Il delirio anti-LSC dei tre moschettieri

Per bloccare un incentivo che corrisponde al 20% del totale, i tre consiglieri regionali Espa, Bruno e Cuccu sono disposti a far saltare tutto il finanziamento regionale agli sportelli linguistici.

Per bloccare il premio ai comuni che adottano la LSC, si bloccano tutti i finanziamenti.

Questa non è una battaglia per difendere l’autonomia degli enti locali.

Questi semplicemente avrebbero continuato a ricevere i contributi regionali, indipendentemente dalla grafia usata per scrivere il sardo.

Questo sabotaggio è mirato CONTRO la LSC e per raggiungere il loro obiettivo i nostri eroi sono disposti a perdere ‘LATI E CARDAXU”.

Se passasse la linea richiesta dai tre consiglieri, cioè il blocco di procedure amministrative già asseverate in sede di approvazione del Piano Triennale, la conseguenza sarebbe il fermo totale delle integrazioni ai comuni e province per ripianare i tagli statali.

Circa un centinaio di operatori di sportello lingua sarda perderebbero il posto.

Una follia.

Bisognerebbe riscrivere il Piano Triennale, rimandarlo in Commissione e in tutti gli organismi che danno obbligatoriamente il parere. Entro l’anno invece i soldi devono essere spesi altrimenti vanno in economia, ovvero si perdono e verrano destinate ad altre attività non alla lingua.

Lo scorso anno il Movimento Linguistico aveva vinto una grande battaglia portando a casa un milione di euro per sopperire ai tagli del ministero sulla legge 482/99. Ci avevano lavorato tutti i blog di area, i ragazzi della provincia di Nuoro, quelli dell’Istituto Bellieni, quelli de Sa Bertula Antiga in compagnia de Su Comitadu de sa Limba Sarda e con il sostegno degli uffici regionali.

Ovviamente, quando si è trattato di presidiare il Consiglio Regionale, o trattare a muso duro con l’Assessore, Oreste Pili, Perdu Perra, Ivo Murgia, Amos Cardia, Giampaolo Pisu, Stefano Cherchi non erano rintracciabili.

Però su dinai candu arribbat gei ddis praxit….

E la Regione l’ha distribuito a tutti, anche a loro.

Pero issus faint sempri custa gherra contra a su movimentu linguisticu….unu machiori

Quanto ai consiglieri, che hanno il dono dell’ubiquità e riescono a essere dentro e fuori delle commissioni, ad approvare il Piano Triennale, per poi contestarlo, consiglio loro caldamente di farsi visitare da qualcuno che se ne intende di questi fenomeni.

8 Comments to “Il delirio anti-LSC dei tre moschettieri”

  1. Ma custu articulu, chie ti lu at iscrittu? Piccì?

  2. Sa L.S.C. impreada po iscriri is documentus in essida de sa R.A.S. e de totu is atrus entis chi, sena de òbligu perunu, dda bolint impreai, non noxit a is variedadis localis, antzis ddas avalorat. E insaras, abarrendi firmu ca sa bellesa de 400.000 € de is 500.000 € chi ddoi funt a disponimentu me in su bilàntziu regionali ant a essi partzius intra de totu is entis chi ant otentu unu finantziamentu cun sa L. 482/99 po s’annada 2009, poita un’enti chi – a manera lìbera – isceberat de impreai sa L.S.C. non iat a depi tenni un’agiudixeddu de sa R.A.S. po custu? Mi parit una proposta ecuilibrada e non ddoi biu is “cuntraditzionis craras” cun sa Delibera n. 16/14 de su 18.04.2006 chi arremonat Marco Espa me in s’interrogatzioni sua.
    Antoni Nàtziu Garau

  3. Tanto casino per nulla..i tre moschettieri hanno fatto una marchetta elettoralistica perchè Espa è di Capoterra come Pili. Eterno disoccupato che prende un panino dal comune di Capoterra e una pagnotta dalla Provincia di Cagliari per far danni contro la lingua sarda. Pili ha scritto una velina e l’ha passata ad Espa che sperando di raccattare quattro voti a Capoterra l’ha fatta firmare ai due moschettieri del suo partito che hanno firmato senza leggerla. Un’interrogazione sopratutto se è lonfia come questa lascia il tempo che trova e cade nel dimenticatoio. Nel caso se dovesse ritenerlo importante dovrebbe essere l’Assesore a rispondere per le rime e difendere l’operato della sua Giunta e maggioranza in materia. Ma c’è tanta ambiguità. E in consiglio regionale si comportano come i ladri di Pisa…Certo che Pili e co. Non smettono di sabotare ciò che di buono si fa per la lingua sarda.Sono isolati e impotenti e come tutti i provocatori di professione e mai dimenticare che qualcuno è pregiudicato con la fedina penale sporca,ma quando il puparo tira i fili si muove.E si muovono assieme con qualcuno in buona fede guarda caso contro la lingua sarda e la sua unitarietà e il percorso di vera ufficialità che è possibile solo con il perfezionamento, sviluppo ed uso della LSC. Credono di combattere e non si sono accorti che sono già morti..

  4. Saludi prof. Bolognesi

    Fostei scrit:

    “Ovviamente, quando si è trattato di presidiare il Consiglio Regionale, o trattare a muso duro con l’Assessore, Oreste Pili, Perdu Perra, Ivo Murgia, Amos Cardia, Giampaolo Pisu, Stefano Cherchi non erano rintracciabili. Però su dinai candu arribbat gei ddis praxit….”

    In pus in s’artìculu fait a cumprendi ca seu contras a sa LSC. Su parri miu asuba de custu standard est unu pagheddu diferenti de cussu de is amigus mius (e incapas tocat a si sfortzai fintzas de circai de cumprendi poita issus dda pensant diaici). Deu creu chi si serbat unu standard gràficu ellus, tocat a biri cali e cali tretu depeus fai po ddoi lompi. Deu custu no ddu sciu, no seu linguista, sotziologu e mancu brùsciu. Potzu nai ca una borta ia povintzas tentu chistionis cun d-unu ativista de sa lìngua sarda, una personi stimada de “s’accademia de sa lingua sarda campidanesa” ca no ia firmau unu documentu indiritzau a sa RAS po nd’arretirai sa LSC. E m’est sutzèdiu fintzas de presentai in Sàrdara unu libbru de Zuanne Frantziscu Pintore “sa losa de osana” scritu in LSC, bastat a castiai in youtube o innoi:

    http://www.bibliotecadisangavino.net/index.php?option=com_hwdvideoshare&Itemid=88&limitstart=75

    Aici cumenti eus presentau libbrus scritus de Mariu Puddu e de is amigus de is arrègulas e fintzas àterus. Est craru ca cumenti at nau fintzas fostei sa LSC est “sbilanciada”, ghetat tropu a su sardu setentrionali e duncas tocat trabballai diaveras po dda meriodionalizai. No si cumprendit poita depeus amarolla fai is pluralis a sa logudoresa e no ponni amarolla is artìculus e is fueddeddus pronominalis a sa campidanesa, ingunis invècias podeus sceberai is/sos-sas ddu/lu… Su matessi arrexonamentu po is “i” e “ar” prostèticas. Est craru ca custu no iat a bastai, ma iat a essi unu sinnu diaveras mannu po comunicai a totu is sardus ca si bolit diaveras unu standard MESANU, cumpartziu, chi siat a tretemesu de is bariedadis de su sardu, e no unu standard fillu de su pregiudìtziu linguìsticu chi ancora oi circat de si cumbinci ca su sardu prus bellu e sinzillu est cussu fueddau in cabesusu… Est berus ca apena fut bessida sa LSC ia tentu cosa de nai, ma agoa apu circau de incarrelai custa crìtica in surcus prus propositivus, po su pagu chi potzu fai ellus (pagu diaveras balla!), ma donniunu fatzat su chi podit.

    Deu etotu apu firmau cussa lìtera de sa RAS chi pregontat a is comunus de arrespundi aintru de 5 diis cali est sa “norma linguistica ortografica” manigiada in sa produtzioni testuali aintru de is progetus linguìsticus.

    Est craru ca m’iat a dispraxi meda chi Sàrdara fessit esclùdia de cussa parti de finantziamentus regionalis.

    Po torrai a sa LSC est fintzas craru ca po imoi si serbit a tenni in is biddas una proposta/solutzioni gràfica chi punnit a unu standard chi sa genti potzat arreconnosci e acetai ca asinuncas sa genti dd’arrefudat. Ma custu mi parrit ca in calincuna manera ddu narant fintzas in Regioni. Depeus fintzas pensai no sceti a cali est sa rialtadi ma a sa percetzioni chi ndi tenit sa genti. Prus de totu ca asuba de is chistionis linguìsticas su prus de sa genti no ndi scit nudda, e no podit che essi diaici cunsiderau ca custas chistionis funt foras de dònnia logu e cuntestu chi contat: scola, giornalis, tv, arràdiu…. E custu ddu scit a chini trabballat e fait cosas in sardu in su territòriu e cun sa genti. Potzu nai ca m’iat a essi pràxiu chi is “arrègulas” aprovadas de sa provìntzia de Casteddu e sa LSC aprovada de sa RAS essint tentu is pròpias (ar)règulas gràficas, sa pròpiu ortografia, iat a essi stètia una cosa bella, un’àteru sinniali de importu. Ddu ia povintzas pediu a un’amigu chi at trabballau po is “arrègulas” innantis de sa pubblicatzioni.

    Po su chi spetat a su fatu ca deu no mi nci ia a amesturai a fainas de presìdius e batallas cun s’Assessori, fainas grais e trabballosas, ca no ia a essi bonu a gherrai, assumancu custu mi parrit chi siat su sentidu trasmìtiu de is fueddus suus, potzu sceti nai ca no est aici e cust’afirmatzioni mi fait unu pagheddu arrennegai. Unus cantu annus a oi in Sàrdara ia pinnicau de babbus e mamas chi teniant fillus in scola, giai centu firmas po pediri a sa scola de ponni su sardu ingunis aintru, una cosa chi mi fut costada no pagu trabballu e fintzas certus cun sa scola.

    Sempri in scola de Sàrdara

    http://gianfrancopintore.blogspot.it/2009/10/storia-e-geografia-sarde-scuola-basta.html

    Àtera faina est cussa chi seus portendi ainnantis cumenti de Comunu de Sardara, seus pedendi a sa RAS chi si fatzat balli cun s’ufìtziu scolàsticu regionali po chi arrespetit s’art. 4 ùrtimu coma de sa Lei 482/99, anca si narat ca sa scola depit aprontai is mòdulus de preiscritzioni de scola cun sa pregonta ” boleis imparai su sardu a is fillus”.

    http://gianfrancopintore.blogspot.it/2012/08/identidadi-lingua-e-innovatzioni-po.html

    Totu custu abetendi sa ratìfica de sa Carta europea de is linguas de minoria, ma a dolu mannu no mi parrit chi siat arribbendi…

    Oi funt prus de 100 is comunus chi ant delibberau, e ancora funt delibberendi. No sciu cumenti at a acabbai custa chistioni ma potzu assegurai ca custa faina m’est costada unu sciacu mannu de tempus, de dolori de conca e fintzas unu pagheddu de dinai (de busciaca), àteru che presìdius.

    Totu custu po nai ca su nòmini miu in s’artìculu suu est “foras de logu”, ca deu gherra contras a su movimentu linguìsticu no ndi fatzu, antzis seu unu chi gherrat po sa lìngua nosta.

    Mi benit gana de nai “fai beni e bai aromaba” cumenti naraus in bidda, a sa sardaresa.

    Po dda serrai Prof. Bolognesi, ddi pedu su prexeri innantis de m’acusai de calincuna cosa de si documentai mellus, ca a bortas bastat unu fueddeddu unu pagheddeddu trotu po amostai una cosa po un’àtera. Deu creu ca si depeus sempri arregordai ca “est sa lìngua chi depit serbiri a is sardus e no a s’imbressi”, e seu seguru ca fostei est deacòrdiu.

    Saludus.

    Giampàulu Pisu

  5. Caru Professori, ddi pedu sa garbosidadi de pubricai una “rettifica” a una cosa chi at scritu, chi no arrespundit a beridadi.

    “Ovviamente, quando si è trattato di presidiare il Consiglio Regionale, o trattare a muso duro con l’Assessore, Oreste Pili, Perdu Perra, Ivo Murgia, Amos Cardia, Giampaolo Pisu, Stefano Cherchi non erano rintracciabili.
    Però su dinai candu arribbat gei ddis praxit….
    E la Regione l’ha distribuito a tutti, anche a loro.
    Pero issus faint sempri custa gherra contra a su movimentu linguisticu….unu machiori”

    Deu, gràtzias a Deus, tèngiu unu traballu miu (comenti fustei sciit seu dotori de mexinas), duncas no apu mai tentu tempus (e nimancu abisòngiu, po bona sorti) de traballai cun sa lìngua ni de andai a presidiai su Consillu Regionali o de certai cun s’Assessori.
    Po cussu depit essi craru ca NO APU MAI ARRICIU UNU FRANCU de sa Regioni Sarda e NO ND’APU MAI NIMANCU PEDIU.
    Po su chi spetat a “sa gherra contra a su movimentu linguìsticu”, is chi mi connoscint sciint beni meda ca est cosa chi est atesu meda de is pensus mius e su pagu chi circu de fai, in su pagu tempus lìberu e po su prus finsas paghendi de busciaca mia, est PO su sardu, NO CONTRAS. Tzertu no totus de su movimentu podeus tenni is pròpius ideas asuba de is interbentus de fai, ma custu si narat democratzia.

    Saludus
    Stèvini (Stefano) Cherchi

  6. Gherra manna pro 100.000 euros chi sa Regione est dende (a pustis de milli peleas e de milli batallas) pro premialidade… ma cando sa Provìntzia de Casteddu aiat torradu in secus 400.000 euros de sa 482/99 sena bi fàghere nudda in ue fiant totus custos gherradores contra a sos gastos o a su dinari isfrundidu?

    Angelo Canu

  7. Professore sempre lo scalzacane che le parla. adesso starei anche delirando, complimenti per l’offesa non a me ma alle persone che soffrono di questa patologia, nonostante cerchino di fare una vita normale – lei forse non si immagina che è una cosa molto molto seria – , sinceramente non capisco la sua animosità personale …. calma calma, non sono un dotto come Lei. Proprio di dubbio gusto i suoi attacchi non politici ma personali che lei fa a persone, ripeto, che non conosce. Le capirei se lei fosse un funzionario dei partiti del centrodestra che vuole difendere la sua giunta di centrodestra ma non mi sembra questo il caso. Ho messo per iscritto che la LSC è cosa buona VOLUTA DA NOI, durante la nostra giunta di centrosinistra nella scorsa legislatura. ma Lei continua a dire cose incredibili (si è consultato? chi le ha detto che tutto si blocca? non so se lei è un esperto di diritto amministrativo ma le cose che dice sono amministrativamente inesistenti, abbiamo chiesto il blocco di una semplice procedura di premialità che non cambia di una virgola tutto il lavoro fatto fino ad oggi, sa, il mio mestiere non è quello di consigliere regionale ma sono un funzionario della Corte dei Conti che controlla gli atti amministrativi della Regione, con una esperienza 25ennale). la nostra interrogazione ha fatto notare che non è conveniente scrivere ai comuni chiedendogli di decidere in 5 giorni. Comunque le ripeto, la sua incredibile animosità (forse tra voi dotti della lingua sarda usate questo stile), non le fa onore. preferisco essere uno scalzacane che insultare le persone che non conosco. I deboli aggrediscono, me lo lasci dire. E cercano nemici dove non ci sono.

  8. @ Marco Espa
    il ragionamento sembrerebbe non fare una grinza. l’On Espa sostiene che la LSC è cosa buona e voluta dalla sua parte politica. Ciò vuol dire che personalmente e la sua parte politica s’impegnano per il suo utilizzo e anche miglioramento mediante la sperimentazione. Sperimentazione che vuol dire, dato che la LSC riguarda il sardo scritto e non parlato, che la cosa migliore da fare è scrivere nella LSC. Ovviamente una buona pratica di politica linguistica dovrebbe tendere a creare le migliori condizioni perchè ( nei comuni e non solo ) si scriva con la LSC.
    Non un obbligo perchè a nessuno viene chiesto e non si dovrebbe chiedere di scrivere in LSC per obbligo ma operare per incentivare questa buona pratica. Utilizzare la LSC vuol dire che progressivamente l’uso della lingua scritta dovrebbe progressivamente divenire lo standard in tutti i Comuni della Sardegna che hanno dichiarato che la loro lingua è la sarda. Analogo processo, quando si avrà il loro standard stabile, dovrebbe essere attuato nei comuni dove la lingua è alloglotta. In tutti i luoghi, minoranze linguistiche o nazionali, ove si è operato per la rinascita delle loro lingue e un uso ufficiale e paritetico con le lingue ufficiali dello stato di appartenenza, per l’uso nel pubblico, nelle scuole e nei media, si è raggiunto il successo prima con la standardizzazione della lingua e poi con una politica d’incentivazione ad utilizzarla. E’ ovvio che incentivare non significa erogare solo incentivi economici ma è necessaria una profonda politica culturale, identitaria, psicologica e con tante altre sfaccettature che opera per convincere o meglio far prendere coscienza della propria lingua e della necessità di parlarla e di scriverla per recuperare i tanti danni che le politiche contrarie di assimilazione hanno creato ad adulti, ragazi e bambini. Ma l’incentivo economico è fondamentale. E’ necessaria una politica di premialità che va progettata e attuata in maniera diversa per ciascuna lingua e popolo che è interessato pechè le condizioni a volte sono molto diverse.
    Ora passi per i 5 giorni, ma ho l’impressione che all’origine dell’interrogazione ci fosse invece proprio un’opposizione alla pemialità per l’utilizzo nei Comuni dela LSC. E ciò a mio avviso è profondamente sbagliato e rischia di negare alla radice l’affermazione di essere d’accordo con l’uso dela LSC perchè dimostrerebbe una non comprensione della questione. Siccome si tratta di pochi spiccioli, come pochi spiccioli sono gli stanziamenti che la Regione sarda o meglio il Consiglio regionale dedica alla lingua sarda. Se si dividese la cifra per tutti i Comuni si vedrebbe cla òla premialità è proprio più un incentivo morale e psicologico che altro. Opporsi vuol dire contestare la linea che prevede la LSC o almeno ciò che sarà dopo la sperimentazione, cioè dopo che chi scrive scriverà dandogli con la pratica una nuova e cetamente sorprendente nuova vita di lingua scitta viva. Diversa invece è la volontà dei “suggeritori” della interrogazione che è noto sono contrari alla LSC come sono contrari alla standardizzazione della lingua sarda ma favorevoli a ben due standardizzazioni cioè a dividere la lingua sarda in due e in definitova ad affermare che esistono due lingue sarda e quindi due diverse comunità o minoranze linguistiche o nazionalità iin Sardegna. E chiaro che sono dei conservatori e reazionari che reagiscono appunto ad un progresso della lingua sarda a favore guarda caso di un unico standard che a loro va benissimo..la lingua italiana.
    Con questo contrariamente a quanto credono sunano la campana a morto anche a tutti i dialetti sardi che invece credono di difendere compreso il sardo meridionale perchè senza lingua scritta comune a tutti i sardi, cioè la LSC anche i dialetti moriranno in breve impedendo qundi a chi voglia scrivere poesie, racconti e qualsiasi altra cosa nel proprio dialetto e anche insegnarlo ai propri figli, perchè sarà l’italiano gia invasivo ed egemone a prendere il posto dei dialetti e della LSC così contrastata e debilitata dall’interno senza i giusti incentivi.
    Insomma non sono così criticabili gli estensori dell’interogazione, ma sono condannabili i suggeritori, in primis Oreste Pili che già ha fatto tanti danni, che continuano sempre per fortuna con meno virulenza ed efficacia, ma facendo ancora dannni quando carpiscono la buna fede di altri, a lottare contro la lingua sarda e la sua normalizzazione, standardizzazione e sempre maggiore uso pubblico scritto.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: