Sa critica de Mongile a sa modernidade, aplicada a sa limba

Leghide-bosi–o torrade a bosi legher–s’articulu de Lisandru Mongile: Modernizzare, sviluppare, cosa vuol dire?

S’arrexonu de Lisandru si podet aplicare deretu a sa limba.

Mi regordo de un’amigu de su PCI, maistru de scola tataresu, ca una borta m’at nadu, a pustis ki deo dd’aia nadu ca su sardu est una limba: “Ma in sardu non faet a arrangiare una machina. Pro cussu ti serbit s’italianu.”

Fit su 1970 0 1971.

In cust’aneddotu b’at totu sa tragédia curturale de sa Sardinnia.

A issu non ddi passaíat in conca ki fit issu–fatu a “intelletuale organicu”–ki depíat ammodernare sa limba de su populu.

Sa manca italiana e sa curturale ufitziale (cuddu maistru fit un’intelletuale abbistu e preparadu, ma unu maistru de scola italianu) aíant atzetadu sa definitzione asimmetrica de modernidade ki narat Mongile.

“Su sardu non faet a dd’ammodernare!”

“Su sardu”, ma fintzas “su Sardu”, sa persone.

“Su sardu” e “su Sardu” bolent sciusciados, fuliados.

S’agetivu “sardu” est arribbadu a sinnificare “antigu”, ma in manera disisperada.

“Apo bidu una feminedda sarda” e cussa fit una femina betza a costumu de fiuda.

“Bia sarda” bolíat narrer unu more chentza de asfaltare.

Dae custu dogma colonialista nd’est essidu su divortziu intra de manca e sardidade, curtura e sardidade.

E mancari bi siant stados Mialinu Pira e Democratzia Proletaria Sarda, custa ferida non est ancora sanada.

12 Comments to “Sa critica de Mongile a sa modernidade, aplicada a sa limba”

  1. Hai dimenticato Barbagia Rossa !! Caro Roberto, sa cosa no est aicci simpli comenti dda ponis. Si, per lungo tempo, la sardità, ovvero la cultura tradizionale dei sardi, è stata considerata sinonimo di arretratezza. Ma perchè…..era vero!!! Il fatto che le donne e gli uomini vestissero con abiti seicenteschi ancora fino a pochi decenni fa, significava cha la Sardegna era (in gran parte, non tutta) ai margini della cultura europea: non era omologata; e non era omologata perchè è ai margini geografici dell’Europa, la sua economia, con un territorio (ben il 60%) che può sostenere solo un allevamento brado, poche risorse minerarie (anche se voi iglesienti credete che fosse chissà cosa) e dunque povera e con scarsa popolaione: solo un terzo di quella siciliana!! Vuoi chiamarlo colonialismo perchè ti piace la parola? Chiamalo come vuoi, la sostanza è che la Sardegna, soprattutto da quando il baricentro economico e demografico europeo si è trasferito dal mediterraneo al mare del nord, è una terra marginale e povera. Parli di tragedia: ma modera i termini, per favore, tragedia è l’olocausto ebraico attuato dal civilissimo popolo tedesco, tragedia è l’apartheid inventato dai fratellini africani dei tuoi compatrioti, tragedia sono stati l’olocausto greco e armeno da parte dei turchi; piano con le parole!!!
    Passiamo alla questione linguistica: come forse immaginerai, nasce con l’illuminismo, con l’idea di alfabetizzare le “masse” (altra orrenda parola sinistroide). Credi che i monarchi sabaudi non si siano posti il problema? Il loro scopo era eliminare le reminescenze iberiche, qualunque altra lingua sarebbe andata bene: francese, italiano e….udite udite, sardo (ricordi il Madao?)!! Ma il sardo, poniriddu in conca, non era riuscito ad elaborare una “lingua”, cioè una grammatica codificata ed accettata da tutti. Colpa dei trinariciuti dominatori spagnoli? Mah, certo, se avessero vinto gli Arborea, la loro corte avrebbe elaborato (già lo stava facendo se si guarda bene alla lingua del trecento e quattrocento) una lingua comune. Ma è andata diversamente, le due macroaree dialettali sono andate ognuna per conto proprio e una parte consistente dei sardi non aveva e non ha come lingua tradizionale il sardo. I Savoia scelsero l’italiano, e lo imposero anche al Piemonte, che invece gradiva assai più il francese. Non tutti i dialetti d’Europa avevano un esercito e una flotta, anzi, lo avevano assai in pochi!!
    Detto questo, la Sardegna e i sardi, non sono più così poveri, hanno ancora un problema di scarsità di istruzione elevata (ma è comune a tutta Italia), la tradizionale (e ripeto: tradizionale) contrapposizione tra i due capi si sta sciogliendo di fronte alla polarizzazione massiccia della popolazione nell’area cagliaritana (quasi un terzo).
    I movimenti operai nel Sulcis fanno audience ma rappresentano veramente una piccola parte della realtà isolana. Per il resto in Sardegna non si vive così tragicamente come tu credi.
    Allora, per cortesia, butta all’aria custas callonaras de colonialismu e cosas aicci, e ragioniamo su cosa si deve fare per conservare il nostro patrimonio culturale linguistico, che non è più sinonimo di arretratezza ma di ricchezza culturale. Accabbadda con questo nazionalismo fuori tempo massimo, cha la stragrande parte dei sardi rifiuta (la tradizione cattolica almeno in questo ha avuto un influenza positiva) e parliamo di lingua e di cultura, non di ideologie isteriche ma di politica, linguistica ed economica (e le due cose non sono strettamente legate). Si può essere fortemente autonomisti anche parlando italiano; guarda cosa è successo in Irlanda e rifletti!!!

  2. o mauro podda, pro bona sorte deu su ratzismu no l’appo bívidu ca soe náschidu in sos annos settanta, peroe a sos mannos meos eja che si che l’an iscuttu! a innantis de allegare de África abbaidatiche su primu minutu ebbia de custu documentáriu, gai ti che podes fághere un’idea un pacu prus puntuale:

  3. Oh Robertu, non mi ndi boghist sa natura po caridadi. Custus funt arrexonamentus chi podit fai feti unu Olandesu chi nd’at pigau totu su chi at pòtziu a is terras innui est passau e fintzas sa terra a su mari. Tui ses “post-modernu”, perou ses incatzosu che unu sardu antigu. T’as fatu un’idea de comenti ndi bessiri de “s’antighidadi” po s’incrarai, assumancu pagu pagu, in sa “modernidadi” o cumenti buginu dhi boleus narri?

    Deu, no! Totu su chi mi parit de cumprendiri est ca non nci at arrimediu a sa “sardidadi” nosta. Mi parit ca depeus arribbari a fundu totu, de innui megaus de nci atzuvari, prima de si ndi sapiri ca tocat, po ndi bessiri a sarvamentu, segari donnia acapiòngiu cun sa “modernidadi” e cun su chi si megant de amostari cumenti de “post-modernu”. Po ndi bogari ita? Non dhu sciu e non tocat ni a mimi ni a ateri a ndi bogari sa ritzeta giusta. Prima tocat a si connosci che unu populu e no est facili mancu pagu pagu, a pustis si podit pentzari a si pinnigari a pari po decìdiri su de fari.

    Sa cosa no est chi non si potzat fari, atrus dh’ant fatu dis prima de oi, assumancu aici m’est partu de cumprèndiri de su pagu chi apu biu. T’apu a nai chi is tempus funt cussus giustus, ca, candu su casinu est prus mannu, sa Sorti si ponit a giogai cun sa genti e, rischiendu su chi nci at essiri de arrischiai, de sa “genti” chi seus, ndi iaus a podi bessiri che unu “populu”

    • E poita sa natura no? Immoi dd’eus cumprendiu totus ca sa natura est su patrimoniu prus mannu chi nci teneus–a pustis de sa curtura–e ca sa natura fait puru guadangiai dinai meda: turismu, massagía biologica e de calidadi, calidadi de sa fida.Ma deu non seu economista. Ma apu cumprendiu su propriu ca unu populu chentza de identidadi abarrat pobiru.

  4. De pompiare totu, ma a su minutu 13:00 mustrat cantu est dificurtosu arrangiare una màchina in irlandesu:

  5. Roby, i siciliani hanno un’identità fortissima eppure sono i più poveri. La questione linguistica è una questione di maturità culturale di una comunità, per me ormai indilazionabile perchè non siamo più morti di fame e analfabeti e possiamo permetterci di recuperare il nostro patrimonio linguistico. Con uno o due standard si vedrà, la cosa non è del tutto indifferente poichè due standard significa spese doppie e non sono tempi di vacche grasse. E soprattutto due standard significa meno capacità di contrastare il monolinguismo italiano.
    La Regione Sardegna ha, per statuto, che è una legge costituzionale, cioè è parte integrante della costituzione della Repubblica, poteri molto vasti. Non ne ha fatto grande utilizzo, o meglio, ha rinunciato a una parte rilevante di essi per ottenere dinai, speso spesso più male che bene. Come tutti i paesi poveri, ha preso le strade del sottogoverno. Ma tu non sei giovincello e ti ricordi cosa era la Sardegna anni ’60 e cosa è oggi (anche se l’iglesiente in quegli anni era La Mecca!!). E bada bene che se restiamo ai numerini, la Sardegna ha un PIL pro capite più vicino a quello dell’Umbria che a quello della Calabria (in effetti la regione più povera).
    Tu insisti sul legame tra politica e politica linguistica: in effetti la politica linguistica può aiutare a coagulare quello che un tempo si chiamava “il senso civico”, ovvero la coscienza di essere una comunità politica, che, come tale difende i suoi interessi. Non hai tutti i torti, anche se non credo al miracolo. Ma consapevolezza non significa indipendentismo: come tu sai solo la parola fa storicamente azzuzzuddare la piccola borghesia cagliaritana e sassarese, che dallo Stato dipende (non me, che come statale prendo una mensilità in meno di un regionale) e comunque è vista dalla stragrande maggioranza delle persone come una straneria di qualche intellettuale che vuol farsi passare per rivoluzionario in servizio permanente effettivo. Può dispiacere ma i sardi sono completamente integrati nella comunità nazionale italiana, e non sono quelli cui va peggio!! Legare la lotta per il riconoscimento linguistico e l’indipendentismo è controproducente perchè il “nemico” non è lo Stato Italiano, ma noi stessi: hai ragionissima quando dici che il monolinguismo italiano (o italiardo) è oggi un fattore di ignoranza, ignoranza del patrimonio culturale della propria comunità. Il nemico è la nostra ignoranza, che ci fa sottovalutare la nostra lingua, che fa sottovalutare agli archeologi nostrani la nostra civiltà protostorica, senza arrivare ad Atlantide. Ma questa è ignoranza, e provincialismo: per il primo un po’ di rimedio c’è, per il secondo no perchè siamo sempre quattro gatti. Il nostro provincialismo ci porta a confrontarci con la Catalogna, invece dovremmo confrontarci con le Baleari, con le Canarie (dove la benzina costa 1 euro, dico unoooooo!!!!), con Malta Creta, Cipro, con esperienze simili alle nostre, ma no, nci bolit s’indipendentzia: ma con quale classe politica? La stessa che abbiamo oggi, ‘ta cambiara!!

    • Tui naras su chi nau deu: indipendentzia bolit nai a cambiai sa classi dirigenti. E deu non seu unu politicu, mancai fueddu de politica fatu a linguista. Deu crfeu a s’indipemdemtzia curturali e economica. S’atru-chi est– benit a solu.

  6. “E bada bene che se restiamo ai numerini, la Sardegna ha un PIL pro capite più vicino a quello dell’Umbria che a quello della Calabria (in effetti la regione più povera).”
    Solo una piccola precisazione a quanto sopra affermato:
    il PIL(meglio sarebbe dire il reddito pro capite) della Sardegna è dopato dagli introiti della Saras di Moratti, se li sottrai vedi un po’ cosa resta..

  7. Sarà doppato ma da lavoro e reddito; e comunque la Saras è prevalelente nelle esportazione che è altra cosa.Ciò che viene calcolato sono i consumi effettivi non il reddito nominale.
    Comunque, per chi volesse approfondire su PIL pro capite e altre statistiche come la ricettività turistica consiglio di sfogliarsi questo bel sito:
    http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/region_cities/regional_statistics

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: