Archive for April 21st, 2013

April 21, 2013

Sardos o sardinniolos?

460

Immoe ki sa discussione a subra de su bisongiu de unu Partidu Natzionale Sardu s’est torrada a pesare (La crisi del Pd è una grande occasione; Pd, il disastro romano travolgerà anche l’isola. Ecco perché bisogna fare subito il “Partito dei Sardi”; Bersani inciampa all’entrata del Quirinale: quale Sardegna dopo il PD?) tocat puru a torrare a definire bene su ki bolet narrer a esser Sardos: “Le studiose americane Mary Bucholtz & Kira Hall (2005 7: 585-614) propongono una definizione di identità che ribalta, per molti versi, la concezione tradizionale espressa dal senso comune: «Proponiamo un quadro teorico per l’analisi dell’identità come prodotta nel corso dell’interazione linguistica sulla base dei principi seguenti: (1) L’identità è il prodotto piuttosto che la fonte di pratiche linguistiche o altre pratiche semiotiche ed è perciò un fenomeno sociale e culturale, piuttosto che principalmente interno e psicologico; (2) le identità circondano categorie demografiche di macro-livelli, prese di posizione temporanee interattivamente specifiche e ruoli di partecipazione; (3) le identità possono essere indicizzate linguisticamente attraverso etichette, implicazioni, prese di posizione, stili, o strutture e sistemi linguistici; (4) le identità sono relazionali, costruite attraverso numerosi, spesso sovrapposti, aspetti del rapporto tra se stessi e gli altri, compresi la similitudine/differenza, genuinità/artificialità e autorità/delegittimazione; e (5) l’identità può essere parzialmente intenzionale, in parte abituale e meno che pienamente conscia, in parte un risultato di una negoziazione interattiva, in parte un costrutto delle percezioni e rappresentazioni altrui e in parte il risultato di processi e strutture ideologici più vasti.»”

“Se adottiamo il principio (1) proposto da Bucholtz e Hall, ci rendiamo immediatamente conto che l’identità linguistica non può essere definita a prescindere dalle pratiche linguistiche dei Sardi: «L’identità è il prodotto piuttosto che la fonte di pratiche linguistiche o altre pratiche semiotiche ed è perciò un fenomeno sociale e culturale, piuttosto che principalmente interno e psicologico.»

Questo significa che i Sardi hanno un’identità linguistica sarda soltanto quando agiscono linguisticamente da Sardi. Naturalmente, dato che la maggior parte dei Sardi solo sporadicamente – in genere nella lingua scritta – produce pratiche linguistiche in italiano standard, rimane da stabilire cosa costituisca una pratica linguistica definibile come sarda: solo gli enunciati in sardo o anche quelli in italiano di Sardegna?”

Duncas non nd’essimus: cale-ki-siat definitzione ki bolimus dare a s’identidade sarda at esser una definitzione in bona parte politica.

A gente meda ddi bastat sa geografia pro si definire “sardu”.

Custa gente non faeddat (casi) mai in sardu (tataresu-gadduresu, alighereseu, Tabarchinu) e non scriet in sardu, e connoschet pagu e nudda de sa storia e de su connotu de sa Sardinnia.

Su mare ddi bastat a s’intender sarda (e italiana).

Ma sighende sa definitzione de identidade proposta dae Mary Bucholtz & Kira Hall, si sa pratica de custa gente non est sarda, ita deretu tenet de si narrer “sarda”?

Deo propongio, tando, de definire custa gente ke “sardinniola”: cussa gente naschida, o bivende in Sardinnia, ki tenet praticas italianas–italianas de Sardinnia–ebbía.

Calincunu m’at a narrer ki so propongende de partzire is sardos in “beros” e “farsos”, “bonos” e “malos”.

Kie mi ddu narat tenet rexone!

Ma sa curpa non est sa mia.

Sa curpa est de issos e totu.

Unu Sardu ki si refudat de imparare a faeddare e scrier su sardu–mancari cun sa scusa eterna: “A casa mia si parlava in italiano”–est prus pagu sardu de is áteros.

“Sardinniolu” mi paret sa definitzione giusta pro custa gente.

Sinono comente ddu depimus definire a unu sardu ki pensat, faeddat e scriet in sardu? Sardu-sardu? Sardu-e-mesu?

O forsis “grezu” comente faxent medas sardinniolos?

E si sa definitzione “sardinniolu”  a issos non ddis praxet, ddis bastat a si ponner a imparare.