Indipendentismu liberista

Discutende de is indipendentistas “all’amatriciana”, un amigu m’at scritu: “Chi siant intelletuales coglionizados non b’at duda, ma chie non lu est in sardigna? No est una politica populistica s’issoro, cussa la faghet grillo e totu cussos movimentos chi ischint murrunzare ebbia. si fiant istados oportunistas sa limba l’aiant posta a un’ala e aiant isetadu.”

Mi so postu a bi pensare a is faeddos de cust’amigu.

Est berus, is indipendentistas “all’amatriciana” non sunt populistas.

Sunt liberistas.

Sunt figios de un’ideologia ki ponet s’individuu innantis de totu.

Non cumprendent ca su deretu a sa limba est unu deretu colletivu e ca pro ddu realizare s’individuu depet mollare una parte de is deretos suos.

Pro dare unu benidore a su sardu tocat a ddu ponner ke obbligu in sa scola e in sa sotziedade sarda.

E is ki funt colonizados linguisticamente depet atzetare ca su de issos est unu “handicap”.

Su deretu issoro de faeddare in italianu bolet furriadu a deretu privadu.

Si boles faeddare in italianu ddu faes in domo tua e cun is amigos tuos.

Insomma: tocat a furriare sa situazione atuale de diglossía a fundu a susu, comente ant fatu is Catalanos: “Ancora vent’anni fa, c’era chi pronosticava una progressiva scomparsa della lingua catalana. Alcuni studiosi indicavano anche una data: nel 2040 sarebbe stata praticamente estinta. È successo proprio il contrario, e non c’è dubbio che in parte lo si deve alla trovata dell’immersione linguistica, che fa del catalano la lingua veicolare a discapito dello spagnolo, relegato in secondo piano nelle scuole regionali. La sua istituzionalizzazione si è ormai consolidata, tanto nella pubblica amministrazione come nei mass media pubblici. E ad ogni sentenza di tribunale che punta a salvaguardare l’uso del castigliano, cresce un po’ di più l’orgoglio nazionalista. Per non parlare delle campagne becere di alcuni giornali della destra madrilena. Se là soffiano sul fuoco dello “spagnolismo”, qui replicano con le ripicche.

PICCOLI episodi che in sè non hanno grande significato, ma tutti insieme fanno un problema: è quella pretesa assurda di imporre a chiunque, stranieri compresi, un idioma che è di uso esclusivamente locale.” (Austerità alla catalana. Voglia di secessione per tornare a crescere.  LE PROTESTE SONO SOLO CONTRO MADRID E IL 25 NOVEMBRE LA REGIONE RITORNA ALLE URNE  di Alessandro Oppes, da Barcellona: il fatto quotidiano, 7 ottobre)

Creo ki is indipendentistas “all’amatriciana” siant de acordiu cun custu Alessandro Opes, mancari issu faeddet aici sceti ca est Italianu e duncas “istericamente monolingue”.

Is indipendentistas “all’amatriciana” bolent su deretu individuale e mandrone a abarrare colonizados, mancari iscant ca s’italianu est ochende su sardu.

Si creent de esser “post-modernos”, ma sunt sceti liberistas e ponent su deretu de s’individuu a subra de is deretos colletivos de su populu sardu.

E su populu sardu tenet su deretu a is limbas suas.

Lassende su fatu ki pro tzertos intelletuales callonizados totu sa kistione serbit sceti a cuare s’interessiu personale issoro de scrier literadura sardinniola in italianu, pro dda poder cuntrabbandare ke “literadura sarda” in Italia.

14 Comments to “Indipendentismu liberista”

  1. Deu creu ca no esti berus ca i Liberalistas modernos no cumprendet ca su deretu a sa limba sarda est unu deretu colletivu. Po gustu su consillu meu esti cussu de andai a si ligi ita nanta oi i Liberalistas asuba de i deretus de unu pòpulu.

    Dunque, le obiezioni secondo le quali il liberalismo si baserebbe sull’idea di un soggetto avulso dalle relazioni sociali, i cui interessi e preferenze sono dati indipendentemente dal condizionamento sociale, è malposta. Sia John Stuart Mill che John Rawls, che insieme a Ronald Dworkin, sono gli autori liberali che esercitano maggiore influenza sul lavoro teorico di Kymlicka, non hanno assunto a fondamento del loro liberalismo un’idea di un soggetto morale atomisticamente concepito, ma hanno insistito sia sul fatto che i fini individuali si formano all’interno della società sia che il carattere è plasmato e modificato in diversi modi dall’interazione sociale.
    “ Liberalismo e diritti delle minoranze culturali. Analisi e critica della proposta teorica di Will” Kymlicka.
    2. “Liberalismo e appartenenza culturale” pag. 2
    http://www.libertaeguale.com/thinktank/Liberalismo%20e%20diritti%20delle%20minoranze%20culturali%20-%20Domenico%20MELIDORO.pdf

    Il diritto di esistere come popolo, il diritto dell’autodeterminazione, cioè a determinare liberamente il proprio stato politico, il diritto alla secessione, a fruire e sviluppare la propria cultura, il diritto all’uguaglianza nei confronti di tutti gli altri popoli trovano un’esatta corrispondenza nei diritti dell’individuo. Il diritto internazionale identifica due tipi di popolo: le minoranze e i gruppi sociali. A differenza dello Stato, la nozione di popolo sembra essere quella di una comunità che fornisce criteri di identificazione significativi per l’individuo. Ritengo che di per sé il “popolo” indichi l richiesta o l’affermazione di soggettività, cioè la presa di coscienza della soggettività politica del gruppo sociale. Ciò significa un’assunzione di responsabilità nei confronti della determinazione del bene comune. La comunità politica – come la persona – è tale solo nella misura in cui si autodetermina in relazione al proprio bene, cioè è sovrana. (….) Allora ci si accorgerà che la nozione di popolo solitamente fa riferimento a un insieme di fattori comuni, quali l’esistenza di una lingua, di pratiche sociali e di forme di vita altamente condivise (….)
    Francesco Viola “Identità e comunità” pag. 48

    • Ma deo non apo faeddadu de “liberalistas”(liberali): cussu ddu so deo puru! Deo appo faeddadu de LIBERISTAS, NEOLIBERales. Sa currende de pensamentu de sa scola de Chicagfo, de Reagan e de M. Thatcher

  2. Ita nc’intrat su liberismu cun is derettus individualis o de is grupus socialis?
    Il liberalismo non è liberismo e viceversa: sono semplicemente su piani diversi. La teoria economica dice che i servizi sociali sono dei costi, ma che possono anche essere investimenti. Una scuola efficiente costa un sacco di soldi, ma è il più grande investimento che una comunità possa fare. E questo è liberismo, caro Roberto. Ma una cosa è una scuola efficiente, altra è una scuola usata come ammortizzatore sociale per impiegare laureati in filosofia (materia importante per carità), e invece non insegnando, con laureati in giurisprudenza, non in lettere, la Costituzione della Repubblica; oppure non insegnando le basi della scienza economica, col risultato che i nostri ragazzi escono dalle scuole sempre più ignoranti, senza conoscere i loro diritti fondamentali e i loro doveri di cittadini, credendo che Pantalone possa sempre pagare, senza capacità per fare impresa, sempre con la speranza di vincere un concorso pubblico perchè non riecono a vedere al di là del proprio naso. Questo non è progressismo, è l’esatto contrario.

  3. una “pastichedda”, po essi prus crarus asuba se su liberismu:
    http://www.treccani.it/enciclopedia/liberismo_(Enciclopedia-delle-Scienze-Sociali)/
    5. Luci e ombre nel neoliberismo contemporaneo
    esti giustissimu su chi a nau Robur.

    • “Neoliberismo è un termine usato dagli appartenenti al liberalismo economico (liberismo), una dottrina economica che ha avuto grande impulso a partire dagli anni settanta, soprattutto ad opera di Augusto Pinochet, e successivamente di Margaret Thatcher e Ronald Reagan. Essa sostiene la liberazione dell’economia dallo Stato, la privatizzazione dei servizi pubblici, la liberalizzazione di ogni settore non strategico e la fine di ogni chiusura doganale.

      I sostenitori del neoliberismo, portando come prova la notevole crescita economica registrata negli Stati che hanno adottato questa linea di sviluppo, spiegano che favorendo la libertà di mercato si ingenera nel lungo periodo una generale crescita dell’economia in termini di PIL e di livello di scambio tra paesi lontani. Tale miglioramento economico deve essere considerato anche sotto il profilo della difesa del diritto di ogni uomo a disporre autonomamente di sé e della propria vita. Queste tesi sono sostenute soprattutto dalle forze politiche, non strettamente conservatrici, che si ispirano al Liberismo ed al capitalismo.” (http://it.wikipedia.org/wiki/Neoliberismo)

  4. duncas prima de iscriere tocada sempri a istudiai e no sceti cun is “pasticheddas” Trecani o Wikipedia

    • Ascu’: deu imperu su fueddu “liberista” o “neoliberali” comenti dd’imperat sa prus parti de is cummentadoris politicus in Italia e in Olanda. Si tui non ese de acordiu cun cussa definitzioni, non nci potzu fai nudda.

  5. Mi dha faeis sa gratzia de mi fari isciri ita seis bosatrus? Liberalis, neoliberalis, liberistus, libertàrius o libera nos ‘e mali? Po isciri, scieus totu, ma cumenti seus postus, dhu scieus? Deu, po parti mia, no est chi dh’apa cumprèndiu beni meda meda.

  6. Deu seu che Marco Pannella: liberale, liberista, libertario e libertino! E maccu puru!!!🙂

  7. Lasso a àteros sas discussiones a pitzu de sas diferèntzias intre liberales, liberistas e totu sos àteros sufissos chi si bi pòdere pònnere a sa raighina liber-. Chèrgio torrare a s’ossu de s’artìculu de Roberto e mi pregunto: chie faeddat, sa terra o s’òmine? Sena bi pensare meda, sa risposta prus sèmpritze e naturale diat èssere: sunt sas pessones sas chi faeddant. Custa afirmatzione però presuponet chi un’indivìduu cumintzet a faeddare a manera ispontànea in sa limba chi cheret isse, in sa chi at isseberadu, e chi s’impreu colletivu de sa limba nascat dae sa suma de sos indivìduos chi la faeddant. Custu no est beru, ca cale si siat limba est unu fatu sotziale. Nemos faeddat a in foras de unu cuntestu sotziale chi giai s’agatat, semper cambiante est beru, ma chi est preesistente a sa pessone. Custa podet isseberare s’impreu linguìsticu cun una tzerta libertade, ma su fundamentu de s’impreu linguìsticu est su logu, su territòriu in ue si faeddat cussa limba. Non sunt sas pessones chi isseberant, ma est su logu, s’istòria linguìstica de su logu chi detzidit sa limba chi ant a faeddare sos chi bi naschent e/o bi campant. Si in Catalugna ant detzisu chi sa limba veicolare in sas iscolas est sa catalana, l’ant detzisu gasi ca sa limba pròpria de Catalugna est sa catalana (e non sas chentu e binti limbas chi si faeddant in Bartzellona). In Sardigna devimus sighire su matessi caminu: sa limba pròpria de sa terra nostra est su sardu; si bi faeddant àteras limba, ma sa limba generada dae sa terra est sa sarda.

  8. Tenis arrexoni Giagu, ma su territoriu e sa storia sua non funt a sensu unicu. Sa “terra” sarda at generadu su sardu, ma fortzis, at generau su sardu-corsu puru, ca is corsus nci funt in Sardigna fintzas de is tempus antigus. Duncas, nci funt assumancu dus sistemas linguisticus autoctonus. Ma ita bolit nai autoctonu? Che su cadalanu non est autoctonu de S’Alighera? Ndi ddu chistionant de 700 annus, s’at a essi meresciu su titulu de autoctonu e aici e tottu su tabarchinu. E s’italianu non est autoctonu? Est arribau a trigadiu ma est sa lingua de bratzolu de casi tottus is giovunus sardus, e, me’ in is cittadis de medas generazionis puru. Iaia mia (de su 1904) su sardu no ddu chistionàt che candu fiat arrennegada, babbu miu (de su bintinoi) ddu chistionàt sceti cun is piccaperderis de bidda e giai italianizau meda. Deu su sardu in domu mia no dd’appu intendiu che candu beniat de Barumini una tzia de mamma e sceti candu crastulàt, che a nos piccioccheddus chistionàt in italianu e italianu “froriu” puru. Sa storia no si podit sperrai comenti si praxit, s’autoctonia non si mesurat a arrogus de tempus, si mesurat de su chi bolit sa genti. In Catalugna ant detzidiu ca su cadalanu est sa “lingua propria”? Beni ant fattu, ma nai ca su spagnolu no est aicci e tottu “propriu” de sa Catalugna est una faula ca ddu chistionànt is barcellonesus fintzas prima de s’unioni cun sa Castiglia, ca su rei fiat castiglianu e issus puru boliant essi “sa moda” po improsai su rei. Ma improsendi o no improsendi, ddoi at su fattu, e po nos, s’italianu est “proprio” cumenti su sardu.
    Nau custu, po essi crarus, s’italianu non tenit abbisongiu de essi difendiu ca si difendit a solu, ma su sardu ei, tenit necessidadi de essi difendiu, po tottus is arrexonis storicas chi tottus connosceus.
    A ndi ddu fuliai o ndi ddu fai morri sentza de fai nudda est comenti pigai una ruspa e ndi sciusciai tottus is nuraxis, is cresias, is casteddus, palatzius, torris: est a nai fuliai tottu sa cultura nosta. Est berus ca su mundu est furriendisì tottus ugualis, ma una personi sentza cultura ita est? Un imbuddiccu de cellulas? E sa cultura podit essi pratzia cun is personis de una terra, custu gei est berus, sa lingua sarda si dda depeus pratziri intra de nos, ma deppeus detzidiri tottus impari, no si podit nai ca su sardu est generau de sa terra e bastat; no, no bastat, depit essi generau e scioberau de sa genti, depint essi is sardu chi depint detzidiri ita ndi fai de sa lingua sarda.
    No nci depit essi “un’avanguardia” che ndi tirat “sa massa” aundi bolit issa: chi no allarghiaus sa chistioni cun tottus is sardus, ndi dd’accabaus cun su sardu bessendi a pei anantis !! Depit essi una batalla de cultura, no una batalla de natzionalismu cumenti dda bolit Robertu. De cuss’origa sa genti nci dda intendit, de cudd’atra nou, dd’eus biu de dogna manera, me’ in is eletzionis, manifestazionis, organizazionis e tottu su chi boleis. Accappiai sa chistioni de sa lingua a s’ideologia natzionalista a is sardus no ddis interessat, si dd’ant fattu cumprendi de assumancu trint’annus.
    Sighiri aicci est sceti a perdi tempus e prus che tottu a fai perdi tempus a su sardu, chi mi parit ca no ndi tenit aicci meda.

  9. Dd’appu scrittu in un atru interventu Giulia: Referendum popolare sul bilinguismo totale e sulla maniera di trasmettere la lingua sarda: LSC o Campidanese/Logudorese, così la smetteremo di scrivere fiumi di parole inutili. Il popolo è sovrano, durante la campagna referendaria può essere adeguatamente informato delle proposte in campo. E una volta che il popolo si è espresso non si torni più indietro (per 10 anni almeno).

  10. Là, ite bi diat cherrer pro su sardu:

    o est cosa tropu liberista?😛

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: