Piangi pagliaccioooooo

003

La mamma dei cantanti è sempre incinta…

La mamma di Gianluca doveva essere una di quelle madame che negli anni ’60 andavano all’opera con un animale morto addosso e che terrorizzavano parenti, vicini e passanti gorgheggiandone: “Mi’ che non voglio a parlarlo in sardo a mio figlio, no! Sennò vi querelo: si vendetta tremenda vendeeeeetta!”

Gianluca non si è più ripreso.

Non solo è diventato cantante, come aveva previsto il parroco, ma, ogni volta che si rende conto che conoscere il sardo significa sapere di più e non di meno, perde il controllo di sé.

Forse pensa di essere Farinelli medesimo e di poterselo permettere.

Già in luglio aveva dato in escandescenze, sentendo che alcuni consiglieri comunali di Casteddu, avevano proposto la discriminazione positiva per i sardofoni nei concorsi al comune: (Dal Rigoletto alla Cavalcata delle Walkirie: quando il melodramma intacca il cervello di chi già ne ha poco. )

Adesso che la delibera è stata approvata ad ampia maggioranza è in crisi nera  (http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2013/09/25/cagliari_nei_concorsi_punto_a_favore_di_chi_conosce_la_lingua_sarda-6-331230.html) e piange su Facebook: “Da oggi i sardi come me che non parlano il sardo sono discriminati”.

E a chi gli fa notare che, forse, sai, il sardo si può anche imparare, gli gorgheggia melodrammaticamente: “Pensare che si possa imporre la L1 è tipico dell’autoritarismo di stampo nazista, fascista, sovietico, turco o cinese”.

Ora è chiaro che uno che reagisce così, saprà anche cantarne “Che gelida manina…”, ma semplicemente non ha neuroni sufficienti per imparare il sardo.

La mamma di Gianluca sapeva bene che il suo bambino non sarebbe mai stato in grado di imparare più di una lingua e ha preso le comprensibili precauzioni.

Chi ti impone la L1 è , di solito, la tua mamma.

La mamma ha evidentemente imposto a Gianluca l’italiano come L1.

Ora io disprezzo Freud–profeta di serie B, non scienziato– ma questa coglionata immensa gorgheggiata da Gianluca mi puzza tanto di “lapsus freudiano”.

Sembra che stia parlando di qualcosa di cui non è completamente cosciente, ma che ha a che fare con lui stesso.

Insomma, è praticamente indubbio che la mamma di Gianluca avesse il sardo come L1: ciononostante, Gianluca non conosce il sardo.

Il “language shift”–l’abbandono del sardo come Lingua1 per i propri figli–si è verificato a partire dagli anni ’60 nelle città sarde e dagli anni ’70 nelle realtà rurali (Loi Corvetto, 1983).

Gianluca è del 1964.

Sua madre gli ha imposto l’italiano come L1: per lei una lingua straniera.

Quando Gianluca è cresciuto, ancora molti dei suoi coetanei parlavano in sardo, ma Gianluca no.

È stato escluso dal gruppo dei pari sardofoni?

Ovviamente, non è ha mai fatto parte, altrimenti, come me, avrenne imparato il sardo all’interno di quel gruppo.

Ne ha sofferto?

Boh? Questo lo sa lui.

Ma da come reagisce rispetto alla delibera del comune di Cagliari si direbbe che qualche corda profonda nell’animo di Gianluca sia stata toccata.

Gianluca non farà mai una un concorso al comune di Cagliari: i comuni non bandiscono concorsi per cantanti.

Perché allora questa cosa lo ferisce al punto di farlo sproloquiare di nazismo, turchi e cinesi?

Questa estate abbiamo assistito al “coming out” di un altro ex-sardofobo, che ha confessato e fatto ammenda in pubblico: Il y a toujours une première Fois

Forse dovremo aspettare ancora un po’ e anche la prima donna Gianluca ci gorgeggerà in sardo che quello di cui soffre è soltanto l’essere stato escluso dalla comunità dei sardoparlanti, cioè, fatte le debite concessioni alle nostre minoranze interne, la comunità dei Sardi.

Quando si riprenderà dalla crisi di identità, tutto quello che gli resta da fare è imparare il sardo.

Sempre che ci riesca.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: