Diritti incivili

Bolognesi.

Mi nant Bolognesi.

Babbu miu fiat italianu.

E deu seu un’intenatzionalista.

Deu bollu un’Europa federali.

Ma a is Italianus non ddus aguantu prus!

E is chi propriu non mi nci calant funt is Italianus “bonus”.

Gli Italiani per bene.

Sempri fueddendi de su chi andat mali in cussu catzu de logu e chentza de piedadi, cosa chi is politicus sardus non tenint s’atza de fai.

E sempri fueddendi de is deretus civilis de totus … foras de is deretus de is minorías etnicu-linguisticas.

Balla, mai una borta chi nde ddus bessat unu fueddu! (Diritti civili, noi restiamo indietro)

Totu sa fida mia apu cretiu ca fadíat a trabballai impari cun is Italianus progressistas.

Gli Italiani per bene.

Ma immoi est craru ca non fait.

Sa curtura non est acua.

Custus mesis passaus apu biu Italianus de manca ponendi-si contras a is autonomias.

Contras a cussu pagheddeddu de deretus chi tenint is minorías etnicu-linguisticas in Italia.

Is Italianus tenint una curtura risorgimental-fascista.

Totus.

Ddis iant a serbiri una pariga de generatzionis po cambiai.

E nosu totu cussu tempus non ddu teneus.

Chi boleus sighiri a esisti che a Sardus, che a una natzioni, tocat a mandai is Italianus a pasci dindus.

Custus annus is Italianus “per bene” s’ant fatu sa conca a acua cun sa chistioni de sa “uguaglianza”, in polemica cun sa Lega Nord e cun Berlusconi.

Immoi s’ant fatu a biri ita bolit nai: si tocat a fai su chi bolint issus.

Bolint cumandai issus, ca funt de prus.

Mancai non cumandint nudda, ca issus (gli Italiani per bene) fun issus puru una minoría.

Fueddant totu s’ora de is deretus de totus, ma mai de is deretus nostrus, mancai iat a tocai a su stadu a si amparai: “La Direzione Centrale per i diritti civili, la cittadinanza e le minoranze ha come obiettivo principale quello di supportare l’esercizio e l’espansione dei diritti di libertà costituzionalmente protetti, con particolare riguardo alla cittadinanza, alle minoranze storiche etno-linguistiche e alle misure di assistenza e patrocinio per il recupero dei crediti alimentari all’estero.” Direzione Centrale per i diritti civili, la cittadinanza – Ministero Dell

Deu in custus annus non apu mai indendiu a unu Italianu bonu nendi unu fueddu a favori de is minorías.

Ma cali “diritti civili”?!

2 Comments to “Diritti incivili”

  1. S’Italia est sa negatzione de sa democratzia. E bo.

  2. ateru ca limba sarda in sa iscola ….immoi totus a cantai s’innu de mameli ….giai ses postus beni …

    La nuova legge inserisce l’insegnamento dell’inno di Mameli (leggi il testo) nel piano di studio nelle scuole e riconosce il 17 marzo di ogni anno, in continuità con il festeggiamento dei 150 anni, come “Giorno dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”, allo scopo di promuovere i valori di cittadinanza e di consolidare l’identità nazionale.
    Obiettivo della legge è diffondere la conoscenza storica del percorso di unificazione dello Stato italiano e mantenere vivo il senso di appartenenza civica.
    L’Inno di Mameli
    Il provvedimento prevede, inoltre, che, nell’anno scolastico 2012-2013, siano organizzati, nelle scuole di ogni ordine e grado, percorsi didattici e iniziative per informare sul significato del Risorgimento e sulle vicende che hanno condotto all’Unità nazionale e all’approvazione della Costituzione.
    DDL fatu de su Pdl e su Pd ….
    Custu est fascismu ……

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: