FILS e linguistica delle caverne

4310

Mi hanno raccontato che il il corso FOLS  è andato molto bene.

Mi dicono che le prime due giornate del FOLS siano state di altissimo livello e che l’educazione politico-attivistica- sociologica e giuridica è sempre in primo piano. I docenti sono tutti qualificati e gli allievi contenti. Anche molti di quelli che pendevano dalla labbra dell’università, rispetto alla questione “logudorese-campidanese” si stanno ora ponendo dei seri problemi e si chiedono se non siano stati imbrogliati dall’accademia mangiasoldi per tutti questi anni.

Sarà che la formazione degli operatori linguistici l’ha fatta direttamente la Regione con l’ausilio di una dittà specializzata individuata sul mercato con regolare gara d’appalto?

Mi arrivano voci che richiedono di organizzare i FILS, per gli insegnanti di sardo, allo stesso modo, anziché affidarli nuovamente alle università italiane di Sardegna.

Ma come, direte voi, ci stai raccontando che il corso FOLS fa politica linguistica? Che i docenti si schierano a favore dell’unitarietà del sardo e del suo utilizzo ufficiale?

Ma allora non è meglio l’università, che ci garantisce  la sua indipendenza e la neutralità scientifica dei suoi docenti?

La neutralità delle università italiane di Sardegna?

Prendiamo la questione dell’unitarietà del sardo: esistono due posizioni scientifiche.

Forse che l’università italiana le insegna entrambe?

Alle università italiane di Sassari e Cagliari si insegnano soltanto le cose che in proposito hanno scritto Wagner (le più attuali sono del 1951 A.C.) e i suoi seguaci trogloditi.

Le ricerche di Contini e di Bolognesi , che smontano le tesi del Tedesco, vengono sistematicamente ignorate.

Le università italiane di Sardegna, quindi, non sono affatto neutrali.

A parte il fatto che anche nella scienza bisogna scegliere una posizione e l’unica neutralità possibile è quella del metodo impiegato per condurre le proprie ricerche, se fossero neutrali, gli accademici sardi insegnerebbero anche le cose che contraddicono Santu Max e i suoi fedeli.

Ma questa parzialità, evidentemente, è un loro diritto sacrosanto: gli accademici sardi sono dipendenti dello stato italiano e hanno tutto il diritto di farne gli interessi.

Come hanno tutto il diritto di affidare i corsi di formazione per insegnanti a operatori del livello di Mario Puddu e Andrea Deplano.

Liberissimi di farlo!

Così come l’università di Sassari aveva tutto il diritto–nella sua sacrosanta indipendenza–di proporre i corsi di “Botanica vegetale” e “Immoralità della filosofia morale”.

Tutti rigorosamente nella loro lingua nazionale: l’italiano.

Le università italiane di Sardegna hanno tutto il diritto di essere parziali, partigiane, schierate con l’italiano e contro il sardo, schierate con la linguistica delle caverne e contro quella contemporanea.

Ci mancherebbe altro!

Purché non siano i Sardi a pagarle per farlo.

Qui devo dare ragione alle voci che mi sono arrivate: non è giusto pagare con i nostri soldi la propaganda antisarda delle università di Sassari e Cagliari.

Mario Puddu è libero e deve restare libero di continuare la sua campagna contro la LSC.

Ma non può essere la RAS a pagarlo per boicottare la sua proposta di lingua unitaria.

E ita cosa? Corrudos e cullionados!

L’università di Cagliari è liberissima di schierarsi dalla parte dell’oscurantismo antiscientifico di Wagner e dei suoi scherani, ma lo faccia a spese sue.

Vogliono continuare a raccontarci la favole del sardo diviso in due?

Lo facciano pure, ma non è la RAS che deve finanziare la linguistica delle caverne.

Continui pure lo stato italiano a finanziare i deliri sentimentali del Tedesco, visto che è suo interesse continuare a spargere il veleno del sardo diviso in due.

La Regione Autonoma della Sardegna è meglio che organizzi da sé i corsi di formazione per insegnanti del sardo.

Cioè, nei Piani Triennali la Regione afferma un certo concetto della lingua sarda, per cui non può poi affidare la delicatissima formazione degli insegnanti ai nemici di un’idea moderna della lingua: i filologi e i linguisti cagliaritani e turritani. Il risultato sarebbe scontato.

Come ha gestito, infatti, l’università di Cagliari  la formazione degli insegnanti FILS?

Quello del FILS È stato, a giudicare dal dibattito che c’è stato in internet, un risultato sofferto, discutibile, contradditorio, politicamente discutibile.

Sostanzialmente l’errore che ha fatto, e che adesso la Regione deve evitare, è quello  di affidare una cosa delicata come la formazione in politica linguistica, a coloro i quali non fanno linguistica moderna, ma linguistica delle caverne.

È ora che le università italiane di Sardegna si paghino da sé la propria propaganda antiscientifica e antisarda.

6 Comments to “FILS e linguistica delle caverne”

  1. So de acordu. So andende a su FOLS e cunfirmo su chi narat vostè. A donzi modu como iscadint is iscritziones a is cursos FILS e deo m’apo a dèpere iscriere. E ddos est faghende pròpiu s’universidade italiana de casteddu. Sa de tàtari galu non s’ischit mancu si nde faghet. A mala bògia amus a iscurtare finas isciollòrios (ispero finas cosas de giudu)

  2. Est a beru, tropu tretu a Mario Puddu chi non m’agradat pro nudda! 30 oras pro ispiegare critèrios de iscritura sena critèriu! E mai a non pònnere su Dh(iv) a tipu virus, ca su votu falaiat! Ma issu ite bi faghet a faeddare male de sa Lsc cando chi l’at fata issu etotu! Sa cosa bona de Fils est chi, b’at de lu nàrrere , pro sa prima bia su sardu est intradu in manera diferente in s’Universidade. Su chi mi diat agradare est si sos professores esserent peri militantes de sa limba comente in Catalugna e chi fagherent cursos de sas matèrias issoro in sardu, no a pagamentu, pròpiu comente in s’iscola pùblica!

  3. fintzas a candu sa LSC no dd’ant a fai mellus, deu ia a preferri sa partzidura de su antiscientificu tedescu.

  4. Deo s’annu coladu apo leadu parte a Fils, ma non so de acordu cun bois, su Professò: su Fils non cheriat imparare a sos dischentes chi sa limba sarda est partzida in duos, ma chi su sardu non tenet unidade peruna.
    Comente faghent “logudoresos” e “campidanesos” a si cumprenderent? Si cumprendent unu pagu comente sos italianos cumprendent s’ispanniolu e sos ispanniolos cumprendent su portoghesu.
    S’idea chi carchi mastru at chèrfidu donare a sos dischentes est chi cada limbàgiu est limba (e duncas passa de 270 limbas sardas in Sardigna) e chi non b’at bisòngiu de l’istudiare ca “su sardu non s’istùdiat, s’imparat ebbia (in sa carrera)”!!!!

    -Un’istandard? “E a ite serbit?” O si nono “si devent amparare totus sos faeddos, totus sos fonemas e totus sos grafemas de totu su sardu!” PERO’… PERO’…. PERO’…. PERO’…. devides iscrìere comente m’agradat e comente naro deo, cunforma su pensu meu.(!!!!)

    -E si unu de sa bidda de Sucorrudefurca devet andare a insignare su sardu a Sucorrumannudesafurca? “E cal’est s’anneu? Issu at a comintzare a bi lis imparare, a sos pitzinnos, comente lu faeddat, si carchi cosa non lis at a torrare l’ant a currègere” (!!!!)

    Fintzas custu amus imparadu (???) in su Fils de s’annu coladu.

    Augùrios mannos a sos dischentes de ocannu.

    Angelo Canu

  5. Deu puru apu sighiu su FILS e immui seu sighendi su FOLS. Po nai sa cosa in d-un’àtera manera, in su Fils onnia professori teniat una manera sua de iscriri, Mario Puddu naràt de scriri in una manera (e is àteras no andant beni, tanti chi in s’esàmini depiast iscriri cumenti boliat issu), Deplano naràt fintzas ca po s’ortografia ddoi fiat sempri tempus e no fiat una chistioni importanti meda … Atrus professoris sighiant atras maneras de iscriri… Calisisiat sa cosa, sa chistioni a dolu mannu prus importanti chi est mancada in su FIls est stètia de pòdiri discuti. In Casteddu est sucèdiu fatu fatu ca cancunu abboxinat (fintzas tropu) ma no ddoi fiat una discussioni lìbera. Cosa chi invècias in su Fols est de importu mannu. A s’acabada (ma fintzas in su mentras) de is relatas chini bolit fait preguntas, si cunfrontat, chistionat… E aici sa genti si format. No cun unu professori chi mi narat “est aici e is atrus ascurtant ” ma cun una manera orizontali de spiegai is cosas, e est aici chi si depint fai is cosas, no serrendi-si ma oberrendi-sì.

  6. non posso commentare come esperta, ma come sardo parlante. La mia esperienza (corsi di Lsc) è stata deludente. Le insegnanti, per loro stessa ammissione, avevano imparato il sardo (quello basic della Lsc) come seconda lingua e si riempivano la bocca di “pertocant” (piace tanto ai fautori della sarda unificata) e bene meda (chi in domo mia este ironicu), ma non riuscivano a sostenere una conversazione più complessa. Se ci si avventurava sul lessico (io sono di lingua madre sarda) ammettevano la loro sconfitta, perchè non conoscevano le parole e il sardo che potevano insegnare era quello cristallizzato dalla Limba Comuna. In seguito ho partecipato ad una selezione in cui docenti ortodossi mi hanno contestato l’accentazione, senza considerare il mio livello di conoscenza della lingua. uno mi ha detto: “sono orgoglioso di aver dimenticato il sardo del mio paese, per sostituirlo con la Lsc” cioè este menzus una limba inventada chi no cussa chi t’ana imparadu babbu tou e mamma tua? cose deliranti. Ma la Lsc non serviva solo a tradurre gli atti tra gli enti e la regione? e c’è bisogno di accapigliarsi su questo?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: