Il silenzio degli indipendentisti

761

Ero al campidoglio e ho visto lo striscione voluto dal Mascella II, noto anche come sindaco Nerboruto Alemanno.

–“Siamo in Italia”, ho detto a Edith e le ho raccontato la storia dei due marò dal grilletto facile.

I due killer di pescatori venivano ostentati dalla città capitale d’Italia come due vittime.

Del resto perfino il capo dello stato li aveva ricevuti a Natale.

La manovra era chiara: “Italiani? Brava gente!”, anche quando ammazzano (per sbaglio? per razzismo?) due pescatori innocenti.

Adesso l’Italia l’ha fatta davvero grossa.

I due killer sono stati “salvati”, come voleva Nerboruto Alemanno.

Marò, l’ambasciatore perde l’immunità

Quale occasione migliore, per quelli che si dicono indipendentisti, di denunciare l’ennesimo imbroglio e l’eterna disonestà dell’Italia?

Questa è un’occasione per mettere in chiaro che una cosa è volere l’indipendenza della Sardegna, ma ben altra cosa è essere contro un simile paese di merda.

Eccoli lì, gli eterni magliari, gli eterni traditori della parola data.

Gli eterni aggressori: l’Italia non ha mai combattuto una guerra di difesa, sempre e solo guerre di aggressione: Categoria:Guerre italiane – Wikipedia

Non c’è bisogno di essere indipendentisti per detestare questa gentaglia.

Anche per un non-necessariamente-indipendentista come me rompere i legami con questi figli di puttana è una delle necessità più impellenti.

Come lo è la necessità di distinguermi da loro ogni volta che se ne presenta la possibilità.

Italiani? Mediamente, gente malvagia!

Ma i nostri indipendentisti all’amatriciana tacciono.

Che gran signori: non si abbassano a criticare quel paese di merda.

Probabilmente sono così convinti dell’irresistibilità del loro progetto politico.

Peccato che gli elettori non si curino della loro sicumera.

E guardate infatti cosa ho trovato su FB: “Sono nostri amici tutti coloro che riconoscono il diritto di noi sardi ad avere un nostro stato indipendente, chi non riconosce questo diritto è di fatto un nostro avversario politico.”

Non contano una mazza e pongono paletti e steccati che garantiscono che nel futuro conteranno ancora meno.

Gliel’ho detto e il mio carissimo amico “Su Teraccu” mi ha risposto che sono un “Troddione”.

Sarà, ma intanto, denunciando le porcherie italiane, i voti se li prende Grillo, mentre le nostre anime belle continuano a darsi ragione allo specchio e a votarsi da soli.

4 Comments to “Il silenzio degli indipendentisti”

  1. Podet essere ca issos sunt cumbintos chi si unu faedhat male de su sistema italianu e faedhat male de sos italianos est unu fascistu, ratzistu e-i anti-democraticu. A mie, unu (chi non naro chie est), in d’unu blog (a inoghe puru, non lu naro), mi nesit ca su cuntzetu de Sardos e de italianos non deviat esistere proite ca sos cuntzetos de “genia” sunt roba ‘etza de chent’annos e sunt cuntzetos ratzistus (nemancu chi essere Sardos fiat a narrere esser arianos)! E custu si naraìat indipendentistu.
    E problema mannu est chi faedhant in italianu a continu.

  2. Est de abberu de gasi. A mie paret chi dipendat meda, comente innoghe semus de cussa idea, da sa curtura italiana e atteretantu da sa curtura de una tzerta sinistra italiana.

  3. Unu fueddu est, a cumprendi ita est suzzediu aderu, in cussu corru’e furca’e mari. Su chi m’est a craru funtis is piscadoris mortus. Mortus a balla.
    “Adesso l’Italia l’ha fatta davvero grossa” Spantu? Po nudda: politiga estera a “s’italiana” (nodius in su mundu).

  4. Ma pro ite t’ispantas, Roberto. Sa risposta a sa pregunta tua de su proite sos indipendentistas “all’amatriciana” mai ant a criticare una tzerta polìtica italiana, la das tue etotu in s’artìculu pretzedente a custu: sunt dipendentes culturales, non bi podent fàghere nudda, est prus fortes de a issos. E su malu est chi non l’ischint, non sunt cussientes de su disòrdine mentale chi sufrint, e duncas non tenent cura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: