Archive for June, 2013

June 29, 2013

Appunti per una politica di standardizzazione linguistica

durgerdam 4-2

Dietro ogni modello di standardizzazione linguistica si nasconde un progetto politico.

Il progetto politico sottostante all’italianizzazione linguistica dell’Italia era quello giacobino: una lingua–una nazione–uno stato.

Lo stato era stato realizzato, ma la nazione non esisteva e la lingua prescelta dalle élites settentrionali non la conosceva praticamente nessuno.

Bisognava “fare gli Italiani”, cioè costringerli nell’un’uniforme linguistica dello stato, così come li si costringeva nell’uniforme dell’esercito “popolare”, altra invenzione giacobina.

I cittadini–soldati dovevano essere in grado ci comprendere gli ordini impartitigli nella loro funzione di carne da cannone.

E–come ci ha messo in chiaro Mialinu Pira, in “La rivolta dell’oggetto”–l’italianizzazione linguistica non andava oltre quel poco che occorreva per decifrare l’abbaiare di un caporale.

Solo con la scolarizzazione di massa e l’avvento della società dei consumi gli “Italiani” hanno davvero appreso la lingua dello stato, ma frantumandola in almeno cinque varietà regionali.

Solo un pazzo potrebbe voler applicare il modello italiano di standardizzazione linguistica alla situazione sarda e solo un idiota potrebbe credere di riuscirci.

Per intenderci, la Limba Sarda Comuna non è lo standard del sardo: Come liberare la LSC da Diego Corraine e vivere felici

La situazione linguistca in Sardegna ricorda quella italiana soltanto per la presenza di varietà alloglotte–il gallurese-sassarese, il catalano di Alghero, il tabarchino e il veneto di Arborea–che nessuno si sogna di voler assimilare al sardo.

Per il resto, la Sardegna mostra una grandissima omogeneità linguistica.

Le differenze morfosintattiche sono minime–e lo mostrerò nel libro che sto ultimando e che verrà pubblicato entro l’anno: Is datos de su cuntatu linguisticu intra de italianu e sardu –e quelle lessicali non superano il 17,5% delle parole, dato che riguarda i dialetti più distanti tra loro, compresi tra 77 dialetti che ho analizzato: quelli di Orune e S. Giovanni Suergiu. (Differenze lessicali )

Le differenze riguardano la pronuncia differente di parole per il resto uguali nella storia e nel significato, questa è forse la millesima volta che lo dico.

Solo un idiota potrebbe volere la “standardizzazione” del lessico,  rinunciando all’attuale ricchezza di sinonimi, e declassando questi al rango di “varianti dialettali”.

Oltre tutto, con quali criteri oggettivi, imparziali, scientifici, si potrebbe effettuare una simile scelta?

Perché, poi, in una situazione delicata e precaria come quella sarda, voler dividere i parlanti in “buoni” e “cattivi”, quelli che usano le parole “giuste” e quelli che usato le “forme dialettali”, quindi sbagliate?

Siamo uomini o caporali?

Per di più, come abbiamo visto nel mio post precedente (Ita ratza de pessonagiu ), l’unico propositore di questa cazzata madornale, confina sistematicamente nel ghetto dei parlanti “cattivi” proprio la maggioranza dei parlanti del sardo.

Di nuovo viene da chiedersi se Corraine lo faccia apposta a fare incazzare i parlanti del sardo meridionale.

Da che parte sta?

Quanto alla standardizzazione della pronuncia, credo e spero che perfino Corraine sia in grado di capire che non è più possibile continuare a proporla.

È un dato di fatto che i Sardi identificano la lingua sarda con il loro dialetto.

Solo un nemico del sardo potrebbe voler alterare questo rapporto, facendo  disamorare i parlanti da un’eventuale lingua scritta.

Oltretutto, a chi servirebbe una standardizzazione della pronuncia?

I Sardi si capiscono già perfettamente, sempre che conoscano bene il loro dialetto: Incredibile ad Aggius! Se un cagliaritano e un ozierese parlano tra

Allora, tutto quello che occorre, visto che la grammatica e il lessico sono già sufficientemente omogenei, è un sistema ortografico standard che permetta diverse pronunce.

Il mio blog è pieno di articoli che dimostrano che, non solo è possibile, ma anche molto facile realizzarlo.

Anzi, praticamente è già stato realizzato diverse volte (si veda il mio articolo in La lingua sarda (atti del II convengno del GLS, Quartu 1997)).

A un sardo che conosce bene il proprio dialetto bastano poche ore di corso per capire come funziona il sistema.

Il sardo come l’inglese, allora: un’ortografia e tante pronunce, mantenendo intatta la ricchezza di varianti e non discriminando più, come fanno i caporali, tra lingua e dialetti.

June 28, 2013

Ita ratza de pessonagiu

180-2

Si intrades in custu giassu de Internet, http://limbasardacomuna.blogspot.nl/, agatades su trabballu ki est fende Corraine as subra de sa LSC.

Corraine est chirchende de furriare su limbagiu giuridicu-amministrativu de sa RAS in una spetzia de standard ki iat a deper baller pro totu su sardu.

Cosa bona, pro cadidade de Deus!

B’agatas unu muntone de esempros de italianismos ki bolent evitados e ateras cosas de aici.

Lassende stare fintzas is incoerentzias ki issu imperat in sa grafia, ca cussa est cosa pro gente ki nde cumprendet de fonología e già faxet semper a dda ponner a postu, ddoe at una cosa ki impedit a is propostas de Corraine de baller pro totu su sardu.

E non est cosa de pagu.

Cando in sardo esistint duas formas unu pagu diferentes dae unu dialetu a s’ateru, Corraine sceberat semper cussa cabesusesa, o megius, una forma cale-si-siat bastet chi non siat de cabu de jossu.

E cando s’agatant sinonimos, Corraine non pigat mai su faeddu de cabu de jossu.

Lastima manna, ca sinuncas custu hobby de Corraine fit fintzas potzidu serbire.

Tantu pro nosi cumprendere bosi fatzo bier calincunu esempru de comente Corraine trabballat, leados dae su giassu cosa sua.

Incumentzamus cun su faeddu ‘persone’: Finas a pàrrere de M.L.Wagner (DES), “pessone” est un’addatamentu de su toscanu antigu “persone” (singulare), cun s’aplicatzione de sa règula -RS- > –ss-..

Proita est ki Corraine at sceberadu sa forma “pessone”? In cabu de jossu agatamus “personi”, cun sa E finale ki si furriat in manera regulare e sincronica a I. Duncas sa forma de cabu de jossu est prus fidele a s’etimología de su faeddu e tando tocat a imperare persone, non pessone, ca sa delibera regionale de sa LSC narat ki tocat a

“e) tener conto dei fattori etimologici, rifacendosi, fondamentalmente alla comune matrice latina (es. la -finale della 3ª persona singolare e plurale dei verbi), escludendo i fenomeni che non siano comuni a tutte le varianti (es. raddoppiamento di r-iniziale con prostesi vocalica), per cui rosa e non arrosa;•

f) adottare una soluzione “piena”, più completa rispetto all’etimologia comune, per es.: ogru, àteru, lavra, ecc., semmai scrivendo ogu, atru, lara, larva nelle varietà locali; ”

Comente non si podet sceberare personi, ca sa I finale non rispetat s’etimología, non si podet sceberare nemancu pessone, ca s’assimilatzione de sa R a sa S ki sighit non rispetat s’etimología. Duncas sa forma giusta pro s’etimología e “escludendo i fenomeni che non siano comuni a tutte le varianti” est persone.

Innoxe tocat a cumprender si Corraine non est stadu bonu a agatare sa forma giusta o si at sceberadu sa forma cabesusesa sceti pro escludere cussa ki assimbigiat de prus a personi.

Ma custa a pregunta ddi podet torrare sceda sceti Corraine e totu e tando passamus a áteros esempros.

isse vs issu

” Dae su lat. ĭpse, ĭpsa, ĭpsum, in sardu derivant su pronùmene personale “isse, issa, issuissos, issas”.

Tocat a ammentare chi “isse” si podet impreare petzi pro inditare pessone, no animale nen cosa.”

Innoxe Corraine si depet esser cunfundidu unu pagu, ca fintzas issu già dd’ischit ki is nomines sardos benint dae s’acusativu latinu e s’acusativu de ipse est ipsum, ki in manera totu regulare donat issu in cabu de jossu. Tando isse bolet eliminadu dae su standard, “escludendo i fenomeni che non siano comuni a tutte le varianti”.

ògiu ghermanu NO ògiu de olia

In sardu si narat “ògiu ghermanu” pro s’ògiu tiradu dae s’olia, distintu dae su “ògiu de porcu“, tiradu dae su porcu.
Tando, pro s’ògiu tiradu dae s’olia NON si narat “ògiu de olia“.
Ite cheret nàrrere “ghermanu“? Belle de seguru, benit dae su latinu germānus in ue teniat tres valores:
1) carrale, pro frades e sorres chi tenent su matessi babbu e sa matessi mama, o a su nessi su matessi babbu.
2) aguale, totunu, assimigiante.
3) beru, secherru.
Duncas, “ògiu ghermanu” diat chèrrere inditare s’ògiu beru distintu dae s’ògiu pòrchinu.

E PROITA?

puale NON sèchiu

A sa paràula italiana “secchio”, currispondent in sardu paràulas comente puale o poale (dae su cat. poal), sìcia (dae ita. secchia) e àteras.
“sèchiu” o “sèchio” sunt italianismos reghentes.
E PROITA sicia NO?

bote NON baràtulu, latina

Duncas, est giustu: unu bote de cunserva, unu bote de birra, unu bote de tinta.
In càmbiu, baràtulu, latina sunt italianismos.

E PROITA botu NO?

“isteddu” NO “istella”

Istella est un’italianismu iscaradu chi non tenet perunu sentidu in sardu, ca tenimus giai isteddu: in chelu sunt lughende sos isteddos.

Stella est sardu cantu s’italianismu lege, ki Corraine at sceberadu a su postu de lei, cabu de jossu.

“fundu” NON “pianta”

No andat bene “pianta” pro sa paràula italiana “pianta“, vegetale.
In sardu est “fundu“. Podet inditare un’àrbore, es.: “in sa corte nostra b’at duos fundos de pira” non “…duas piantas…“, o finas unu fundigheddu, es.: “unu fundu de càule“, “unu fundu de afàbiga“.
Su faeddu “pranta” (e pianta in sas variedades in ue sa -L- de su grupu cunsonànticu latinu -PL- si vocalizat) si ponet pro inditare, prus chi no àteru, sa parte de fundu de sa manu e de su pee: pranta de sa manu o pranta de su pee.
E PROITA mata NO?

“pìscamu” NON “vescovo”

E PROITA obispu NO?

“giòvia” NON “giòbia” o “gioja”

Sa paràula “giòvia” est derivada dae lat. IOVIA, ma cun sa -v- intervocàlica mantesa. Mancari chi “diat” èssere regulare sa ruta de sa -V- latina originària, (in sas variedades in ue custu càpitat in manera regulare) cun su resurtadu gioja (chi, paris cun giògia, est caraterìsticu de medas biddas de su sardu setentrionale: Otieri, Òschiri, etc.)  in su territòriu linguìsticu chi Wagner mutit log. e camp. Comente dae NOVU, NIVE, OVU  tenimus nou, nie/nii, ou.
Duncas est est giustu a iscrìere giòvia, sena ruta de sa -V- intervocàlica, comente resurtat finas in Wagner/DES in sa boghe “yovia”, pro sas variedades setentrionales e meridonales. Ma NON s’iscriet cun sa -b-, “giòbia”.
Custu sceberu andat contras a totu s’áteru detzididu dae sa cummissione: sa V latina est semper B in sardu.
Ma non at esser ca giobia  est unu faeddu de cabu de jossu?

“inche, inte” NON “dae”

Es.: “traballat inche, inte nois” NON “traballat dae nois” = lavora da noi

E PROITA aché NO?

“sièntzia” NON “scèntzia, iscèntzia, iscièntzia”

“sièntzia”, finas in sa forma locale “siènsia”, est un’ispagnolismu non reghente, dae “ciencia” (chi benit dae su lat. scientĭa). Duncas, finas “sientìficu”, es. “Litzeu sientìficu“.

Custa etimología Corraine si dd’at imbentada ad hoc. sientzia benit dae sa “depalatalizatzione” de sa fricativa palatale, comente gente > zente (Lat. scientia, ae f (sciens))
TORRA SA MATESSI PREGUNTA: MA APOSTA DDU FAXET ?

cugùmene” NON “cetrioli”

“su cugùmene” non “su cetrioli, su cetriolo”
E PROITA cugumbiu NO?

“màrmaru” NON “marmu”

E PROITA marmure NO?

“belle” NON “quasi, guasi”

S’av. ITA “quasi”, in SRD est:
– “belle”, es. Nch’est belle mesudie; bi nd’at belle deghe. In sa pronùntzia, “belle” afortit Sa cuns. chi sighit.
– “agiomai”, sighidu dae verbu in forma de indicativu, in su sentidu de “èssere a puntu de”, es. “agiomai ruiat a terra”

E PROITA casi NO?

SRD “solu” e “petzi”

S’italianu “solo” podet èssere agetivu o avèrbiu. In sardu, a su primu currispondet “solu”, es. è una persona sola, est una pessone sola; a su segundu, currispondet “petzi” postu in antis de su verbu o “ebbia”, postu a pustis, es. c’era solo lui, b’aiat petzi issu / b’aiat issu ebbia.
E PROITA sceti NO?

pessighire” NON “perseguitare”

CUSTA EST SA PROPRIU COSA DE pessone.

“l’ant bidu colende” NO “l’ant bidu colare”

Sa frase ITA “lo hanno visto passare”
in SRD est “l’ant bidu colende” NO “l’ant bidu colare”.

E PROITA passende NO?

ITA “incontro” > SRD “addòviu”

EI: addoviare, addòviu, addòvios

NONO: atopu, azoviu, agioviu, etc. chi sunt variantes

Resone: est prus a curtzu a s’et. lat. OBVIARE.

MABBAI! SERBIT SCETI A NON IMPERAI  atobiu!

“famìlia” NON “famìglia, famìllia”

EI: “famìlia
NONO: “famìglia, famìllia
Resone: benit dae s’isp. familia.
In documentos sardos antigos, dae su lat. FAMILIA, tenimus famìgia,famiia, ma oramai non sunt populares.
MA SA PRONUNTZIA EST SEMPER famillia O famiglia, FRACU IN UNA PARIGA DE LOGOS.
SERBIT SCETI A NDE BOGARE SA FORMA DE CABU DE JOSSU.

Sardigna NON Sardinna/Sardìnnia/Sardinnya/Sardinia

De reghente, sa Regione Autònoma de Sardigna at ufitzializadu su nùmene SARDIGNA pro s’ìsula nostra. Duncas diat tocare chi totus adotemus custu nùmene.
In Lsc est istadu preferidu su toscanismu antigu “Sardigna”, su prus connotu in Sardigna. Sardinna e Sardìnnia sunt addatamentos de Sardigna e non benint deretos dae su latinu. No andant bene mancu grafias comente Sardinnya, Sardinia, etc.
S’ùnicu resurtadu diretu dae su lat. SARDINIA est su fonnesu Sardìngia. Su fatu chi custu faeddu bi siat petzi in Fonne (e in carchi àtera bidda che a Àrthana) at cumbintu sos espertos a isseberare su prus populare SARDIGNA in Lsc.

CUSTU ESEMPRU DD’APU POSTU PRO SU FAEDDU númene.

In lat. nōmen, inis n

Faeddu neutru, duncas s’acusativu tenet sa propriu forma de su nominativu nomen.

In cabu de jossu su faeddu est nomini, forsis derivadu dae unu *nominem, generalizende s’acusativu maschile.

Sa U de númene benit dae sa coarticulatzione de sa vocale cun sa M ki sighit. Duncas est una cosa noa e bolet bogada.

Torra bidimus ki Corraine, cando deper sceberare intro de una forma “sballiada”, ma cabesusesa e una forma de cabu de jossu, sceberat sa forma “sballiada”.

Si andades a su giassu de Corraine, chirchende-chirchende, già nd’agatades áteros de esempros.

June 27, 2013

Come liberare la LSC da Diego Corraine e vivere felici

003-2

Alcuni amici (pochissimi) mi hanno scritto, scontenti della mia dichiarazione di “non riuscita” della LSC, altri (pochissimi e alcuni indesiderati) mi hanno scritto per congratularsi.

Tutti erano un po’ stupiti.

E questo è strano, perché io dico dal 2006, a Paulitatino, che la LSC così com’è non va bene abbastanza e per questo motivo mi sono sempre rifiutato di utilizzarla.

Da anni ho proposto i miei emendamenti e io infatti scrivo in quella che chiamo Grafía Sarda Comuna.

E questo, perfettamente in linea con la delibera regionale di istituzione della LSC: “Fermo restando che intende valorizzare, valorizza e sostiene tutte le varietà linguistiche parlate e scritte in uso nel territorio regionale, la Regione ha ravvisato la necessità, dopo discussioni e confronti sulla lingua sarda durati molti anni, di sperimentare l’uso del sardo per la pubblicazione di atti e documenti dell’Amministrazione regionale.L’oralità nel contatto con gli uffici è fatta salva in ogni varietà della lingua. Altri Enti o Amministrazioni pubbliche della Sardegna saranno liberi di utilizzare le presenti norme di riferimento oppure di fare in piena autonomia le scelte che riterranno opportune. Il carattere sperimentale delle norme proposte e l’opportunità di approfondire con ulteriori studi il lessico, la morfologia e un’ortografia comune a più varietà, lascia, inoltre, i più ampi margini a modifiche, integrazioni che potranno essere con il tempo elaborate e adottate.

La finalità che la Regione intende perseguire con la predisposizione delle norme linguististiche di riferimento a carattere sperimentale per la lingua scritta dell’Amministrazione regionale è quella di avviare un processo graduale mirante all’elaborazione di una Limba Sarda Comuna, con le caratteristiche di una varietà linguistica naturale che costituisca un punto di mediazione tra le parlate più comuni e diffuse e aperta ad alcune integrazioni volte a valorizzare la distintività del sardo e ad assicurare un carattere di sovramunicipalità e la semplicità del codice linguistico.

La Limba Sarda Comuna intende rappresentare una “lingua bandiera”, uno strumento per potenziare la nostra identità collettiva, nel rispetto della multiforme ricchezza delle varietà locali.

La Regione, preso atto del confronto di idee e di proposte dei membri della Commissione istituita con deliberazione della Giunta regionale n. 20/15 del 9 maggio 2005, compie ora il primo passo sperimentale di questo percorso verso la Limba Sarda Comuna, iniziando a contemperare in una proposta unitaria i modelli distandard scritto che hanno animato il dibattito negli ultimi tempi.

La Regione intende intraprendere questa strada verso la Limba Sarda Comuna con il più ampio concorso democratico di contributi, opinioni, riscontri e verifiche adottando una soluzione iniziale, come è la Limba Sarda Comuna, in cui, insieme a una larga maggioranza di opzioni comuni a tutte le varietà, convivono, in alcuni casi, opzioni aperte e flessibili e che, proprio per la gradualià e la sperimentalità del processo, a distanza di tempo e sulla base delle risultanze e delle necessarie esperienze, potrà essere integrata, modificata ed arricchita con gli opportuni aggiustamenti.

Perciò nell’individuazione di una Limba Sarda Comuna, ci si riferisce solo a questa lingua “sarda” unica anche se composta da tante varietà.” (http://www.sardegnacultura.it/documenti/7_25_20060427093224.pdf)

Dalla delibera regionale emergono chiarissime due cose:

1) la LSC è un’esperimento, una “soluzione iniziale”;

2) la LSC non è la lingua sarda standard, infatti “Altri Enti o Amministrazioni pubbliche della Sardegna saranno liberi di utilizzare le presenti norme di riferimento oppure di fare in piena autonomia le scelte che riterranno opportune.”

Visto che si tratta di un esperimento, la LSC, come soluzione iniziale, va sottoposta a verifica.

Chi frequenta internet sa che la LSC viene usata da pochissima gente. Io, dal mio “osservatorio privilegiato” di Facebook, come ho detto diverse volte, vedo che l’uso del sardo nei messaggi usati dai sardi è scarsissimo e quello in LSC estremamente raro.

Ma oltre a queste conclusioni impressionistiche, esiste anche una ricerca vera e propria, anche se molto limitata, effettuata da Matthea Wilsch e Monika Westhoff. dell’università di Stoccarda: La standardizzazione del sardo – Universität Stuttgart:

“In conclusione: Quante lingue standard per il sardo? E quali?

Con soli 12 questionari analizzabili la nostra ricerca non è sicuramente rappresentativa, ma arriva comunque a  conclusioni molto interessanti:

  • I non-linguisti intervistati non si sono, in genere, mostrati sensibilizzati sul tema della standardizzazione. Spesso avevano pregiudizi – soprattutto nei confronti della LSC – che si potrebbero evitare con una campagna di informazione intensa condotta dai politici sardi. Però anche i linguisti e politici si sono mostrati essere coinvolti emotivamente e hanno in parte criticato la concezione del questionario. Inoltre hanno discusso molto la questione se la LSC sia veramente una varietà della lingua sarda o meno.
  • Riguardo alla sensibilizzazione, ci sono grandi differenze tra le città dove hanno avuto luogo le interviste: a Nuoro la gente si è mostrata poco sensibilizzata, a Loceri invece la popolazione era molto coinvolta.
  •  Per quanto riguarda la questione di quante e quali lingue standard vorrebbero i non-linguisti e linguisti sardi, possiamo riassumere dicendo che i sardi vorrebbero solo una oppure nessuna lingua standard e che comunque mettono in dubbio il senso e l’utilità di una lingua standard unitaria.
  • La proposta concreta della Regione Autonoma della Sardegna, cioè la LSC, viene contestata, ma nessuno degli intervistati ha avanzato proposte alternative per una lingua standard che possa essere accettata da tutti.
  • Si può dire che c’è una certa disponibilità di adattarsi a una varietà standard ma solamente per quanto riguarda lo scritto, ma nessuno accetterebbe uno standard unitario per la lingua parlata.
  •  Inoltre, consideriamo la nostra ipotesi – cioè quella che i parlanti del sardo avrebbero scelto il proprio dialetto come nuova lingua standard – come non valida perché solo il 21% conferma di preferire  il proprio dialetto.
  • Questo risultato,che è positivo dal punto di vista dell’introduzione di una lingua standard qualsiasi, viene sminuito dal fatto che durante lo studio non si è emersa nessuna soluzione chiara: La popolazione, ma soprattutto linguisti e i politici sardi, hanno opinioni troppo differenti spesso motivate politicamente.”

Il terzultimo punto delle conclusioni di Matthea Wilsch e Monika Westhoff concide esattamente con quello che io ripeto dal 1997 e che ho concretizzato in diverse proposte, la migliore delle quali rimane la prima: vedetevi il mio lungo articolo in La lingua sarda (atti del II convengno del GLS, Quartu 1997)

In altri termini, la Limba Sarda Comuna va trasformata in una Grafia Sarda Comuna, progettata appositamente con lo scopo di permettere diverse pronunce.

Altro punto fondamentale è che la LSC, in quanto “soluzione iniziale” e sperimentale, non è lo standard del sardo. Chiunque affermi il contrario è un bugiardo o non si è letto la delibera regionale (http://limbas.tempusnostru.it/parrere-1.page?docId=2070#.UCOK3jup7tk.facebook).

Solo il governo regionale può instituire uno standard linguistico, non basta certo un autoproclamatosi “carabiniere della limba”.

In un’altra occasione mostrerò in dettaglio come, nella pratica, lo spirito della delibera regionale venga sistematicamente violato per favorire soluzioni grafiche settentrionali a scapito di quelle più fedeli all’etimologia delle parole, e quindi più neutre e centrali.

June 26, 2013

Iscemu tátile

530

“In ispagnolu si narat “pantalla táctil”, in italianu “schermo tattile”, in sardu (cherende) “ischermu tàtile”. Pro ite sos giornalistas italianos ant impostu e sighint a impònnere “touch screen”? E pro ite nois ponimus in mente comente tzeracheddos?”

Ischermu tátile: duos faeddos italianos.

E proita iant esser megius de duos faeddos inglesos?

Tátile in sardu non bolet narrer nudda.

Ischermu est unu faeddu pigadu in prestitu dae s’italianu.

Proite nono dae s’inglesu?

Ah, Corraine s’inglesu non l’ischit!

June 24, 2013

Respusta de Bolognesu a Zurru

018-2

La puntualissima analisi storica delle cause del sottosviluppo della Sardegna, proposta da Marco Zurru, merita di essere letta in tutta la sua lunghezza.

Vi consiglio di fare il copia e incolla su un documento word o di stamparla, perché è più comodo per la sua lettura.

Il documento di Zurru non è pensato per i tempi veloci della rete.

Trovo nell’intervento di Zurru una velata critica alla mia “leggerezza di pensiero” sulla questione del sottosviluppo della Sardegna: “Sia per Tagliagambe che per Bolognesi, gli interessanti ragionamenti si chiudono con un auspicio e una prospettiva di cambiamento degli attuali equilibri. Il primo, nel richiamo alla “sfida posta oggi alla classe politica e ai responsabili del governo dei sistemi sociali dall’esigenza, sempre più sentita, di fare della partecipazione ai processi decisionali e della condivisione degli obiettivi di gestione del territorio, innovazione e di crescita la base di una nuova cultura diffusa, di un nuovo “senso comune” e di un nuovo modello organizzativo, più efficaci e rispondenti alle esigenze ormai indifferibili alle quali occorre far fronte se si vuole evitare di cadere in un declino che si profila sempre più incombente e minaccioso”. Il secondo nella speranza di maggiore benessere nell’isola grazie alla realizzazione del bilinguismo perfetto e dell’autogoverno culturale.”
Quello che penso è naturalmente molto più articolato:Passaggi obbligati

L’autogoverno culturale non sarebbe una ricetta magica, ma semplicemente il punto di partenza obbligato per innescare il lungo processo di costruzione di una società sarda politicamente ed economicamente pluralista.

Zurru stesso riconosce che i motivi del fallimento dello sviluppo attraverso il “libero mercato”, in Sardegna,  sono politici e, in senso più ampio, culturali: “il dissolvimento della più preziosa, rara e fondamentale risorsa dei processi di partecipazione collettiva alla costruzione del bene pubblico, la fiducia delle persone, è stato enorme e, purtroppo, ancora se ne pagano le conseguenze. I Patti Territoriali in Sardegna sono stati quasi tutti collusivi, con gli attori economici e politico-amministrativi impegnati a fingere una armonica quanto incolore rete di cooperazione costruttiva utile solo a “portare a casa” il malloppo del Ministero. Insomma, personalmente – non avendo la pretesa di detenere ricette a disposizione – sono convinto che la strada per la costruzione di buone politiche locali di sviluppo sia anche quella descritta da Tagliagambe, anche se uno sguardo agli esiti recenti di pratiche simili non è molto incoraggiante e la strada da compiere per colmare deficit importanti nei diversi tipi di capitale utili a tal fine mi appare incredibilmente lunga.”

Mi sbaglierò, ma mi sembra che l’analisi di Zurru sia inquinata da una fede liberista nella intrinseca capacità del “libero mercato” di autoregolarsi e di generare sviluppo.

Se così fosse, allora le sue stesse conclusioni sul fallimento del “libero mercato” in Sardegna lo contraddirebbero.

Il fatto che in Sardegna una classe politica dipendente abbia impedito l’instaurarsi di quei meccanismi virtuosi del mercato che poi portano allo sviluppo duraturo non è l’eccezione, ma la regola.

Come mostra Why Nations Fail: The Origins of Power, Prosperity – Amazon.com, è proprio l’esistenza di strutture politiche “inclusive” (pluralismo, stato di diritto, rispetto della proprietà privata, libere elezioni) a permettere l’insorgere di strutture economiche “inclusive” (cioè, in linea di principio, aperte a tutti e che offrono a tutti la possibilità di accrescere il proprio benessere).

Questo libro fa giustizia del dogma liberista sul primato dell’economia: “It’s politics, stupid!”.

Ma ha il grande pregio di non dirtelo mai direttamente: basta seguire la storia economica del mondo e analizzare le diverse economie esistenti.

Zurru ha ragione a dire che “il dissolvimento della più preziosa, rara e fondamentale risorsa dei processi di partecipazione collettiva alla costruzione del bene pubblico, la fiducia delle persone, è stato enorme e, purtroppo, ancora se ne pagano le conseguenze.”

Ecco perché occorre ripartire dalla fondazione di una classe dirigente sarda e non sardignola e dipendente.

Ecco perché occorre rifondare la cultura sarda.

Dobbiamo creare dei meccanismi che selezionino una classe dirigente non-dipendente da eventuali padroni italiani e di cui i Sardi possano fidarsi, perché questa nuova élite sarebbe espressione della loro cultura, del loro essere popolo.

Il percorso è lungo, ma non esistono scorciatoie, solo passaggi obbligati.

June 23, 2013

Respusta de Marcu Zurru a Tagliagambe … e unu pagu a me puru

001

Una risposta a Tagliagambe e “mezza risposta” a Roberto Bolognesi

La longue durée e la debolezza addestrata del mercato e della società civile in Sardegna

Con la consueta limpidezza di pensiero e piacevole capacità di declinarlo in argomentazioni di ampio respiro, Silvano Tagliagambe è riuscito a mettere in evidenza sia l’importanza cruciale delle dimensioni di identità, reti, comunicazione, fiducia, capitale sociale e capitale umano nelle possibilità di innovazione e sviluppo locale dei territori, sia alcune delle difficoltà importanti della dialettica tra comunità locali e policy makers che, con queste e non su queste, dovrebbero decidere l’articolazione e la gerarchia degli interventi di tipo economico, sociale, culturale, urbanistico, e così via… insomma, in tutto ciò che trova pregevole sinesi nella categoria di “sviluppo”.
Il discorso è stato poi ripreso e parzialmente “piegato” da Roberto Bolognesi sul versante dell’importanza del processo di dissolvimento dell’identità dei giovani isolani, grazie al silente e acritico assoggettamento degli adulti nel mancato utilizzo della lingua sarda nella comunicazione in famiglia. Insomma, i giovani sarebbero stati “scaraventati in un vacuum linguistico, culturale e identitario riempito alla bella e meglio dal cosiddetto Italiano Regionale di Sardegna, dalla scuola e dalla televisione”. Un non meglio precisato “sistema di valori condiviso” trova, nel ragionamento di Bolognesi, il suo punto di rottura “tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, con l’avvento della scolarizzazione di massa, l’emigrazione di un terzo dei Sardi, la campagna militare e mediatica contro il “banditismo” e la susseguente – e conseguente – adozione dell’italiano, da parte dei genitori, nell’allevamento dei figli”. In modo consequenziale a tale processo centrato sulla fondamentale importanza della lingua, Bolognesi fa discendere una serie di conseguenze dirette, tra cui: le difficoltà di un terzo dei giovani sardi nella capacità di comprensione di un testo in lingua italiana; il record sardo di dispersione scolastica e di ritardo; gli altissimi volumi di disoccupazione giovanile.
Sia per Tagliagambe che per Bolognesi, gli interessanti ragionamenti si chiudono con un auspicio e una prospettiva di cambiamento degli attuali equilibri. Il primo, nel richiamo alla “sfida posta oggi alla classe politica e ai responsabili del governo dei sistemi sociali dall’esigenza, sempre più sentita, di fare della partecipazione ai processi decisionali e della condivisione degli obiettivi di gestione del territorio, innovazione e di crescita la base di una nuova cultura diffusa, di un nuovo “senso comune” e di un nuovo modello organizzativo, più efficaci e rispondenti alle esigenze ormai indifferibili alle quali occorre far fronte se si vuole evitare di cadere in un declino che si profila sempre più incombente e minaccioso”. Il secondo nella speranza di maggiore benessere nell’isola grazie alla realizzazione del bilinguismo perfetto e dell’autogoverno culturale.
Ora, oltre la quota complessiva dei giovani che abbandonano prematuramente gli sudi, la descrizione e l’analisi delle difficoltà di un territorio sul capitale umano sono descritte anche da tanti altri indicatori: il tasso di abbandono alla fine del primo e del secondo anno delle scuole secondarie; il livello di istruzione della popolazione di età 15-19; il tasso di scolarizzazione superiore; la quota di adulti che partecipa all’apprendimento permanente; la quota di laureati in scienza e tecnologia; il livello di istruzione della popolazione adulta, e così via…
Anche utilizzando uno solo di questi indicatori (il tasso di abbandono nel biennio delle scuole secondarie), l’Istat ci dice che: la Sardegna non è sempre stata la “pecora nera” tra le regioni italiane; il fenomeno presenta un andamento sinusoidale nel tempo (con uno spazio importante di riduzione del fenomeno durante l’esperienza del governo Soru e una crescita drammatica in questi ultimi anni); è sostanzialmente un grattacapo di tutte le regioni del Mezzogiorno, ma anche di alcune del Nord (provincia di Bolzano, ad esempio) dove il lack del bilinguismo perfetto non è un problema da decenni; èaggredibile con politiche specifiche.
(http://www-958.ibm.com/software/data/cognos/manyeyes/visualizations/tasso-abbandono-biennio-iiaria/comments/b6b390d85a4411e1b4cc000255111976)
Insomma, per farla breve, se la dimensione linguistica isolana è un elemento fondamentale dell’architettura culturale e identitaria di un territorio, ha ragione Tagliagambe a ricordare come non sia possibile legare in modo semplice e diretto alcuni processi socio-culturali: il capitale umano soffre nell’isola non solo a causa delle difficoltà di diffusione e di utilizzo del bilinguismo perfetto, ma perché il flusso di idee e di progetti finanziati in merito si è affievolito fino a prosciugarsi quasi del tutto.
Dunque le fragilità – del capitale umano, del capitale sociale, del mercato, etc.. – sono di natura complessa e interrelate tra di loro, e se ha ragione (e ha ragione!) Fernand Braudel quando parla di longue durée per evidenziare la persistenza nel tempo delle ragioni e regioni di peculiari processi socio-economici nello spazio sociale, bisogna cercare di mettere in evidenza alcuni fondamentali punti di rottura nel nostro più o meno recente passato. A suo modo l’ha fatto anche Bolognesi; io andrò un po’ più indietro nel tempo.
A mio modo di vedere, per indagare meglio quella che ho definito la debolezza della nostra classe imprenditoriale (del mercato), il punto di partenza può essere un passaggio, o meglio le conseguenze – sulla società, l’economia, la classe politico amministrativa – delle modalità peculiari con cui si è computo uno spostamento, il traghettamento della società sarda dalla condizione di arretratezza rurale degli anni immediatamente successivi al dopoguerra fino alle comode spiagge della modernità.
È vero, e lo ricordano diversi autori che si sono occupati di questo movimento, della isolana “Grande Trasformazione”, come scriverebbe Karl Polanyi (il fratello del Michael citato da Tagliagambe), che il caso sardo è per tanti versi simile a quello di tante regioni dell’Europa del Sud e, a maggior ragione, del Mezzogiorno italiano. Ma la particolarità è che, sin dagli anni ’50, a differenza delle altre aree, l’Isola aveva una chance in più, e nella “cassetta degli attrezzi” si adagiava lo strumento dello Statuto Speciale, un congegno che avrebbe potuto consentire in maniera più autonoma dalla politica romana di scegliere alcune direzioni, della politica economica, della crescita e, soprattutto, dello sviluppo. Allora risulta meno vano illuminare le difficoltà e fragilità isolane di oggi analizzando i passaggi delicati con cui si è compiuta la modernizzazione della Sardegna, cercando di evidenziare – certo, in modo molto schematico – come, anche a distanza di tempo, il complesso gioco dei diversi attori e il differente peso della loro responsabilità e del potere nell’indirizzare il “traghettamento”, nel gestirlo e manovrarlo, abbia delle conseguenze durature e forti; abbia, in un certo modo, plasmato le contemporanee capacità e incapacità imprenditoriali del mercato, l’autonomia (poca) e la dipendenza (molta) della società civile tutta, le inesperienze e la fragilità del ceto amministrativo, il potere della classe politica e dei suoi attori. Di fatto, alla fine sarà pesante l’eredità del dispiegamento di quello che Antonio Pigliaru chiamava la “forza dell’imprenditore politico”, che ha edificato e riprodotto i propri spazi “addestrando” la debolezza degli altri ambiti, del mercato, della società civile e, infine, della pubblica amministrazione, sua principale complice.
Infatti, il “gioco della modernizzazione” concede ruoli specifici dove vince (e ha vinto) chi risulta meno debole, ovvero chi ha più risorse economiche, di conoscenza, tecnologiche, o maggiori rendite nelle posizioni di mediazione da mettere in campo. In molti paesi sono stati gli attori economici ad accompagnare il passaggio della società da economie in gran parte di sussistenza (basate su reciprocità e redistribuzione) a economie sviluppate regolate dal mercato: è stata l’industria un potente veicolo di modernizzazione, il gioco del mercato, la forza dei territori saturi di capitale sociale e fiducia, a spingere verso combinazioni sempre diverse delle risorse e delle relazioni tra le persone, in contrapposizione alla stabilità senza tempo della comunità tradizionale; è stato il mercato a diffondere elementi universalistici, per cui chi lavora all’interno del quadro di mercato non si comporta in modo differente a seconda che abbia a che fare con amici o sconosciuti; è stato il mercato a diffondere la razionalità come conseguenza della necessità di puntigliosi calcoli del dare e avere e di scelta meditata tra differenti opportunità; è stato il mercato a diffondere il contratto, che obbliga le parti per contenuti specifici, solo per quelli e non per altri; sono sempre stati l’industria e il mercato a diffondere l’idea e la prassi del cambiamento come regola, come normalità, a distribuire premi in conseguenza del merito personale e della responsabile organizzazione verso standard di efficienza produttivistica.
Non così in Sardegna, o almeno, non esattamente secondo questo schema e con l’aggiunta della presenza invasiva di un attore al posto di altri, degli “apparati statali” – come li chiama Antonio Mutti – che si costituiscono in luogo del capitale e al posto di questo – sostituendolo – hanno deciso, diretto, programmato e, infine, fallito (con durature conseguenze).
Agli occhi dei relatori parlamentari la Sardegna rurale degli anni ’50 appare arretrata, povera, scarsamente popolata, isolata con l’esterno e al proprio interno a causa della fragilissima e squilibrata rete viaria, con pochi centri urbani, una popolazione per metà dedita allo sfruttamento stentato e poco razionale di terre per lo più frammentate e “brucate” da una pastorizia che rende l’agricoltura subordinata a questa; un terziario che per metà è pubblico e per un terzo composto dalle attività commerciali; l’industria, oltre quella mineraria del Sulcis in forte crisi già dal dopoguerra, è per lo più composta da unità piccole e piccolissime di taglio prettamente artigianale e, per quasi la metà, interne al comparto edile. L’attività economica si concentrava dunque in settori scarsamente dinamici e utilizzava tecniche produttive tradizionali e consolidate: con un bassissimo livello di accumulazione di capitale – sensibilmente inferiore alla media nazionale – con investimenti concentrati in opere pubbliche e opere di sistemazione agraria, con un basso livello di produttività e un consistente flusso migratorio, il sistema economico isolano era del tutto tagliato fuori dall’imponente processo di trasformazione e di sviluppo che in quegli anni caratterizzava l’economia italiana. Tutti gli indicatori delle condizioni di vita segnalano tratti di fragilità e sottosviluppo e raccontano un’isola povera ma non meno povera e statica di altre aree del Sud Europa.
È storica questa debolezza della borghesia, antica e, per alcuni (come Sotgiu, Boscolo e Brigaglia) funzionale alla forza di altri pezzi del paese: una borghesia debole e dipendente. La sua debolezza economica affonda le radici dei caratteri della transizione dal feudalesimo al capitalismo che, in Sardegna, ha comportato una debole presenza e una labilità economica della grande proprietà terriera, oltre che una scarsa dinamicità dell’industria. Ed è sulla base di questa fragilità che si pongono le basi della sua dipendenza territoriale interna, per cui l’isola svolge negli anni ’50 diverse funzioni economiche a favore delle regioni Nord-Occidentali e Centro Orientali: fornisce loro risorse agricole e forza lavoro per l’industria e funge da mercato di sbocco dei manufatti, beni di consumo e beni di investimento, ivi prodotti.
Il circolo vizioso “povertà-spopolamento-denutrizione-scarso popolamento-mancanza di manodopera specializzata- scarsità di industrie- povertà e sottosviluppo” è sotto gli occhi di tutti: ed è questa evidente fragilità dell’attore economico, questa sua responsabile incapacità a porsi come soggetto attivo nell’accumulazione di capitale, propulsore di sviluppo autonomo, che pone le basi e le premesse ideologiche, tesse la filosofia di fondo per l’intervento esterno sul sistema economico, esterno e soprattutto statale e parastatale. È proprio la piena consapevolezza e riconosciuta debolezza del mercato, un mercato che non riusciva – e non sarebbe riuscito – a produrre autonomamente l’accumulazione di capitale necessaria per avviare un processo di sviluppo, che definisce e impone l’idea di un massiccio intervento pubblico.
Certo non era uno strumento originale; la necessità dell’azione statale nell’economia era abbastanza diffusa negli anni ’60 in tutto il paese e, dunque, la classe politica isolana non faceva altro che attingere quello che era disponibile sul mercato delle idee. Ma in quello che ho definito come “il gioco della modernizzazione”, la classe politico-amministrativa isolana non ha avuto nessuna possibilità di definire diversamente le linee e le opzioni di fondo della modernizzazione: il peso delle decisioni verso lo “sviluppo squilibrato” e l’intervento per “poli di sviluppo” degli anni a cavallo tra i ‘6’ e ’70 segnerà fino ai giorni nostri non solo il tessuto economico, ma pure quello sociale, politico e amministrativo di tutta la regione.
Con l’elaborazione di un Piano di Intervento Pubblico (Piano di Rinascita) incominciò, dal punto di vista economico, una storia davvero nuova per la Sardegna; sarà la circostanza determinante, per gli aspetti negativi e quelli positivi, delle trasformazioni dell’economia, della società regionale. Le vecchie fragilità – del mercato, della società e della burocrazia, vengono “frastornate” dalla velocità di un cambiamento indotto ed eterodiretto dalla borghesia di Stato. Ed è questa classe politica o “borghesia regionale” che diventa il fondamento e la fonte della contemporanea debolezza del mercato e della società civile.
In modo sintetico e schematico, si può solo ricordare la filosofia iniziale dell’intervento pubblico nel sistema economico isolano, la sua discrepanza tra le finalità del Piano e la sua attuazione pratica nella creazione dei poli petrolchimici, le relative trasformazioni indotte nel tessuto socio-economico che seppur difformi dai risultati attesi ci sono state e continuano a confermare che esistono, come le chiama Sebregondi “delle differenze tra sviluppo inteso come autopromozione civile ed economica della società e crescita intesa come andamento in progressione del reddito e dei consumi, andamento che può essere scisso dall’incivilimento e dall’auto responsabile promozione”.
Nella concreta attuazione, la classe politica locale ha costruito la sua funzione di classe egemone, ha definito per gli anni a venire la fonte primaria della “dipendenza addestrata” del mercato e della società civile. Questa borghesia regionale ha funzionato come arbitro della penetrazione di ingenti e fondamentali risorse finanziarie pubbliche nel tessuto economico, meccanismo di “accumulazione forzata” e non più sostituto temporaneo di uno sperato sviluppo endogeno, ma rodato ed essenziale strumento di potere in mano a chi media con le fonti finanziarie centrali dimenticandosi della qualità progettuale e concentrandosi essenzialmente nella quantità di risorse da strappare al Centro.
Il Piano (nella sua logica fondamentale e nell’intento di introdurre un meccanismo anomalo ma temporaneo di accumulazione, i “prerequisiti del mercato”) era e doveva essere lo strumento fondamentale, il congegno pubblico, per innestare un processo di sviluppo generale dell’intero sistema economico dell’isola. Esiste però una notevole discrepanza tra le finalità originarie del Piano e la sua attuazione pratica: i fondi della Legge 588 avrebbero dovuto avere carattere straordinario e aggiuntivo; ma hanno finito per essere parzialmente sostitutivi delle altre fonti pubbliche di finanziamento, pur non essendo completamente utilizzati (dei 1800-2000 miliardi previsti inizialmente, ne furono stanziati solo 618 e, infine, spesi soli 197), la destinazione dei fondi registra una difformità tra la distribuzione prevista e quella attuata, con un maggior riguardo – che poi sarebbe diventato percorso unico e privilegiato per la modernizzazione – all’industria piuttosto che al sostegno e alla valorizzazione delle risorse locali (soprattutto quelle agricole e quelle piccole e medie unità industriali della trasformazione); le “zone omogenee”, chiave del possibile intervento diffuso, si restrinsero fino a diventare nuclei, poli industriali di sviluppo nelle sole aree di Cagliari e Sassari (poi arrivò Ottana).
Come scrive stupendamente Lelli, con una “Sardegna spezzata in due”, industria fu infatti, industria chimica e petrolchimica, una delle poche a negare la diffusione dello sviluppo per le caratteristiche che le sono proprie (alta intensità di capitale e speculare bassa intensità di lavoro, difficoltà ad indurre sviluppo “in avanti ed indietro”, secondo la teoria di Hirschmann) e per le conseguenze che di lì a poco sarebbero arrivate dalle dinamiche internazionali, gli shock petroliferi del 1973 e 1975.
Ora, esiste una corposissima letteratura che indaga sul processo di modernizzazione sardo, le sue peculiarità, il ruolo giocato da diversi attori (politici e non), le cause del suo fallimento, etc.. ma a me preme metter in rilievo i tratti generali di questo modello e le sue conseguenze durature. Se è vero che la classe politica puntò tutto sull’industria chimica, addensata in 3 poli, se è vero che il processo di industrializzazione fu esogeno (non sorgendo dalla crescita dei ceti imprenditoriali autonomi); ha avuto una estensione troppo limitata o è stata interrotta alla sua genesi anche dalle crisi internazionali, non ha prodotto le modificazioni attese sul piano della struttura del sistema economico, ha consentito il rigonfiarsi di un terziario precoce, in parte parassitario e in massima parte autoreferenziale e poco attento alla funzione di servizio per l’attività di produzione, ha distrutto le precedenti competenze professionali locali, insomma è stato solo un processo incompiuto, una “industrializzazione mancata”… è anche vero che ciò che non è mancato è la trasformazione di altri ambiti della vita dei cittadini, la sfera dei consumi, lo stile di vita e la struttura delle aspettative.
È proprio grazie allo scambio dei ruoli tra mercato e classe politico amministrativa, al permanere di questo equivoco di fondo nell’assunzione delle distinte funzioni di produzione e regolazione, che si costruisce e permane la forbice tra la “mobilitazione dei consumi e quella della produzione”, come dice Sapelli, per cui la struttura produttiva, la tensione razionale all’efficienza, l’organizzazione e il calcolo razionale delle opportunità tipica dell’imprenditore e del lavoratore, non seguono lo stesso ritmo di cambiamento e la stessa direzione del mondo dei consumi e dello stile di vita che, all’opposto del primo si modernizzano compiutamente.
È proprio la distinzione tra “crescita e sviluppo”, per cui la Sardegna assomiglia– secondo la fortunata metafora di Savona – a quella che si può chiamare una “pentola bucata”: una volta innescato il meccanismo degli incentivi pubblici nella convinzione che il mercato da solo non potesse svolgere un adeguato ruolo di accumulazione per lo sviluppo, la classe politica che gestisce l’importante flusso finanziario verso l’economia, allarga le sue competenze, struttura storicamente e riproduce nei rivoli molteplici degli enti parastatali o pararegionali la sua funzione di mediazione e di arbitro della penetrazione finanziaria, garantisce relativamente alti consumi non corrispondenti alle possibilità concretamente attuabili senza il sostegno pubblico: la società sarda consuma, ma i beni e i servizi, soprattutto i beni, non sono prodotti in loco; le imprese locali non vedono ulteriori spazi al già ristretto mercato e così via.. in un circolo vizioso di reciproche convenienze; la classe politica trova la legittimità della propria riproduzione nella capacità di ampliare o mantenere identico il livello quantitativo dei finanziamenti che arrivano dall’esterno (sia Roma o Bruxelles..); la società è soddisfatta del livello dei consumi e dello stile di vita conquistato; l’imprenditore sa che gioca quasi sempre in un mercato protetto dal notevole flusso di incentivi pubblici senza l’onere dell’assunzione piena del rischio, senza il peso del disciplinamento, del temperamento dell’impulso irrazionale dell’arricchimento verso un guadagno rinnovato nel tempo.
Allora l’atteggiamento di chi frequenta il mercato può essere duplice: “mera speculazione, atteggiamento di rapina verso le persone e le cose, azione una tantum per arricchirsi”, oppure azione economica che trova la sua fondatezza nell’utilizzo degli incentivi pubblici; una classe di imprenditori per cui l’obiettivo fondamentale consiste nel generare per la propria famiglia un reddito che consenta una vita dignitosa. Ma pur sempre di debolezza si tratta, non è spirito imprenditoriale autentico, desiderio di espandere continuamente l’attività produttiva, di conquistare sempre nuove quote di mercato, di far crescere le dimensioni e il potere della propria impresa; non è un impegno quotidiano per costruire una realtà economica durevole e dunque costretta, in un mondo di competizione, a un continuo cambiamento e innovazione.
Se a ciò, alle molteplici distorsioni di una modernizzazione incompiuta, al peso di una mancata industrializzazione non tanto e non solo nelle strutture produttive, nei capitali fissi e nelle quote di addetti, quanto nella cultura che l’industrializzazione spesso è riuscita a diffondere nel suo ambito di produzione, si somma una scarsità e inadeguatezza del capitale sociale presente nell’isola (ovvero quella struttura delle relazioni tra persone, zuppa di sostanza fiduciaria, che consente alle persone di riconoscersi ed intendersi, di scambiarsi informazioni, di aiutarsi reciprocamente e di cooperare per fini comuni) e una scarsa differenziazione sociale, allora il quadro storico delle debolezze della borghesia imprenditoriale isolana si chiude, rinnovandosi però rispetto al passato, perché trova la spinta fondamentale alla propria azione nell’utilizzo degli incentivi pubblici piuttosto che nell’accumulazione di capitale o nella conquista del mercato.
In questo quadro è la classe politica che ha assunto, nella storica trasformazione del clientelismo dei notabili a clientelismo burocratico o organizzativo, un ruolo dominante: la sua funzione si sposta progressivamente dal versante del governo dello sviluppo e del controllo dell’accumulazione a quello dell’erogazione della spesa. Il meccanismo di legittimazione della classe politica non è legato alla sua capacità progettuale, ma al modo in cui essa distribuisce la spesa pubblica fra le diverse categorie di fruitori. In tal senso si può parlare di “debolezza addestrata” di tutti gli altri ambiti della vita sociale ed economica dell’isola: nel gioco delle reciproche convenienze, dove tutti ci hanno guadagnato qualcosa e non vi sono attori con spinte autentiche per il cambiamento, per la classe politica era necessario e funzionale alla riproduzione del suo spazio di potere acquisito “addestrare” il mercato alla debolezza e la società tutta alla dipendenza dall’incentivo, alla debolezza, che è debolezza di iniziativa, di progettualità e, infine di autonomia.
È in questo quadro che si sono sviluppate recentemente quelle pratiche di negoziazione e progettazione partecipata richiamate da Tagliagambe: chi può dimenticare le faticosissime quanto esaltanti e affollatissime riunioni durante l’epoca della “progettazione integrata”. O ci possiamo dimenticare le recenti trame di relazione tra diversi segmenti sociali ed e conomici dei territori, che soggiacevano la possibilità di portare a casa i finanziamenti dei Patti Territoriali? O, ancora, chi non ha mai partecipato alla costruzione della programmazione unitaria ed integrata dei servizi socio-sanitari alla persona, ad uno dei tavoli dei diversi PLUS (Piani Unitari dei Servizi alla Persona) previsti dalla LR.23/2005? In molti casi sono solo gli stakeholders, purtroppo, a far sentire la loro voce e il perimetro della partecipazione si ferma al personalissimo interesse a breve di questi. In altri casi, come nella elefantiaca e sfortunata quanto retoricamente potente “macchina da guerra” della progettazione integrata di Pigliaru e Soru, il meccanismo si ingolfò molto prima del finanziamento delle idee elaborate dal e raccolte sul territorio; il dissolvimento della più preziosa, rara e fondamentale risorsa dei processi di partecipazione collettiva alla costruzione del bene pubblico, la fiducia delle persone, è stato enorme e, purtroppo, ancora se ne pagano le conseguenze. I Patti Territoriali in Sardegna sono stati quasi tutti collusivi, con gli attori economici e politico-amministrativi impegnati a fingere una armonica quanto incolore rete di cooperazione costruttiva utile solo a “portare a casa” il malloppo del Ministero. Insomma, personalmente – non avendo la pretesa di detenere ricette a disposizione – sono convinto che la strada per la costruzione di buone politiche locali di sviluppo sia anche quella descritta da Tagliagambe, anche se uno sguardo agli esiti recenti di pratiche simili non è molto incoraggiante e la strada da compiere per colmare deficit importanti nei diversi tipi di capitale utili a tal fine mi appare incredibilmente lunga.

Marco Zurru

June 22, 2013

In fondo la notizia dell’esame in sardo è soltanto molto triste

3964-2

Non non abbiamo nessun diritto di essere contenti per il fatto che Riccardo Laconi, e soltanto lui, sia un piccolo eroe della limba.

Il merito va tutto a lui, ai suoi genitori che gli hanno insegnato il sardo e alla professoressa Rina Pinna.

Noi dovremmo soltanto vergognarci.

Siamo qui a gioire–finalmente!–di qualcosa che in un paese normale sarebbe la cosa più normale del mondo.

Siamo qui a gioire perché una ragazzino–un piccolo eroe–ha preteso il rispetto di quello che è uno dei diritti umani più elementari: utilizzare la propria lingua nella scuola.

Siamo qui a festeggiare l’eccezione che conferma la regola e la regola è che un quarto dei ragazzi sardi abbandona la scuola senza diploma, perché–ma nessuno ha mai avuto il coraggio di studiare il problema–non parlano l’italiano standard.

Povero il popolo che ha bisogno di eroi, poveri Sardi.

Pensate a quante generazioni di Sardi si sono viste negare questo diritto elementare.

Pensate alle centinaia di migliaia di Sardi che sono state estromesse dalla scuola perché sardofoni.

Pensate a tutte le migliaia di ragazzi sardi che non arrivano al diploma perché non sono in grado di capire un testo semplice in italiano.

Pensate a cosa sarebbe la Sardegna se la selezione della classe dirigente–perché questo è quello che fa la scuola–avvenisse sulla base della conoscenza della lingua e della cultura della nostra terra.

E invece abbiamo la classe dirigente che abbiamo.

Che ci meritiamo.

In fondo non abbiamo il diritto di essere fieri, ma solo il dovere di vergognarci profondamente.

Tutti.

Tutti, meno Riccardo Laconi.

June 21, 2013

A cosa serve un Istitutu de sa limba e de sa curtura sardas

4033

1) Il sardo è veramente diviso in due varietà così diverse tra loro da poter essere considerate lingue diverse?

2) Se la risposta a questa domanda fosse positiva, quali sarebbero i criteri decisivi per questa suddivisione e dove passarebbe il confine tra le due varietà?

3) Il sardo è veramente una lingua arcaica, la lingua più vicina al latino?

4) Il sardo meridionale è veramente pesantemente influenzato dall’italiano medievale?

5) Che caratteristiche dovrebbe avere un’eventuale forma standard del sardo?

6) Quale rapporto dovrebbe avere il sardo standard scritto con le pronunce dei vari dialetti locali?

7) Quali meccanismi fonologici (regole di pronuncia) portano alla realizzazione di pronunce diverse delle stesse parole in dialetti diversi del sardo?

8) Quanto è unitaria la grammatica (morfosintassi)  dei vari dialetti del sardo?

9) Quali e quante sono le caratteristiche strutturali che il cosiddetto Italiano Regionale di Sardegna  ha ereditato dal sardo?

10) Quanto è grande la distanza strutturale tra l’IRS e l’italiano standard?

11) E quanto differisce la morfosintassi del sardo da quella dell’italiano?

12) Quante e quali caratteristiche dell’italiano sono penetrate nel sardo parlato dai giovani?

13) Quante e quali caratteristiche del sardo sono rimaste nell’italiano parlato dai giovani?

14) Quanto influiscono sul rendimento scolastico dei giovani sardi le differenze strutturali e lessicali dell’italiano parlato  da loro, rispetto a quello che la scuola esige?

15) I Sardi “nuragici” possedevano una scrittura?

16) Qual’era la vera funzione dei nuraghi?

17) Si può parlare di una “costante resistenziale sarda”?

18) Quale è stata l’influenza dei Pisani (linguistica, demografica, politica) nella Sardegna meridionale?

19)Perché il Regno di Arborea è stato sconfitto dai Catalani?

20) Perché è fallita la “Sarda Rivoluzione” del 1793-1796?

 

Il compito principale di un’istituzione scientifica è quello di porre delle domande.

Senza domande non possono arrivare risposte.

Ed è proprio dal tipo di domande che si pone che si vede quali siano le posizioni “politiche” di uno scienziato, non dalle risposte che da.

Le risposte, se si tratta di un professionista serio, saranno date dalla metodologia impiegata, quella sì imparziale e, in linea di principio, uguale per tutti.

Una metodología professionale permette a chiunque possieda la professionalità necessaria di riprodurre un dato esperimento, i cui risultati appaiano dubbi.

Io ci ho messo una mezzora a buttare giù 20 di quelle domande che le università italiane di Sardegna non si pongono.

È chiaro , allora, che la Sardegna da queste istituzioni non avrà mai una risposta.

Niente domande, niente risposte.

Per la precisione, le risposte dell’accademia “sarda” alla prime 4 domande sono state contraddette da ricerche compiute in università non italiane, che però vengono sistematicamente ignorate. Lo stesso vale per altre domande, le cui risposte tradizionali sono state messe in discussione da studiosi non legati all’accademia.

Eppure si tratta di domande decisive per la formazione dell’immagine che i Sardi hanno di se stessi, per la loro identità.

Da questa “assenza di curiosità” possiamo tranquillamente dedurre le posizioni politiche degli accademici “sardi” rispetto all’identità dei Sardi.

Ecco perché ci serve un Istitutu de sa limba e de sa curtura sardas.

L’identità di un popolo è in gran parte un costrutto, frutto del lavoro dei suoi intellettuali.

La “questione sarda” è in fondo tutta qui, nella mancanza di istituzioni culturali che pongano la domanda: “Ma cosa vuol dire essere Sardi?”

Eppure, davanti a questa crisi drammatica e totale che mostra tutta l’inaccetabilità dello statu quo, dovrebbe essere la prima domanda che uno si pone.

Come possiamo pensare di cambiare, se non sappiamo chi siamo?

 

 

June 15, 2013

Appunti per una politica di pianificazione linguistica

478-3

La politica linguistica della RAS deve mirare a due obiettivi:

1) la rivitalizzazione del sardo: il sardo deve tornare a essere una lingua normale.

2) il superamento della tragica situazione della dispersione scolastica in Sardegna.

Io penso che questi due obiettivi siano in fondo riconducibili a un unico obiettivo generale: la realizzazione del bilinguismo perfetto.

Quando il sardo sarà utilizzato in tutte le situazioni in cui oggi si usa l’italiano–e soprattutto a scuola e nelle università–anche molti dei problemi linguistici dei giovani sardi saranno superati.

Questo perché una più esplicita e–si presume–più corretta conoscenza del sardo non può che comportare una maggiore coscienza della presenza di moltissimi elementi lessicali e grammaticali del sardo nell’italiano effettivamente usato dai Sardi.

La polarizzazione linguistica italiano-sardo non può che migliorare la competenza dei ragazzi nell italiano standard e, di conseguenza, il loro rendimento scolastico.

Oggi, malgrado la presunta italianizzazione linguistica della Sardegna, troviamo nell’isola una situazione scolastica paragonabile a quella di altre regioni in cui sono presenti minoranze linguistiche: Ripetenza in Italia e fuori – rilevazioni INVALSI – T. Pedrizzi

Scuola secondaria di 2° grado (2° anno) Anche qui, per quanto riguarda le percentuali di posticipatari [ripetenti] presenti nel campione, viene rilevata una loro maggiore presenza nelle regioni settentrionali ed una diminuzione costante nel passaggio dal Centro a Sud. In Val d’Aosta sono il 31% e nelle scuole italiane della Provincia di Bolzano il 38%. Scendendo al Sud, la tendenza alla diminuzione è la stessa della scuola media, fino ad arrivare al 13% della Calabria. Unica eccezione la Sardegna che arriva al 30%. Le cause ipotizzate sono sempre le stesse.”
Val d’Aosta: 31%
Sud Tirolo (scuole italiane): 38%
Sardegna (chissà perchè associata al meridione, ma in controtendenza): 30%
Che il ritardo scolastico–e la dispersione–siano collegati alla situazione linguistica viene confermato da un’altro dato: nel 2010, la segretaria regionale della CISL, Oriana Putzolu,  affermava che “ L’indicatore percentuale di studenti con scarse capacità di comprensione della lettura, riferito all’aggregato “Isole”, evidenzia che il 36% circa degli studenti isolani non risulta in grado di comprendere nemmeno testi che presentano un livello di difficoltà molto basso.”
Ma la verità è che, anche se possiamo intuire facilmente il rapporto tra situazione linguistica e ritardo scolastico, non esistono studi in proposito.
L’ultimo studio importante dedicato all’italiano parlato dai Sardi è quello di Ines Loi Corvetto: “L’italiano regionale di Sardegna”, del 1983.
Allo stesso anno risale l’articolo di Angioni, Lavino e Lörinczi sulle interferenze dal sardo all’italiano nell IRS (Sul senso comune dei sardi a proposito delle varietà linguistiche usate in Sardegna (coautori G. Angioni e M. Lörinczi Angioni), in Gruppo di Lecce (a cura di), Linguistica e antropologia. Atti del XIV Congresso Internazionale di Studi della Società di Linguistica Italiana (Lecce, 23-25 maggio 1980), Roma, Bulzoni, 1983 (prepubblicato anche in “Quaderni sardi di storia”, 2, 1981, pp. 35-56).
Agli stessi anni risalgono anche gli altri studi di Lavinio sulla lingua dei ragazzi delle scuole sarde (Pubblicazioni – Saggi e articoli).
Esistono poi almeno due articoli su studi effettuati da Sardi al di fuori delle università italiane di Sardegna:ECCA, S. & GARAU, A. (1999): “Interventi nell’ambito dell’attuazione del progetto 7 B/2 Affermazione dei valori dell’identità nel sistema scolastico isolano”; ERDAS, F.E. (1988) La lingua sarda nella scuola elementare in Sardegna, Italia, Fryske Akademy/EMU-projekt, Ljouwert.
In Francia è apparso “L’education bilingue precoce en contexte diglossique: elements d’une analyse d’une experience pedagogique en Sardaigne”, Tesi di Dottorato, Université de Marseille, ANDRE, E. (1997) Aix-Marseille.
E sempre all’estero, i seguenti articoli di sociolinguistica: RINDLER SCHJERVE, R. (1998) “An indicator for language shift? Evidence from Sardinian-Italian bilingualism”, in JACOBSON, R. (ed.) Codeswitching Worldwide, Berlin-New York, Mouton de Gruyter, 221-247; RINDLER SCHJERVE, R. (1981) “Bilingualism and language shift in Sardinia”, in HAUGEN, E. ET AL. (eds.), Minority Languages Today. Selected Writings, Edinburgh, 137-143; RINDLER SCHJERVE, R. (1998) “Codeswitching as an indicator for language shift? -Evidence from Sardinian-Italian bilingualism”, in JACOBSON, R. (ed.), Codeswitching Worldwide. Trends in Linguistics. Studies and Monographs 106, Mouton de Gruyter,
Berlin-New York, 221-247.
È dai tempi del libro di Loi Corvetto, scritto con l’intento dichiarato di voler dimostrare l’italianità linguistica della Sardegna, e in aperta polemica con il movimento linguistico “separatista”, che la curiosità e l’interesse degli accademici delle università sarde per la situazione linguistica dei giovani sardi si sono, diciamo così, assopiti.
Viene da pensare che, una volta compiuto il loro dovere, questi accademici, soddisfatti, si siano abbandonati al sonno dei giusti.
Bisogna arrivare al 2006 e al dinamismo di Renato Soru, per veder partire un nuovo studio di grande portata sulla situazione sociolinguistica della Sardegna: chirca sotziulinguistica
Ma questo studio quantitativo non ci dice niente sulla lingua effettivamente usata dai giovani sardi.
Il primo obiettivo di una qualsiasi pianificazione linguistica deve essere quello di conoscere la situazione in cui si vuole intervenire.
Sappiamo che oltre il 60% dei ragazzi sardi (maschi) ha dichiarato di avere una competenza attiva del sardo e sappiamo che tutti i giovani sardi sono “italofoni”.
Ma non sappiamo se gli idiomi usati da questi ragazzi corrispondano poi al sardo parlato da un parlante nativo anziano–da un lato–e all’italiano preteso dalla scuola–dall’altro.
Sappiamo soltanto che i dati sulla dispersione scolatica record ci avvertono che qualcosa qui non quadra.
L’università italiana di Sardegna è su questo fronte–usiamo pure un eufemismo–latitante.
Già soltanto il fatto che non esistano dei dipartimenti di lingua sarda, in cui si dovrebbe fare ricerca su morfo-sintassi, fonologia, sociolinguistica, dialettologia, pragmatica, letteratura del sardo la dice lunga sull ‘interesse degli accademici per la situazione linguistica e sociale della Sardegna.
Esistono le cattedre di “linguistica sarda”, cioè di fonetica storica tedesca dell’800.E questo è quanto.
Per sapere come intervenire oggi sulla situazione linguistica–e scolastica–della Sardegna, le etimologie non ci servono a molto.
Per sapere quanto la sintassi dell’IRS coincida con quella del sardo, divergendo quindi da quella dell’italiano, e condizionando perciò il rendimento scolastico dei ragazzi sardi, dobbiamo far partire una ricerca, cominciando praticamente da zero.
Questa è la situazione.
Si sono spesi milioni per combattere la dispersione scolastica, senza aver mai indagato il rapporto tra lingua dei ragazzi e rendimento scolastico.
Naturalmente non esiste neppure una grammatica contrastiva sardo-italiano, strumento indispensabile per produrre il materiale didattico–oggi praticamente inesistente–sia per introdurre il sardo nelle scuole, sia per fra prendere coscienza agli studenti di quanto ancora sardo sia il loro “italiano”.
Non sono mai state studiate quelle situazioni all’estero in cui le lingue minoritarie vengono insegnate con successo nelle scuole, per esempio, il Galles, dove è stata ribaltata una situazione in origine molto simile a quella sarda.
Si parla di introdurre il sardo nella suola e perfino come materia curricolare, ma senza avere la più pallida idea se si debba insegnare come L1 o L2 o chissà cos’altro ancora.
Si ha l’impressione che–senza dirlo–si voglia ripetere l’approccio statale all’insegnamento dell’italiano: costringiamoli a impararla questa lingua e alla fine la impareranno.
Un po’ come è stato fatto per la LSU prima e per la LSC poi: interventi dall’alto che non tengono conto delle esigenze della uniche persone che possono mantenere vivo e rivitalizzare il sardo, i parlanti stessi.
Primo passo per una pianificazione linguistica significa allora voler capire e conoscere quale sia oggi la situazione linguistica in Sardegna.
È possibile senza avere una struttura stabile di ricerca?
June 13, 2013

Sa ditatura de is inniorantes

231

Nanni Falconi m’at scritu custa cosa: “Gigi Sanna, in una risposta a unu articuleddu meu in Monte Prama, faghet su contu de unu fatu chi l’est capitadu.
Cit: “Durante una gita nel Continente i ragazzi nell’autobus si erano divisi praticamente in due gruppi: quelli che cantavano in sardo e quelli che, ammutoliti, lo subivano per un certo tempo, per poi prendere il sopravvento con i canti in italiano. Prendevano il sopravvento semplicemente perché le canzoni in italiano facevano parte di un patrimonio condiviso dai due gruppi e pertanto il canto diventava corale e accettato di buon grado. Ma quella esperienza mi fece capire che ormai in Sardegna era in atto un fenomeno terrificante: che il sardo, nei fatti, divideva invece che unire.”

Lampu dimo’!

Gigi puru est perdende corpos.

Est arribbadu a su livellu de intelligentzia de is indipendentistas “all’amatriciana”.

Custa borta est arribbadu a giustificare sa ditatura de is inniorantes.

E Nanni ddi donat rexone, mi!

Deo puru so arribbadu a is 60 annos: non m’at a tocare a me puru intro de una pariga de annos?

Cussu tallu de pitzocos fit partzidu in duos: berus, lampu!

Una minoría ki ischíat de prus e una majoría ki ischíat prus pagu.

At binchidu sa majoría de is inniorantes.

Oe in Sardinnia semus arribbados a esser ke a is Italianos: fieros de ischire prus pagu de is áteros.

E cando fintzas is pagos intelletuales ki bi tenimus cumentzant a arrexonare ke a cussos tontos populistas de RegReS, tando semus postos male de a beru.

Ma cando mai iat esser su sardu a partzire a is Sardos?

Est s’inniorantzia ki ddos partzit!

E tocat a ddu torrare a narrer craru: unu sardu ki non connoschet sa limba e sa curtura de sa Sardinnia est unu INNIORANTE e balet prus pagu de is áteros.

Sa befa est ki nosi lassamus cumandare dae issos.

E immoe fintzas is intelletuales si sunt arrendende a sa ditatura de is inniorantes.

A frores semus!