Alcune considerazioni serie sull’italianità linguistica degli indipendentisti sardi.

1758-2

L’altro giorno ho avuto un battibecco su FB con un’amica indipendentista.

Io avevo commentato la loro propaganda elettorale in  italiano–ce n’è altra?–dicendo che non li avrei votati.

Lei a un certo punto, cercando di scrivere in sardo–fit ora!–ha scritto quancosa come “Sono colonizzata e questo non è colpa mia!”

Ci ho pensato per un paio di giorni: ogni tanto, è chiaro.

È vero o non è vero?

È vero o non è vero che non è colpa sua?

Ci ho dovuto pensare perché, anche se è vero che io pure sono cresciuto in una famiglia italofona in un’ambiente italofono (Iglesias), è anche vero che ai miei tempi c’era ancora molta gente, coetanei, che il sardo lo parlava normalmente perché lo aveva appreso come Lingua1.

È vero, ai miei tempi, il sardo bastava volerlo imparare, fregandosene dei commenti altrui ai miei strafalcioni.

Oggi non è più così.

I giovani sono stati praticamente tutti allevati in “italiano” e sono circondati da coetanei anche loro allevati in “italiano”.

L’italiano “porcellino” dei Sardi, è chiaro, ma non diteglielo, ché sennó si offendono.

Oggi, oggettivamente, imparare il sardo è più difficile.

Non c’è più, come ai miei tempi, un ambiente che più o meno ti costringe a impararlo, se non vuoi essere escluso.

Lasciando stare i dati della chirca sotziulinguistica, visto che non sappiamo fino a che punto le dichiarazioni degli intervistati–68% di Sardi con una competenza attiva–corrispondano alla verità, viene da giustificare l’amica indipendentista che non ha mai imparato il sardo.

Insomma, io questi indipendentisti che si rivolgono ai giovani sardi quasi esclusivamente in italiano quasi quasi li capisco.

“Il fine–l’indipendenza!–giustifica i mezzi–l’uso dell’italiano. Il problema linguistico verrà affrontato dopo l’indipendenza statuale della Sardegna. Per ora cerchiamo di farci capire usando la lingua alienata e alienante dei colonizzatori.”

Se a questa cosa ci hanno pensato–e quelli di RegReS ci hanno pensato–probabilmente pensano di essere genialmente macchiavellici.

È il modello Lega: “Sono i dané che contano! I schei! Minga el dialet!”

E l’odio per gli altri: aggiungo io!

Coscientemente o meno, tutti i nostri indipendentisti ricalcano il programma politico economicista della lega.

E dimenticano la fortissima componente identitaria–nella versione xenofoba, razzista–dei programmi leghisti.

Ovviamente, è un gran bene che non ci siano razzisti tra gli indipendentisti, ma sembra proprio che questi abbiano buttato via il bambino con l’acqua sporca.

I leghisti hanno una loro forte identità–caratterizzata negativamente–e questo è uno degli ingredienti del loro successo elettorale.

Del resto, diversi studi sul populismo hanno messo in chiaro come l’elemento identitario superi quello economico in quegli elettori.

I nostri indipendentisti–caso forse unico al mondo!–invece vogliono arrivare all’indipendenza rivolgendosi ai propri elettori nella lingua dello stato oppressore.

E mandano loro un messaggio ambiguo.

Estremamente ambiguo: “Vogliamo l’indipendenza dall’Italia, ma solo per quanto riguarda l’economia e la burocrazia statale. Per il resto non abbiamo la più pallida idea di cosa voglia dire essere Sardi, infatti ci rivolgiamo a voi in italiano. Ma voi eleggeteci e vi renderemo felici. In italiano. Ah già, ma poi renderemo il sardo lingua coufficiale.”

I successi elettorali della Lega hanno fatto dimenticare ai nostri indipendentisti che il PSdAz, nel 1983, con il suo slogan “Si ses Sardu, vota sardu!” era arrivato al 13,8% alle regionali, con punte vicine al 20%  a Cagliari e Sassari.

Ho fatto una lunga disgressione per cercare di capire come mai la mia amica indipendentista non senta la necessità/dovere di imparare il sardo.

È circondata, evidentemente, da gente che non considera la limba una componente essenziale dell’indipendenza della Sardegna.

Altrimenti il sardo l’avrebbe imparato da molto.

E i nostri indipendentisti si rivolgerebbero ai loro potenziali elettori almeno altrettanto in sardo che in italiano.

Perché non è vero che il fine giustifica i mezzi, ma sono i mezzi a definire il fine.

A quelli di RegReS va comunque riconosciuto il merito di essere stati molto onesti su questo punto. I loro dirigenti semplicemente auspicano la sostituzione del sardo con l’italiano regionale di Sardegna:  Isaac Onnis e il ritorno al futuro del sardo

Detto questo, credo di aver capito perché i nostri indipendentisti, dal punto di vista elettorale, non contano una minca.

Mandano ai loro potenziali elettori un messaggio contraddittorio: parlano di indipendenza , ma non mettono in pratica quella che costituisce la base di qualsiasi indipendenza nazionale.

Culturalmente e linguisticamente i nostri indipendentisti sono semplicemente degli Italiani.

E su Sardu non est tontu. Est mali pagau!

7 Comments to “Alcune considerazioni serie sull’italianità linguistica degli indipendentisti sardi.”

  1. iscusami Roberto, ma deo pesso ki es su modu tuo de pessare ki es galu italianu.
    comente ses bidende ti iskrio in sardu e pesso in sardu e non solu.
    Ses tue ki ses serrau ka ses sempere arrennegau e non bides kraru su problema ki custa terra ata intrinsicu.
    Intrinsicu a s’istoria de Sardinna, nessi nessi, abarrande istrintos, de su tempus italianizante.
    Deo matessi apo problemas de mancantzia de paragulas sardas ka sa vida de donzi die nos juket a essere in donzi parte, e meda bortas s’isseperat de istare inue si at sa libertade.
    Sa libertade e s’amistade sun duos fundamentos de su pessare in sardu, in sardu artu, e sun fundamentales po fraikare sa Republica Sarda.
    Su non cumprendere su manifestu limbisticu de ProgReS es solu dae sa serradura ki ti ses postu in conca, ka donzi borta paret ki tue argumentas po difendere su pessamentu tuo e kie no lu faket e isseperat de traballare politicamente in atera manera, bi ses tue, ki sa logica tua subra sa ateras, a los pistare, metodu meda educativu de fakes kreskere kussentzias, si tue pessa de tennere sa cussentzia a postu, siki gai.
    Deo kerjo una cussentzia cumpressiva e propositiva e no arrogante in sa Republica Sarda.
    Roberto, tue no daes tempus a sos zovanes ki mustran interesse e ki cumintzan a cumprendere poite lu fakene, de kreskere.
    Imbuto e il sardo come ricino?
    Ajó!,

    Sempere cun istima, Gianni

  2. Gianni est totu un’imboligu su tuo pro nàrrere chi sezis contra a su sardu. E sos votos nostros nudda.

  3. Oh Roberto, ma deo non apo intesu mai a unu leghista faedhende in bergamascu: semper in italianu istandard!
    Ma, dapois, cale identidade tenent?? Bestidos a Longobardos chi parent unu carrasegare!! O cun sa mallia birde, che a fascistas de sas dies de oe! E s’innu issoro est in italianu: su “Va pensiero”. Una identidade italiana de “Padania”.
    E una atera cosa puru: sa Lega est altzada a su guvernu pro su fatu chi fiat aintro de s’alliantzia de Berlusconi. Si nunca, abarraìat unu partidedhu votadu petzi in Piemonte e-i Lombardia..

  4. ” Fu Johann Herder a scrivere nella seconda metà del Settecento che il genio della lingua è anche il genio della nazione, ma ciò che egli scrisse fu e divenne il leit motive dei movimenti indipendentisti e nazionali del tempo, la connessione tra la lingua e la nazione. Ed è di particolare interesse che vi fosse, tra coloro che ripresero le espressioni di Herder, quel Gian Francesco Galeani Napione che la stessa lezione volle dare alla classe dirigente piemontese che si accingeva a fare l’Italia e si accingeva a farlo in francese. Napione sottolineò l’importanza della lingua proprio per affermare l’identità nazionale futura italiana nei confronti del primato francese in quel tempo così rilevante e significativo. È indubbio che nel bagaglio delle matrici identitarie che servivano a legittimare le nazioni nascenti e che a volte erano inventate di sana pianta allo scopo di dare a questa legittimazione più forza, la lingua è sempre stata uno dei fattori più importanti. Del resto i cultori della storia classica ben conoscono la antica connessione tra la natio – quindi il nascere insieme, il far comunità insieme – e il parlare la medesima lingua.”

    Custu est parte de su discursu chi at fatu Giuliano Amato, presidente de sa Treccani, in ocasione de sos 150 annos de s’unificatzione italiana in ue ponet in resartu s’unione ìntima intre natzione e limba. Non podet esistire s’una sena chi bi siat s’àtera; s’una dipendet dae s’àtera, ambas naschent e s’isvilupant paris, sa linfa passat in sos duos sentidos dae s’una a s’àtera, una est arraighinada cun s’àtera, est intritzada. Su de si identificare in unu logu, su de si sentire natzione, non podet èssere separadu dae s’istima a sa limba nàschida in cussu logu; e pro istimare tocat a connòschere. Comente podimus istimare una cosa chi non connoschimus, siat issa una pessone, unu logu, una mùsica, una poesia … o una limba? Comente nos podimus negare a connòschere una cosa chi cherimus istimare? Sas sessiones de psicanàlisi sunt una cosa, sas ganas, e sa netzessidade, de imparare su sardu sunt un’àtera cosa.

  5. @Pungiuartziau, e ite soe imbolicande?!

  6. is indipendentistas no ant galu cumpresu cantu diat èssere fàtzile finas a agatare eletores pro sa causa polìtica issoro si totus faeddaiamus in sardu… Pro fàghere solu un esempru: intra indipendentistas meda bortas nos amus contadu de comente amus fatu s’iscoberta de èssere sardos. Si si promovet sa limba e s’imparu de sa limba in domu e in iscola e s’impreu de sa limba in totue…intra 15/20 annos no ddoe at a èssere bisòngiu de si nche ischidare una die e de fàghere s’iscoberta de èssere sardos: s’identidade linguistica ddiat andare paris cun cussa culturale e personale….. Deo puru seo indipendentista, ma mi praghet a ammìtere is faddinas chi ancora faghimus… Est mègius, mi creo, che a nàrrere “imbuto e olio di ricino” acostadu a su sardu, si unu no est tropu inniorante e ischet ca est sutzèdiu propiu a s’imbresse: olio di ricino e italiano! Ma forsis calicunu bolit “apòrrere s’àtera trempa”?! Deo nono…ca no ddis mineschet!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: