Cosa sarebbe mai questo “stato sardo”?

4839

Se qualcuno mi chiedesse se sono a favore di uno “stato sardo” gli risponderei con la domanda: “Di che cazzo stai parlando?”

Non vorrei una Repubblica Islamica Sarda e non vorrei neppure un Rennu de Sardinnia, né con i Savoia a loro capo, né con i Serra-Bas.

Vorrei una Sardegna che costituisse uno stato di diritto, in cui le libertà politiche, economiche e i diritti civili siano garantiti per tutti, ma non mi farebbe assolutamente schifo l’idea di far parte di una federazione di stati o regioni–per esempio, un’Europa molto diversa da quella attuale–in cui queste libertà e diritti venissero garantiti anche per i Sardi.

Se poi la domanda fosse diretta a capire che rapporto vorrei tra Sardegna e Italia–domanda ben diversa–risponderei che l’Italia non è uno stato di diritto–come stiamo vedendo in questi giorni–che non a caso calpesta i nostri diritti e ignora le nostre necessità e che prima ridefiniamo il nostro rapporto con essa meglio è, dove “ridefinire”, data la situazione disperata della democrazia in Italia, è praticamente sinonimo di “recidere”.

“Ma, allora”–continuerebbe il mio interlocutore–vorresti lo “stato sardo”!”

Non necessariamente–io non sono così fissato con quel feticcio burocratico–si potrebbe partecipare a una specie di Confederazione Mediterranea, all’interno di un Europa diversa, di cui potrebbero far parte anche Catalogna, Corsica e chissà che altro ancora.

Per me la questione della fondazione di uno stato indipendente costituisce un falso obiettivo, un feticcio che ha l’effetto di distrarci da quello che è il nostro obiettivo vero: arrivare a una Sardegna che sia governata da Sardi.

“Ma–direbbe il mio interlocutore–la Sardegna è già governata da Sardi, che governano in nome dell’Italia e per farne gli interessi.”

Sappiamo bene che le cose non sono così semplici come le pone il mio interlocutore.

Esiste, a partire dalla battaglia di Sanluri, un patto tra dominatore straniero e classi dirigenti sarde: Il mito di fondazione della borghesia compradora sardignola

Prima ancora che l’Italia, il problema della Sardegna è costituito da queste classi dirigenti, alleate da sempre con il dominatore straniero.

E questa borghesia compradora esprime da sempre–da quando esiste la democrazia–i politici che governano la Sardegna, sì, è vero, per conto dell’Italia, ma anche per conto dei vari printzipales sardi.

E sono i printzipales che, con l’apporto fondamentale dell’Italia, hanno impedito che i Sardi diventassero una nazione, cioè una comunità di individui legati gli uni agli altri da un patto di buon vicinato, che implica la solidarietà reciproca, una cultura e una lingua–ma qui bisogna precisare bene, non necessariamente adesso– e una storia condivisi, oltre alla coscienza di avere un destino comune.

Come vedete, propongo una definizione interamente culturale e sociale di nazione: la nazione è l’esistere tutti assieme dei buoni vicini.

Niente a che fare con il blut und boden dei nazisti.

E lo “stato sardo”?

Tutto dipende da quello che si intende per “stato” e da quello che si intende per “sardo”.

Se per “sardo” si intende uno stato governato da politici anagraficamente sardi, mi sembra che non si farebbe un passo avanti rispetto alla situazione attuale.

Basta vedere in che razza di casini sono sprofondati quasi tutti gli stati nati dalla decolonizzazione e che si sono limitati a sostituire la classe dirigente coloniale con politici provenienti da quelle classi sociali che mediavano tra colonizzatore e il resto della popolazione.

Se per “stato sardo” si intende l’organizzazione del potere all’interno della nazione sarda–questa definita come qui sopra–allora stiamo parlando di qualcosa di profondamente diverso.

A governare la nazione sarda ci sarebbero delle persone profondamente diverse dalle attuali classi dirigenti sarde.

L’ho già detto tante volte: scorciatoie verso l’indipendenza non ne esistono.

L’indipendenza politica passa per l’indipendenza psicologica, che passa per l’indipendenza culturale, che passa attraverso l’indipendenza linguistica.

Sedda & Maninchedda sono liberissimi di proporci i loro sconti di fine stagione, con l’indipendenza che è li dietro l’angolo–ma a miei tempi la chiamavamo “rivoluzione. Toh! Anche loro!–e con “la lingua questione parziale, benché rilevante”.

Questo, però, si chiama mettere il carro davanti ai buoi, perché–e lo capisce anche un bambino–per arrivare all’indipendenza in modo democratico, bisogna conquistare la coscienza della metà dei Sardi più uno, e questa coscienza non basta la crisi economica a dartela, come ci ha ricordato lo stesso Maninchedda.

E allora?

E allora se si vuole fondare lo stato sardo–e io ho paura che con questa Italia non abbiamo scelta–bisogna prima costruire la nazione sarda–cioè la cultura nazionale della Sardegna–e non far finta che la nazione sia un dato naturale e assodato.

No cari Paolo e Franciscu, l’anagrafe al massimo ti rende sardignolo, non sardo.

L’identità, cioè l’appartenenza o meno a una comunità, ti è data dalla pratica a cui aderisci, da quello che fai e non da un estratto dall’anagrafe.

What about Judith Butler?

E se non riusciamo ad essere nazione–comunità di buoni vicini con un destino comune–lo stato sardo ce lo possiamo dimenticare.

Al massimo potremmo ambire a uno stato sardignolo: no thanks!

3 Comments to “Cosa sarebbe mai questo “stato sardo”?”

  1. Eris fia in villamassargia acumpagnende unu grupu moldavu a su festival de su folklore. fia s’únicu intérprete e fia faeddende de sa sardigna e issos de su 45 pro chentu de russos chi catigant sos diritos issoro in sa terra issoro. bi fiant finas sos bascos chi no ant cherfidu s’innu ispagnolu a cumentzu de serada etc. totu est rutu cando at cumentzadu s’innu italianu a sonare e sa gente aplaudende!! Semus a tesu meda… meda…

  2. E perchè avrebbero dovuto fischiare l’inno nazionale? Giai est berus chi est leggiu meda, cussa marcixedda schiava di Roma, ma est innu de su Stadu nostu nasciu in su 1326. Con una guerra contro gli Italo-Pisani!! Labai chi est strollica sa storia. Eus fattu nasci su Stadu italianu contra is italianus. E no abbastat. Dd’eus governau puru cun duus Presidentis de sa Repubblica: fiant tattaresus, po nai sa beridadi, duncas non chistionànt su sardu, duncas no fiant sardus berus, o nou? Boh, no dda cumprendu beni sa politica.
    Appu biu su libru nou de Corongiu in libreria, appu castiau duas pagineddas, femmu intendendi-mi mali a su coru (deppiat èssiri sa basca!) e dd’appu lassau innia.
    Dogna tanti torru a liggi custu blog, biu sempri su propriu minestroni, su Bolognesu furiosu, assumancu mi fait arriri ca ndi donat a manca e a deretta, calincunu natzionalista trinariciuto etno-nugoresu-centricu, tottus aicci attesu de sa genti comuna, ca candu is paladinus insoru pigant surras a is eletzionis, no cumprendint poita: ma nou, funt is sardus ca funt lombrosianamenti callonis e no delinquentis. Si bit de sa forma de sa conca ca funt callonis. intzandus toccat a si paxiai, ca a cambiai su chi nc’est aintru de sa conca gei si podit tentai, ma cambiai sa forma no si podit.

  3. Su Bolognesu picat arreionos chi tenen valore ca a su nessi faeddat de sardinna..ma custu lombrosianu chi iscriet in sardu mi paret solu unu de cuddos funzionaros ministeriales inpensione chi sa timoria de la perdere.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: