“Dd’at artziau sa camisa e nde dd’at calau is mudandas!”

Chi di media ferisce, di media perisce!

Finora il perdente principale della guerra mediatica in corso è proprio lui, Doddore.

Doddore, Doddore: avete sentito più niente di lui?

Ha cominciato almeno a bere?

O ha sospeso anche lo sciopero della fame?

E continua a esigere il suo diritto di parlare in sardo?

I minatori di Nuraxi Figus–e soprattutto Mauretto Pili–sono riusciti a cacciarlo dalla scena con il loro “Grande Fratello sotterraneo”, con tanto di sangue vero e centinaia di chili di esplosivo.

I media di tutto il mondo sono andati in brodo di giuggiole.

E il povero Doddore, che con la sua Repubblica di Malu ‘Entu aveva avuto il suo quarto d’ora di celebrità, rinnovata dal suo arresto, adesso langue in galera e nessuno se lo fila più.

Ai minatori è stato dato un po’ di respiro: la miniera non chiuderà prima delle prossime elezioni.

Nessuno ha posto la cosa in questi termini, ma io lo dico lo stesso.

La rielezione di Mauretto Pili è assicurata!

Ma adesso è l’Alcoa che chiude.

Sardegna, Alcoa: “Al via chiusura Portovesme”

Sulcis, Clini: “Difendere lavoro solo se ci sono prospettive”
Tremiti: “Trivellazioni per valutare, non per estrazione”

Vi ricordate come era posta la questione prima dell’occupazione?

Il governo pensava di salvare l’Alcoa e di chiudere la miniera di Nuraxi Figus.

Adesso pensano (si insomma, fino alle prossime elezioni) di salvare la miniera e l’Alcoa chiude.

La morale è tutta nella storia che a noi, giovanotti rivoluzionari perennemente stazionati in Piazza Sella, raccontava il proprietario del chioschetto della piazza, dove noi–quando potevamo permettercelo–andavamo a berci una birra in tanti.

” Prima della guerra, i Teuladini venivano a Iglesias a fare compere. E quest’uomo si è messo a contrattare. Aveva comprato una camicia e delle mutande e protestava che le mutande erano troppo care. E il commerciante di Iglesias cosa ha fatto? Ha aumentato il prezzo della camicia. Dd’at artziau sa camisa e nde dd’at calau is mudandas! E su Teuladinu prexau!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: