Pi grecu e su massimalismu

2063

Calincunu amigu non at cumprendidu proita apo postu in mesu su Π (3,14) in s’arrexonu de s’átera die.

Cussa fit sa metafora de su massimalismu: s’idea ki su bonu bolet refudadu, abetende su mellus.

Si tue depes mesurare s’area de unu cosa tunda e abetas fintzas a tenner su valore giustu, esatu, de Π, tue cust’area non dd’as a mesurare mai, ca Π tenet unu numeru infinidu de detzimales, a pustis de sa virgola.

Medas bortas su mellus est su nimigu de su bonu.

A s’edade mia b’at pagu cosa ki siat totu giusta o totu sballiada.

E a s’edade mia unu at imparadu a s’acuntentare o non at imparadu nudda dae sa bida.

Sa LSC non solu non est perfeta, ma, comente est posta in pratica, est atesu fintzas dae su ki sa cummissione bolíat faxer.

Sa LSC bolet emendada pro dda faxer prus fatzile a pronuntziare in unu dialetu de cabu de jossu e tocat puru a nde bogare totu cussas solutziones setentrionales ki non b’intrant nudda, non sunt nen etimologicas, nen “identitarias”, ma sceti “logudoresas”: numene (lat.: nomen), pessone (lat.: persona) sientzia (lat.: scire), ecc.

Ma custu non cambiat nudda a su fatu ki cun sa LSC, in custos annos, su sardu at fatu passos mannos cara a sa normalidade.

Sunt essidos unos cantos libbros scritos cun custa grafia e sa gente s’est acostumada a s’idea de una grafía standardizada.

Cando deo apo postu sa firma a subra de su documentu de sa segunda cummissione, ischia bene ki fia aprovende unas cantas cosas sballiadas, ma ki sa prus parte de is cosas aprovadas fint giustas e bonas.

E si sa LSC est comente est, podides torrare gratzias a Corraine–berus, ma custu dd’ischint totus–ma puru a Renatu Soru, Mariu Puddu, Giulio Paulis, Michel Contini: is detallios tecnicos aprovados dae su cummissione sunt de issos.

De miu in sa LSC non b’at casi nudda, foras de s’idea ca su lessicu est cussu de totu su sardu.

Ma ni-mancu custu ddu ponent in pratica.

Si fessit stadu de me, sa LSC iat esser comente so scriende immoe.

E deo scrio comente bogio deo, ma non mi pongio contras a una cosa ki mancari non siat perfeta, est bona de seguru e at fatu bene meda a su sardu.

E tocat a narrer puru ki, comente apo sperimentadu unas cantas bortas, fintzas sa LSC faxet a dda pronuntziare donniunu in su dialetu suo.

Duncas, a narrer sa beridade, is emendamentos ki propongio deo sunt sceti simbolicos, pro acuntentare “s’identidade ortografica” de is faeddantes de cabu de josso.

Tzertu, si mi pones “limba”, proita ca est “identitaria”, mi depes ponner “paxe” puru.

Cun chimbe emendamenteddos faxet a acuntentare a totus.

Sa LSC non est perfeta, ma faxet a dda migiorare.

E tando tocat a dda migiorare puru.

23 Comments to “Pi grecu e su massimalismu”

  1. Sa chistione, l’as naradu prus de una bia tue puru, est polìtica.
    sos tecnicos consimgiant ma sunu issos chi detzidint.
    Soru at chèrfidu a aproare sa LSC e forsis ischiat puru chi non fiat perfeta, ma si non l’aiat aproada tando fiamus istados galu candelotados in sa partèntzia. Deo non bido nen mancu como un’agiustu pro la cambiare in su pagu chi l’aiat fata unu pagu prus echilibrada. At àpidu cussu tantu de s’atza chi bi cheriat e no at pensadu de seguru a sos votos.
    Sunt sos polìticos de como chi non nd’ant mancu cussu tantu chi bi cheret pro cambiare cussu pagu chi cheret cambiadu.

  2. Vorrei, se mi è concesso, suggerire un micro-emendamento alla grafia utilizzata: piuttosto che la X in ‘faxer’ o ‘innoxe’ utilizzare la H, ovvero ‘faher’ e ‘innohe’. Ritengo che sia utile per i parlanti meridionali per rendere maggiormente regolare la lettura della X. A Bolognesi l’ ardua sentenza…

    Quanto al resto, d’ accordo su tutta la linea, così come dovrebbero esserlo tutte le persone di buonsenso.

  3. gratzias po sa nota tua

    pensu ca siat de importu mannu ca donnia personi de is de sa cumissioni narit comenti est andada e ita ndi pensat imoi.

    intendu ita cheris nai tui e andat beni, mancai deu no ddu potza acetai in prenu.

    po mei est unu pagu comenti a nai: Lamarck at fatu una cosa bona e bastat… craru ca fit bonu chi carchi unu aiat incumintzau de fai una teoria de s’evulutzioni… ok… bonu, perou aiat fatu sballius puru. po cussu oi in sa scola s’imparat sa teoria de Darwin.

    pensu ca casi totus is chi dd’iant firmada sa LSC, ddu ant fatu poita pensant ca nci iat potziu essi una manera de dda mellorai in su benidori, comenti est scritu e abistu in sa LSC etotu.

    “La Regione intende intraprendere questa strada verso la Limba Sarda Comuna con il più ampio concorso democratico di contributi, opinioni, riscontri e verifiche adottando una soluzione iniziale, come è la Limba Sarda Comuna, in cui, insieme a una larga maggioranza di opzioni comuni a tutte le varietà, convivono, in alcuni casi, opzioni aperte e flessibili e che, proprio per la gradualià e la sperimentalità del processo, a distanza di tempo e sulla base delle risultanze e delle necessarie esperienze, potrà essere integrata, modificata ed arricchita con gli opportuni aggiustamenti.”

    est custu ca no mi praxit. sa faula manna. de annus e annus, no ant mudau nudda. custa est sa cosa chi deu bolia arrecorddai, no sceti ca sa LSC est gei nascia e pascia mali, ma ca sissi, est sighendi a mali.

    no est stetiu fatu nudda. No ant pigau nudda de is proposiduras tuas e nimancu de is Ainas po su sardu (chi apu tentiu sa pasientzia de ligi e studiai in su fundoriu me s’urtimu annu), no ant fatu un atera cumissioni … NUDDA

    Bolognesi narat: “Sunt essidos unos cantos libbros scritos cun custa grafia e sa gente s’est acostumada a s’idea de una grafía standardizada.”

    deu perou mi seu pregontendi comenti iat a essi stetiu chi sa LSC nci fiat bessia emendada giai de cussu tempus???

    (minka nci apu postu tempus meda po scriri custa cosa. speru ca praxit puru a s’amigu ca narat chi deu no conosciu su sardu)😉

    a si biri…

    Ps. Davide… sa -h- est una litera ca torrat a essi una spirada in sa pronuntzia. Pensu ca no andat beni.

  4. Sa Lsc no dd’at fata una cummissioni, sa giunta Soru at pigau issa una detzisioniautonoma una borta chi at intendiu is parriris de is cummissarius. Duncas, poita citai sa cummisioni chi non fiat in sede deliberante ma sceti referente? Custu fiat istau decidiu po stransi is problemas de sa primu cummissioni inui totus iant firnau s’acodriu e poi si fiant negaus. Sa Lsc esti politica e simbolica. Chini no at cumprendiu custu no at cumprendiu nudda. E funti is linguistus chi no ant bofidu aberri de prus a su meridional po problemas etimologicus e de allofonia. Sa lsc no est obligatoria, chi unu dda boli cambiai o bolit sperimentai su cambiamentu ddu podit fai e amostai a is atrus comenti depit essi cambida. S’at a biri poi su sutzessu de custus cambiamanetus. Non creu chi scriendu faxer o fajer o nuxe o nuje is sardus potzant cumprendi mellus sa chistioni. Ma est un’opinioni mia.

  5. @ Alexandra: La H all’ interno del sistema italiano è definita MUTA, non è collegata a nessun fonema, tant’è che è piuttosto complicato far memorizzare a chi è stato alfabetizzato in italiano l’ aspirazione presente in altri sistemi (inglese, spagnolo). Non che voglia difendere a tutti i costi la mia idea, ma credo che in questo caso l’ apprendimento della regola di pronuncia sia più difficoltosa da apprendere per i parlanti settentrionali.

    • Davide. Scusa. Hai ragione. Sono partita troppo velocemente perché per me la -h- simbolizza quello in tedesco, in inglese, in IPA e anche in latino a scuola ce la facevano pronunciare. Comunque, se penso a quella lettera in un contesto sardo, mi vengono in mente due cose. 1. Murales di Orgosolo dove scrivono: “husta hosa” e anche gente del Sarrabus che cerca di esprimere il colpo di glottide con questa lettera. Questo dimostra che comunque qualche “sapere linguistico” o interpretazione su quella lettera esista. 2. Pur troppo ricorda anche alla proposta della Limba de Mesania che come proposta ortografica non ho trovato male, ma la -h- nel contesto della d cacuminale e in altri contesti, tipo “andhare” mi sa, l’ho trovato un po molto lontano dalla realtà. Comunque ho capito la tua idea e la trovo interessante, ma la gente è alfabetizzata in italiano. E infatti come dici tu, se per loro la h è muta, diventa anche difficile fargli capire che ora è un altra cosa. Grazie. A presto.

  6. Io che cerco di imparare il sardo sono esterrefatto. Come è possibile pretendere di divulgare una lingua contestando e destabilizzando in continuazione la sua ortografia ufficiale? A me sembra più saggio invece che la Regione difenda la stabilità di un modello qualunque sia. E’ cosi che deve fare per difendere la lingua da tendenze suicide e centrifughe presenti in maniera evidente anche in questo blog. Io non ho una nonna che parlava in dialetto, non ho una varietà di riferimento. Non mi interessa il passato. Vorrei imparare una lingua stabile e sempre quella. Francamente trovo la discussione irrazionale e anche politicamente masochistica per un movimento che cerca di legittimarsi agli occhi della politica.

    • Tu confondi lingua con ortografia. La lingua è quella, pur con delle varianti locali. Imparatela e imparati una delle pronunce possibili. La grafia è costotuita da una serie di convenzioni che si possono anche cambiare. In molti paesi questo succede con una certa regolarità (Olanda, Germania).

  7. I metodi che mi ha indicato l’altra volta sono diversi uno dall’altro, un allievo non può che essere confuso. Secondo me vi interessa più affermare dei principi personali che divulgare la lingua. Legittimo, per carità, ma poco produttivo.

    • Secondo me, lei dovrebbe essere un po’più umile.

      • Scusate. Rispondo un po a tutti. Certo l’abbiamo capito tutti che qualcuno sta cercando di abusare la questione della lingua per scopi politici. Mica siamo stupidi, ma forse loro o qualcun altro non vuole capire che per una persona laureata in filosofia, psicologia, lettere, linguistica ecc. almeno per me e altre persone che conosco sale questo: 1.la lingua è in primo luogo una questione culturale, sociale e linguistica. Poi segue il resto, ma fare politica linguistica, ignorando i primi tre è una violenza al popolo. 2. Interessante che qualcuno veda leggi, delibere e documenti ufficiali come atti “simbolici”. Bello. Un documento che parla della lingua, dell’identità di un popolo… facile mollare discorsi complicati con frasi pseudo-intellettuali come lo fanno alcuni di voi e pur troppo le persone che furono coinvolte all’epoca. 3. Io ho imparato a leggere, capire e parlare il sardo e lo so scrivere in quasi tutte le norme che sono state presentate negli ultimi dodici anni. Non sono perfetta, ma credo che per unk persona tedescofona che non abbia mai vissuto in Sardegna, può andare bene. Per ciò chiunque voglia imparare il sardo, lo può fare. Addirittura sono molto contenta che non c’era uno standard stabile. Ho potuto scegliere e ho scelto tutto il sardo, ancora buon natale a tutti.

  8. Forse si, ma perché le questioni del sardo devono essere così complicate….non si capisce

  9. Una lingua per essere imparata deve avere un modello standard di scrittura e una pronuncia, mettiamo anche più pronunce…ma non una continua guerra di discussioni tra esperti o presunti tali, che noia….meglio le certezze di Corraine che gli sbandamenti degli altri

  10. Deo puru iscrio comente ‘oggio. Finas a cando non nd’at a bessire una regula bona po totus. Ite a nche pòdere campare totu cussu tempus.

  11. @Elio, sas règulas las amus. Fortzis non sunt giustas e cherent acontzadas, ma a las impitare non s’isballiat. Una parte manna de issas si podent impitare finas iscriende cun sa faeddadas de sas biddas issoro. custu impitu diat agiuare meda a bìdere chi b’at una coerèntzia in sa manera de iscrìere su sardu.
    Non si podet iscrìere onni unu comente cheret, cussu de abberu est a èssere analfabetas in sardu, e puru unu pagu mandrones. No esistint limbas scritas chene imparadas, e a imparare a iscrìere cun unu pagu de coerèntzia in sardu no est fàtzile; ma giai si podet fàghere.

  12. mai pensadu chi no nd’aias!😉

  13. Ognuno ha il suo idioletto e la lingua non c’è. Un manicomio.

  14. De accordu cun s’articulu cosa tua Roberto.. Salude e bona paschighedda

  15. Andat totu beni, ma no apu cumprendiu cali funti is propostas de modificas de sa Lsc…esistit unu situ, unu libruteddu? Si podit passai de s’enunciadura a sa pratica?

  16. Tocat a dare rispostas cuncretas, e règulas a pessones che Paolo Curreli chi cherent imparare sa limba sarda. Non nos podimus permìtere su lussu chi un’aspirante neo-faeddante de sardu perdas sa gana de l’imparare. Sas règulas bi sunt, e sunt sas chi ant permitidu sa publicatzione de deghinas e deghinas de libros in sardu in custos ùrtimos annos, prus chi in totu sos sèculos anteriores; sunt sas règulas sighidas dae poetas, iscritores e tradutores; sunt sas règulas chi aparint in sa prima grammàtica totu in sardu essida unas meses a como; sas matessi règulas pro imparare su sardu sighidas in unu cursu de s’universidade de Girona. Custas règulas podent finas variare cun su tempus, ma su “corpus” fundamentale est cussu e tocat a l’istudiare.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: