Di ritorno da Barcellona (la riscossa)

470

Prima che mi stanchi anche di questo gioco e prima di tornare in Catalunya per un po’ di meritate vacanze–ma non sparirò del tutto–eccovi un post tornato attuale, che il motore di ricerca di qualche lettore ha riesumato dall’oblio.

Tornare da Barcellona è sempre un po’ deprimente.

Un po’ dipende da quel sentimento che provi tu e che senti da parte loro: il rimpianto per quello che è finito e per quello che sarebbe potuto essere tra noi.

Come ritrovarsi, invecchiati, tra vecchi amanti.

Il gioco esplicito del “Ti ricordi” e quello, mai esplicito, del “Se soltanto ti avessi trattato meglio”.

Ma per me è soprattutto il confronto con quello che saremmo potuti diventare, se la storia fosse andata un po’ diversamente.

I Catalani sono i nostri vecchi amanti ricchi che, oggi, se solo potessero…

Ma noi non siamo i Catalani e forse non diventeremo mai come loro.

Ricchi, sicuri di se, uno stato nello stato spagnolo che riesce a confrontarsi alla pari con il governo centrale.

I Catalani hanno una classe dirigente nazionale, una borghesia nazionale.

E noi ne abbiamo una coloniale, compradora.

I miei amici catalani–borghesi catalani–hanno appreso il catalano in famiglia, quando ad usarlo in pubblico si finiva in galera, e hanno appreso il castigliano a scuola.

I nostri intellettuali sardi ragionano invece ancora completamente in termini di “Sei un Sardo che vale, se hai successo in Italia”.

Leggetevi quello che scrive Giovanni Maria Bellu su Sardegna 24:

“Oggi “nominiamo” Michela Murgia personalità sarda del 2011 per la cultura. Michela, col suo talento e la sua intelligenza, si è stabilmente affermata in campo nazionale non solo come scrittrice, ma anche come opinionista. Ma la sua attenzione per la Sardegna non si è attenuata. Al contrario. Dobbiamo essergliene grati.”

Insomma, dovremmo essere grati a un Sardo perché non si è completamente dimenticato di essere Sardo.

E qui non c’entrano i meriti o demeriti di Kelledda Murgia.

Qui c’è solo l’ennesimo intellettuale sardo genuflesso davanti a un feticcio italiano, felice di poterne leccare i sottoprodotti.

Bellu stabilisce il nuovo record di servilismo sardo.

Lecchi pure: contento lui…

No, non semus sa Catalunnia!

3 Comments to “Di ritorno da Barcellona (la riscossa)”

  1. La….. borghesia catalana è ispanizzata dai tempi della dinastia Trastamara e immoi, sigumenti funti meda e arriccus, non poita ddu merescint o poita immoi funt torraus a chistionai catalanu, pa poita funt in Spagna, comenti sa Lombardia est in Italia, regionis de lacana con sa prus de importu potenzia de duus seculus in su mediterraneu: sa Francia. Custu est, podiant cummerciai e fai cuncurrentzia cun sa sa Francia ca dda teniant accanta e, in prus, teniant un mercau internu mannu meda. Custu est su nazionalismu catalanu: leghismu in paella!! Tenint axiu a nai chi a palas c’est sa lingua, sa natzioni, ecc., tottus sciollorius paris de cussus de Bossi in canottiera. Funt centrifugus candu ddi fait comodu, republicanus candu a Madrid ddu at su rey e monarchigus candu a Madrid ddu at sa repubblica. In fondo a Mussolini nci dd’ant appiccau a piazzale Loreto, non a Piazza Navona!!
    Fai cunfontus cun sa Sardigna est fora de sentidu: nosu seus pagu, seus un’isola sa prus isolada chi nci est in su Mediterrraneu e teneus pagu arresorsas.
    Sa boccidura de sa lingua non est sa causa ma su chi nci podiat e depiat bessiri. No podis furriai unu paisu suttasviluppau a potentzia cun sa lingua, ma scioberendi politicus chi ndi scippiant de economia, de competenzias legislativas e amministrativas, de sociologia, de ingegneria de infrastrutturas. No de finantza, a sinuncas faeus sa fini de Cipru, chi aggiumai ddu serrant po bancarotta fraudolenta. Innoi de assumancu trint’annus no teneus politigus preparaus, scetti gentalledda po domu insoru. S’unica infrastruttura ca anti fraigau est su sistema de digas, ca assumancu s’aqua dda teneus dogna di, ma no teneus bias ed arrugas modernas, s’energia nosi costat su doppiu ca nosu nucleari no ndi boleus, si seus tentu fabbricas e mineras ca non serbiant prus a nudda de annus e is operaius non bolint fai is camerieris ca ddis parit una umiliatzioni.
    Castiadì, in s’Olanda tua, candu nci est dda fai calincuna infrastruttura manna chi sutzedit tottu s’avvolottu po su Frejus, po su ponti de Messina e po su MOSE. No!!! DDas faint e basta, ca serbint, mancai s’Olanda siat giai logu leggiu po bivvi, e propriu po cussu s’arriscant, e s’agguantant puru su nucleari.
    E, a bortas, funt puru unu pagu fillus de mamma bona, ca no castiant in faccia a nemus.
    E nosu, in Sardigna? Tenemmu 4 o 5 annus candu appu biu po sa primu borta su progettu po sa bia a quattru corsias po Pula, funt passaus 45 annus, ndi ant fattu un arroghixeddu, immoi ant post calincuna lacana de su cantieri ma est tottu firmu. 50 annus non funt bastaus po si ponni de accordiu, ca inguni ddoi at sa terra mia, inguddenis ddoi at unu frorixeddu raru, innia passat accant”e domu mia, e aicci seus.
    No est curpa de is italianus colonizadoris, est curpa nosta e tottu, tontus, ignorantis e presumius puru!!!

  2. 🙂 immoi si cumprendeus a pari!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: