Ma cale est su progetu politicu de is ki non bolent una grafia aunida?

Sperare nei miracoli è meglio che fottere!

Immoe bastat!

Est tropu fatzile a criticare a is àteros kentza de faer una proposta “organica”.

Sa proposta de sa LSC e puru sa mia de emendare sa LSC funt propostas politicas.

Sa proposta mia serbit a esprimer s’unidade de su sardu e de sa curtura sarda, a tenner una grafia ufitziale e a tenner materiale didaticu prus a baratu..

Dd’apo nadu migias bortas.

Ma a ita serbint is propostas de pratziri sa grafia e is sardos?

Cale est su programma politicu de custos criticones?

A inue bolent arribbare, foras de donare soddisfatzione a s’inniorantzia de is sardos acallonados dae sa scola italiana?

Ite b’at in prus de custu machine populista?

Ita idea de sa Sardinnia tenent custos amigos segamentu de matza?

 

22 Comments to “Ma cale est su progetu politicu de is ki non bolent una grafia aunida?”

  1. Visto che non mi vuoi bannare, ti rispondo: innanzitutto abbi rispetto per la gente ignorante, spesso non e’affatto accallonata ma anzi più saggia dei cosiddetti intellettuali.
    Io un’alternativa te l’ho proposta:
    1= ortografia allargata per comprendere tutte le varietà della lingua sarda, per un uso privato o strettamente locale della propria varieta’
    2 = lingua unificata profondamente modificata per renderla piu’ vicina alle varieta’ meridionale e questo, mi spiace, comprende l’abbandono di alcuni dogmi come quello della “sottostanza” (a senso unico)
    A proposito, a chi posso chiedere di spiegarmi questa nuova teoria della “sottostanza? Non a Marco Solinas che l’ha qui ricordata, poiché gli sto sulla punta del pisello e non mi pori biri mancu pintau, tu hai deciso di non rispondermi….chi si offre volontario?

  2. Mi sa tanto, sta teoria, di Wagnerianesimo puro, altro che trent’anni di strada fatta, Nanni Falconi, non si e’ fatto manco un centimetro.

  3. Ah, meno male, Marco, il pensiero mi toglieva il sonno.

  4. Progetto:
    1. Diamo una tecnologia al popolo. Una grafia Univoca! Delle regole linguistiche generali. Fatto?
    2. Il tutto si ridurrebbe a pochissimi esiti nel lessico e nelle forme grammaticali. Fatto?
    3. Tutto il sardo avrebbe un grado di itellegibilita altissimo. Fatto?
    4. In pochi anni abbiamo una Koine. Fatto?

    No! non e stato fatto cosi…hanno messo una Lingua Tetto.

  5. Fatevi da parte o “Barones de sa Limba” … stappero uno spumante quando i vari comandanti della LSC avranno rinunciato a pompare sul vaporetto che affonda.
    La soluzione e cosi semplice…e l’uovo di Colombo.
    Per questo mi sembra giusto che ormai i sardi possano prescindere da voi, i Boroneddus…
    Abbiamo bisogno solo di una Grafia Univoca+Regole Linguistiche Generali.
    Il resto e fantasia nella testa de 4 linguistas setzius a giru de una mesa.

  6. ahahaha ma la ca fustei giai mi connoscit beni… o no? poita? imoi boli nai ca seu de cussus ki kistionant de sardu for’e ddu connosci? ahahah😉
    Poita no si seus giai fatus una bell’e parigheddas de arrexonus in FB? …bah, no ddi fait nudda, cun totu sa genti ki dd’iscrit, seguru ca giai no si nd’arregorda prus…is annus puru no agiudant😀
    Imoi:
    Open Source:
    Su ca si podia fai imoi po sa lingua nosta,…fiat mancai, su de pesai in sa retza unu giassu po sa “stesura” de custas arregulas generalis e de unu arfabetu arraxonau, sa majoria de is linguistas podiant fai de ghias po is utentis, seu seguru ca in d-una parighedda ‘e mesis giai festis in bon’oras…
    Su giassu depiat essi organisau de manera sintzilla, lassendi ca is “espertus” (sabius) arregolant is scedas, ideas etc.

    1. Teneus abisongiu de una grafia UNIVOCA, no unitaria.
    2. Teneus abisongiu de unas cantas Arregulas Generalis de Scridura.

    De custa forma sceti, is bessidas in sardu, torrant de manera naturali a su connotu literariu.
    Donendi a sa lingua nosta, craresa firmesa intellegibilidadi.
    Craru?

  7. Pigai po esempru su sardu de Paulli…o su de Brucei…
    ponei un arfabetu, unu basti ki siat, cun sa *K o *CH o *QU basti ki siat! ma ki siat aguali in totu sa Sardinnia, imoi ponei unas cantus de arregulas generalis de scriidura…ita teneus? Campidanesu literariu a prus de su 90%! feus su matessi cun totus is dialetus sardus…ita teneus in su scriri? Po totus: Sardu literariu firmu, craru e intellegibili.
    Su tempus (pagus annus), at a fai su ki no funt arrennescius a fai is linguistas, est a nai: a ddu aunitzai.
    Ca pesint sa manu is “forebregungia” ki no ddu cunprendint.
    Frantz.

  8. Fustei bolit una grafia UNITARIA po totu su sardu??? macu ses o pira bendis. custu cumentu bogaddu puru..est po fustei feti!

  9. Ti comprendo Frantziscu, sarebbe la cosa più logica e democratica, ma noi siamo nel XXI secolo ed in uno Stato fortemente accentratore dal punto di vista linguistico. Il processo che tu descrivi, le altre lingue ci hanno messo secoli e secoli per farlo, dal medioevo ad oggi, mentre il sardo si trova in forte sofferenza. Per invertire un processo che sta portando da una marginalizzazione del sardo ad una vera minaccia di estinzione, ci vogliono maniere forti ed incisive. Siamo costretti dalla storia a fare in pochi anni o al massimo decenni un lavoro enorme. Riguardo ai baronis della lingua ti do ragione: quando in questo blog ho fatto un debole accenno ad un eventuale referendum, c’e’ stato il panico e reazioni rabbiose. Portare all’attenzione dell’opinione pubblica sarda la questione linguistica, cosa che dovrebbe essere ovvia, e fa decidere il popolo sovrano, e’ stato considerato un atteggiamento’da disturbatore. E questo dice tutto.

  10. Ma poita sighis a ddu nai–e a ddu nai in italianu–e non ddu fais? E chini t’at nau ca tui o deu non podeus scriri comenti si parit e praxit? Nisciunus est contras a srciri in “dialetu”. Seis bosatrus chi seis contras a una grafía aunía. E non seis bonus a nai poita foras de “s’est sempri fatu de aici”. Ma custa puru est una faula, ca is sardus chi scriint in sardu non funt prus de su 16%. E a innantis fiant prus pagus meda. Ma sighi a fai casinu in italianu. Su tanti de is bisitas est sighendi a cresci!

  11. Uno) scrivo in italiano e in sardo quanto e quando mi pare e piace, per fortuna c’e’ la costituzione della repubblica che tutela le mie libertà fondamentali. Se ci foste voi tardo-nazionalisti al governo, non so se tale libertà mi sarebbe permessa.
    Due) ma dove lo hai letto o dove lo ho scritto che io sono contro una grafia unificata? Non l’ho mai detto né mai scritto, sono contro ad una grafia unificata che non tenga minimamente conto della tradizione campidanese, questo si, ma non sono la stessa cosa.
    Tre) le visite stanno aumentando? Mi fai inorgoglire, ma no, non e’ tutto merito mio, non mi do tutta questa importanza. E’ comunque buon segno per tutti.

  12. Le mie domande fatte negli ultimi giorni? Risposte 0000000

    O Roberto…

    Continua a fare la tua strada principale. MA LA DEVI FARE! Esprimiti con le tue idee che sono buone. Ma le devi trascrivere meglio. Stai chiedendo agli altri di essere chiari e di scrivere in maniera veloce come lo richiede internet.

    Ma anche tu dovresti farlo.

    Ti sto chiedendo:

    1, 2, 3,….degli emendamenti…. e vai. alcune cose vanno ripensate con gente che s’intende di linguistica e gente che s’intende della lingua sarda. E poi si fa una proposta fatta bene per cambiare le cose.

    Tante delle tue proposte sono perfette già in partenza, altre mi mettono a dubbitare!

    Le persone intelligenti ti stavano seguendo… non perdere la loro fiducia (no… Sigmund Freud… non sono innamorata!)

    Hai smesso di andare contro Corraine che si sta facendo il suo film autistico.

    E non hai mai iniziato di andare contro il tuo amico Corongiu. Anzi lo stai anche proteggendo nel fare il doppio gioco con tutti.

    E voi parlate dei “miei amici”… ma BKG

    Qui ci vuole una bella passata di giustizia! Se non la farete voi che siete dentro e abbastanza vecchi per farla… la faranno gli altri e quegli “altri” saranno composti di gente che vi ha sostenuto per anni (me compresa!)

    Ma ora BASTA…

    Non ne voglio discutere, non voglio bisticciare e non voglio risposte a vuoto.

    Voglio risultati. E metto a disposizione il mio tempo, la mia energia e la mia esperienza.

    Ma ajò… mentre qui si discute di NIENTE… la lingua italiana si fa la sua strada…

    (e si inghizas imoi de mi pregontai poita no apu scritu totu in sardu ses unu “Bustianu de imbressi” de aberu… unu chi no bollit intendi!)

  13. Le leonesse del web dal vivo sono timide gattine

  14. Io NON sono una leonessa del web e se uno viene da me in persona e mi vuole fare un discorso, non sono timida per niente… o Locci! Non stai di sicuro parlando di me!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: