Autocoglionizzati

A quanto pare non vi piace sentirvi dire che ancora ci stiamo autocolonizzando.

Pochissime visite al blog e pochissimi “mi piace” su FB per il post di ieri.

Eppure ho soltanto detto come stanno le cose.

Se per i nostri genitori–i miei cresciuti sotto il fascismo–era comprensibile, inevitavile pensare all’Italia come a qualcosa di infinitamente superiore alla piccola Sardegna materialmente e culturalmente stracciona–rileggetevi Le Lannou: “Questo popolo di razza piccola è sottoalimentato”–per la mia generazione già non lo è più.

Avevo 16 anni nel ’68 e come tanti ho imparato a non fidarmi più dell’informazione del regime: qualunque regime.

Non è quindi un caso che a far partire il movimento per la lingua non siano stati i vecchi sardisti del PSdAz, ma i giovani di Su Populu Sardu, tutti più o meno segnati dal ’68.

E chi non lo è stato si faccia pure sentire, così posso correggere la mia analisi.

La responsabilità del fatto che il movimento per la lingua non si sia in questi 40 anni trasformato in un movimento di massa ricade interamente sugli individui della mia generazione e di quelle successive.

Ma le responsabilità vanno anche suddivise in modo diverso tra le diverse generazioni.

I giovani di adesso si stanno formando in una situazione di ricchezza culturale e di informazione che non ha paragoni, non dico rispetto a quella dei miei genitori, ma neppure rispetto alla mia generazione.

Le nuove generazioni non posso non sapere che l’Italia, come modello da seguire per acculturarci, è il più scalcagnato che potesse capitarci.

In testa alle classifiche per la corruzione, la poca libertà di informazione, la diffusione della criminalità organizzata, la violazione dei diritti civili delle minoranze, le stragi, oltretutto impunite, l’ Italia era fino a ieri governata da un personaggio che tutti gli scrittori di satira del mondo rimpiangono, l’Italia è ancora ininterrottamente occupata dai partiti dal lontano 1922 e dalla fine della guerra, di fatto, un protettorato del Regno Vaticano.

L’Italia che, se è cambiata negli ultimi decenni, è cambiata in peggio (Falcone, Grillo, Mussolini, Capaci, Brindisi, Napolitano che piange e quella strana sensazione di déjà vu. Con l’Italia di nuovo in balìa degli eventi).

Eppure la stragrande maggioranza dei Sardi non sembra mettere in discussione quel modello culturale.

Unici tra tutte le grandi minoranze in Europa, i Sardi non sentono la necessità di esprimere in modo massiccio e diffuso la propria alterità e, molto peggio, non sentono il bisogno di esprimere il rifiuto di una cultura antropologica sanguinolenta e purulenta come quella italiana. Se il termine “sanguinolenta” vi sembra esagerato, andatevi a cercare il conto dei morti ammazzati per mafia, camorra, ‘ndrangheta che ha fatto Enrico Deaglio. Deve esistere da qualche parte, perché gliel’ho sentito fare in televisione molti anni fa. Siamo nell’ordine delle decine di migliaia.

Questo comportamento dei Sardi è, per un Sardo che da 30 anni vive in Olanda, assolutamente incomprensibile.

I Sardi si dicono fieri di essere Sardi–e non vedo proprio di cosa dovrei essere fiero, visto che non ho fatto niente per esserlo. E la fierezza è un sentimento difensivo–mentre dovrebbero essere fieri di non essere Italiani. E questo non vuol dire, ovviamente, negare le enormi differenze che esistono tra gli “Italiani”, ma significa ammettere che gli Italiani che rispetto sono una minoranza incapace di far cambiare rotta al paese: leggetevi le analisi dei politologi dopo queste ultime elezioni.

I Sardi che per il 40% sarebbero indipendentisti e per il 48% sovranisti (cherta universitària) non  sentono poi il bisogno di esprimere la propria diversità nei confronti del Bel Paese.

E soprattutto non sentono il bisogno di esprimerlo nel modo che sarebbe più naturale: attraverso il rifiuto dell’elemento cardine di ciascuna cultura, la sua lingua.

E adesso già li sento i nostri indipendentisti all’amatriciane rimproverarmi di usare io stesso l’italiano, in questo testo.

Vero!

Ma c’è un motivo: il numero di viste al blog raddoppia quando scrivo in italiano e questo post è proprio rivolto a voi, che avete fatto dell’italiano la vostra lingua.

Se il nostro 88% di nostri indipendentisti e sovranisti non si sentono Italiani, perché parlano in italiano anche quando non ce ne sarebbe bisogno?

Eppure noi intellettuali impegnati la nostra parte per liberare il sardo dal ghetto l’abbiamo fatta: Sa Die de sa Sardigna.

Oggi si può parlare in Sardo anche di linguistica, per dirne una.

Qualcuno si starà chiedendo qual’è lo scopo di questa mia menata un po’ moralistica.

È ora di cambiare strategia.

Finora tutto quello che è stato fatto per il sardo è stato fatto partendo da un punto di vista difensivo: la tutela del sardo.

Io ritengo che questa strategia difensiva abbia già dato tutti i suoi frutti.

Abbiamo ottenuto molto, soprattutto se confrontato al niente di quando abbiamo cominciato.

Ma non siamo riusciti a rivitalizzare il sardo.

La situazione della trasmissione generazionale è disastrosa.

Se è vero che i giovani (maschi) apprendono ancora il sardo dal gruppo dei pari (i coetanei), è anche vero che il sardo che apprendono è presumibilmente influenzato in modo massiccio dall’italiano. Si vedano i commenti al mio post I Sardi parlano tutti l’italiano?  e anche l’altro post Come parlano i sardi? 

Vedo con apprensione come sbocco di questa strategia difensiva–e sempre che abbia successo–la vittoria di Pirro ottenuta dagli Irlandesi.

Vedo il sardo insegnato a scuola–e studiato de mala gana dai ragazzi–e completamente scomparso dalla vita dei sardi.

Per rivitalizzare il sardo non basta vincere la battaglia politica con le istituzioni–e vendicarci delle umiliazioni passate–ma occorre vincere la battaglia culturale per far tornare il sardo alla condizione di lingua normale.

Giudico perciò gravissime le posizioni di vari esponenti di ProgReS, che teorizzano per la Sardegna la soluzione irlandese; indipendenza statuale e continuazione della colonizzazione culturale.

Le giudico gravissime perché potrebbero essere espressione del disorientamento linguistico di almeno una parte delle giovani generazioni.

Insomma, quelli che dicono: “Io non parlo in sardo perché a casa mia si parlava italiano”.

L’italianizzazione culturale di queste persone è andata talmente avanti che hanno assorbito perfino uno degli aspetti più miserevoli e miserabili della cultura italiana: il monolinguismo isterico.

Queste persone non si rendono conto di avere il dovere morale, civico, di imparare il sardo: non fosse altro che per permettere a me di parlare in sardo con loro.

Queste persone rivendicano il proprio “diritto” al monologuismo e negano il mio diritto al plurilinguismo.

Finora a questo gioco ci abbiamo giocato tutti e quest’articolo in italiano ne è una dimostrazione.

Quante volte non abbiamo detto: “Parlo in italiano, perché c’è qualcuno che non capisce il sardo”?

È successo perfino che, ancora pochi anni fa, Cristina Lavino protestasse a una conferenza regionale sulla lingua perché io e altri abbiamo parlato in sardo.

Ma è arrivato il momento di ribaltare il gioco: sono i monolingui isterici a negare i nostri diritti linguistici.

Prendiamoci il nostro diritto e usiamo il sardo anche nelle situazioni che norme sociali frutto del colonialismo culturale–e dell’autocolonialimo–giudicano non adatte.

Usiamo il sardo con gli sconosciuti, con le donne, con i bambini nostri e altrui.

Come per gli omosessuali è ora di uscire allo scoperto.

Fuori dal ghetto e dentro la società.

Fieri, non di essere Sardi, ma di non essere Italiani!

8 Comments to “Autocoglionizzati”

  1. Sas fèminas nos ant leadu sa limba e sas fèminas nos l’ant a torrare.
    Sas mammas ant leadu sa limba a sos fìgios e sas mammas bi lis ant a torrare.

  2. A ben vedere neppure gli italiani parlano l’italiano. Trovatene uno che lo parla a Roma, Napoli, in tutto il sud , in Veneto, in Friuli. Da quelle parti il dialetto è lingua., niente complessi o seghe mentali. Solo in Sardegna li abbiamo.Perchè?… semplice: perchè i sardi sono un popolo inferiore, non ho altre spiegazioni, e quelli di Progres sono degli sfigati che parlano di indipendenza, ma dicono ai sardi che non devono essere sardi. Mai nazionalisti , mai sardisti, tutte cose che fanno parte dei sentimenti genuini dei sardi. Spiegateglielo che nazionalismo non vuol dire Hitler, che sardismo non vuol dire leccare il culo all’Italia. Ma in fin dei conti perchè scagliarsi contro Progres? non contano niente, sono una setta, non sono loro che porteranno la Sardegna all’indipendenza politica e culturale come piace a lei, Bolognesu.

  3. Appròbu totu sa chistionàda. Si deo no appo fattu nudda e totu pro assè fieru e manninu d’essere sardu, in paris no appo neghe de sa trascùra. Sa rajone bera este custa: chi sunu sos politicos a battìre totu s’acajone de su sonnu de sa Sardinnia e dessos Sardos. Ite ana fattu sos politicos dae su 1948 a inoghe pro fagher manna s’Isula nostra? Ana fattu comente fàghent sos preìderos de dìe (ammasediènde nos, arreduende nos mudos e cagliàdos, intàmas chi allutinàos), e posca, de notte, faghinde sos furònes.
    Modello culturale? E da cale cuzzòlu at mai cabutzàdu sa curtùra in Sardigna? Fossi dae sas pàzines de sos zorronàles? o dae sa cara, dae sa conca, dae sa mente dessos politicos? Cando? comente? Boh! In Sardigna sa majorìa dessu pòpulu in su 1948 cherìa su Re. Déris cherìa Berlusconi, òe cheret unu Podère Folte, chi penset pro sa Majorìa e totu.
    Nosu semus campende cun su sonnu dessa Rajòne, nos piàghet meda de faeddare a sbùidu, tantu po isòlbere sa limba. Nosu non semus unu populu revolutzionàriu.

  4. Ma questa cosa di mettere i sardi e gli uomini sessuali insieme chi l’ha inventata, qualche genio? Azz, e va bene quello che dice che il sardo deriva dall’ebraico, va bene Caxandra chi narat paraulas feas chei una isgarrigadora de su portu, andat bene su zircu barnum, ma itte cazzu b’intrada custa cosa?

    • Fia acanta de la lassare passare, tantu…Ma no, custa cosa de is omosessuales bolet posta in craru: Issos sunt una minoria ki nos at imparadu essire a campu pro su ki ses est sa cosa prus importante de totu.
      E pro issos est prus malu puru a faer, ca a issos, gente meda ke a tie, lis riet infatu. Issos m’ant imparadu ca sa dinnidade, ke s’atza, si non la tenes, non ti la podet dare neunu. E non est cosa de pagu.

  5. Sono assolutamente d’accordo. Io nel 1968 sono nato, e fortunatamente sono perfettamente bilingue. Ma bilingue lo sono pazientemente diventato, con un processo inverso, vittima di quella curiosità radicata in tanti di noi, che magari un po’ per pigrizia un po’ per mancanza di tempo non si coltiva. Sono d’accordo anche sulla pochezza del tipo di “Europa” al quale siamo associati. Non meno, le nuove generazioni sono assolutamente inconscie di ciò, sempre più ignoranti e fuse nella straordinaria pochezza culturale che contraddistingue quel paese. Posso solo sperare che l’informazione ed il lavoro dei tanti, sempre di più, che credono in una Natzione, col tempo e la perseveranza colmino questo GAP. Il tutto in un processo democratico e senza salvatori della patria. Beato il popolo che non ha bisogno di eroi.

  6. Cronicas de foras-de-Sardinnia: m’hant iscritu dae una cumpannia teatrale sarda (naki). In italianu. Lis hapo sentziadu in sardu. Mi torrant a iscrier in italianu. Lis torro a sentziare in sardu. Galu no m’hant torradu ‘oghe. Hamus a bider cantu bi lis keret a lu cumprender, ki si kerent fagher faìna cun megus, li tocat de faedhare in sardu. Calesisiat: campidanesu, nugoresu, fintzas gadduresu e tatharesu, no m’importat nudda. Bastu ki siat sardu.

  7. Ma b’at isperas de sole (galu pagas) e zente chi su sardu l’impreat in s’arte (galu pagos): bos chergio singialare un’artista sarda pagu connota ma chi, in su “polimorfismu polilinguisticu” sou, mi faghet isperare pro unu benidore:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: