Archive for July 28th, 2013

July 28, 2013

Le orfanelle della lingua

240

Giorni fa circolava su FB la notizia che Franciscu Sedda aveva lanciato la proposta di istituire  un Assessorato alla Lingua.

Non so se Franciscu abbia ripreso la mia provocazione di alcune settimane fa (http://www.sanatzione.eu/2013/06/un-assessorato-o-un-istituto-per-la-lingua-e-la-cultura-sarda/), ma in fondo non importa.

Importa invece che finora Franciscu sarebbe l’unico politico di area indipendentista-sovranista-democratica a fare una qualsiasi proposta per la lingua.

E anche questa proposta non sembra meditata a fondo.

La lingua non va gestita dalla politica, ma da un’istituto indipendente, che funziona in piena autonomia, sul modello magari dell´Institut d’Estudis Catalans: Un elettore in cerca di candidato Preferenza alle donne e Istitutu de sa limba , A cosa serve un Istitutu de sa limba e de sa curtura sardas

Per il resto, silenzio e anche la proposta di Franciscu non costituisce ancora un programma.

Soprattutto il potenziale candidato alla presidenza tace: “E sulla lingua sarda, al di là delle generiche aperture al bilinguismo, quale sarà la posizione? Quale il progetto? ” Il nuovo Partito dei Sardi, le altre formazioni sovraniste e quelle domande che Maninchedda non può eludere

Alcune malelingue dicono che Paolo non può permettersi di schierarsi a favore della limba, perché ha un debito di riconoscenza con il Clan dei Sassaresi, notoriamente dediti a riti satanici e sardofobi.

Altre malelingue (cioè, io) dicono che Maninchedda, malgrado il suo bilinguismo, fa semplicemente parte di quell’élite monolingue in italiano che avrebbe tutto da perdere, se in Sardegna si instaurasse un regime di bilinguismo perfetto: La limba e le elezioni, ovvero: perché non riesco a innamorarmi di Maninchedda .

Amigos stimados, a su ki paret, semus orfanos.

Non tenemus nen babbos, nen mammas in sa politica.

A Franciscu ancora non bi ddu bido fende-mi a babbu.

Arisero fia arrexonende cun Edith de custa cosa e issa m’at nadu ki forsis fiat ora de dd’acabbare de faxer su Don Quijote, de atzetare ki is cosas sunt comente sunt.

Ma deo prus a prestu m’intendo unu Sancho Panza: gigantes de cumbater non nde bido e is Dulcineas sunt totu burricatzas.

Custas eletziones puru ant a andare comente e semper e totu su trabballu fatu dae noso macos-de-sa-limba at a abarrare a foras de is palatzios de su podere monolingue in italianu.

In custu sa Sardinnia non est diferente dae s’Italia, sa politica est atesu meda dae sa gente.

Deo apo a sighire a trabballare fintzas a cando nde tengio gana e fintzas a cando mi spassio.

Illusiones non  nde tengio.