si limita a bollarle come errori, a rifiutarle drasticamente: ne addebita la responsabilità, all’ingrosso, al dialetto (così immediatamente indicato in una luce negativa) e non interviene in modo avveduto e rispettoso della necessità di non condannare in quanto “inferiori” le parlate locali (che, almeno linguisticamente, non ha senso considerare inferiori) e della necessità, insieme, di realizzare un obiettivo democratico fondamentale: consentire a tutti di padroneggiare nel modo migliore anche l’italiano».

Evitando di dare giudizi moralistici sull’operato degli insegnanti, è chiaro che all’origine

di questo atteggiamento punitivo c’è una fondamentale mancanza di educazione

linguistica. Manca negli insegnanti la coscienza dell’esistenza di una concezione della linguistica che è agli antipodi rispetto alla loro tradizionale formazione prescrittivista. Particolarmente significative al riguardo sono le seguenti parole di Maria Teresa Pinna Catte

(1992:60-61): «È purtroppo diffuso tra gli insegnanti l’errore di dare per scontate

certe abilità nella lingua dell’alfabetizzazione, sia con i bambini italofoni provenienti

da ambienti sociali svantaggiati, sia soprattutto con i bambini sardofoni o imperfettamente

bilingui, che vengono avviati alla lettura e alla scrittura nella L2 senza che abbiano

interiorizzato gli strumenti linguistici e concettuali di questa lingua. La scuola spesso

non si preoccupa nemmeno di sviluppare competenza, ne dà per scontato il possesso».

Quali sono i risultati di questa situazione in cui l’esistenza di una questione linguistica in Sardegna continua a essere negata?

Non esistono studi specifici sul rapporto tra lingua effettivamente usata dai ragazzi delle scuole medie e rendimento scolastico. Esistono però i dati impressionanti sull’abbandono degli studi prima del conseguimento di un diploma da parte dei ragazzi sardi. Nel 2010, la segretaria regionale della CISL, Oriana Putzolu,  affermava: “In particolare gli indicatori sui livelli di istruzione evidenziano che la Sardegna occupa una posizione di retroguardia all’interno dell’Italia, e ancor di più nei confronti dell’Europa e dei paesi Ocse. Tra questi ultimi il 66% della popolazione di 25/64 anni possiede almeno un diploma di scuola secondaria superiore contro il 44% dell’Italia (anno 2003, Education at a glance 2005, Ocse) e circa il 38% della Sardegna. I giovani che abbandonano prematuramente gli studi rappresentano per la Sardegna un record assoluto in Italia. Il dato relativo alla popolazione di 18/24 anni, con titolo di studio inferiore al diploma di scuola secondaria superiore, che non partecipa ad ulteriore istruzione o formazione, infatti, è pari al 32,6% in Sardegna contro il 22,1% dell’Italia e il 15,2% della UE. Tali dati evidenziano quindi che la Sardegna si ritrova ancora oggi con una percentuale di abbandono scolastico doppia rispetto alla media europea, e addirittura tripla rispetto a quella stabilita come obiettivo negli accordi di Lisbona. L’indicatore percentuale di studenti con scarse capacità di comprensione della lettura, riferito all’aggregato “Isole”, evidenzia che il 36% circa degli studenti isolani non risulta in grado di comprendere nemmeno testi che presentano un livello di difficoltà molto basso. È una percentuale estremamente elevata. Nel Nord-Est del Paese questa percentuale scende al 10,9%, nel Centro si attesta al 20% circa, mentre il dato medio europeo scende di poco sotto il 20% (l’enfasi è mia).” (http://notizie.alguer.it/n?id=32920)

Per i dati ufficiali del Ministero della Pubblica Istruzione, rispetto agli anni 2006-2007, pubblicati nel 2008 e apparentemente gli ultimi disponibili, si veda: http://archivio.pubblica.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/2008/allegati/dispersione_2007.pdf

 

La questione linguistica della Sardegna si ripropone per i giovani non più tanto come conflitto tra sardo e italiano, ma come conflitto tra italiano di Sardegna e l’italiano standard che la scuola pretende  sia già conosciuto dagli studenti delle medie superiori.

 

 

 

 

April 18, 2012

E calincunu ancora non cumprendet proita ca so anti-italianu

Deo bivo in Olanda e su fragu de s’Italia dd’intendo bene: fragu de arrosa o fragu de merda?

La perdita dell’olfatto – Repubblica.it

April 17, 2012

E immoe comente faent is “Tataresos”?

Su sotziu de studentes “Su Majolu” at presentadu a su Retore de Tatari e a su presidente Cappellacci sa proposta de faer esames de sardu, in sardu, in totu is cursos de s’universidade: La proposta: un esame in limba in tutti i corsi di laurea dell’Ateneo | SassariNotizie.com

E immoe comente faent is docentes de “Flora vegetale della Sardegna”?

April 16, 2012

Venceremos!

Labae ita m’est arribbadu in FB:

Marco Cuccureddu Contu

  • Buonasera sig.Bolognesi,
    sono il rappresentante degli studenti del Liceo Classico De Castro di Oristano.
    Stiamo organizzando l’assemblea d’istituto di Aprile (23 aprile per le classi liceali) sulla cultura sarda e tra i vari temi vorremo affrontare la questione de sa limba. Ci piacerebbe averla come ospite per parlare con noi ragazzi dell’argomento.

    Mi rendo conto che i tempi son molto stretti ma purtroppo abbiamo avuto delle difficoltà e quindi ritardato l’inizio dell’organizzazione.

    Cordiali saluti
    Marco”

April 16, 2012

L’insostenibile solitudine della limba

Non ci resta che constatare che nessun partito o movimento politico ha una visione strategica della limba.

Possiamo prendercela con loro e “punirli” (io lo farò), ma possiamo anche cercare di capire perché a nessuno interessa quella maggioranza di Sardi che vogliono la rivitalizzazione della limba. O almeno, non sono interessati a integrare la questione linguistica con la questione generale della dipendenza culturale, economica e politica. Nessuno sembra condividere la visione della limba come motore della non dipendenza. In questo i partiti e movimenti nazionalisti, indipendentisti, sovranisti ecc. ecc. sardi differiscono totalmente dai loro corrispondenti in altri paesi.

E se dipendesse da noi, dal fatto che siamo “Sardi” soltanto in privato, che in pubblico siamo “Italiani”?

Questi partiti e movimenti sono tutti più o meno “economicisti” e non percepiscono il legame che esiste tra dipendenza e repressione linguistica.

Ma quanto ad attivismo, siamo forse la più passiva delle grandi minoranze linguistiche in Europa.

Dobbiamo uscire allo scoperto e far capire alla politica che il sardo paga anche in termini di consenso politico.

Ecco perché il 28 dobbiamo farci sentire e nosi depimus faer intender in sardu!

Nosi podimus arrenegare cun is áteros, ma a sa fine si su sardu ancora est inserradu in su ghetu de sa diglossia e interessat pagu a is politicos, sa curpa est de donniunu de nois.

April 15, 2012

Tre volte lingua. Muledda-Sedda: 3-1

E mi tocca torna a vi scrivere in italianno, che sennò non mi leggette. E magari pure con la pronuncia di Igresiasa che è meglio pure.

Ceéééé, nella sua relazione, Gesuino Muledda ha scritto “lingua” tre volte! (1°CONGRESSO ROSSOMORI. RELAZIONE DEL SEGRETARIO MULEDDA.)

Balla, l’ha tzaccatto benne a Sedda!

Sedda l’ha scritto una volta sollo!

E per fare prima, Muledda ha scritto tre volte “lingua” nella stessa frase: “- Che sarebbe visibile, per esempio, con l’insegnamento delle lingua sarda, della lingua di frontiera, di una lingua internazionale.”

E poi bo’!

In un testo di 5.732 parolle, Muledda ha scritto “lingua” tre volte nella stessa frase.

A cosa serve la “lingua” ai Sardi?

“Il problema delle società multiculturali e multietniche non è l’integrazione. Il problema è il riconoscimento, il reciproco riconoscimento.”

E io che mi pensavvo che la lingua serviva a noi.

Cééé, ‘ta tontu!

E invecce agli altri serve, per ci “riconoscere”: “Documenti, prego!”, “E ita dimoniu: sardu so! Non dd’intendes?”

Ojoja!

“Il percorso che propone Rossomori è un percorso sostanziato di esercizio di sovranità, con l’attuale e con il nuovo, quando lo scriveremo, statuto; capace di affermare un nuovo ceto dirigente, sovrano esso stesso. Consapevolmente sovrano; sovrano riconosciuto dal popolo sardo.”

Un nuovvo cetto diriggente?

E comente buginu ddu bolent formare custu “ceto dirigente”?

Kie ddu faet su spantu? Santu Efis?

Mi paret, mi paret ca custos puru s’unica cosa ki nosi proponent est “Vota Antonio!”

“Eja, tue vota a mie ca deo so bonu e sistemo totu! Comente apo a faer ancora non dd’isco, ma tue fida-ti!”

Anche loro si propongono, a noi,  il “buon governo”, ma “culturalmente forte, identitariamente determinato”: lampu, at scritu “lingua” tres bortas a su postu de una, tantu non est nudda, lampu!!

Rosso va benne–e a me molto benne–ma di moro io ci veddo sollo quello di Venezia.

Toca, o Antonio, se vuoi il voto, prima studia!