Arborea non è la Sardegna

245

Dopo l’euforia che ho provato ieri–it was exhilarating, comenti si narat in sardu–oggi mi è continuata a girare in testa la domanda finale che mi sono posto ieri: perché ad Arborea si, ma nel resto della Sardegna no?

Come scrive Vito Biolchini, quello di Arborea è solo uno dei tre progetti folli che delle concas nobbilis hanno preparato per la Sardegna: Chimica verde, Carbosulcis, Progetto Eleonora e il ruolo nefasto dei sindacati in Sardegna

Ieri abbiamo visto come finirà il progetto Eleonora e l’estate scorsa abbiamo visto fino a che punto, invece, la follia delle concas nobbilis può contagiare gli abitanti del Sulcis-Iglesiente, la provincia più povera dello stato italiano.

Stando a quello che ho visto ieri, e non sono stato il solo a vederlo (Il giudicato verde di Arborea), Arborea è “ricca” ed è una comunità.

E viene da dire che è “ricca” perché è una comunità, e non il contrario.

Dovrei saperne di più e dovrei essere, magari, sociologo e non linguista, ma non ho mai visto i soldi unire la gente, mentre è un fatto che la ricchezza generale aumenta, se la gente collabora con gli altri.

Ad Arborea la gente collabora: “TIPOLOGIA DELLE IMPRESE

Le imprese localizzate nel territorio operano prevalentemente nei settori:

  • Agricoltura
    operano oltre 300 ditte che rappresentano, in numero di addetti, il 74% del totale, a conferma del completo orientamento del territorio verso le produzioni agricole e zootecniche dell’area;
  • Commercio
    operano addetti pari al 14% del totale;
  • Artigianato
    composto da addetti pari al 12 % del totale;

Il vero motore dell’economia locale è dato dal sistema cooperativo (c.d. sistema Arborea) che vede impegnate la Cooperativa Assegnatari Associati Arborea (oltre 300 soci), la Cooperativa Produttori Arborea (oltre 300 soci) e la Banca di Credito Cooperativo.” (Attività Produttive – Comune di Arborea – Provincia di Oristano)

Una delle cose che mi ha colpito della manifestazione che ho visto ieri è stato il fatto che nessuno degli interventi che ho sentito–e ne ho sentito alcune decine–era una ripetizione di un’altro intervento. Gli interventi coprivano poi praticamente tutti gli aspetti del progetto Arborea ed erano complementari.

Mi stupirei molto se non fossero stati coordinati.

L’impressione generale che ho avuto ieri è stata quella di trovarmi di fronte a una comunità compatta e molto bene organizzata, che si era anche procurata preziosi aiuti esterni.

L’ing. Citterio, direttore produzione della Saras, era chiaramente impreparato a una simile accoglienza.

Faceva tenerezza, ma non agli abitanti di Arborea, ovviamente.

L’atteggiamento di Citterio, unito all’assenza dei politici regionali–all’infuori di Progres–fa sospettare che alla Saras fossero giunte già delle assicurazioni importanti rispetto al loro progetto di rapina del territorio di Arborea.

Chiaramente avevano sottovaluto sia il grado di incazzatura di questa gente–che ha soltanto da rimetterci dal progetto Eleonora–sia la loro capacità di ribattere, punto per punto, a tutte le bugie e le superficialità dello studio di fattibilità del progetto.

Chiaramente i dirigenti della Saras non conoscevano la situazione socio-antropologica di Arborea.

Di chi si erano fidati?

Oltretutto, quest’impreparazione emersa ieri in modo così spettacolare mostra anche quanto ci si possa fidare di questa gente per quanto riguarda la conduzione di un’attività così rischiosa per l’ambiente e per la salute.

Po caridadi de Deus!

Chi aveva rassicurato la Saras al punto di farla arrivare impreparata all’incontro con i cittadini di Arborea?

Forse è bastata l’abitudine allo strapotere di cui dispongono a Sarroch o forse pensavano di essere a Iglesias, la città di Pili e Oppi, che sulla disperazione della gente continuano a costruire le loro fortune politiche.

Arborea, ieri, ci ha fatto vedere come potrebbe essere la Sardegna, se in Sardegna ci fosse abbastanza lavoro per tutti o quasi.

Il paragone con Iglesias è quello giusto, perché anche Iglesias è un posto “ibrido”–io ne sono la dimostrazione–e quindi qui vediamo che non è l’origine degli abitanti a determinarne il comportamento sociale.

Arborea è una comunità, mentre Iglesias non lo è.

A Iglesias sarebbero felici di ospitare il progetto Eleonora, pur sapendo che una volta finito il gas, a loro resterebbero solo le macerie e l’inquinamento.

Esattamente quello che hanno già adesso, dopo la chiusura delle miniere e dopo il fallimento di quell’altra follia di Portovesme.

A Iglesias è facile mettere gli abitanti gli uni contro gli altri: c’è disperazione e non comunità.

L’estate scorsa i minatori di Seruci pretendevano, minacciando il suicidio, un milione di euro per ciascun posto di lavoro da garantire a loro e, praticamente, solo a loro.

Un milione di euro a lavoratore per un progetto antieconomico, che se fosse andato in porto avrebbe portato ad accumulare la CO2 nelle miniere in disuso, garantendo un disastro ecologico enorme nel futuro, visto che, prima o poi, quello che può andare storto va storto.

Che differenza con quello che ieri ho visto e sentito ad Arborea: lì la gente si preoccupa per il futuro dei propri figli.

Ma il mio non è un giudizio moralistico: ad Arborea si preoccuppano del futuro, perché un futuro ce l’hanno.

A Iglesias no.

E, ovviamente, se qualcuno fosse in grado di spiegare perché le cose ad Arborea sono andate in un modo, mentre a Iglesias sono andate nel modo opposto, forse saremmo un po’ più vicini a una soluzione dei problemi della Sardegna.

Almeno un po’.

L’unica cosa che posso dire in questo momento è che Arborea non è rappresentativa della Sardegna e Iglesias sí.

17 Comments to “Arborea non è la Sardegna”

  1. Mira ca est unu arrexonamentu perigulosu. Is de Arborea, ant’ essiri sardus, anta a fuedhari s’italianu chi fuedhant, ma a sangunau dhisi nanta “Trevisàn”. A Iglesias puru, innantis de is Ispanniolus, dhu’ at lòmpiu “Bolognesi”. M’ as a nàrriri ca po Bidha de Cresias est tropu su tempus chi est passau e at acudiu a ndi ingùrtiri de sulidu malu de is tempus de su conti Ugolinu. Ma tandus, e ita depeus, torrari gratzias a is de su Venetu po tènniri is de Arborea? E fintzas a candu ant a apoderai?

    • Aundi est perigulosu? Custus funt Sardus, ca est sa curtura chi ti fait sardu. E si as biu s’assemblea de ariseru ti ddu nant puru ca funt sardus. Sardus che a mei, mancai babbu miu fessit italianu. Arborea est sarda, ma non contat ca sa situatzioni sociali e economica innias est diferenti

  2. Est a nàrrere chi in Arborea sas cosas sunt comintzadas bene fintzas dae cando sunt istados assegnados sos lotos de sa terra. Terra bona mih, e a gratis. A su tempus in aterue bi fiant sos meres de sa terra chi manteniant sas persones famidas. No est paga sa cosa. Sa paristòria narat chi sos sardos ant timidu a b’andare ca nanchi bi fiat sa malaghera, ma bae tue e ischi si est beru, si no est istada una colonizatzione fascista.
    Tzertu posca est capitadu chi fiat gente famida de libertade e beniat dae su fàmine de terra de su Veneto, chi tando istaiant peus de a nois puru. Ant ischidu traballiare terra chi rendiat, e cando b’at richesa isparta sa gente s’aunit apare meda de prus de cando b’at fàmine a ragas.
    Ma no est totu gasi; sa 3A, pro nde nàrrere una, carchi annu a como fiat pro fallire indebitada pro deghinas e deghinas de miliardos de francos. Chie la cobertu su bucu? Comente est andada chi s’at pòtidu permitire de si comporare finas a centrale de su late de Tatari? Mistèrios polìticos.

  3. Pruite a Fertilia e no a Arborea? o disterradu fiat?

  4. No l’ischia. Pensaia chi a cue fiant bènnidos pustis de sa gherra cando sunt fuidos dae sas terras a lacana cun s’Islovenia e Croatzia. A onzi modu istant bene in cue puru.

  5. “i disastri di alcuni secoli di coglionizzazione non si superano in pochi mesi”: appunto, e in Itália, francu sos anti-TAV e pacos átteros comitados, no sunu postus menzus…

  6. E chini nd’arribat de su Veneto e chini de s’Emilia. E, a su chi parit, si dha campuciant beni puru, siat in Arborea siat in Fertilia. Mirai ca seis nendu ca nosu sardos non baleus a unu catzu. Muteindi cancunu de sa “val di Susa” e de “sos comitados bonos”. Bai e cica chi non s’ imparint comenti tocat a fari. Un’ ispintixedha de Fertilia, una de Arbarè, un’ atera de….A propòsitu, a innui nci dhus mandaus is “valligianus”? A parri miu, a logu innui megant de dhui fari gallerias.

    • Oja o Elio, ma ita totu ses ghetendi a pari? Ge t’at torrau sceda Nanni, ma puru deu candu mai apu nau ca is de Fertilia ant fatu calincuna cosa de mannu? Babbu miu dd’at acabbada in miniera, in Iglesias, comenti e medas atrus bennius de foras. Iglesias est ammesturada casi cantu Arborea, ma funt a culu a terra.

  7. Elio, no est gasi, su chi fia narende a Roberto est chi amus istòrias sotziales diversas. A mie diat piaghere, e si sas universidades italianas de Sardigna fiant istadas diversas dae su chi sunt l’aiant àpidu giai fatu, chi calecunu in Sardigna aeret istudiadu custa istòria comente si tocat, prus e prus custa de sos ùrtimos sessant’annos. Pròpiu eris fia faeddende cun amigos de sa matana chi sos pitzinnos chi cherent fàghere sos pastores leant pro agatare mugere…Paret nudda ma est unu de sos motivos pro su cale si nd’andant dae sa campagna. Sos babbos si nd’ant faladu sa matza pro fàghere s’azienda chi sos fìgios abbandonant. custu non capitat in Arborea. Pròite?

    • salude o Nanni! a la contas sa ‘e sos zóvanos chi no los cherent sas muzeres ca traballant in su pastoriu? paret cosa chi tenet significu…

  8. Non sunt sas muzeres chi non los cherent in su letu, sunt sa pitzinnas chi non los cherent a maridu. E b’at pagu ite contare. Unu motivu podet èssere chi sas pitzinnas sunt istudiadas e sos mascros nono, ma bi nd’at prus fungudos puru, e cue bi cheret istùdios de sotziologos.

  9. Cando scrio in italianu non mi fatz’ a cumprèndere, in sardu male e peus. De is ateras limbas, nareus, non nd’ isco nudha. Como faeus un ateru tentativu: Arborea, is imigraos venetos e Mussolini. No isco si Mussolini si dh’ apat tentada a primu a primu cun is sardos. Creo ca nono. Tandoro is sardos non moviant foras de ‘omo. Iant ar’ incuminciau a fine de is annos chimbanta, in prusu fiant sapius ca su logu fut malu e timiant a sa malàghera. Cudhos poboritos connoschiant sa “pellagra” e dhis andaiat a èssere assegnatarios in su corru de sa furca prus mengius de serbidores in terra insoro.

    Solu in su chimbantunu cun su DDT si fut cumpletada sa bonifica e is “polentones” dhue fuiant giai de bint’ annos. A giru de pagos annos fut tocada a noso a nosiche andare foras. S’apretu faet su ‘eciu a currere: in su trinta po cudhos e poi po noso in is annos de su miràculu economicu. Como, a su chi paret, de apretu non chend’ at prusu e su “miràculu” dh’ispetaus in domo. In Arborea de miràculos paret chi non nd’ apat abbisògnu. Mengius gasi. Ma ita funti, sardos o sardignolos? A sa faedhada iant a parre sardignolos ma… de patatas?

  10. Apo sa duda chi s’istent a banda, non si nd’at intesu mai manc’unu finas a cando no ant chircadu de los tocare. E chie nde connoschet? Nen mancu sos de Iglesias o Carbonia s’intendet si no cando murrunzant ca lis mancat su trabàgliu, e nen mancu sos de Fertilia…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: