Respusta de Riccardo Mura e respusta mia a issu

823

Riccado Mura at torradu custa respusta: ”

Iscuseti si rispondu cussì a taldu, è chi la chita passata era in ferie.

Comu aggju gjà scrittu rispudendi a Giagu Ledda in Facebook, lu muttiu palchì aggju sciuaratu lu ‘mpreu di l’espressioni “sistema linguistico sardo” è in palti “obbiettivo” in palti “provocatorio”.

E’ obbiettivu illu sensu chi, cunsidarendi la linga salda d’oggjindì, no si pò ancora faiddhà di “linga” in sensu cuncretu. Lu me rasgionu è un pocu a lu riessu di chissu di Bolognesi: esisti la linga salda in sensu linguìsticu, ma no in sensu pulìticu, palchì aemu bisongju d’una pianificazioni linguìstica e di strumenti legislativi noi chi fòcciani divintà chistu sistema linguìsticu una linga comu si dei, “a tutti gli effetti”.

E in chistu sensu la mea è puru una provocazioni, anzi, una provocazioni a dui ‘ii: 1) par ammintà a li saldòfoni chi, pa’ lu ‘stanti, ani solu un sistema linguìsticu com’e lu nostru salducossu; 2) par ammintacci, a tutti canti, chi una cosa è faiddhà di linga salda com’e un “dato acquisito”, in manera di cunfultacci tra pari, un’alta cosa è figgjulà la realtai, saria a dì chi ancora semu abbeddhu allonga da cassisia risultatu “tangibile” e chi pròppiu pa’ chista rasgioni aemu di potenzià finanziariamenti la pulìtica linguìstica regionali.

Eu no vicu l’ora di pudé scriì “la lingua sarda, la lingua corsa di Sardegna, la lingua catalana di Alghero, la lingua ligure del Sulcis, la lingua italiana di Sardegna”!

PS: pa’ dì la ‘iritai, chista, pa’ lu ‘stanti, è solu una prupposta mea pa’ Is novadores e lu Partito dei sardi; ancora no aemu autu la pussibbilitai di rasgiunà insembi e dizzidì lu programma di pulìtica linguìstica di lu paltitu, cosa chi arem’a fà in chisti chiti.”

 

E deo ddi respundo preguntande-ddi si est bisende cando narat ca su sardu est politicamente”unu sistema linguisticu”  e de prus ancora cando faeddat de “lingua italiana di Sardegna”. Si custu est unu de is puntos de importu de su programma linguisticu de su partidu suo, at a abarrare su ki est: una proposta.

10 Comments to “Respusta de Riccardo Mura e respusta mia a issu”

  1. O Ricca’, ghjà ti la pudìi imparà a scriì, la linga Sardu-Corsa… -.-

  2. Ojojojoj… “lingua sardo-corsa”… cioè… il campidanese secondo voi, non è una lingua a se, ma tutto il resto lo è?
    “Lingua sarda del sulcis” … cessu cessu…Mura scrit unu scilloriu prus mannu de s’ ateru … e ps. Puru deu apu torrau arrespusta a Mura… bai e circa.

    • Perché: secondo te non esiste, la lingua sardo-corsa? o.O

      • In sa traditzioni de sa romanistica no esistit su fueddu “sardu-corsu”. Ellu, ddu podeus imbentai… perou su corsu est unu dialetu de s’ italianu. E su sardu est una lingua cun meda dialetus. Insandus, su “sardu-corsu” est o unu dialetu de su sardu o unu dialetu de s’ italianu. Se imoi bollis inghitzai una arrexonada apitzus de sa diferentzia intru lingua e dialetu, ti depis ligi unu muntoni de cosas chi ant scritu is romanistas asuba de custu tema… no cherrit nai ca su dialetu sardu-corsu o aterus dialetus in Sardinnia no tengant balori o pagu prus balori de su sardu o ateras linguas. Cherrit nai ca est unu problema de terminologia de sotziulinguistica. In custa terminologia (internatzionali) de sa Romanistica, su sardu-corsu est unu dialetu, cumenti s’ algheresu est unu dialetu de su catalanu. Amisturai sa linguistica cun sa politica no portat a setiu. Innantis si depit castiai ita est una lingua (o considerato lingua). Bolognesu narrat: “Una lingua est unu dialetu chi at fatu politica”, custa frasia sintzilla torrat a ateras frasias de atera genti… apustis depeus biri ita bolot nai ‘fai politica’, depeus pompiai is fueddus ‘lingua storica’, e ateras cosas. In custus fueddus is Non linguistas, tenint problemas mannus… e chistionant de cosas chi no sciint… po cussu Robertu at fatu sa pregunta inpitzus de ita bolit nai ‘sistema linguisticu’, su chi ndi est bessiu, est chi donnia unu chi conoscit sa linguistica, at biu chi Mura de linguistica no ddu scit una cibudda…

      • Ei, de linguistica ge nd’apu a studiai; ma tandu, candu tui naras chi su “campidanesu” est una atra lingua ancoras, a foras de su Sardu (de Cabu de Susu, mi parit de cumprendi), non ses fadendi sa propriu cosa de candu deu naru “Sardu-Corsu”? E poita non esistit? De aundi nascit sa lingua chi fuedhaus de Lungoni fintzas in Tatari? Allabai chi a nai ca sa lingua nosta non nc’intrat nudha cun a su Sardu, seis nendi chi nosatrus non seus Sardus in nudha! E cumenti fais, a ddu nai? Si esistit su “campidanesu”, esistit su “Sardu-Corsu” puru, anno’? O non esistint ni unu e ni s’atru? Custu po su chi pertocat a sa chistioi politica… Ma cumenti dda ponis cun sa bistimenta de is bidhas, cun su fuedhu etotu, cun sa genti chi bivit in sa propriu isula cosa bostra? E una atra cosa puru: sa pregunta cosa mia est propriu a si dda studiai, sa cosa! Su “Sardu-Corsu” (imperai “Tataresu” e “Gaddhuresu”, mi parit ca pratzat a is Sardus cumenti candu si narat chi “Logudoresu” e “Campidanesu” sunt duis linguas chi non nc’intrant nudha una cun s’atra…) est unu dialetu de su Sardu o de su Corsu? E si podit standardizai che a su Sardu? E cumenti fais a nai, a nois (o a is Tataresus), “Impara a su Corsu, ca tui non ses Sardu!”??? A subra de su discursu (accademicu) chi su Corsu est unu dialetu de s’italianu (standard???), tandu su Sardu est unu dialetu de su Latinu a sa manera de Wagner? Ah, e ammisturai lingua cun politica, podit essi cosa bona si unu ddu fait po s’interessu de sa genti. Tui naras ca non si fait. E cumenti ti creis chi nosi apant italianizau? E a is Corsus, cumenti dd’ant francesizaus? Forsis ammesturendi lingua cun politica? Po mei, chi ddu fais po fai cosa bona, serbit. Certu, chi ddu fais cumenti ant fatu italia e francia, non bandat bei… Ge ddu sciu ca a tui non ti praxit, custa cosa; ma lingua e politica, chi ti praxat o nono, sunt duas cosas ca bandant in paris..

        Ah: nemancu deu dd’apu cumpresu, a Mura…

      • Marco Antonio, che da anni ti nascondi e spari solo quando ti piace…

        1. Deu no apu mai nau chi su campidanesu siat una atera lingua… Ho detto che mi sembra strano che tutti parlino sempre di “lingue minoritarie” in Sardegna… e se iniziamo a dire che il “ligure del sulcis” o il “sardo-corso” sono “lingue”, lo dovremo anche dire del campidanese. Questo, est stetia s’arrexonada mia.

        2. Difatis, po mei su campidanesu est unu dialetu de sa lingua sarda, cumenti ddu est su logudoresu, su nuoresu ecc…

        3. Esiste una cosa che si chiama “Romanistica!” che ha una tradizione scientifica nella quale, il corso viene definito dialetto “toscano”, no non dialetto dello “standard italiano”, ma della Gemeinsprache dell’italiano.

        4. A Mura, l’ho criticato nel mio blog. Non ti farebbe male, informarti un pochino di più sulla mia opinione, prima di mettermi roba in bocca che non ho mai detto, tipo: “Allabai chi a nai ca sa lingua nosta non nc’intrat nudha cun a su Sardu, seis nendi chi nosatrus non seus Sardus in nudha!” … e… non ho mai detto questo!: “Impara a su Corsu, ca tui non ses Sardu!”???

        TI ses faendi unu film a sa sola… O, bellu!

        5. ‘Ntza, il “sardo-corso” è un dialetto di confine… ajò, no feus is macus talebanistas. Non stiamo parlando di opinioni, stiamo parlando di fatti. Il “valenciano” non è considerato “lingua”, ma dialetto del catalano, così come l’Asturiano è un dialetto dello spagnolo…e ciò che si parla al confine tra il sardo e il corso, sarà un dialetto del sardo o del corso… e così via.

        6. SOLO chi capisce la terminologia linguistica, può entrare in un discorso di politica linguistica.
        Ho detto questo, non più e non meno.

        7. Ita bolit nai custu: “tandu su Sardu est unu dialetu de su Latinu a sa manera de Wagner?”
        Non so su quale pianeta vivi tu, ma tutte le lingue e tutti i dialetti romanzi, sono ovviamente dialetti del latino, o latino-volgare… “a base-latina”, cumenti bolis tui, no sceti su sardu. Io non sono Wagneriana nel senso che penso che il sardo sia più importante, più bello o chissà cosa…

        HAI proprio sbagliato indirizzo… e hai dimostrato cumenti a Mura chi tui, de linguistica, o narraus, de terminologia linguistica e de is cuncetus de sotziulinguistica, no as ligiu meda …

      • Oh Alexandra, io non sono un politico in scena da anni (non ho neanche studiato per esserlo). Non sono nemmeno un linguista (infatti, la linguistica la studierò).

        Però, però, voglio criticare lo stesso le “leggi naturali esistenti” perché sento che fra qualche anno qualcuno mi darà ragione (saranno solo vaneggiamenti, ma, giovunu e macu cumenti seu, non si sa mai)…

        In tutti i posts tuoi che ho letto da un anno a questa parte, qui, sul blog di Onnis (ah: non lo leggo da mesi), hai fatto sempre discorsi (che definirei “vittimistici”; non ti preoccupare: non ti addito come “vittimista” in senso stretto perché, purtroppo o per fortuna, non sei l’unica a farli…) sul campidanese (parlato, comunque, dalla maggior parte dei sardophoni), discorsi su cui potrei essere d’accordo fino a un certo punto. Mia personale opinione, secondo me traspare una cosa del tipo “Su Campidanesu est lingua a banda”. Non lo dici chiaramente, ma dici che non è Logudorese, ma quasi a dare un’immagine negativa della lingua del Capo di Su mentre il Campidanese è “Su Sardu beru” (come solito fare da molti campidanesi). Io non so se esista davvero una lobby di vecchietti che vuole imporre, dittatorialmente, il Logudorese ai campidanesi. Quello sarà pure sbagliato e lì posso essere d’accordo. Ma, secondo me, non dobbiamo pensarla in maniera campidanocentrica, altrimenti passiamo da un estremo all’altro! Francamente, il campidanocentrismo lo trovo presuntuoso…

        Sulla “romanistica”. La “romanistica” è, né più e né meno, come tutte le altre scienze! Non è esatta. Non è precisa. Io sono convinto che la carta delle lingue, fra cent’anni, sarà già diversa da come la conosciamo oggi. Spero di poter dare il mio contributo a questo importante cambiamento, nei prossimi anni. Perché a me, da “ignorante” non convince la romanistica attuale. Ricordi la rivoluzione copernicana? Inizierò dal niente. Dalle mie supposizioni (nonostante io non abbia una logica, ma vabbè) e le verificherò anche studiando, ovviamente. Il tempo dirà se avrò ragione o meno. Se non dovesse accadere, mi ricorderò di te.

        Inoltre, ho detto anche, con tono volutamente polemico, che se dici che la lingua nostra non è sarda in qualche modo, stai dicendo che non siamo Sardi in nulla. Non è questione di film. Io sto criticando il pensiero di tutti quei sardophoni (criticami pure per la “ph” al posto della “f”) che fanno questo ragionamento. Il mio “Guarda che” era un “Tu” generale, che in italiano si usa spesso (e questo lo saprai meglio di me). Anche se mi è sembrato che pure tu sei tra coloro che questo ragionamento lo fanno. Quindi, dal basso della mia ignoranza, ma da parlante della lingua, mi permetto di dare “bacchettate” a chi leggo/sento/vedo fare questo ragionamento. Me lo concedi? Qui non si parla più di lingua o di linguistica in senso stretto, qui si parla di politica linguistica: un ragionamento del genere DISCRIMINA come non-Sardi (quindi “feccia”) coloro che parlano una lingua che è comunque imparentata col Sardo! Detto questo, e non hai risposto alla mia domanda, tu diresti a un aggese o a un sassarese “Impara il Corso”, anziché la propria lingua autoctona? Non è la stessa cosa del Catalano! Quante differenze ci sono, tra l’Algherese e il Catalano di Barcellona? Quanto è sardizzato l’Algherese? Quante differenze ci sono tra le lingue di, ad esempio, Aggius e Sassari e le lingue di Sartene e Porto Vecchio? No, dico, ma come fai, nell’abito della situazione Sarda, a mettere l’Algherese (l’Algherese non mi risulta parlato sulla stessa estensione territoriale del “Corso” di Sardegna; quindi, i tuoi discorsi sul Catalano di Valencia e l’Asturiano -e de aundi ndi bessit?-, che si parlano in zone non a contatto col Sardo, non si possono fare!) sullo stesso piano di una parlata che ha tantissimi “dialetti” (oltre quelli di Tempio e di Sassari, c’è quello di Aggius, quello di Bortigiadas, quello di Castelsardo, quello di Santa Teresa, quello de La Maddalena…), molti dei quali certamente più sardizzati del Catalano di Alghero??? Sono la stessa cosa? O il Corso da imparare è quello di Ajaccio?
        No, si conclude che, essendo “dialetti” del toscano (quindi dell’italiano: perché, ti piaccia o no, l’italiano è sul toscano che si basa), che non si impara a scuola, non si possono imparare! Cioè, noi dovremmo imparare, addirittura, non il Corso, ma il Pisano??? E allora, perché cazzo si dice che le parlate di Gallura e Sassari sono corsofone (come dice Corongiu)??? Allora, che si riconosca lo status di lingue toscane e ci venga insegnato il Pisano, noncuranti di tutte le differenze che ci sono, sia in Corsica, sia fino a Sassari! E qui arrivano le conclusioni della mia critica: semplicemente, non ci si vuole porre il problema! Non ci si vuole porre il problema di una lingua che esiste, con buona pace della romanistica. Rileggendo Mura, mi è parso di capire che lui volesse indicare il fatto che il Sardo è “sistema linguistico” perché lo si divide in 2 grandi tronconi come il Sardo-Cors.. pardon, il Pisano, lo si suddivide in Gallurese-Sassarese. Non credo di essere molto d’accordo con lui, perché, per me, sia Sardo che Sardo-Corso sono due lingue alla stessa maniera. Imparentate, perdio! Lo so, è solo un film. Allora, invece di cambiare in lingue, mi cambierò in cinema, magari con questo film ci faccio i soldi…

        PS: Per quale politico “illuminato” mi avresti scambiato?

  3. Ehm Antonio, vorrei tranquillizzarti: noi campidanesi non siamo affatto presuntuosi, anzi, siamo noi che ci sentiamo minacciati: la LSU e LSC, che dovevano unire tutto il sardo, hanno unito solo il Logudorese. Noi, la nostra tradizione linguistica, siamo stati completamente emarginati.
    E’ curioso il tuo ragionamento: noi campidanesi e voi sardo-corsi (e sottolineo sardo-corsi e non corso-sardi) siamo minacciati ambedue dallo strapotere arrogante e …imperialista dei nugoresocentrici, che vogliono imporre il loro idioma a tutti, a noi e a voi!!!
    Il discorso di Alexandra era, credo, puramente linguistico: il fatto che sassarese e gallurese appartengano al sistema linguistico italiano non vuole affatto dire che sassaresi e galluresi non sono sardi. Non c’entra niente, e poi, siamo tutti italiani, dunque il problema è salvare tutte le nostre lingue regionali. tutto qui. Che poi il sardo sia un sistema isolato nella Romania e il Sardo-Corso no, politicamente, socialmente e culturalmente non significa niente. E’ solo una constatazione puramente linguistica. Finirà, come in fondo è giusto, che si tuteleranno 6 varietà linguistiche: campidanese, tabarchino, logudorese, algherese, sassarese e gallurese. Ognuno a casa sua, tutti sardi in Sardegna. E la LSC vada a farsi fottere!!!

  4. Caro Marco Antonio,

    Qui siamo nel blog di Roberto Bolognesi, non di Onnis.

    Stai confondendo le cose. Io non ho mai detto che il campidanese fosse “il vero sardo” o altre cose che tu scrivi. Te le stai inventando. Io critico da un bel po’ di tempo il fatto che non si è andato avanti nel processo della standardizzazione della lingua sarda, particolarmente parlando della Limba Sarda Comuna.

    La LSC, secondo me, si basa sui dialetti settentrionali sardi. Non dico che “il sardo” debba essere il campidanese, dico che ci vuole un discorso che coinvolga di più i dialetti sardi meridionali. Potrebbero essere degli emendamenti come li consiglia Bolognesi o anche due standard della stessa lingua, come lo propongono altri. A me personalmente piace di più la seconda opzione, ma non sarò io a deciderlo.

    Prima di parlare di “lingua”, “dialetto”, “lingua storica”, “dialetti latini”, “lingue minoritarie di Sardegna” ecc… la gente si dovrebbe informare come gli studiosi di linguistica, romanistica e sociolinguistica definiscono questi termini, invece di sparare questi termini a vuoto. Concedi che esiste una tradizione linguistica e studiosi che hanno studiato queste cose?

    Se tu sei del parere che la “visione romanistica” sia “non molto precisa” e se tu vuoi dare un contributo, dovresti pubblicare dei libri di linguistica e provare che i concetti da me elencati più su, siano sbagliati.

    Io non sono assolutamente del parere che i parlanti del “sardo-corso” o di altre parlate di confine (o meno) debbano per forza accettare la “high variety”, la “Dachsprache” o lo “standard esogeno” imposto da altri.

    Se una comunità di persone parla una “minoranza linguistica” (che può essere una lingua, un dialetto o anche un socioletto, uno stile… quello che vuoi) decide di chiamare la propria parlata “lingua” e se vuole che questo venga accetato dagli altri (sia dallo stato e da parlanti di altre lingue), se si produce letteratura in quella determinata parlata e se la comunità sente il grande bisongo di standardizzare la propria parlata, inserirla nella vita quotidiana e “liberarla” dal suo attuale status… BEN VENGA.

    Ma fino quando non è così, è inutile che pinco pallina vada in giro a proclamare quello che vuole. Che uno faccia una proposta di come le cose dovrebbero andare “politicamente” quando non sa distinguere i termini elencati su (e altri), mi sembra assurdo.

    Quando Corongiu parla di “parlate corsofone”, socndo me, parla di una più grande parentela tra questi dialetti, per motivi di contatto linguistico, giusto per ovviamente dare evidenza del fatto che stiamo parlando di dialetti che si distinguono dalle altre parlate che le circondano, ma di sicuro, Corongiu non vuole dire con questo che qui si tratta di un altra “lingua” accanto all’italiano o sardo… se lui la pensasse così, infatti dovrebbe considerare il campidanese anche una lingua a sé. Questo era il mio discorso…

    Se invece vogliamo dire che il corso è una lingua a se, per motivi storici e grazie a Jaques Thiers che la sta mettendo tutta da cinquant’anni … è un altro discorso… ma anche qui, pur troppo credo che al massimo potremo parlare di “Ausbaussprache” e ti assicuro che nel primo semestre di romanistica non viene elencato nella tabellina delle “lingua neolatine”… così come il povero gallego.

    … le diversità che esistono, ci sono perché ci troviamo in un continuum linguistico, un altro termine che si dovrebbe conoscere… per capire alcuni discorsi.

    Se diciamo che il sardo-corso è una lingua a sé e il tabarchino, dovremo nolens volens dire che il nuorese è una lingua a sé, e il campidanese… anzi… potremo anche spaccare queste macrovarietà e parlare di lingua ogliastrina, lingua sarrabese e così via … ajò…

  5. Se Corongiu parla di varietà corsofone, bisogna ricordargli che i “corsofoni” sono più numerosi in Sardegna che in Corsica e che la più grande città “corsofona” è Sassari, oltre 120.000 abitanti contro i 60.000 scarsi di Ajaccio. Giacchè non siamo sicuri dell’origine dei dialetti Sassarese e Gallurese (Plinio parla di Corsi in Gallura già 2000 anni fa), sarebbe opportuno definire queste varietà “sardo-corse”. Chi poi ha un po’ di confidenza col corso, sa che il dialetto di Ajaccio assomiglia al Sassarese, quello di Sartene al Gallurese e quello di Bastia al toscano costiero.
    Ciò non toglie che Sassarese e Gallurese debbano avere la medesima dignità del sardo, se i loro locutori lo desiderano.
    Come ho scritto altre volte tutto questo dibattito sulla o sulle lingue sarde rimane nello stretto cerchio di noi fanatici. Qualsiasi idea o proposta di democratizzarlo stranamente abortisce.
    Perché una volta per tutte non chiediamo ai sardi di decidere se vogliono davvero il bilinguismo? Se vogliono un sardo unificato o diviso nelle due varietà storiche? Se sassaresi, galluresi, tabarchini e algheresi vogliono una tutela dei loro idiomi tradizionali e a che livello?
    Tanti bla-bla ma democrazia niente!!! La nostra gente non è capace di decidere forse? Paura della libera scelta? Autorazzismo?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: