Ita funt is formas sutastantes

Una borta, cando fia pitzocu, unu giogadore de s’Iglesias s’est postu, in s’allenamentu, a tirare sa botza in porta dae su tzentru campu.

E tirande una e duas e tres, a unu tzertu puntu s’allenadore–su miticu Salis ki iat allenau fintzas a su Torinu–dd’at nau: “O Vinicio, ma ita ses fende?”

E Vinicio: “Nch’est renescidu cuddu cambone e non nche renescio deo?”

Su “cambone” fit Eusebio, de su Benfica, ki sa chida innantis iat fatu unu goal de tzentrucampu.

Nadu custu, bosi conto ki aintru de unu mesiteddu sa Condaghes at a torrare a pubblicare sa tesi de dotorau cosa mia.

Est in inglesu e mala meda a matziare e duncas at a essire in un’editzione limitada.

Sa tesi at a faer a dda comperare ordinende-dda in sa retza.

Tando, a kie ischit s’inglesu e si bolet cunfrontare cun sa fonología dd’at a poder faer.

In cussu libbru b’est totu sa base teorica de sa proposta mia originaria de grafía unitaria.

S’idea de imperare is formas sutastantes pro sa grafia de su sardu m’est bennida scriende su libbru.

Ita sunt is formas sutastantes?

Custa definitzione dd’ant introdusida Chomsky e Halle in su 1968, in su libbru Sound Patterns of English.

E non est áteru de un’afinamentu de su cuntzetu de “fonema”, introdusidu dae sa scola de Praga in is annos Trinta.

Unu fonema non est unu sonu cuncretu–a s’imbesse de su ki creint is ki non dd’ischint–ma un’unidade distintiva astrata e custu fonema si podet realizare pro mesu de allofonos diferentes.

Mancari prus cuncretu de unu fonema, ne-mancu s’allofonu est cuncretu meda, comente at mostradu Maria Giusepa Cossu in s’articulu suo (La lingua sarda (atti del II convengno del GLS, Quartu 1997)): non semper bi dda faes a pronuntziare s’allofonu esatu ki boles.

Ma tando ita est unu fonema?

Pigade is faeddos bonu e bona.

Nemos si nd’acatat sa cussas O sunt diferentes.

Sceti cando si ponet unu ki non est sardu a pronuntziare cussos faeddos ti nd’acatas.

Si unu narat [bOnu], cun sa O aberta o [bona] cun sa O serrada t’acatas ca cussas pronuntzias sunt sballiadas.

Unu sardu pronuntziat [bonu] e [bOna], sighende sa regula de sa metafonesi, mancari non dd’iscat.

Cale est tando su fonema o forma sutastante ki siat?

Su fonema est /O/: una O aberta, ki si furriat a O serrada [o], cando dda sighit una vocale arta (I o U).

Comente fatzo a ischire ca su fonema est cussu?

Cando sa /O/ non est sighida dae nudda (es.: pro) e duncas non b’at cuntestu ki dda potzat cambiare, sa pronuntzia est [O].

Ma custu fonema aici astratu esitit de a derus?

Castiade custos duos esempros:

Antio’!

AntiO’!

Su primu tenet sa O serrada e dd’imperas cando ses tzerriende a Antiogu.

S áteru tenet sa O Aberta e dd’imperas candu ses tzerriende a Antioga.

Sa forma sutastanti de [antio] est /antiOGu/ e cussa U astrata–aici astrata ca non ti nde essit ne-mancu de buca–bastat a furriare su fonema /O/  a s’allofonu [o].

Un’áteru esempru, cun sa E, mi dd’at dadu Fabritziu Pedes: issu tzerriaíat Manne‘ a su manneddu e MannE’ a sa mannedda.

E duncas, a custu puntu unu “campidanesu” si depet domandare comente mai pronuntziat s’imperativu Beni!  cun sa [e] serrada, ma s’averbiu [bEni] cun sa [E] aberta.

E si depet domandare puru–biende ca bolet representare sa pronuntzia in su scritu–comente podet faer a scrier cussa diferentzia de pronuntzia de is duos faeddos.

Mariu Puddu, ki de fonología non nd’ischit e non nde cumprendet, imperat su sistema italianu de is atzentos diferentes: Béni! e bèni.

Candu est prus simple a scrier Beni! e bene.

E est prus giustu, proita sa forma sutastante de sa [i] de [bEni] est una /E/.

Ma, at a nai su “campidanesu” nostru, ma tando a me mi tocat a imparare una regula de pronuntzia in prus: est un’ingiustitzia!

Est una faula ca unu “campidanesu” depet imparare cosa in prus, pro sa pronuntzia sua de bene.

Si tue pigas unu faeddu italianu ki acabbat cu sa E e dd’imperas in su sardu miu, cussa E si furriat dereta a I.

Es. it. badante –> badanti.

Custa cosa deo dd’apo provada cun gente meda de cabu de jossu.

E medas bortas apo portadu gente meda a pronuntziare unu testu in LSC in su dialetu suo.

E si calincunu bolet sighire a discuter, est a non narrer prus tontesas a subra de cosas ki non cumprendent.

30 Responses to “Ita funt is formas sutastantes”

  1. Su de chimbe post in custu blog chi ispricant ite est, e comente funtzionat, sa forma sutastante. Immoe bidimus si podet bastare, o si ti tocat a nde iscrìere sa de ses…
    Mi diat pràghere a nde annànghere chi custa forma sutastante NO EST una teoria astrata (comente apo lèghidu in carchi commentu in facebook, iscritu unu bellu pagu de tempus a como dae unu brùsciu) ma una descritzione formale de un’evidentza ogetiva chi si biet in su allegare de sa gente (pronuntziadu: [gEnti] in domo [dOmu] mia…).
    A mègius bìdere!

  2. ok… capito! ma non facciamo finta che quello È l’unico problema! Vedo che anche tu sei per il mantenimento della j- di jossu! bene! mi fa piacere.

  3. Ma castiari’ unu pagu: e noi sardi del sud che scriviamo “beni” da mille anni, sbagliamo da mille anni; per fortuna est arribau Bolognesu, ecco poita no si cumprendistis a pari, no arrennescistis a cumprendi sa differenzia intr’e unu verbu e unu sostantivu! ‘Ta tontus fistis.
    Dunque, questa teoria della transustanziazione fonetica e’ l’unica che pretendi? Anda beni, possiamo scrivere tutto il resto come vogliamo? Possiamo scrivere scala, acqua, arrori mannu, celu, is, ddu, andae (non andare o c’e’ una substanza anche qua?), domu (visto che qualcuno ha scoperto che in alcune zone la prima u e’ chiusa), fillu, miu, ecc. Ecc. ? Solo questo? Affare fatto! Ci sto, mi dispiace per il mio allofono costantinopolitano, ma per il superiore interesse del sardo lo faccio! Ma non e’ che immoi ndi bogas altri conigli dal cilindro, magari perché sono “più rappresentativi”?

  4. La forma sottostante è quella del latino: scriviamo in latino.

  5. bene mera! deu aspetu sa publicatzioni ca m’interessat a ligi custa tesi e po su pagu chi ndi cumprendu deu de fonologia est una manera de iscriri econòmica e savia. Su fatu de oberai s’artìculu is a in antis de unu fueddu comente benes, o canes o su chi est…agiudat a nos arregordai ca sa finali -es da depeus pronuntziai [is] e no nci bolit mera!!! we usually write buses in English but we say [basis]!!! Si podit fai!!!! no creu chi nemos si lamentit!!!

  6. Oh Robè! As fatu giai unu passu in antis!!! Bitu as? Immoi ant cumprèndiu poita andat mellus a iscriri feti CANE e non serbit sa dòpia grafia CANE/CANI. Immoi tocat de dd’ispiegai poita sa R ndi podit orrui in ANDARE [andarE/andaE,andai], e bitu ca nci seus fintzas poita sa D puru ndi podit orrui/mudai in CANTADU [cantadu/cantatu/cantau]… essummammamia pitica sa fatica!!!

  7. Molti si lamentano invece. Innanzitutto Bolognesu non ha detto che il fonema può essere rappresentato graficamente comenti si bolit. Nella Sardegna meridionale e’ stato da sempre rappresentato con un segno grafico che corrisponde all’allofono realmente utilizzato. E siccome funziona benissimo, giacché le coppie minime sono pochissime, non ha portato mai a nessun problema di comprensione, ed e’ utilizzato da mille anni. Perché dovremmo scrivere e e non i? Perché non si può fare viceversa? E qua ne tirano fuori questa benedetta metafonesi, Gesumaria, ca parit la legge della relatività generale, ca asinuncas is cabisusesus no cumprendint, scedadeddus, sa differentzia aintr’e “beni, fillu miu” e “is benis mius mi nci ddus portu in su baullu”. E’ come se in italiano ci confondessimo tra la pesca “su pressiu” e la pesca “bona pisca” che non si deve mai dire che porta male. Sono arrampicature sugli specchi! Se per i sardi del nord e’ così importante, ca asinunca no cumprendint, deve essere chiaro che per i sardi del sud sarebbe una rinuncia gravosissima, quasi intollerabile, che dovrebbe avere una contropartita altrettanto gravosa. Il messaggio e’ forte chiaro, vediamo se qualcuno lo coglie.

  8. 15 annus? Ant a fai a tempus a ci interrai is nebodeddus de bosatrus.

  9. Linguistus (immoi non sciu prus si est “linguistus” o “linguistas”. Mah, cancunu mi dhu at a ispiegari). Torraus a incumentzari: linguistus/as, sa giustitzia si pregonit! Chi sa lìngua fuedhada o iscrita, fudi unu matzambòdhiu malu a trumentari, apetotu in su mundu, mi dh’ia suspetau. Ma de candu, in sa lìngua nci ant postu lìngua is linguisus/as, ndi est bessiu unu casinu, chi a nàrriri casinu est pagu meda.

  10. Bah, de-i cussas ndi tèngiu medas.

  11. Mauro, ma a tie chi ti l’at naradu chi a cabu de sus non bi siant lassende nudda cun sa LSC? Deo pro contu meu isco chi bi so lassende cantu, si non prus, de su chi bi sunt lassende in su cabu de basciu; comintzende cun sa “J” de mudeju pro sa “C” de mudecru, pro nche la sighire in sa “E” de agabbu in su partetzipiu de sos verbos chi agabbant in “ER”, e a nche l’agabbare in sa “NZ” de su gerundiu e de su sustantivos. Tres cosas chi distinghent e marcant sas faeddadas de su logudoresu setentrionale.
    Ebbè? E tando? totus devimus renuntziare a carchi cosa de nostru pro su bene de totus. Si non si atzetat custu pensamentu est totu de badas fintzas a nde arrejonare de sardu.
    Deo iscrio dae meda in sardu, iscrio belle e che semper in sardu, ma giai dae cando apo inghitzadu a lu fàghere su problema prus mannu chi apo dèvidu cumbatare est istadu su de no àere còditzes seguros de pòdere impitare.

    Sa limbas s’iscrient pro nàrrere carchi cosa chi benit lèghida atesu in s’ispàtziu e in su tempus. Si s’impitant còditzes chi non benint cumpresos est agabbadu s’iscopu suo.

    Nemos at gana de pèrdere tempus pro andare a interpretare ite as iscritu.

    A sos pitzinnos chi andant a iscola a istudiare su sardu lis devimus dare còditzes seguros, e custos non l’ant a èssere mai si non sunt cundivisos cun sos pitzinnos de sas àteras iscolas de un’àtera bidda.

    A su mancu chi non li cherfas imparare a iscriere solu pro issos.

    A mie paret chi su problema mannu chi bos ponides, bois chi iscriiedes e faeddades semper in italianu, sia cussu chi sa limba sarda cambiet e crescat; e prus e prus chi custu cambiamentu siat ghiadu. Diais chèrrere chi issa crescat e cambiet a bonu suo.
    Sas limbas cambiant e creschent si sunt impitadas: si sunt faeddadas dae comente benint faeddadas, e si sunt iscritas dae comente sunt iscritas.

    Si sunt impitadas!

    Ma nois su sardu meda lu semus impitende?

    A mie paret chi nono!

    Sa limbas, a comente las bido deo, sunt comente cuddas prantas chi si non sunt annoadas si nche imbejant e si nche morint.
    Ma sigomente su sardu a die de oe benit impitadu pagu e dae pagos e issa non si podet annoare dae se, cheret agiuada. Cheret fortzada a su cambiamentu.

    Sa la lassamus a bonu suo ite nde podet èssire a campu?
    A bisu meu solu sa morte sua.

    Si est cussu su chi si cheret…

  12. Nanni, evidentemente non mi conosci e non conosci la mia “storia” linguistica. Niente di grave, sono signor nessuno duncas no perdis nudda. E scrivo in sardo quando voglio e scrivo bene, e non per comando ideologico ma per libertà personale. Scrivo in sardo campidanese, come lo si usa scrivere e non in casteddaio: sono simili ma non uguali. Il sardo meridionale ha già uno standard ortografico. In teoria siamo totalmente in grado di non porci la questione di un’ortografia o di una lingua unificata. Siamo quasi un milione, potremmo farlo e molti lo fanno fottendosene della LSC, della LSU, di Bolognesi, delle sue importantissime scoperte sottostanti ecc. Io personalmente me ne frego anche degli accenti di Mario Puddu e dei suoi dh, che sono vere masturbazioni ortografiche.
    Ma io no, non la penso come i talebani campidanesi, ho fatto due tesi di unificazione linguistica di tutto il sardo, non da linguista, che per fortuna, non lo sono, ma da sociolinguista. Ho sempre cercato l’incontro, ma ho sempre trovato il muro, come qui. Mi si oppongono insuperabili leggi fonetiche (ma che c’entrano con l’ortografia), la metafonesi che non ha alcun bisogno di essere sottolineata né con accenti né con fonemi sottostanti. Mi sembra che in campidanese le coppie minime siano due, o tre, noi dobbiamo piantare tutto sto casino po duus fueddus che hanno peraltro funzioni grammaticali diverse? Est unu sciolloriu de linguistas, ecco che cos’e’.
    Ma torniamo al punto che tu poni: dici bene, tutti dobbiamo fare sacrifici, ma c’e’ sacrificio e sacrificio: per noi del sud rinunciare alla i significa rinunciare a una delle caratteristiche fondamentale della nostra identità linguistica e antropologica. Significa spogliarci della nostra identita’ di sardi meridionali per essere solo sardi. E’ un sacrificio enorme, perché quello che i tardonazionalisti non riescono a comprendere che a differenze linguistiche corrispondono differenze antropologiche, di psicologia sociale, di’economia, di usi tradizionali e moderni. Qua non si fanno canti a tenore, non si gioca a morra, non ci si punge fuori dei bar, ci si spara per la cocaina casomai, non si fa sa strumpa, ecc. Ecc.. Un unificazione linguistica, o come la vuole chiamare Udini’ Bolognese ortografia unificata, non puo’ non tenere conto delle subentita’ regionali, pena il fallimento del progetto, come e’ successo finora. Saranno considerazioni poco nobili, antipatriottiche, disturbatrici, tutto quello che vuoi, ma esistono nella realta’ quotidiana dei sardi. Quante volte avrai sentito l’espressione “campidanesos concas de cazzu” o “Maurreddinos”. Magari tu nobilmente non le condividi, ma dubito che non le abbia mai sentite.
    Tornando al punto, quel sacrificio e’ per noi enorme, tu sei pronto a rinunciare a “iscala”, a “Abba”, a “chelu”, “fizzu” per scrivere scala, acqua, celu, fillu? Se lo sei stiamo parlando tra persone intellettualmente oneste, altrimenti lasciamo Bolognesi a dirci quanto abbiamo sbagliato noi sardi del’sud da mille anni circa, che di stpidaggini se ne sentono tante, una più una meno non cambia, ma il sardo unificato non fa un passo avanti.

    • Castia, o bello-be’ca innoi su chi narat scimprorius ses tui.

    • Chèrgio sa Y nostra! Ue balla l’atzes cuada sa Y nostra? So prontu a bos agussire milli, ma ite naro milli, unu milione de bitzichesos prontos a gherrare pro sa Y, chi sa Prima Gherra bos at a parrer unu partida de botzas. Est una cosa istorica, l’at imperada fintzas Santu Wagner e poetes de gabbale. Torrade·nos·nche sa Y, ca sena sa Y non nos resessit prus su cantigu a tenore, nen sa murra, nos faddimus sas istocadas in s’istrada de su tzilleri e a s’istrumpa parimus tzulungrones, tantu chi nos at tocare de buscare coca a fusiladas.

      Deo bos apo avisadu semus miliones, ma ite miliones, miliardos!

      E chie no ischit narrer EKERRORE cun sa R modde, a su muru!!!

  13. Vedi Nanni? Non stiamo parlando con persone intellettualmente oneste. Seus chistionendi cun genti imbriaga de ideologia nazionalista, chi de sa lingua ddis importat sceti (avverbio) po tirai innantis s’idea sciollorodiada insoru. A mimmi intamis m’interessat sceti (ancora avverbio) sa lingua e sa mellus manera de dda imparai a sa genti, mannus e pitticcus, de da umperai comenti lingua normali in is amministrazionis pubblicas, in sa prenta, poita po mei est unu patrimoniu de cultura, su prus importanti chi teneus, non est su “volanu” po s,indipendentzia. Custus nazionalistas funt fendi dannu e basta, funt stesiendi sa genti de sa lingua, funt autoreferenzialis, si bint e s’intendint sceti (l’avranno capito che e’ un avverbio) intra de issus e de sa genti in carri e ossus no ddis importat nudda. Ddis praxit giogai a Risiko bonu pro ddis fatzat.

  14. Mauro, lassamus istare a banda su pregiudìtziu chi solu pros sos de bàsciu sunt sacrifìtzios in su mentres chi a sos àteros nen mancu lis pitzigat. E ite seis? menzus de nois?😉

    Mi paret chi sa SLC, nàrgiat chi chie impitat àcua a su postu de abba lu podet fàghere, in totu ant a èssere unas deghe paràulas, semus cuntentos totus. Pro “celu” a su postu de “chelu” est unu pagu prus matanosu, ma bastat de impitare sa K pro sa C dura e C pro sas àteras. Chie lu vietat? Nemos! e si fiat istadu vitadu puru…? totu cussu esseret istadu su pecadu!

    Pro “fizu” su sacrifìtziu lu semus giai faghende, ca in LSC s’iscriet “fìgiu”, e gasi lu faghimus cuasi in totue. Ma apo sa duda chi non bos bastet: mi paret chi cherides chi sa cosa pendat a bois ca nanchi seis de prus.
    pro sa “I” a dae in antis de sa “S”, podet bènnere unu pagu matanosu pro nois betzos, ma a sos pitzinnos chi andant a iscola nen mancu si nd’abigiant. Nois cussa “I” la ponimus fintzas a dae in antis de sas paràulas italianas e puru non la iscriimus. A la fàghere curtza: in caminu s’acontzat su Gàrrigu ( fia pro iscrìere “bàrriu” a sa logudoresa, o ‘àrriu puru, ponende fatu a su connotu).

  15. tutte queste persone che chiedono come spiegare la caduta di quello e di questo suono, perchè non riflettono un pò sulle lingue straniere diverse dall’italiano??? mai visto o sentito parlare di cosa succede nel vocalismo russo per esempio??? e secondo voi agli inglesi chi glielo spiega che si legge /caf/???

    • scusate non appare ciò che volevo scrivere…perciò ripeto: chi glielo spiaga agli inglesi che si scrive “cough” ma si legge “caf”…. Est ca a donniunu su mestieri suo!

  16. e si scrive ??????????

  17. O Bolognesi, abà chi non de balet sa pena de totu custu traballu pro cumbìnchere a Podda…isse nde balet unu…non b’atnemos in secus, occupa.ti de sos medas..depes medire tue puru sas fortzas

  18. Bah…

  19. Caro Nanni, che la LSC penda verso il nord non lo dico io, lo dice Bolognesi nella sua ricerca e perfino nel suo ultimo intervento. La LSC annienta l’identità linguistica campidanese, la annienta, non e’ un piccolo sacrificio. Tanto e vero che gli uffici linguistici del sud non la adoperano. Poi Bolognesu ammisturat lingua, ortografia fonetica, po imbriagai sa genti. Io spero che il vero Bolognesi sia quello dell’ultimo intervento, a parte la questione indipendentistica che non condivido. Si eccita molto per 500 lettori del suo blog dimenticandi che i sardi sono 1750000, i numeri non sono il suo forte. Ma e’ uomo appassionato, anche se talvolta delirante e perde il contatto con la realta’, ma a me le persone appassionate piacciono, purché non eccedano negli insulti, che sono permaloso.

Trackbacks

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: