L’On. Espa non è d’accordo con se stesso

L’On. Espa ha scritto: “Egregio professore le risponde lo scalzacane! (come mi definisce lei, ovviamente questa sua caduta di stile, non conoscendoci, mi scusi ma non le fa onore) che ha scritto il comunicato stampa. Purtroppo lei ha a che fare con una persona che è conosciuta per la cura delle sue prese di posizione.
A Lei potrà dar fastidio qualunque interrogazione che non combaci con le sue idee. Ed è ovviamente legittimo. Lei sembra impropriamente molto animoso con toni sinceramente fuori luogo perché probabilmente da dotto quale è si interessa di polemiche tra dotti che a me scalzacane proprio non interessano e nemmeno conosco. Le polemiche tra le élite non mi appartengono.
Se mi chiamano gli amministratori di Fonni piuttosto di quelli di selargius o di Quartu pula o Cagliari ( dico solo ad esempio professore) che mi segnalano che per la prima volta esiste una premialita in denaro se adottano in 5 giorni la Lsc… con le loro comunità locali pronte a censurare il loro comportamento… Io chiedo di annullare questa premialita è una questione di principio. Denaro in cambio di adottare la lsc. Non è un fatto burocratico. Riguarda la comunità le persone che devono partecipare alle decisioni delle loro comunità locali.
Ma, se lei non vuol entrare nel nostro club degli scalzacani, la pregherei di non dire cose sbagliate e non vere: purtroppo per lei non appartenevo alla commissione. bisogna documentarsi prima di scrivere.
Inoltre le ricordo che la Lsc è stata deliberata dal nostro governo regionale, da noi, e infatti l interrogazione non riguarda ma anzi valorizza il percorso della Lsc.
Capisco che per lei certi argomenti devono essere solo legati alle battagli di voi dotti di lingua sarda ma mi permetta anche da presunto scalzacane di denunciare un’ingiustizia.
A disposizione per qualunque cosa se vuole mi tenga edotto sul suo punto di vista ogni contributo diverso per me è un arricchimento.
Cordialmente
Marco Espa”

Caro Onorevole, io non sono Dotto, ma nenche Mammolo, o un altro dei 7 nani.

L’informazione secondo la quale lei farebbe parte della Commissione cultura io l’ho avuta da fonte sicura.

Da lei stesso!

Io mi sono limitato a fare “copia e incolla” dal suo blog: http://marcoespa.blogspot.it/

Se lei adesso vuole smentire se stesso, faccia pure.

Quanto all’incentivo simbolico per l’adozione della LSC da parte delle amministrazioni locali, sarà la Giunta a risponderle.

E per quanto riguarda la necessità di informarsi, la invito a farlo veramente, prima di spararle grosse sulla LSC “lingua estranea alle comunità locali”.

Il mio blog è pieno di articoli che analizzano il rapporto tra LSC e dialetti del sardo.

E poi esiste anche il mio studio del 2007: La Limba Sarda Comuna e le varietà tradizionali del sardo

Riprendere le dicerie della gente poco informata–e poco intenzionata a informarsi–e amplificarle si chiama, in politica, POPULISMO.

3 Comments to “L’On. Espa non è d’accordo con se stesso”

  1. Eh, lei professore è entrato nel club degli scalzacani. Proprio voleva entrarci… e ci è riuscito. Dopo averci accusato delle peggio cose, ovvero di aver approvato una procedura nel 2011 e poi di averla ripudiata con questa interrogazione, io le dico ” guardi professore che non facevo parte della commissione” perche come tutti sanno le persone cambiano spesso commissione. invece di ammettere il suo errore, ovvero di aver detto una cosa falsa, fa operazione verità cercando di spiegare che siccome adesso nel mio sito c’è scritto che faccio parte della commissione cultura allora da sempre ne faccio parte…. tipico ragionamento da scalzacane come me, secondo lei… :)ovvero tipico populismo, il Suo. Guardi lasci stare sul populismo, Lei non ha nemmeno idea di cosa mi occupo prevalentemente. Se un giorno ha voglia di approfondire i temi che riguardano la pelle e la carne viva delle persone, spesse considerate carne da macello per come vengono trattate e si fa una passeggiata con me, capirà che il populismo non mi può appartenere. Lei continua a giudicare non i fatti politici, ma le persone senza conoscerle. La sua animosità, detto sinceramente, non le fa onore.

    • Accetto volentieri la proposta della passeggiata tra le persone vere e vive. Per uno che fino ai 40 anni ha fatto l’operaio sarebbe soltanto un tornare a casa. Per il resto, vabbè, lei non faceva parte della commissione cultura nel 2011, ma il fatto che lei avrebbe dovuto informarsi prima di spararle grosse sulla LSC rimane. Si veda in proposito il mio ultimo post.

  2. Guardi professore lei continua senza argomenti a dire che l’ho sparata grossa sulla LSC e che non mi sono informato. E’ Lei che sta sparando senza motivo, grossa e grossissima, un attacco personale furibondo senza motivo apparente. Capisco l’attacco politico ma quello personale no. Poi…LSC guarda caso voluta da noi centrosinistra nella scorsa legislatura. la prego, non continui a inventare cose nemiche dove non ce ne sono. Non si può costringere, a nostro parere, i comuni a decidere in 5 giorni su quale norma linguistica deve essere adottata. PS: E le assicuro che in confronto gli operai, li dove la porto a passeggiare io (capisco che non ha capito ma non fa nulla) , sono dei “privilegiati” senza limite.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: