Archive for July 7th, 2013

July 7, 2013

Simmetrie

166

Io sono diventato anche culturalmente democratico, leggendo questo libro:Amazon.com: The Ancestor’s Tale: A Pilgrimage to the Dawn of

Il biologo evoluzionista Richard Dawkins spiega nel suo libro come è avvenuto che, a ogni coglione di destra, ne corrisponde uno di sinistra.

A un certo punto dell’evoluzione, uno dei nostri antenati comuni (penso il primo crostaceo) ha scoperto la simmetria e quindi anche la suddivisione fondamentale degli schieramenti politici, visto che noi ci siamo evoluti seguendo il percorso iniziato dai crostacei.

Essere di destra o di sinistra, quindi, rappresenta soltanto gli interessi di una parte e non significa avere automaticamente ragione o essere moralmente superiori.

A essere di destra o di sinistra si corrono il 50% dei rischi di essere un coglione, ma–attenzione!– a essere di centro–e Ernesto Galli della Loggia è lì a dimostrarcelo–i rischi sono del 100%.

E c’è da aggiungere che data la superiorità della sinistra–e io ci credo che sia così, perché sono di sinistra da sempre –quando un coglione è di sinistra è anche superiormente coglione!

E a dimostrarcelo c’è la sinistra chjashteddaja: http://www.sanatzione.eu/2013/07/comune-di-cagliari-discrimina-la-lingua-sarda-di-francesco-casula/

I nostri coglioni, ma moralmente superiori, hanno rigettato la proposta di utilizzo della lingua Sarda nei concorsi, perché “usarla crea discriminazione”.

Cioè, hanno fatto propri gli argomenti del soprano Gianluca Floris: Dal Rigoletto alla Cavalcata delle Walkirie: quando il melodramma intacca il cervello di chi già ne ha poco.

Quanto tempo è passato da quando la mamma di Guccini poteva affermare che “un laureato conta di più di un cantante”. Oggi non basta neppure un PhD in linguistica contro i gorgheggi di un cantante ignorante.

Che Floris non abbia mai sentito parlare di discriminazione positivaloc. s.le f. Disparità di trattamento in favore di chi appartiene a una minoranza, a una categoria debole”(Discriminazione Positiva in Neologismi – Treccani) non mi stupisce. Che dei consiglieri comunali di sinistra lo ignorino, mi avrebbe stupito se non avessi letto Dawkins.

Sto scherzando, naturalmente.

I nostri eroi di sinistra non sono coglioni, sono soltanto degli abbietti difensori dei privilegi dei monolingui isterici come Floris, una minoranza infima in Sardegna.

Andate a rivedervi i dati della ricerca sociolinguistica commissionata dalla giunta Soru (chirca sotziulinguistica).

Scoprirete un collegamento diretto e negativo tra la competenza attiva del sardo e il conseguimento di un titolo di studio superiore.

In termini più semplici: a essere discriminati in Sardegna–e discriminati dalla scuola italiana–sono ancora e in modo drammatico i sardofoni.

Questi consiglieri comunali sono di sinistra per modo di dire, se per sinistra si intende la parte politica che si schiera dalla parte dei più deboli.

Si sono, insomma, infiltrati tra i democratici per continuare a rappresentare in modo subdolo i privilegi dell’élite italofona in Sardegna.

Come la saggezza popolare della barzellette ci ricorda, c’è chi nasce democratico e c’è chi nasce figlio di p…pardon! e c’è chi nasce cantante.