Archive for March, 2013

March 24, 2013

Sardinnia kentza de sardu

643

In Sa limba de su famine? S’italianu! apo analizadu sa sa relata intra de limba e economía e apo chircadu de mi pensare una Sardinnia inue su sardu fessit limba normale.

Pro ischire comente est una Sardinnia kentza de sardu non b’at bisongiu de immaginatzione, bastat a essire in sa ruga e a ascurtare: si ses caminende in unu logu prus mannu de unos 10.000 abitantes, fatzile ki gires totu sa die e ki de sardu non nde intendas nudda.

E custa est sa Sardinnia ki nosi at lassadu sa classe dirigente sardinniola.

Anca sa Sardinnia, faeddende in italianu, depíat esser rica in dinari e curtura, multilingue, aberta a is áteras curturas, moderna e dinamica.

Ddoe est famine a tirare a marra e inniorantzia a carros: su record de sa gioventude ki non studiat e non trabballat.

Epuru una parte pitica de is Sardos sa parte sua dd’at fata.

Unos cantos intelletuales at trabballadu–e prus ke a totu a gratis–pro nde bogare su sardu dae su ghetu de sa diglossía.

Immoe faxet a faeddare de totu in sardu: su sardu est una limba normale.

Immoe est bessidu fintzas unu film mannu totu in sardu:Anche i sardi hanno ucciso Gesù. Lo sconcertante e potente “Su Re” di Giovanni Columbu

Is ki non sunt fende sa parte issoro sunt is Sardos “normales”.

Is ki sunt ochende su sardu sunt is sardos “normales”.

Si su sardu si nc’est morende est ca is Sardos “normales” sceberant de faeddare in italianu.

E custu non ddu podet cambiare una lege.

Su ki ddu podet cambiare est s’esempru de Sardos “abnormales” ki si de frigant de sa regula sotziulinguistica ki proibischet de imperare su sardu cun sa gente disconnota.

Si is indipendentistas, pro narrer una truma de persones chi si creent de esser avanguardia, incumentzaíant a faeddare in sardu cun totus, in pagu tempus iat a esser normale a intender ki calincunu ti faeddat in sardu in sa ruga.

Si intelletuales connotos iant a faxer sa propriu cosa in televisione on aterue, custu puru iat a tenner s’efetu suo.

Si is ki leghent custu blog dd’iant a faxer, in prus pagu de un’annu donni Sardu iat a ischire ki ddoe gente ki non tenet birgungia de faeddare in sardu cun sa gente disconnota.

Ma custa est una responsabbilidade ki passat a intro de donniunu de noso.

Non faxet a dda delegare a is áteros.

Is Sardos sunt sceberende su monolinguismu in italianu porcheddinu.

Sa Sardinia kentza de sardu esistit già e est unu logu famidu e inniorante.

Pro dda cambiare tocat ki donniunu de noso si leet sa responsabbilidade sua.

March 22, 2013

Naki so moralista

1317

Un’amigu (amigu-amigu) m’at scritu ca deo fia “moralista” a subra de sa kistione de is “pistoleros” italianos.

E “moralista” mi dd’at nadu puru un’amigu de un’áteru amigu, ma cussu bolíat narrer ki deo non fia a sa parte de “grilletto facile-ammazzali tutti”.

A me non mi paret moralismu su miu: s’Italia est sa mere de sa Sardinnia e est unu logu de merda.

Comente est cun s’India est puru con noso.

E ita nd’est essende dae Cuirra?

E–ca deo non so ratzista–non naro ki is Italianos sunt totus de aici.

Bastat a castiare a su cummentu de “A Lady Writing” in s’áteru post.

E ddoe sunt Sardos meda ki sunt ke is Italianos: s’áteru ki m’at nadu moralista–s’amigu de is “pistoleros” est Sardu e totu.

Ma si abbaidade is cummentos in custu forum de Repubblica, bosi calant is bratzos: Discutete sul Forum
The Hindu – Repubblica

Sa prus parte de is cummentos sunt pro amparare a is “pistoleros”.

Non faeddant de is mortos.

Cussos mortos pro issos non esistent.

Est comente si fessit una partida de pallone: Forza Italia!

Ma ita bolides: fintzas Napolitano ddos at cumbidados pro ddis dare sa “licenza di uccidere”.

Torro a narrer ki deo s’Italia non dda stimo–mi faxet grisu!–ma non proita ca deo bogio sa Repubbrica Sarda, proita unu paisu inue sa bida de unu prus debbile non balet nudda est unu paisu de merda.

Siat unu piscadore indianu o unu pastore de Cuirra.

A proposito:

Processo Quirra. Il gup Nicola Clivio riesce a schivare la patata bollente

Il giudice Clivio nell’udienza 11/03/ 2013 è riuscito a scansare la patata bollente e a rimandare la scomoda decisione del rinvio a giudizio degli imputati eccellenti. Lo stratagemma è il solito: l’ennesima puntata della telenovela “Ricerca scientifica infinita” in auge dal lontano 2001. Ha scelto come protagonista Mario Mariani, docente del Politecnico di Milano, gli ha dato l’incarico di svolgere la solita indagine geochimica al solito “ scopo di verificare se l’area del poligono sia o sia stata contaminata dalle sostanze chimiche tossiche e dalle sostanze radioattive (..) e se eventuali valori superiori alla norma potevano essere conseguenza dello svolgimento delle attività militari”.

Gli avvocati degli accusati esultano e inneggiano alla “significativa vittoria”. Rimarcano che “il gup ha evidentemente ritenuto di non condividere le conclusioni del pm Fiordalisi e dei suoi consulenti”, “ha ritenuto le carte dell’accusa insufficienti per i rinvii a giudizio”

La decisione del giudice Clivio comporta:

1 Il non accoglimento, non solo delle “perizie di parte” della Procura, ma anche dell’indagine super partes dell’Arpas che la contaminazione l’ha rilevata e misurata.

2 Dilazione all’infinito dei tempi. Il gup ha concesso al perito sei mesi e il perito, a ragione, ha già ventilato la proroga, infatti, deve rifare le indagini svolte dall’Università di Siena e dalla SGS (messe sotto accusa) e l’indagine dell’Arpas. Ciascuna delle tre ha richiesto un tempo tecnico di oltre due anni.
Se il perito individuerà la contaminazione la telenovela avrà un’ulteriore puntata centrata sull’aspetto sanitario. Il giudice nominerà un altro perito per accertare il nesso tra sostanze rintracciate – patologie – decessi ….e cosi via scientificamente indagando fino al secolo venturo.

3 Prescrizione più che probabile di vari reati e conseguente proscioglimento o alleggerimento dei capi d’accusa. Fin da ora, Codice alla mano, si possono fare sicuri pronostici su generali e imputati eccellenti che la faranno franca.

4 Riproposizione di una metodologia di ricerca che si è rivelata da tempo poco adeguata, la stessa usata nel 2001 dall’UNEP (United Nations Environment Program) in Kosovo dove sono state sparate dieci tonnellate di uranio impoverito, stando alle documentazioni Nato corredate dalle mappe dei punti d’impatto. La “classica” analisi geochimica delle matrici ambientali (suolo, acqua, aria ecc. ) ha rilevato: “Non esiste alcuna contaminazione diffusa e misurabile”. L’UNEP, però, ha concluso con l’ ammissione di avere usato una metodologia non idonea e ha indicato metodologie più consone.
Le valutazioni che hanno portato Gettiamo le Basi a rigettare formalmente, come componente del Comitato Territoriale d’Indirizzo Politico istituito dal ministro della Difesa, sia il Capitolato Tecnico del Piano di Monitoraggio (marzo 2008), sia i risultati presentati a febbraio e luglio 2011, includono la valutazione di inadeguatezza, fondata anche sulle argomentazioni dell’UNEP, del lotto più nevralgico affidato dalla Nato alla SGS. A riprova: il consulente tecnico della Procura, prof. Lodi Rizzini, ha cercato le sostanze radioattive dove e come andavano cercate, nelle ossa degli uccisi ha trovato le “introvabili” sostanze radioattive, il torio, molto più pericoloso del più chiacchierato uranio.

Scienza a parte, basta un briciolo di buon senso per capire che le sostanze radioattive e tossiche, se sparate o fatte brillare, si frantumano in un aerosol di polveri sottili e sottilissime, si disperdono a grandi distanze, non restano appollaiate insieme su un albero o una roccia nel punto d’impatto, non resistono immobili per anni e anni alla forza dei venti, al dilavamento delle piogge, alla voracità di capre, api e pesci, in gran parte sono trasferite nel corpo di chi l’aerosol respirò, quel formaggio, quel miele, quel pesciolino mangiò e si ammalò.

5 Non considerazione del nesso specifico tra i sistemi d’arma usati nel Pisq e i contaminanti (certificati!) che rilasciano nell’ambiente (esempio: missile Tow-amianto; propellenti aerospaziali-coktail di veleni dai nomi seducenti o impronunciabili).
Le ditte produttrici di ordigni bellici, per obbligo di legge, informano la cittadinanza che vive nei pressi dello stabilimento dei contaminanti utilizzati e della classe di rischio. Paradossalmente nessuna informazione è dovuta alla popolazione che vive dove le sostanze tossiche e/o nocive sono sparate nell’ambiente e si degradano in altre più pericolose. Il rischio è ben più alto di quello legato alla manipolazione controllata dei singoli componenti e reattivi. Se non si acquisisce l’informazione, pubblica e facilmente accessibile, sulle sostanze tossiche e/o nocive contenute nei vari ordigni la “presunta” contaminazione del Pisq è desinata a restare nel regno del mistero.

L’indagine epidemiologica. La Magistratura e il perito nominato dal tribunale terranno conto dello studio epidemiologico promosso da Regione e Commissione del Senato. I risultati sono previsti per il prossimo giugno. L’attesa però è superflua, anche in questo caso è sufficiente esaminare la metodologia di ricerca adottata per conoscere fin da ora le conclusioni: “Non si riscontrano eccedenze significative di patologie tumorali”. La strage, “l’epidemia” di tumori, leucemie, linfomi, alterazioni genetiche sarà “scientificamente” normalizzata e cancellata.

Comitato sardo Gettiamo le Basi
Tel 3467059885—070823498

March 21, 2013

E fintzas tontos e inniorantes

217

Millu a Joyce, s’esempru de is indipendentistas “all’amatriciana” de unu ki diat faxer literadura “irlandesa” in inglesu!

“Is antigos mios nch’ant fuliadu sa limba issoro e nd’ant leadu un’átera, at nadu Istevene. Ant permitidu a una pariga de strangios a ddos ponner a suta. Ita ti pensas ki deo mi pongio a pagare cun sa bida mia e cun sa persone mia pro is depidos ki ant fatu issos? […] Perunu omine de onore e sentzeru, at nadu Istevene, at renuntziadu a sa bida sua, a sa gioventude sua, a is amores suos dae is dies de Angioy ( = Tone) e de Lussu (= Parnell), ma tue dd’as bendidu a su nimigu o non dd’as carculadu in su bisongiu o dd’as ingiurgiadu e dd’as lassadu pro un’áteru. E tue mi domandas a esser unu de bosáteros? T’ia a boller bier sperdidu, a primu!”

Joyce see’s Irish identity in a totally different light than his contemporary W.B. Yeats. However, the two are united by the fact they utilize literature in order to express and promote their perspectives concerning Irish identity. In A Portrait of the Artist as a Young Man we observe the main character, Stephen Dedalus, being asked to sign a petition against British rule. Stephen responds by saying,

“My ancestors threw off their language and took another, Stephen said. They allowed a handful of foreigners to subject them. Do you fancy I am going to pay in my own life and person debts they made? What for? [. . .] No honourable and sincere man, said Stephen, has given up to you his life and his youth and his affections from the days of Tone to those of Parnell but you sold him to the enemy or failed him in need or reviled him and left him for another. And you invite me to be one of you. I’d see you damned first” (Joyce 220).

Here we see Joyce openly criticize Irish republican idealism, and the notion that the blood of patriots would win back Ireland. This passage illustrates Joyce’s disenchantment with the republican notion that the Irish were an oppressed people. If anything Joyce believes that the Irish allowed themselves to be oppressed as it was the Irish who “threw off their language” (Joyce 220), and not the British who took it from them. Joyce wanted to see the Irish define their identity as more than an oppressed people fighting for independence.

Instead, Joyce desired for the Irish to create a new identity for their nation just as Stephen sets out to create a new identity for himself in A Portrait of the Artist as a Young Man.

At the conclusion of the novel Stephen proclaims “Welcome, O life! I go to encounter for the millionth time the reality of experience and to forge in the smithy of my soul the uncreated conscience of my race” (292). Here it appears Joyce is presenting his major argument for the progression of Irish identity in that the Irish need to create a new national identity that escapes the trappings of the past and instead looks to the future. Essentially, Joyce contends that it is exactly when Ireland releases its past that it can sit at the table of other great nations and move forward. Yet, it is important to remember that Joyce is still attached to his Irishness as illustrated in the stories of Dubliners. Where the Irish struggle is observed and “celebrated” only in the sense that Joyce desires for readers to understand the difficulty of the Irish people. However, in Dubliners Joyce also illustrates that a major roadblock to the progress of Ireland is its reluctance to let go of its past struggles. At the heart of Joyce construction of Irish identity is an indifference to the past and a focus on the future which is disconnected from political idealism. Unlike Yeats who pairs politics with identity, Joyce desires to separate the two. Joyce wants the Irish to identify themselves not by their struggles but by their success, and less by their nation’s experiences and more by their personal experiences. (https://sites.google.com/a/pacificu.edu/irish-identity-in-literature/james-joyce)

March 21, 2013

Corrudos e cullionados

319

Su mundu de sa limba e cussu de s’indipendentismu non cointzident.

A una manera custu est unu bene, ca su cuscientzia linguistica depet abarrare unu bene e unu balore trasversale, non acapiadu a una parte politica.

Ma su propriu, sigo a narrer ki un’indipendentista ki scriet e faeddat sceti in italianu est un’indipendentista “all’amatriciana”.

Insomma, sa simbula de is macarrones at esser puru sarda, ma sa bagna est italiana: malloreddos “all’amatriciana”.

A me su mandigu “fusion” mi andat fintzas bene: deo is contaminatziones non ddas timo.

Su ki non mi andat bene est ca su sardu est morende-si-nche.

Deo non apo mai teorizadu su monolinguimu in sardu–est roba de macos sceti a ddu narrer–ma is Sardos sunt andende cara a su monolinguismu in italianu (porcheddinu).

E non bi bolent analisis sotziulinguisticas pro ddu cumprender: bastat a si castiare a giru e a ascurtare.

Su sardu est bellu ke sparessidu dae sa ruga.

Custu at portadu una parte de is indipendentistas a teorizare s’italianu ke limba natzionale de is sardos, “ca immoe est una de is limbas de is Sardos”. .

E is áteros indipendentistas paret ki s’italianu non ddu timant.

In cuss’area paret propriu ki nemos si nd’acatet ki s’italianu si nch’est ingurtende is limbas sardas,

In Facebook essint trumas noas indipendentistas–s’urtima ki apo agatadu est CAMMINARE INSIEME VERSO L’INDIPENDENZA–e scrient in italianu.

E si ddi faxes bier sa cuntrad-ditzione si chesciant puru e ti nant mancari, ki issos su sardu non dd’ischint, comente ki custa fessit una rexone bona e giusta,

Bi sunt indipendentistas medas ki non cumprendent ki pro unu sardu ki tenet cuscientzia, su de faeddare e scrier in sardu est unu doveriu tzivile.

Mi so cumbinchende semper de prus ki s’idea de sarvare su sardu e de ddu furriare a limba normale non andat impari a su programma politicu de is indipendentistas.

Custos o ant atzetadu s’italianu ke limba natzionale o s’abetant ki su sardu torret a biver–a pustis de s’esser mortu–candu arribbat “il sol dell’avvenire” de s’indipendentzia.

Is de RegReS custa cosa dd’ant teorizada: su modellu issoro est s’Irlanda e ddu nant craru.

Ma is áteros sunt peus puru: non teorizant nudda, ma camminant su matessi cara a sa morte de su sardu.

Tontos.

Tontos, ca bolent sa “Repubbrichedda italiana de Sardinnia”.

Tontos, ca non cumprendent ki indipendentzia kentza de identidade non nd’ant a tenner mai.

Is Irlandesos teníant un’identidade catolica e pro cussu sunt abarrados diferentes dae is Inglesos.

E s’indipendentzia issoro ddos at furriados a colonia-culu-a-terra de su Vaticanu, inue cumandaíant is predis e fintzas pedofilos.

Bette modellu ki si sunt sceberados!

E tontos, ca non bient ki in custa situatzione de monolinguismu italianu a issos non ddos votat nemos!

Su ki nd’est essidu dae custas votatziones urtimas est craru: ne-mancu su 3% de is Sardos at votadu indipendentista, sovranista o autonomista.

Is Sardos sunt colonizados e callonizados e votant Grillo e is áteros partidos italianos.

Is indipendentistas sunt abarrados corrudos e cullionados.

Ma ancora non bolent cumprender ki custu andat impari a s’alienatzione linguistica e curturale de sa Sardinnia.

In bonora ki andent.

A su mancu immoe ischimus ki non podimus contare a subra de issos pro sarvare su sardu.

E pro arribbare a s’indipendentzia linguistica e curturale–e duncas politica–tocat a nosi chircare áteros interlocutores.

March 19, 2013

Si non scriimus e faeddamus in sardu, non semus nudda e non amus a faxer nudda

245

Podimus faxer discursos complicados meda e dda podimus allonghiare meda custa chistione, ma totu dd’acabbat a una cosa: s’alienatzione curturale.

Semus callonizados.

Maninchedda, pro nde narrer unu ki trabballat e ki pensat, est chertende a intro de su PSdAz pro nche ddu furriare torra a partidu sardu: Ancora risposte

Ma totu su chi b’est de narrer , comente at nadu un’amigu in facebook, est ki su PSdAz faeddat sceti in italianu.

E aici e totu is áteros partideddos sardos.

A kie de prus e a kie prus pagu.

Sa dipendentzia de sa Sardinnia incumentzat dae sa dipendentzia linguistica e curturale de is Sardos.

E tando non b’at nudda de si spantare.

Is partideddos sardos faeddant in italianu e non contant una mincra.

Maninchedda scriet sceti in italianu e non contant una mincra in unu partidu ki non contant una mincra.

Non contamus una mincra.

Est ora de nosi domandare proita.

March 18, 2013

Il silenzio degli indipendentisti

761

Ero al campidoglio e ho visto lo striscione voluto dal Mascella II, noto anche come sindaco Nerboruto Alemanno.

–“Siamo in Italia”, ho detto a Edith e le ho raccontato la storia dei due marò dal grilletto facile.

I due killer di pescatori venivano ostentati dalla città capitale d’Italia come due vittime.

Del resto perfino il capo dello stato li aveva ricevuti a Natale.

La manovra era chiara: “Italiani? Brava gente!”, anche quando ammazzano (per sbaglio? per razzismo?) due pescatori innocenti.

Adesso l’Italia l’ha fatta davvero grossa.

I due killer sono stati “salvati”, come voleva Nerboruto Alemanno.

Marò, l’ambasciatore perde l’immunità

Quale occasione migliore, per quelli che si dicono indipendentisti, di denunciare l’ennesimo imbroglio e l’eterna disonestà dell’Italia?

Questa è un’occasione per mettere in chiaro che una cosa è volere l’indipendenza della Sardegna, ma ben altra cosa è essere contro un simile paese di merda.

Eccoli lì, gli eterni magliari, gli eterni traditori della parola data.

Gli eterni aggressori: l’Italia non ha mai combattuto una guerra di difesa, sempre e solo guerre di aggressione: Categoria:Guerre italiane – Wikipedia

Non c’è bisogno di essere indipendentisti per detestare questa gentaglia.

Anche per un non-necessariamente-indipendentista come me rompere i legami con questi figli di puttana è una delle necessità più impellenti.

Come lo è la necessità di distinguermi da loro ogni volta che se ne presenta la possibilità.

Italiani? Mediamente, gente malvagia!

Ma i nostri indipendentisti all’amatriciana tacciono.

Che gran signori: non si abbassano a criticare quel paese di merda.

Probabilmente sono così convinti dell’irresistibilità del loro progetto politico.

Peccato che gli elettori non si curino della loro sicumera.

E guardate infatti cosa ho trovato su FB: “Sono nostri amici tutti coloro che riconoscono il diritto di noi sardi ad avere un nostro stato indipendente, chi non riconosce questo diritto è di fatto un nostro avversario politico.”

Non contano una mazza e pongono paletti e steccati che garantiscono che nel futuro conteranno ancora meno.

Gliel’ho detto e il mio carissimo amico “Su Teraccu” mi ha risposto che sono un “Troddione”.

Sarà, ma intanto, denunciando le porcherie italiane, i voti se li prende Grillo, mentre le nostre anime belle continuano a darsi ragione allo specchio e a votarsi da soli.

March 15, 2013

Il circolo vizioso della dipendenza

1320

Un popolo è culturalmente dipendente quando i suoi intellettuali non riescono a svilupparne una rappresentazione autonoma  e/o a diffonderla all’ interno di questo popolo.

La rappresentazione che questo popolo avrà di sé coinciderà allora con la descrizione che altri gruppi sociali/nazionali ne fanno.

Questo popolo incapace di raccontarsi si lascia allora raccontare dagli altri.

Pensate, per esempio, alle differenze enormi tra il libro “Padre Padrone” e il film omonimo dei fratelli Taviani.

Il libro è la storia–ben scritta–dell’emancipazione sociale e psicologica di un individuo: un giovane uomo, con la fuga, si libera–almeno fin dove arriva il libro–dall’oppressione paterna e da quella della miseria.

Il film–razzista e brutto–è la storia dell’autocastrazione culturale di un Sardo.

Per ironia della sorte, l’autore del libro si è talmente identificato con il protagonista del film–quindi non del libro–da finire esattamente come qualsiasi Sardo si aspettava lui finisse alla fine della storia raccontata dalle sorelle Taviani.

Tra vino e ossessioni edipiche e l’illusione di essere diventato qualcuno grazie al successo del film e della sua comparsata, Gavino Ledda è sprofondato nel nulla che attende chi rinuncia alla propria identità.

Sono 40 anni che dice di essere intento a riscrivere “Padre Padrone” in una lingua sarda più sarda di quella che parlano i Sardi.

Ha anche scritto un paio di libretti per dimostrare che è meglio essere Italiani che Sardi.

Adesso lo stato italiano lo mantiene–giustamente–con una pensioncina da artista fallito.

Gavino Ledda ha cominciato raccontandosi e raccontando la Sardegna ed è finito per lasciarsi raccontare dalle cugine Taviani.

La sua parabola mi sembra emblematica di tutta la classe intellettuale sardignola: la dipendenza culturale e psicologica da un modello alieno, che si trasforma in dipendenza economica, la quale a sua volta rafforza le prime due dipendenze.

E la Sardegna raccontata dai cugini Taviani è diventata la Sardegna dei Sardi: “Secondo il Rapporto Euromosaico (pag. 24) «[il regresso del sardo] è riconducibile a un rifiuto della lingua, dovuto alla connotazione negativa che tali lingue hanno in quanto si vedono relegate, assieme ai loro parlanti, in un mondo considerato “tradizionale”».

Il film “Padre Padrone” appare negli anni in cui i genitori sardi smettono di usare la loro lingua con i figli e passano all’italiano scalcagnato dei Sardi.

E il percorso successivo della Sardegna assomiglia al percorso di Gavino Ledda.

La maggior parte dei Sardi sono affetti dalla “sindrome di Gavino”: “Meglio Italiano e mendicante che Sardo e autonomo!”

Il rifiuto di sé, in nome di un “progresso” alieno e alienante ci ha portato all’attuale situazione di grande miseria materiale e culturale: la più alta disoccupazione giovanile e la più alta dispersione scolastica.

La Sardegna manca di intellettuali “organici” al popolo sardo, ecco perché si lascia raccontare dagli altri.

E chi si lascia raccontare dagli altri non ha un’immagine autonoma di sé e quindi si lascia rappresentare anche politicamente dagli altri.

Ma è ovvio che gli altri–Grillo per esempio–hanno nella migliore delle ipotesi un’idea vaga di ciò che occorre alla Sardegna per uscire dalla dipendenza.

Come potrebbe, Grillo, rappresentare una realtà che conosce poco?

Questo mi sembra non ci voglia molto a capirlo, eppure i Sardi hanno reso il M5S il partito più grande.

Se ci pensate un attimo, questa è veramente una cosa bizzarra.

Come mai la quasi totalità dei Sardi sceglie di lasciarsi rappresentare da partiti italiani e i partiti sardi, insieme, non arrivano al 4%?

Perché sono gli Italiani a “raccontare” i Sardi.

Gli Italiani–e i loro scherani sardignoli–hanno saldamente in pugno la cultura nei suoi vari aspetti: università, scuola, media, perfino le convenzioni non scritte sull’uso sociale della lingua.

La stragrande maggioranza dei Sardi non sa nulla della cultura sarda-sarda che si produce in Sardegna.

I pochissimi intellettuali sardi-sardi sono rinchiusi nella riserva di Internet e delle piccole case editrici e non arrivano alla maggior parte della popolazione, che si forma e informa ancora tramite  i media tradizionali, soprattutto la televisione.

Per farli evadere dal ghetto occorrerebbero soldi.

La cultura costa.

La lingua costa.

Nessuno pensa al fatto che, quando si compra un giornale in italiano, si sta contemporaneamente finanziando la lingua, la cultura e la rappresentazione del mondo–e quindi anche della Sardegna–che appartiene agli Italiani.

Anche gli intellettuali devono mangiare e quasi nessuno degli intellettuali sardi-sardi mangia di cultura sarda.

Questo ci costringe praticamente tutti a essere dilettanti della cultura sarda, mentre dobbiamo competere con l’esercito ben foraggiato ed equipaggiato degli intellettuali italiani e sardignoli.

Siamo in un circolo vizioso: senza cultura sarda e “narrazione” sarda della realtà, niente politica sarda-sarda; senza politica sarda-sarda, niente economia sarda-sarda; senza economia sarda-sarda niente cultura sarda-sarda.

Faccio un’esempio terra terra: quei famosi 10 miliardi che l’Italia ci deve.

Sono nostri e ci spettano, ma per farceli dare dovremmo scontrarci con gli Italiani, non importa di quale schieramento politico.

Qualunque schieramento riuscisse a portare a casa quel mare di soldi riceverebbe un mare di consensi in Sardegna.

Ma per i partiti italiani di Sardegna, questo vorrebbe dire scontrarsi con le segreterie “nazionali”, da cui i dirigenti sardi ricevono l’investitura.

Tutti i partiti italiani di Sardegna scelgono di non scontrarsi con l’Italia: perché?

Perché si identificano–quando si arriva al dunque–con gli interessi italiani e non con quelli dei loro stessi elettori?

Secondo me perché culturalmente e psicologicamente sono prigionieri della sindrome di Gavino: “Meglio mendicanti, ma Italiani…”

Una classe dirigente sarda-sarda–una borghesia nazionale sarda–avrebbe invece bisogno di una propria rappresentazione del mondo: come ce l’hanno i Catalani, per esempio.

Questa classe dirigente avrebbe in mano l’economia della Sardegna e quindi avrebbe anche i mezzi economici per dar da mangiare agli intellettuali sardi che le forniscono una rappresentazione del mondo in cui si riconoscono.

Questa rappresentazione autonoma del mondo permetterebbe alla classe dirigente sarda di comprendere meglio il mondo circostante e questo ne migliorerebbe il funzionamento.

Si finirebbe in un circolo virtuoso in cui i soldi permettono la produzione di cultura e la cultura permette di guadagnare più soldi: Why Nations Fail: The Origins of Power, Prosperity – Amazon.com

Siamo in vece nel circolo vizioso della dipendenza: la dipendenza si riproduce in tutti i settori della società, autoalimentandosi.

L’unica possibilità di spezzare questo circolo vizioso consiste nel non mollare e continuare a prodorre cultura della non-dipendenza, che costituisca l’imput per una politica della non-dipendenza–cioè un superamento dell’economicismo–perché nessuna proposta economica riuscirà a produrre sviluppo, se non ci saranno abbastanza Sardi indipendenti culturalmente e psicologicamente, in grado perciò di mettere in pratica queste proposte economiche.

Sono gli uomini a fare l’economia, mentre è la cultura a fare gli uomini.

Gli economicisti, evidentemente, sono troppo stupidi per capirlo.

I Sardi devono imparare–reimparare–a raccontarsi da sé.

Per sapere quello che si vuole–anche in economia–bisogna prima conoscere se stessi.

E la stragrande maggioranza dei Sardi sa di sé quasi solo quello che di loro raccontano gli Italiani.

March 14, 2013

Lingi-culus

400

Fintzas a unu certu puntu ddus potzu cumprendi puru.

Deu puru, ariseru, candu apu biu sa faci de su papa nou mi seu agatau sperendi chi fessit un’omini bonu.

Est su capu de prus de unu milliardu de personis e, mancai unu non bollat, custa cosa ti fait cosa.

Sa primu cosa chi apu fatu est a andai a m’informai ita naránt is giornalis de cust’omini disconnotu, ma a faci simpatica.

Su “Corriere della Serva”, tanti po non cambiai mai, narát ca dd’iant acusau de murigus in su tempus de sa ditadura argentina, ma narát puru ca fiat totu faulas.

Ah, mancu mali!

Insomma, chi ddu narant issus bolit nai ca est berus.

Ma non brullat ni-mancu La Repubblica: L’EDITORIALE RIVOLUZIONE A SAN PIETRO

Addiritura!

Ge non ses nudda!

 Sceti poita ca s’est postu su nomini de Franciscu I.
Comenti chi po totus cussu nomini podíat tenni su propriu sinnificau.
Non ddoi est nudda de fai: certa genti est nascia po lingi su culu de is potentis.
Comenti sa primu borta chi est bessiu Obama in USA.
Fiant totus sigurus chi su messias fiat furriau in custa terra.
Bella figura chi nci ant fatu.
Totus scadescius ca fiant chistionendi de su predidenti americanu e chi s’America est sa chi est.
Chini est custu papa nou?
e non est ni-mancu lichidu meda.
Duncas, po immoi tocat a castiai a su chi fait, a su postu de si nci ammollai bantendi-ddu poita ca est “a sa parti de is pobirus”.
Iat essi cosa stramba meda si non teníat ni-mancu una cosa de bonu.
Fintzas Hitler fiat vegetarianu.
A custu papa nou nci dd’at postu sa propriu genti scioberada de Woytila e de Ratzinger.
Issu puru est potziu pesai a logu gratzias a cussus duus papas antigus de conca e de ideas.
Forsis at a cambiai calincuna cosa.
Totu cussu machimini de su dinai e de su lussu, po ndi nai una.
Ma ni-mancu cussu est siguru.
Ah, e non seu ni-mancu s’unicu chi non est cumbinciu meda: Papa Francesco e l’autosuggestione collettiva
March 12, 2013

Abetende a Godot

038

“L’Istat dice che sono trecentomila i sardi che stanno attraversando una crisi senza precedenti.
[…]  Ci sono cose a cui noi sardi non possiamo porre rimedio per difetto di sovranità.” (Trecentomila sardi in serie difficoltà economiche)

Maninchedda tenet rexone, ma ne-mancu custa borta nosi contat de inue nde benit custu “difetto di sovranità”.

Sa gana de indipendentzia, su disigiu de soberanía, non arribbant solu dae su bisongiu materiale, ma is economitzistas non ddu cumprendent.

S’economitzismu est a beru una maladía mentale.

In custa situatzione de pobiresa materiale semper prus manna, is Sardos ant sceberadu de votare a Grillo pro mandare unu sinnale de protesta a s’Italia.

Is Sardos ant votadu ke Italianos.

Lassendu puru a una parte is sballios fatos dae is migia partideddos sardos, su sballiu mannu fatu dae totus est su de non aer trabballadu pro stantargiare una curtura de s’indipendentzia.

Non bastat su famine pro furriare un’omine a “revolutzionariu”: bi bolet puru un’identidade.

Grillo est renescidu a donare un’identidade a unu cuartu de is Italianos.

Is partideddos sardos non b’ant ne-mancu provadu.

Is cosas malas e beras ki at nadu Grillo de s’Italia, ddas podíant narrer is partideddos sardos puru, ma non dd’ant fatu.

Sunt superiores, issos!

Non apo mai leghidu una denuntzia de su pudesciore italianu.

Non apo mai intesu narrer ca custos partideddos sunt contras a s’Italia: “Semus a favore…non contras.”

Una minca de molente!

Deo so contras a su fascismu, a su natzismu e contras puru a s’Italia e mi nde banto!

Comente ki a denuntziare su puresciore de unu de is paisos prus pudeschidos de su mundu fessit cosa pro “leghistas”.

Grillo custas denuntzias dd’as at fatas e si nd’at pigadu is votos

E est giustu ki siat de aici.

Is votatziones regionales benidoras ant a esser totu in su sinnu de Grillo.

Su PD dd’at a currer infatu.

Berlusconi aici e totu.

De Sardinnia nd’ant a faeddare pagu.

Is partideddos sardos ant a sighire a camminare partzidos e fende-si sa furca s’unu cun s’áteru e–comente-ki-siat–in un’annu non ant a tenner sa fortza de cambiare sa curtura issoro.

Ant a faeddare de indipendentzia e de soberanía a is pagos ki sunt già de acordiu, ma non ant a arribbare a sa majoría de is Sardos.

Totus ant a faeddare de economía e s’economía at andare peus ancora de su ki est.

Insomma, a pustis de Capellacci, is Sardos ant a fuliare áteros 5 annos.

Mi paret ki mi fatzo para, para chircante.

Non de tengio prus gana de abetare a Godot.

March 7, 2013

Sardi e omosessuali: quanto abbiamo da imparare da loro

2226-2

Amsterdam, la Mecca dei gay!

Sodoma e Gomorra per certa gente.

Ci vivo da una trentina d’anni e mi ricordo con certezza un’unica volta in cui ho visto due donne baciarsi.

Era alla stazione, di sera, e stavano in disparte, a una ventina di metri dagli altri.

Si sono date un “bacino” affettuoso e casto e poi si sono guardate attorno.

Mai visto due uomini baciarsi.

E questo nel paradiso dei gay.

Qui proprio non ci sono problemi ad essere gay: sei completamente accettato dappertutto e da tutti.

Purché non ti comporti da persona normale e cioè–come per esempio faccio io ancora alla mia venerabile età–dimostrare per strada il tuo affetto al tuo partner.

Ecco perché sono contento di non essere omosessuale: dovrei rinunciare alla mia spontaneità.

Il prezzo pagato dagli omosessuali per la loro integrazione nella società di Amsterdam è quello.

Da decenni non ho più incontrato una “checca”.

Solo uomini seri, affidabili, “normali”: abbastanza “grigi”.

Allora non mi stupisce che si scatenino poi alla “gay parade”: è per loro quello che il carnevale era in Sardegna fino agli anni ’70, una valvola di sfogo.

Poi ci sono i gay del mondo dello spettacolo, ma quello è un’altro mondo, come dappertutto.

Ecco, la tanto decantata “tolleranza” olandese si rivela esattamente per quello che è: tolleranza, non vera e propria accettazione.

Come la nascita del populismo xenofobo aveva già messo in chiaro: “Io ti tollero, a patto che tu ti autoreprima”.

È assolutamente inimmaginabile vedere due ragazzi che si baciano a scuola, cosa invece normalissima per una coppia eterosessuale.

E questo nel paese con la legislazione più avanzata d’Europa.

Le minoranze creano apprensione nelle maggioranze, sempre: è un meccanismo universale.

Gli omosessuali olandesi hanno accettato pragmaticamente di raggiungere tutto quello che era possibile in questo momento storico.

Piazzati nel giusto contesto storico, i diritti civili conquistati dai gay olandesi sono un passo avanti enorme, ma nella società sono ancora lontani dal raggiungimento della parità.

La società che li circonda ha ancora dei mezzi potentissimi per convincere gli omosessuali a non comportarsi come persone normali in pubblico: la riprovazione tacita e, soprattutto, il ridicolo.

Insomma, il controllo sociale.

Ripeto: essere “normali” affettivamente significa per me vivere apertamente e serenamente la tua vita affettiva, così come è concesso oggi agli eterosessuali.

Essere “diversi” non è facile e non lo sarà mai.

Basta allora uno sguardo storto o un sorriso sprezzante per farti sentire un paria.

Ecco perché i gay hanno cominciato ad organizzarsi: unirsi per non sentirsi più diversi, almeno per qualche ora, in pubblico.

A questo mi fanno pensare le iniziative dei sardofoni a Cagliari, insomma, quelle lanciate dalla Fondazione Sardinia e da Vito Biolchini: unirsi per non sentirsi più diversi, almeno per qualche ora, in pubblico.

La situazione dei sardofoni in Sardegna è praticamente identica a quella dei gay in Olanda.

Il nostro diritto a parlare in sardo è riconosciuto–in parte, almeno–dalla legge, ma non viene accettato dalla società.

Esiste un controllo sociale feroce–e non solo più in certi ambienti urbani e borghesi–per impedire che il sardo diventi una lingua normale: “Risulta, in ogni caso, che non solo nelle pratiche di socializzazione e nelle conversazioni familiari, ma soprattutto nello spazio pubblico l’italiano domina. Se questo è riferibile alle necessità della presentazione di sé e di far bella figura in pubblico, occorre capire il perché. In realtà, parlare non può essere ridotto all’atto individuale di esprimersi in una lingua che si conosce per marcare, magari, la propria identità, che rimane comunque un aspetto saliente, quanto piuttosto un’attività cooperativa che serve a comunicare ed alla creazione di strutture cognitive condivise e plausibili, che in genere si riferiscono ad interpretazioni della vita quotidiana. Ci si esprime avendo bene in mente l’Altro, e in particolar modo l’Altro come si dà per scontato che sia in Sardegna, cioè un signore o una signora che si esprime in italiano, la lingua “migliore”, al solo fine di far andare a buon fine l’attività cooperativa del parlare insieme e di non perdere la faccia. Si tratta del principio della buona educazione proposto da Leech, che parrebbe essere essenziale in ogni conversazione.”[1] (Le lingue dei Sardi: 90)

Come funziona?

Ho già raccontato della volta che, alla Fiera di Francoforte, mi hanno presentato Marcellino Fois e dell’espressione schifata che ha fatto quando l’ho salutato in sardo.

Dall’alto del suo conformismo vincente, ha arricciato le labbra, mi ha concesso la sua flaccida manina e se n’è andato senza dire una parola.

Naturalmente, non basta quella mezza cartuccia a impressionare me, ma penso che la sua tecnica funzioni con molta altra gente.

Fois in Sardegna–grazie ai suoi successi incontinentali–è un opinion maker.

I Fois in Sardegna sono tanti e sono bene organizzati in una rete informale, ma trasversale.

E sono maggioranza nei media sardignoli.

Noi dobbiamo fare altrettanto: organizzarci e fare lobby.

Ecco perché la mia proposta in  sa vindita de Tziu Paddori si è rivelata velleitaria.

Non puoi lottare da solo contro la potente lobby sardignola.

Bisogna unirsi, magari in piccoli gruppi, e fare “coming out”: uscire allo scoperto.

Cras est sa die de is feminas.

Si ses femina, tando faedda in sardu!

E torro a narrer: sa Die de sa Sardinnia si depet furriare a sa die de su sardu.

Est ora de nosi mover.