Bolimus torrare a incumintzare sa discussione?

Pongio un’interventu de Fabritziu Pedes, pro bier si faet a discuter kentza de nosi bogare sa matza a pare.

Si sa cosa torrat a si smerdare, torro a nde bogare totu.

E un’atera cosa: si tenes cosa de narrer, nara-dda in curtzu!

“No isco ue lu ponner, ti lu lasso inoghe. Si posca boliat abbolotu, colabi sa frullana:

In un’arrèsonu de facebook, Alessandro Marraccini, chi deo non connosco, at iscritu:

“In unas iscolas est cumintzada s’isperimentatzione de s’imparamentu de su sardu impreende comente istandard gràficu sa LSC. Is alunnos no ant tèntu problemas a lèghere in campidanesu su chi est iscritu cun is règulas de s’istandard. Su problema est totu in sa conca de cussas persones chi prenas de istereòtipos e colonialismu sunt contràrias a cale si siat forma de impreu de su sardu comente limba istandardizada. Su cadalanu (chi tenit variedades meda prus diferentes de is variedades sardas) est istadu istandardizadu e imparadu in is iscolas giai 30 annos faghet. E si podent bìdere is risultados. Si in is elementaris si impararet sardu e inglesu sa Sardigna diat a èssere meda diferente. E imbetzis mentras si perdet tempus a chistionare de variedades in custu momentu s’iscola est monolìngue in italianu, e totus podent bìdere is resultados.”

In prus at aggiunghidu:

“Facciamo una prova, prima scrivo in LSC e poi scrivo la traslitterazione in grafia italiana di come lo pronuncio:

Ant pigadu una variedade tzentrale e dd’ant acontzada unu pagu. Bi sunt dae megiorare medas cosas ancora. S’obietivu est de tènnere una manera unica de iscrìere chi potzat èssere pronuntziada in medas maneras. Podet pàrrere difitzile ma in pagos minutos si cumprendet comente funtzionat e si impreat cun fatzilidade.

Anti pigau una variedadi centrali e d’anti acconciara unu pagu. ci funti de mellorai medas cosasa ancora. S’obietivu esti de tenni una manera unica de scriri chi potzara essi pronunciara in medas manerasa. Pori parri dificili ma in pagus minutusu si cumprendiri cumenti funzionara e si imperara cun facilidadi.

Le differenze fra questi due testi sono così piccole e insignificanti che mi vergogno di constatare che costituiscano al giorno d’oggi un freno alla diffusione e all’utilizzo della nostra lingua.

In inglese c’è lo stesso problema la parola Water è pronunciata in america , in inghilterra ma anche , in australia ma tutti la scrivono allo stesso modo.”

Pro comprire, custa est sa manera comente lego deo custu testu in bitzichesu:

An picatu una varietate tzentrale e l’an acontzata unu pacu. Bi sono de metzorare metas cosasa ancora. S’obietivu er de tenner una manera unica de iscrìes chi potat èsses pronuntziata in metar manerasa. Pote parrer difitzile ma in pacor minutos si cumprenne comente vuntzionat e si imprea cun fatzilitate.

Cosas giae notidas l’isco, ma est mèngius a ifriscare cale est su piru chi reghet totu s’arresonamentu.”

52 Responses to “Bolimus torrare a incumintzare sa discussione?”

  1. “In inglese c’è lo stesso problema la parola Water è pronunciata [in modo diverso] in america , in inghilterra ma anche , in australia ma tutti la scrivono allo stesso modo.”
    Non esiste una lingua al mondo in cui, dovendo fissare una norma grafica, se ne scelga una che sia lontana dalla pronuncia: questo è sempre il risultato del trascorrere del tempo. Mica i francesi scrivono roi e dicono ruà per farsi del male! Un tempo dicevano roi, poi la pronuncia è cambiata ma la scrittura non ha seguito la pronuncia! Ma quale è la lingua che si inventa una scrittura che preveda sin dall’inizio di non essere adeguata alla pronuncia? Quella dei masochisti, forse.
    Saluti

    • E chissae comente si pronuntziaiat Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch cando nd’ant detzisu sa grafia

      si fiat de gosi

      [audio src="http://llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch.co.uk/soundfiles/llandad4.wav" /]

      o de gasi

      [audio src="http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/b/bd/Cy-Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch_%28Welsh_pronunciation%2C_recorded_17-05-2012%29.ogg" /]

      Sos assolutos, raju! Sos assolutos est a los iscansare, ca giughent s’òmine a sa faddina.

  2. Perdona Robé, apo fatu unu casinu cun sos tags wordpress e si m’at papadu una parte de importu, ti lu torro a pònnere:

    ———————————————————————————————————————–

    No isco ue lu ponner, ti lu lasso inoghe. Si posca boliat abbolotu, colabi sa frullana:

    In un’arrèsonu de facebook, Alessandro Marraccini, chi deo non connosco, at iscritu:

    “In unas iscolas est cumintzada s’isperimentatzione de s’imparamentu de su sardu impreende comente istandard gràficu sa LSC. Is alunnos no ant tèntu problemas a lèghere in campidanesu su chi est iscritu cun is règulas de s’istandard. Su problema est totu in sa conca de cussas persones chi prenas de istereòtipos e colonialismu sunt contràrias a cale si siat forma de impreu de su sardu comente limba istandardizada. Su cadalanu (chi tenit variedades meda prus diferentes de is variedades sardas) est istadu istandardizadu e imparadu in is iscolas giai 30 annos faghet. E si podent bìdere is risultados. Si in is elementaris si impararet sardu e inglesu sa Sardigna diat a èssere meda diferente. E imbetzis mentras si perdet tempus a chistionare de variedades in custu momentu s’iscola est monolìngue in italianu, e totus podent bìdere is resultados.”

    In prus at aggiunghidu:

    “Facciamo una prova, prima scrivo in LSC e poi scrivo la traslitterazione in grafia italiana di come lo pronuncio:

    Ant pigadu una variedade tzentrale e dd’ant acontzada unu pagu. Bi sunt dae megiorare medas cosas ancora. S’obietivu est de tènnere una manera unica de iscrìere chi potzat èssere pronuntziada in medas maneras. Podet pàrrere difitzile ma in pagos minutos si cumprendet comente funtzionat e si impreat cun fatzilidade.

    Anti pigau una variedadi centrali e d’anti acconciara unu pagu. ci funti de mellorai medas cosasa ancora. S’obietivu esti de tenni una manera unica de scriri chi potzara essi pronunciara in medas manerasa. Pori parri dificili ma in pagus minutusu si cumprendiri cumenti funzionara e si imperara cun facilidadi.

    Le differenze fra questi due testi sono così piccole e insignificanti che mi vergogno di constatare che costituiscano al giorno d’oggi un freno alla diffusione e all’utilizzo della nostra lingua.

    In inglese c’è lo stesso problema la parola Water è pronunciata in america , in inghilterra ma anche , in australia ma tutti la scrivono allo stesso modo.”

    Pro comprire, custa est sa manera comente lego deo custu testu in bitzichesu:

    An picatu una varietate tzentrale e l’an acontzata unu pacu. Bi sono de metzorare metas cosasa ancora. S’obietivu er de tenner una manera unica de iscrìes chi potat èsses pronuntziata in metar manerasa. Pote parrer difitzile ma in pacor minutos si cumprenne comente vuntzionat e si imprea cun fatzilitate.

    Cosas giae notidas l’isco, ma est mèngius a ifriscare cale est su piru chi reghet totu s’arresonamentu.

    ——————————————————————————————————————

    Si boles, pone grasseddos e/o corsivos comente agradat a tie e boga·nche custu commentu sena problemas.

  3. E quindi cosa proponi? Che ognuno scriva come gli pare…Non è la situazione attuale?

    E poi anche ammesso che sia vero che che la scrittura segua la pronuncia, cosa ci impedisce di fare il percorso inverso.
    Se voglio imparare l’inglese dovrò comunque essere masochista. E se voglio capire tutte le popolazioni che parlano questa lingua non devo forse anche impararmi le varie pronunce o mi basta quella di Cambridge?

    • Propongo che si concordi una grafia normalizzata che sappia rappresentare (abbastanza) fedelmente ogni parlata.
      “Cosa ci impedisce di fare il percorso inverso [?]”: l’intelligenza.
      Di inglese imparerai (prima a parlare, poi, se vuoi, anche a scrivere) quello del luogo in cui ti trovi.

      • Cioè proponi una grafia abbastanza astratta da coprire tutte le possibilità: la mia prima proposta. Ma si è rivelata superflua: si leggono le parole, come in inglese, dopo averle riconosciute in modo abbastanza sommario.
        Cosa ci inpedisce il percorso inverso all’inglese? La stupidità ereditata dagli Italiani.
        Del sardo si impara prima a parlare quello del luogo, poi scrivi in italiano, almeno fino a quando non esisterà unas grafia da introdurre nella scuola.
        Ah, non esiste alfabeto al mondo che ti permetta di riprodurre esattamente il parlato, nanche l’IPA.
        E stiamo ripetendo per la millesima volta le stesse cose.
        Vedi, anche i liberali si rompono i coglioni per la noia!

      • Apparentemente ragionevole, ma molto pericoloso.
        Intanto non propongo una grafia astratta, ma molto concreta, che rispecchi la fonetica della singola parlata (se hai pacu scrivi pacu, non pagu, se hai arroda scrivi arroda, non roda, se hai fiore scrivi fiore, non frore, se hai scola scrivi scola, non iscola, se hai is canis scrivi is canis, non is canes): sono percorsi che in molti paesi gli insegnanti hanno già fatto (magari in modo imperfetto), solo che si evita di pubblicizzarlo. Io partirei da loro, dagli insegnanti (del luogo), dalle loro esperienze, dalle attese degli alunni e delle loro famiglie a cui devono rispondere. Perché bisogna a tutti costi unificare? Ormai neppure la scusa di ridurre i costi dei materiali didattici regge più: stampare costa pochissimo anche a basse tirature.
        Il problema vero, però, è quello dei bambini che arrivano a scuola e conoscono solo l’italiano: magari frequentano a Nuoro, si trovano un insegnante di Macomer che impiega la LSC. Che sardo impareranno?
        I liberali dovrebbero anche porsi il problema che possono sbagliare (mica sono tutti Chomsky), anziché rompersi subito le loro cose: e magari accettare che fare il percorso inverso dell’inglese, che è quello normale delle lingue storiche, sia una scempiaggine.

      • Wow! Lei mi ha proprio convinto!

      • Il problema vero, però, è quello dei bambini che arrivano a scuola e conoscono solo l’italiano: magari frequentano a Nuoro, si trovano un insegnante di Macomer che impiega la LSC. Che sardo impareranno?

        Perdona, ma a beru pensas chi siet unu problema mannu?

        Ponimus chi deo, bitzichesu, ande a imparare in un’iscola de Silìcua, impreende una norma grafica comuna, nemas sa LSC. E chi in cust’iscola bi sient pitzinneddos chi non connoschent su sardu. A contu tuo ite sardu ant a imparare?

        Ponimus chi in un’iscola de Newcastle arribet unu mastru de Leicester. E chi in cust’iscola bi sient pitzinneddos chi non connoschent s’inglesu. A contu tuo ite inglesu ant a imparare?

        Est galu unu problema gasi mannu?

  4. O non ci siamo capiti o non mi sono espresso chiaramente. Il “percorso inverso” a quello che dici il percorso normale della lingua è comunque quello obbligatorio che devi seguire per apprenderne una. Ad esempio in inglese scrivo “up” ma pronuncio “ap” ma in Gran Bretagna si sente anche un qualcosa che somiglia ad “op”.
    In Italiano scrivo “cena” ma pronuncio “tzena” o “shena” a seconda che sono veneto o romano. Etc.
    Allora perchè non sfruttare quindi questa possibilità di una lettera di venire pronunciata in modo vario per uniformare, nei limiti del possibile, la grafia del sardo?
    Non credi che sarebbe più pratico, oltre che scientificamente ineccepibile, vista la sostanziale unità del sardo, avere una grafia comune, magari con alcune ben studiate deroghe, che un numero imprecisato, o anche ridotto, di variazioni grafiche minime quando queste si possono in gran parte ricondurre ad una forma grafica unica pronunciabile in un certo numero di modi?
    Non è forse quello che succede in tutto il mondo?
    E perchè proprio noi dovremmo fare diversamente?

  5. Vorrei anche aggiungere che se è vero, come dici, che in ogni lingua le pronunce hanno sempre seguito la scrittura, beh allora sarà così anche per la lingua sarda? Quindi ad esempio dalla forma antica di “sole” discenderanno “sole, soli, solli, sobi, sorhi”, etc.
    E allora non sarà più logico “ripristinare” o “re(in)staurare” questa forma grafica primaria che scriverla in 5(?), 14(?), modi diversi?

  6. A Roberto Camplani: sos chi ses narende sunt totu istùdios chi sunt istados fatos dae su mere de domo( sa forma sutastante) e sunt sa base de totu sas propostas de una uniformidade de s’iscritura in sardu. Penso chi s’agatent galu fintzas in sui web. Apo comente s’impressione chi sa gente creat chi sa LSC e àteras propostas siant istadas fatas a “catzu de cane”, chi non b’apat annos de istùdiu a dae segus chi non b’apat una chirca iscentìfica.
    Si posca custa base iscentìfica non bastat a una parte de sos sardos pro la leare in consideru, est ca no l’importat su chi est ma si chi li paret; e custa est àtera cosa.

  7. ??? non vi sto più seguendo? Forse non ho capito bene io i vostri esempi?! Spiegatemelo🙂

    La situazione della Lingua catalana è terribile. Nessuno è d’accordo con lo standard di Barcellona (da 30), almeno i valenciani e i mallorquini non lo accettano al cento per cento. Gli è stato imposto lo standard di Barcellona. e si stanno ribellando da anni. E non parliamo del Alghesere (!)

    E non capisco neanche l’argomento dell’inglese… in inglese esistono vari standard. Non scrivono tutti uguale e pronunciano diverso, scrivono anche diversamente: American Standard English, Australian Standard English, British Standard English e sta nascendo anche l’African Standard English ecc. che fanno insieme The World Englishes! Ci sono vari standard così come in spagnolo.

    E anche per quanto riguarda alcune lingue celtiche, prendendo in considerazione il Galles per esempio, ci sono tre standard scritti. Due già in partenza: colloquiale: Cymraeg Llafar e letterario: Cymraeg Llenyddol e poi hanno anche un terzo del quale non mi ricordo il nome, fatto appositamente per gente che impara da adulti a scrivere in Welsh.

    Per ciò… non capisco i vostri esempi per quanto riguarda le altre lingue.

    Sono d’accordo con Michele. Ai sardi serve solo uno “strumento” per scrivere.
    Volendo lo potrebbe essere anche la LSC, ma NON così com’è ora! Dovrebbe essere molto più aperta!
    E non diffusa tramite un blog di una persona che cerca di imponere le parole e regole come vuole lui!
    E non senza la -x-!
    E volendo potrebbero essere anche le Ainas (senza l’idea di dividere il sardo in due standard “tradizionali”, ma in più!)

    E torno. Ciò che a quanto pare nessuno vuole capire è che la “lingua comuna”, la “Gemeinsprache” (forse koiné), nel vero senso della parola, sta nascendo ora. Avete fatto molta confusione chiamando la LSC così, usando un termine linguistico che ha un altro significato (!)

    O Roberto, sempre parlando di “monolinguismo isterico”… paura di più maniere di scrivere in sardo? bho…
    (e NON sto parlando della famosa LACANA!)

    e adesso vado veramente al mare🙂

  8. Sa gente chi traballat de a beru pro normativizare sa limba sarda, iscriet sighende massimamente sas normas inditadas dae sa LSC e traduit dae àteras limbas cultas sighende sas normas de sa LSC. Custa est sa realidade, e si nono, abbaidade·bos. unu pagu sa cantidade de libros publicados. A si pònnere a allegare de sa pronùntzia in “langue d’ oïl” de su sèc. XI o XII de paràulas frantzesas atuales pro giustificare fantasiosas règulas de iscritura in sardu, non giuat, est a nche frundire s’ora. Iscriet bene Nanni Falconi: si sos istùdios fatos finas a oe non bastant a una parte de sos sardos pro leare in consideru sa LSC, est ca no l’importat su chi est ma su chi li paret; e custa est àtera cosa.
    Duas paràulas a s’amiga Alexandra: non sias apocalìtica, sa situatzione de su catalanu no est terrìbile. Est unificadu dae unu sèculu, est atzetadu dae totu sos faeddantes. Esistint comente est naturale diferèntzias fonològicas, ma sa limba est una. Carchi polìticu, àscaru e carimannu, chircat semper de sulare in su fogu de unas pretesas diferèntzias chi esistint petzi in conca de sos inimigos de sa limba catalana. Custu però est unu male malu dae ue non si sarvat perunu pòpulu.

  9. Pro su chi pertocat su gallesu, s’ortografia moderna est de su 1928 (@Michelli cambiat carchi cosa, o custa puru est tropu antiga?), cun pagos acontzos fatos in su 1987. Su Cymraeg Llafar, Cymraeg Llenyddol, Cymraeg Newydd e gasi, sunt registros linguisticos, non grafias diferentes. Diat esser mèngius a non ammisturare sa pira cun sa meledda!

  10. a Nanni Falconi, ja tenis arrexoni, deu femu sceti arrexonendi cun Michele, aici tanti po arrexonai.

    Bolognesi mi dd’arregordu induna intervista a Videolina anca naràt is scobertas suas, e de tandu ddu sighu cun
    meda prexeri in is librus cosa sua e de su cumentzu de su blog puru.
    No pensu de ddi fai trotu a ripiti is ideas suas si funt mias puru, mancai issu dd’iat a fai mellus…
    Ma Bolognesi at essi fintzas e arrosciu de nai sempri is proprias cosas.

  11. Caro Giagu, eja, il catalano è uno perché gliel’hanno imposto a tutti, ma non vuol dire che tutti siano d’accordo. Anche se vivi lì, metto in dubbio che hai fatto ricerche sociolinguistiche ai parlanti come questo signore qui, del quale ho letto un paio di cose.

    http://www.carstensinner.de/publikationen.html

    (si è laureata nella stessa università come me- credo che sia uno dei più grandi catalanisti in questo momento)

    fp. Grazie, cosa intendi quando dici registro? come socioletti diversi? veramente, spiegamelo. Non conosco le lingue celtiche e sono sempre disposta a imparare qualche cosa di nuovo. Io mi ricordavo solo questa cosa sul Galles. Se non sono grafie diverse… va bene. Ma nenach’io sto parlando di grafie diverse.

    Non so se ho capito bene la proposta di Michele. Nella mia visione, la grafia e le regole rimangono le stessi, cambia solo il modo di usarle. Così come nella LSC vengono proposte: sos/sas e is – ddu e lu, non vedo perché non ci potrebbero essere anche tenzo, tengiu, tengu, tengo… guarda che le regole della grafia sono le stesse.

    Se parliamo dell’inglese é così. I World Englishes si distinguono in tante cose. “colors” e “colours”, “civilization” e “civilisation”. Non cambia la grafia…

    Nello spagnolo di usano anche altri modi di usare i pronomi:
    (Vosotros): habláis e hablan, non cambia la grafia … potrei perfettamente scrivere: teneus e tenimus… seus e semus… soe, soi, so, seu…non succede niente… così dovrebbe essere la lingua comuna sarda e poi tanto si unifica da sola.

    Invece la LSC sta imponendo un modo, così come il nostro amico Corraine, nel suo bolg cerca di diffondere il lessico che ritiene giusto lui. La LSC parla prevalentemente di roba che è più “rappresentativa” di altra… Non è stata aggiornata da sei anni. Sperimentale? È più sperimentale il mio vicino di casa a 80 anni facendo ginnastica.

    Lo ritengo più stupido di scrivere: lughe … e poi pronuncialo /luke/ , /luʒi/ o /uʒe/ ecc.

    Non dico che il mio modo di vedere le cose sia giusto, ma comunque la LSC non può e non sarà la soluzione, almeno non così com’è adesso.

    • No est chi deo sia mastru de limbas tzelticas, a banda chi mi bi so apentende dae pagu pro passione mea personale, sunt informatziones chi si podent buscare sena problemas:

      Su Cymraeg llafar est su chi benit impreadu a fitianu dae sa gente.

      Cymraeg llenyddol, su gallesu literàriu, benit dae sa bortadura de sa Bibbia de su 1588. Benit impreadu in arrèsonos formales, in documentos ufitziales e in sa literatura chi tenet unu registru prus formale. Sas diferèntzias sunt pruscatotu chi in su gallesu literàriu:

      · si mutzant sos pronùmenes personales
      · sos verbos sunt in sa forma prus simpre (non perifrastica, pro nàrrere)
      · non si distinghet tra presente e futuru simpres
      · s’impreat su congiuntivu.
      · E si bi cherimus acatare una variatzione grafica, sa de tres personas acabbat in -nt e non in -n

      A mie parent prus o mancu sas diferèntzias chi si podent acatare intre diferentes registros de s’italianu, pro nàrrere.

  12. Alexandra, per quanto riguarda lo Spagnolo, l’esempio che hai fatto secondo me è errato. Infatti, la seconda persona plurale (Vosotros) esiste solo nella Spagna “europea” (cioè: continentale+baleari), mentre in Sud e Centro America, Isole Canarie e Guinea Equatorial, è semplicemente sostituita dalla terza plurale (vosotros hablais Uds hablan): non si tratta di una pronuncia differente, ma di un uso diverso delle persone verbali.
    La grafia della lingua spagnola, al contrario, è COMPLETAMENTE UNIFICATA, e distinta poi nella pronuncia: ma questo vale non solo per le ex-colonie, ma anche per la stessa Spagna continentale, se consideriamo ad es. la maniera Andalusa di non pronunciare le S spurie (España viene pronunciato [epaña], estoy diventa [etoy],…), oppure quelle zone (non le so identificare precisamente) in cui si mangiano la D dei participi (enamorado diventa [enamorao])… ma in tutto questo, NESSUNO si sogna di non scrivere le S o le D seguendo la pronuncia locale. Ed anche per le differenze di pronuncia col sud america, ad esempio “cielo”, pronunciato in Spagna con la interdentale e nelle ex-colonie con la sibilante sorda, nessuno si inventa scritture tipo *SIELO tanto per distinguersi.
    I corsi di linguistica spagnola dell’Università di Pisa (una mia carissima amica ha superato l’esame da poco) prevedono all’esame delle prove scritte in cui, tra le altre cose, è richiesto a fronte di una frase scritta coi criteri di scrittura ordinaria, di riscrivere la stessa frase utilizzando l’alfabeto fonetico internazionale seguendo le diverse pronunce: dunque queste sono cose che si studiano in pratica nei corsi base dell’Università.

    • INFATTI! sto dicendo porpio quello che dici tu! non è una grafia diversa… ma sono sinonimi o modi diversi di usarla! la LSC NON prevede la congiugazione diversa, neanche i numerali diversi e neanche i pronomi diversi. DA chiaramente ciò che la LSC ritiene più “rappresentativo”! SO che la grafia in Spagna è unica e infatti è unica anche con lo spagnolo sudamericano! MMMMAAAA, si accetta che posso usare varie forme diverse, così come secondo me, non succede niente se si scrive: Deu, Jeo, Deo, Eo e Ego… basta che nessuno scriva “su hane” o “su gani” per su cane / su cani!
      cumprendiu?

      • Alexandra, non hai riposti alla mia obiezione: scrivere “su cani” è superfluo, oltre che sbagliato!

      • No! ecco… Frantz mi ha capito! Ascolta. Le regole di grafia devono essere uguali per tutti!
        Niente paragogica, niente prostesi, niente metatesi, niente miscuglio tra i liquidi, niente colpo di glottide ecc.
        Minchia, torna alle tue regole, o Roberto: I sardi non sono scemi. Sanno che le parole sono quelle … e se non lo sanno, va ricordato!

        Regole generali! Uno strumento per tutti con regole generali, senza togliere niente a nessuno. È talmente facile che mi chiedo dov’è il problema?

        Lessico libero come l’hai proposto tu! Ma sempre usando le regole generali!

        Non possiamo mettere a Villaputzu (o nel sarrabese) il colpo di glottide, altrimenti non sei più in grado di distinguere tra “cali” e “cani” (per esempio) e tu lo sai che nella nostra zona si perdono le “l” e le “n” in posizione intervocalica. Cioè, non chiederei mai il mantenimento del colpo di glottide.

        Ma cavolo, mica siamo scemi, sappiamo che la parola è “cane” o “cani”, sappiamo che è “femina”, se a Bitti diconco “emina”, comunque sanno che la parola “vera” è “femina”. Allora?! e dai!

        Il mio cognome è Porcu! Cosa c’è? Procu, Pro-u, Polcu… ok… ma la parola è PORCU. Inalcuni casi le le parola sono già entrate nel uso comune, come: craru, repubrica, crobu… ok, va deciso… così come per abba e aba (visto che è distintivo) in alcune zone… ecco… la “b” non è doppia, ma in quel caso sì. non succede niente!

        Non sono Dio neanch’io e non sono in grado di fare uno standard in sardo, visto che non è la mia lingua materna, ma… se volessi uno strumento, di sicuro NON sarebbe la LSC che è veramente tutta in una direzione.

        La LSC è ferma, non accetta ne i sardi meridionali con la -x-, ma neanche i nuoresi… ho imparato il nuorese… mi capisci quando scrivo “su jossu”, su “jaju”, su “jogu”? sì perché quella è una forma che ti fa capire la “parola”! Se scrivo giogu o jogu… siamo lì!

        Si parte da lì! Dai, l’avete capito… o Roberto…. torra a su pensamentu cosa tua…e non far finta di non capire.

      • No, Alexandra, tutto questo non c’entra niente. Ti ho chiesto perché vuoi la doppia forma “cane/cani” anche se “cani” è sbagliato.

      • PS. è siete proprio fortunati che sono in ferie🙂 PERCHÈ su cani è “sbagliato”? O ROBERTO! l’hai deciso tu? NON è sbagliato per niente… se vuoi andare avanti con la tua cavolo di forma sottostante… vai pure… sì è in grecia di scrive Helena e si pronuncia /eleni/ e non me ne sbatte niente! mia nonna dice “su cani”… la parola è quella e basta! è solo una “doppia forma” in quel caso! ehhhmbe?! monolinguismo iserico?

        brutto quando l’alunno supera il suo maestro.

        Kannst schon mal anfangen dich daran zu gewöhnen!

      • A tui su mirtu ti fait dannu!

      • Scusami, secondo me c’è un po’ di confusione. Una cosa è la scrittura DEO, e le pronunce deo/deu/eo/jeo etc etc (trattasi di pronuncie diverse della stessa particella, NON di vocaboli diversi che sono sinonimi, né di usi diversi di pronomi diversi).
        Un’altra cosa è dire che si usano pronomi diversi come in Spagnolo (nel caso specifico di esempio: Vosotros vs Ustedes), che in realtà corrisponde ad una voce verbale diversa usata in luogo di un’altra. Punto.
        Cosa c’entra con la LSC? I sinonimi nella LSC sono assolutamente ammessi: CASTIARE e ABBAIDARE (castiai è solo la pronuncia meridionare di castiare, in cui la /e/ finale si alza e si perde la r… vedi il discorso della forma sottostante e delle scritture CANE/CANI che Roberto ti ha invitato a discutere con lui), MANDIGARE e PAPARE, REGORDARE e AMMENTARE e SUBENNERE… etc.

  13. Perche scrivere “su cani” sarebbe superfluo? io la seguo da parecchio tempo, o su Professori, e capisco benissimo ció che intende, conosco anche diverse sue pubblicazioni e articoli…ma credo che Alex stia sulla giusta strada…e sarebbe a dire… una proposta coerente sarebbe solo ed esclusivamente, UNA grafia UNIVOCA, e NON unitaria ovvero lasciare che *cani e *cane convivano ed entrino in sana competizione fra loro, cosí da potersi col tempo uniformare, solo questo garantirebbe democrazia e sopratutto giustizzia linguistica.

    Per placare gli animi accesi, serve a mio modesto avviso una tecnologia nelle mani del popolo; Una grafia UNITARIA e UNIVOCA.

    Con una grafia unitaria/univoca e naturalmente delle semplici regole generali (sui rotacismi, prostetiche ecc. ecc.) NON avremo bisogno di LSC, o Arregulas! tutte le forme delle parlate locali si ridurrebbero (almeno nella grafia) a poche soluzioni, e naturalmente tutte estremamente intelleggibili fra loro.
    Applicando una grafia unica, e delle regolo generali di scrittura (accenti, doppie, rotacismi, prostetiche ecc. ecc. ecc.) sucederebbe cosi: Per un primo periodo coesisterebbero varie forme della stessa parola, es. *Figiu *Fillu *Fizu o ad es. *Tengiu *Tengu *Tenzu…sucessivamente i parlanti deciderebbero, avviando un processo di standardizzazione democratico-popolare della lingua sarda.

    Le regole generali di scrittura garantirebbe la fermezza.
    No?

  14. Ps. Marco Solinas! Sei molto intelligente e per questo ti stimo… sei sulla strada giusta! Tu hai capito la LSC come l’avevo capita io…. come una lingua per tutti.

    Il problema è che la LSC tutto quello che dici tu, NON lo dice! Per questo va aggiornata.

    La LSC non dice esplicitamente che puoi usare i sinonimi e ancora meno il blog di Diego Corraine! Lui sta diffondendo un lessico che piace a lui! Se lui dice ” si narrat goi e non gai” diffonde automaticamente un lessico.

    Se lui dice si dice: Santuguaine e Santandria… ignora che esistono altre parole come ladamini o donniasantu!

    Est s’imbressi de totu chi s’impreat in Sardinnia!

    Candu issu scriet chi depit essi: Sardigna e non Sardinnia at fatu un arregula … e custu NO BANDAT BENI!

    Candu issu scriet chi si depit nai: “standardisa- tzione” può essere una soluzione…
    ma non da la soluzione di “standardisadura”…

    ajò…

    possiamo dire “frigoriferu”, ma uno come Frantziscu (ne abbiamo parlato) direbbe “friscadora” perché si possono creare le parole in sardo.

    mi manca un pò molto la liebertà nella LSC e in generale nel “creare” le parole. Non sono purista, ma alcune soluzioni della lingua amministaritva potrebbero essere più vicine alle abitudini della lingua sarda.

    • Alexandra, continui a non rispondere: perché “cani” anche se è sbagliato?

    • Alexandra: assolutamente no! Tu parli di lingua comune: ecco l’errore! La lingua comune c’è già ed è su Sardu etotu! La LSC è semplicemente un criterio di scrittura per rappresentare in maniera univoca i vocaboli del Sardo, anche rispetto alla molteplicità delle varie parlate.
      Per quanto riguarda il discorso “Santugaine” e “Santandria”, io penso che il lavoro che Corràine fa nel suo blog sia semplicemente quello di dare indicazioni rispetto alla corretta grafia dei vari vocaboli per coloro che intendono aderire alla norma della LSC. Personalmente lo trovo molto utile. Ho notato spesso che Diegu mette un post su un certo argomento quando legge in giro qualcosa scritta in maniera non conforme alla norma: nel caso specifico, probabilmente il giorno ha visto qualcuno che scriveva quei nomi di mesi in maniera errata rispetto al criterio della LSC, e dunque ha scritto quel post: ma io non ho mai letto che, seguendo la LSC, è proibito scrivere “Ladàmene” o “Onniasantu”. Questa è in genere l’interpretazione che danno del lavoro di Diegu le persone che ne hanno una visione preconcetta, o più in generale sono contro la LSC.
      Poi se mi dici che qualche burlone anziché dire “frigorìferu” si inventa “friscadora”, beh siamo veramente alle comiche finali: qualcuno che pretende che si rispetti la maniera di tutti di parlare anche nello scritto, scrivendo “cane” e “cani”, e poi non rispetta la maniera dei Sardi veri di parlare che invece dicono proprio “frigorìferu”, mi pare che sia quantomeno incoerente. Comunque ha ragione Roberto: sei allieva di Mario Puddu più che di tziu Bolognesu. E non c’è niente di male: Mario è un grande studioso che va assolutamente apprezzato e valorizzato, e che io personalmente stimo molto perché mi ha insegnato tanto. E guarda che, casualmente, la posizione della RAS è esattamente questa: uno standard unico di scrittura per l’ufficialità, più la libertà per tutti di poter scrivere secondo la propria parlata locale, utilizzando un criterio rigoroso, senza discriminare nessuno come qualche brùsciu vorrebbe dare a intendere: se togliamo il DH e poche altre cose, e mettiamo la LSC al posta della Limba de mesania (che poi sono quasi identiche), questa è esattamente la posizione di Mario Puddu, emu à nàrriri.

  15. R.B. dice: “Cioè, tu e Alexandra proponete che tutti continuino a scrivere come meglio gli pare. Ne prendo atto. Ma non dite che volete una norma. Dite nche siete contro.”

    Sbagliato!

    Unificando un alfabeto, sarebbe a dire una grafia con regole ben precise…inserendo delle regole generali (che guarda caso sono IDENTICHE in piu o meno tutti gli standard) si otterrebbero un numero limitato di esiti. TUTTI intellegibili tra loro!
    Dove sta il problema.
    Standar unico ok; Ma non Lingua unica.
    Grafia UNIVOCA.
    Perché sembra un eresia? tutti sono convinti di avere idee migliori…che purtroppo non mettono d’accordo nessuno (o solo a chi stá bene)…ma questa é un’altra storia…

    Infine.
    Alfabeto/grafia + Regole Generali = Sardu Standard

    Difficile? No! e anche troppo semplice…perche cosi non s’inventa niente, quindi niente allori per nessuno…niente guadagno…no?😉

  16. ps ancora. il tuo blog a volte mi fa vedere le cose non in cronologia… e poi si risponde alle cose quando un altro ha già risposto… e dici le stesse cose… ok. dobbiamo badare l’orario? o come si fa a capire? non è una critica, ma una domanda tecnica.

  17. Vedo e leggo che si continua con dogmi insuperabili: “cani” sbagliato, forme sottostanti….. ma che vuol dire? E perché mai codeste forme sottostanti funzionano a senso unico nella LSC? Acqua e’ “sottostante” ad “Abba”, se per sottostante intendo etimologico. E quale e’ la forma sottostante di COELUM? Santa Madre Chiesa dice celum, non chelum, che e’ ricostruita. O si mettono da parte i dogmi, o non si va da nessuna parte.

  18. Vabbe’, ho capito, inutile proporre discussioni se poi non si vuole discutere. Se hai solennemente deciso che io sono un disturbatore, cui non vale la pena nemmeno rispondere, e che tu possiedi l’unica verita’, per favore, bannami dal tuo blog. Non credo che nessuno sentirà la mia mancanza.

  19. Ti prego, bannami, per favore, sennò mi riprendono a parolacce e ne andrebbe della mia autostima. E poi tu diresti che ho cominciato io, e questo mi farebbe partire un embolo con gravi danni per la mia salute.

  20. Allora ci siamo trovati!

  21. Su scimpru cun su collutzu: lascio a te la scelta del ruolo che preferisci!

    • Ciao,

      State proprio scoprendo l’America. È quello che ho detto l’altra volta! E l’ho scritto anche! Prima di accettare la LSC (così com’è ora… senza cambiamenti!), torno alla Mesania senza -h-. L’ho scritto l’altra volta. Non è un segreto, ma io ci metterei la j- in posizione iniziale.

      E poi, aiuto!!!!! Ma anche PUDHU era nella vostra commissione o NO? Forse anche LUI vuole la LSC con emendamenti? Ma non capisco perché non avete chiarito tutto lì? Gherrendi totus a pustis?! vebehhh.

      E non far finta Roberto di non esser mai stato alemo un pochino a favore della Mesania… che ti trovo articoli che hai scritto tu all’epoca. La Mesania non è stata accettata perché poi si doveva di nuovo scegliere. E cosa si è scelto? Di nuovo un dialetto che è più vicino alle parlate settentrionali, senza -x- ecc.

      Infatti, non sono l’allieva di Roberto per quanto riguarda la mia opinione sulla lingua sarda. Per quanto riguarda altre cose già lo sono… anch’io ho il fiato lungo e cerco una soluzione, non democratica (50+1) ma giusta… non mollo e i miei argomenti comunque sono validi.

      Per questo non ricevo le risposte alle domande fatte! Quando ci saranno questi tuoi EMENDAMENTI, proposti in realtà già dopo la LSU (2002), riproposte dopo la pubblicazione della LSC (2007)? Tra qualche mese stiamo arrivando nel 2013! Qual’è per te la differenza tra proporre: Abbasanta, invece di Samugheo o Noragogume? Ajò! Non ricevo risposte per quanto riguada punto d) della LSC (il mio intervento cancellato e mai risposto!)

      Non ho detto di mettere l’accento su “soli”… gli accenti non m’interessano proprio.

      Quello che dite voi è che allora per il sardo non ci potrebbe essere quello che esiste per i vari World Englishes? Esempio:

      British Standard English American Standard English

      -our (honour) -or (honor)

      -re (centre) -er (center)

      -ogue (dialogue) -og (dialog)

      -ence (defence) -ense (defense)

      -ise 1 (recognise) -ize (recognize)

      La grafia È la stessa, ma l’uso della grafia è diversa. Non sto parlando di “Logudorese” e “Campidanese”, sto parlando di giustizia!

      Marco, certamente la LSC non impedisce niente a nessuno, ma non favorisce e non propone nient’altro…

      Marco, hai comunque ragione nella tua critica, a volte esagero con la mia fantasia e “sa friscadora”🙂 quello sì… ma anche altre persone esagerano nell’uso di tantissimi italianismi e la LSC (almeno nell’uso amministrativu si potrebbero trovare delle soluzioni più carine)

      Marco, quello che hai scritto tu, Lo sto dicendo IO da un bel pò di tempo: che qui si sta confondendo la vera lingua sarda comune (tutto il sardo) con la LSC…visto che la LSC è la LSU + “ddu/ dda” e “is” e…

      adesso arriviamo alla cosa più bella della LSC… testimonianza l’ultimo post di Roberto.

      “migias bortas”

      non so, ma nel nostro paese “migia” è una “calza”… e “mille” è “milli”… se gli altri vogliono dire calza invece di mille e/o se da loro sono già uguali le parole, non sono problemi di mia nonna… e di questi esempi, uno che conosce veramente il sardo te ne trovano un sacco nascosti nella LSC.

      IO NON sono di sicuro una grande conoscitrice del sardo!

      Ma non sono più sicura se lo siano altre persone (gli esperti) che si sono inventate alcune cose erronee scritte nella LSC.

      Dai, cancella… troppo lunga la critica…?

      I criticoni… fare un proposta “organica”? Sì e poi si fa cosa? Aspetta… te lo dice Piseddu: Si va all’Ufitziu pro sa Limba Sarda, aperto a tutti e si parla con Giulia Aresu… e fatto…

      Politica? Non me ne sbatte niente della politica… voglio solo evitare che i bambini sardi un giorno diranno patata invece di elefante…

  22. O su Professori, a mei parit ki est fustei su ki no bolit intendi…

    Perche *cani???:

    Si dovrebbe permettere (con la stessa grafia e le stesse regole linguistiche generali) di scrivere *Cani e *Cane! Punto.
    Perche? Ajo, e facile, lo abbiamo capito tutti, i suoi giochi di prestigio fonetici, non potranno allontanarci dall’evidenza delle parlate storiche documentate, e sarebbe a dire quelle con tradizione orale e scritta, est a nai: Il Campidanese Illustre, ed il Logudorese Illustre, varieta (attenzione) solo letterarie.
    Queste vanno rispettate ed incoraggiate…nella giusta maniera…come?…semplice: Grafia univoca, regole linguistiche generali. Punto.
    La “sana competizione” da me accennata nei post precedenti e gia in atto! disturbata solo da inutili “lingue tetto”.
    Esempi? *Limba e *Abba (comuni ad un lessico settentrionale) si stanno inponendo gia da diversi anni nel meridione dell’isola. Perche? boooh…magari per differenzialismo…o chi lo sa…comunque stanno prevalendo su *Lingua e *Acua tipiche del sardo meridionale.
    Le scelte si stanno gia riducendo, senza imposizioni (apparenti).
    Capito?
    *Cani e *Cane. Punto. Una prevarra.

  23. Gei est bellu a si ddu fai cumprendi….Non c’é peggior sordo di chi non vuol sentire. e non c’é peggio sardo di chi giustifica la LSC. Peccato.
    La “soluzione” e sotto il naso di tutti.
    Lo é sempre stata.
    Ma il posto piu buio (a quanto pare) e sempre ai piedi della candela.
    Sa…in verita la stimavo…perche in tante cose sentivo che lei avesse ragione, una ragione rafforzata da un senso di “giustizzia sociale”.
    Ho capito che anche un orologio fermo ci azzeca almeno due volte al giorno.
    In bocca al lupo.
    Frantz.

Trackbacks

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: