Archive for October, 2013

October 14, 2013

Pistende abba: si vis pacem … scrie paxe!

153

Su faeddu “limba” in sa LSC s’agatat ca praxít a Renatu Soru. (custu sballiu ddu lasso ca mostrat ca deo scrio in GSC, ma penso in su sardu de Igresias)

Soru dd’agatat prus sardu de “lingua”.

“Limba” est su faeddu ki imperant is giornales sardinniolos dae is annos ’80, unu pagu pro incurtzare e meda pro cussu fenomenu ki faxet arrinegare aici meda a Pepe Corongiu: s’orientalismu.

Si naras “limba” nde ses stestiende su sinnificadu dae sa tzitade, sa tzidade “per antonomasia”,  Casteddu.

Limba a su postu de lingua–etimologicamente perfeta–est prus “esoticu”.

Est sa manera orientalista e autoratzista de identificare sa Sardinnia cun sa parte ki is foresos, is strangios, cunsiderant prus sarda: cussa prus atesu dae Casteddu.

E “limba” praxit puru a is nebodeddos ratzistas e autoratzistas de Wagner, pro is matessis resones.

E tando limba e abba e bardia e bator.

Pagos faeddos, ma ofensivos meda pro sa majoría de is sardos.

“Lingua” iat esser prus pagu sardu.

E castiende a is criterios de sceberu de is formas in sa LSC est unu frastimu, ca “limba” est una forma noa, in cunfrontu a “lingua”.

E in prus ddoe at su fatu ki cussa BB, essida dae sa fusione de GU o KU, non faxet prus a dda distinguer da un’atera B.

Duncas sa BB de “abbile” (it. abile) non si distinguet prus dae cussa de “abbile” (it. aquila).

Unu coreddu, insomma.

Su de aer sceberadu sa forma “limba” est una discriminatzione contras a is sardos de cabu de jossu.

E pagu male si sa cosa fessit acabbada in is ufitzios sa regione, ma immoe semus faeddende de furriare sa LSC a standard de su sardu.

Tando “limba” e “abba” o si nche bogant–e torramus a sa forma prus etimologica–o cuss’ingiustizia bolet cumpensada.

Cale est s’atera forma aici carateristica de su sardu e de su sardu sceti?

Sa X pro inditare sa fricativa palatale sonora.

Tando: o nde bogamus “limba” o ponimus puru “paxe”, cun sa X ki inditat sa fricativa velare sonora in logudoresu e totu is ateros sonos in cussa positzione de is medas dialetos de sa provintzia de Núgoro.

Innoxe de linguistica bi nd’at pagu: est stadu fatu un’errore politicu e custu errore bolet cumpensadu.

Tzertu, a scrier “rexone” est mancari unu pagu tropu, ma est semper prus fatzile a pronuntziare [paGe, pake, paxe, pa?e, pad3e], e semper a sa propriu manera, unu faeddu scritu PAXE, ki non a pronutziare [lingwa] unu faeddu scritu LIMBA.

Custos faeddos bolent imparados a memoria e mancu male ki sunt pagos.

Comente “limba” est identitariu sceti pro su “cabu de susu” e non representat totu is Sardos, foras de is orientalistas, “paxe” serbit a representare sa sardidade de su cabu de jossu.

Nosi serbit una “limba de paxe”.

E custa non est linguistica, custa est politica.

Advertisements
October 14, 2013

Pistende abba: sa I prostetica

070

Cando Cristianu Betzu narat ki un’otzieresu depet rinuntziare a meda cosa imperende sa LSC narat sceti una beridade manna.

Custu paret ki in zona mia non dd’apant cumpresu bene.

Is ki faeddant de “logudoresu”, pensende a sa LSC o sunt in malafide o su logudoresu non ddu connoschent.

Logudoresu fiat su de mamma mia, acanta meda a su de Otzieri e prenu de sonos “esoticos”, tipu sa L surda, sonu ki s’agatat in pagas limbas (Gallesu, limbas maya).

Ma sa kistione non est cussa: sa kistione est ki, si est berus ki totus depimus pagare unu pretziu pro tenner una grafía comuna, su pretziu depet esser su prus basciu possibbile

Una de is cosas ki tocat a evitare de faxer pagare sunt cussos fenomenos ki  sunt presentes sceti in tzertos dialetos, ma in custos dialetos sunt prevedibbiles in totu.

Comente si biet si unu fenomenu est prevedibbile?

Leas unu faeddu dae s’italianu e ddu pronuntzias in cussu dialettu.

Si su faeddu cambiat, bolet narrer ki in cussu dialetu b’at una regula sincronica (ativa) connota dae is faeddantes, ki non depent imparare nudda pro dda poder aplicare.

Aici bidimus ki si pigamus su faeddu “badante” dae s’italianu, custu si furriat automaticamente a “badanti” in su sardu miu.

Mi serbit a cosa, tandu, a scrier “badanti”?

A nudda.

E in prus, cando deo scrio su faeddu miu “meloni” –o meronni ki siat–depo ponner duos atzentos pro inditare ki sa E e sa O sunt abertas: mÈlÒni.

Si scrio “melone”, cun cussa E ki si furriat automaticamente a I, non tengio bisongiu de inditare cun is atzentos ki sa “metafonesi” non si aplicat.

In custa manera arribbo a una forma unitaria ki est puru unu vantagiu pro kie faeddat su sardu de cabu de jossu.

Su propriu balet pro is infinidos de is verbos e pro is partitzipios passados.

Si leo unu faeddu nou dae s’italianu e ddu pronuntzio a manera mia su resurtadu est “scannerizai” e “scannerizau”.

Non depo imparare nudda.

Ma sa propriu cosa balet pro sa I prostetica de cabu de susu: dda ponnes semper in is faeddos leados in prestitu dae átera limbas, automaticamente: iscannerizare, iscannerizadu.

E tando, si non serbit a dda scrier e custa scritura partzit is Sardos, bolet bogada, comente sa A de “arrosa”.

Su fatu ki si pongat una I afatu de s’articulu “is” innantis de faeddos ke “scala” “scova”, ecc. non nc’intrat nudda.

Cussa I est paragogica e si ponnet puru innanti de faeddos ke “scimpru”, “tzugu” ecc.

Insomma est su propriu fenomenu ki s’agatat cun áters cunsonantes finales: es. arribbat cussu –> arribba ccussu, ma es. arribbat sceti cussu –> arribbaD[a] sceti Gussu.

Innantis de una vocale curtza sa cunsonante finale sparesset, ma innantis de una cunsonante longa si pronuntziat lenida e sighida dae sa paragogia.

E tando is bacas –> i Bacas, o i bbacas, ma is[i] scalas, is[i] tzugus, is[i] scimprus.

Duncas in cabu de jossu non est una I prostetica, ma una I paragogica ki si ponet sceti in tzertos cuntestos.

Si ddu bolides cumprender, su libbru miu “The phonology of Campidanian Sardinia” ddu bendent.

E a faeddare de sa storia de sa I prostetica a is faeddantes de oe non ddis serbit a nudda.

Is faeddantes ischint comente faeddant e cussu ddis bastat.

E custu ddu naraíat già De Saussure in su 1916.

Semper firmos a Wagner, annó?

P.S. Diegu Corraine at cummentadu in su profilu de Cristianu Betzu: “Craru e tundu”, pro sa critica sua a is emendamentos mios.

Unu de custos emendamentos bolet torrare a una solutzione ki issu iat propostu in sa LSU: “ponner” a su postu de “pónnere” ecc.

Custu bolet narrer ki deo tengio tortu fintzas cando ddi do resone!

Arratza de grandu omine!

October 14, 2013

Pistende abba pro non cambiare nudda

1475

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/unanalisi-tecnica-de-sa-gsc/

 

October 14, 2013

Proita sa LSC bolet emendada

025

Sa LSC non est su standard de su sardu.

Sa delibbera ki dd’introduset est crara: “L’oralità nel contatto con gli uffici è fatta salva in ogni varietà della lingua. Altri Enti o Amministrazioni pubbliche della Sardegna saranno liberi di utilizzare le presenti norme di riferimento oppure di fare in piena autonomia le scelte che riterranno opportune. Il carattere sperimentale delle norme proposte e l’opportunità di approfondire con ulteriori studi il lessico, la morfologia e un’ortografia comune a più varietà, lascia, inoltre, i più ampi margini a modifiche, integrazioni che potranno essere con il tempo elaborate e adottate.
La finalità che la Regione intende perseguire con la predisposizione delle norme linguististiche di riferimento a carattere sperimentale per la lingua scritta dell’Amministrazione regionale è quella di avviare un processo graduale mirante all’elaborazione di una Limba Sarda Comuna, con le caratteristiche di una varietà linguistica naturale che costituisca un punto di mediazione tra le parlate più comuni e diffuse e aperta ad alcune integrazioni volte a valorizzare la distintività del sardo e ad assicurare un carattere di sovramunicipalità e la semplicità del codice linguistico. La Limba Sarda Comuna intende rappresentare una “lingua bandiera”, uno strumento per potenziare la nostra identità collettiva, nel rispetto della multiforme ricchezza delle varietà locali.” http://portal-lem.com/images/fr/sarde/Limba_sarda_comuna.pdf

Atra cosa de importu mannu est su fatu ki sa ki introduset sa LSC non est una lege regionale, votada sae su cunsigiu, ma una delibbera de sa giunta.

Insomma, in pagos faeddos: su standard de su sardu bolet ancora fatu e sceti su cunsigiu regionale ddu podet faxer (o faer).

Totus podimus faxer (o faer) propostas, ma nemos podet faeddare de “standard”.

SA LSC est pensada pro dda scrier una truma pitica de professionistas de sa limba e pro dda legher is áteros.

Fintzas comente est immoe, sa LSC faet (o faxet) a dda legher in cale-ki-siat pronuntzia locale: bastat a regonnoscher su faeddu e a ddu pronuntziare comente boles.

Deo custa prova dd’apo fata unas cantas bortas cun gente diferente e sa cosa funtzionat.

Si podet leare sa LSC ke standard de su sardu, tando?

Emmo, ma bi sunt duos probblemas: unu tecnicu, de scritura, e unu politicu.

Si semus de acordiu ki a livellu de pronuntzia, sa situatzione in Sardinnia podet abarrare comente est, sende ki nosi cumprendimus faeddende donniunu su sardu suo, comente podimus arribbare a una manera de scrier ki partat dae pronuntzias diferentes?

E custos probblemas tecnicos andant impari a su fatu ki sa LSC, mancari pagu, est sbilantzada cara a su sardu de cabu de susu.

Sa LSC cuntenet unas cantas solutziones ki sunt sballiadas de unu puntu de bista tecnicu–a un’ala–e de unu puntu de bista politicu–a s’átera.

Si sceberas sa forma “roda” a su postu de “arroda”, ca su prima siguit s’etimología, non podes ponner “iscola” a su postu de “scola”, nende ki sa prima de custas formas est identitaria.

Custas solutziones sunt incoerentes dae unu puntu de bista tecnicu e sballiadas dae unu puntu de bista politicu, ca discriminant sa parte manna de is sardos, kentza de motivu.

Su propriu arrexonu balet pro faeddos ke “limba” e “abba”: custa solutzione non etimologica de is nessos latinos GU  e QU dd’ant fata proita “limba” est identitariu.

Ma tando, sa X de “paxe” puru est identitaria: prointa non faxet (o faet)  a dda sceberare?

Custa cosa puru si prestat a dd’interpretare ke a una discriminatzione pro is Sardos de cabu de jossu.

Is áteros tres emendamentos ki apo propostu serbint a faxer (o faer) prus fatzile a scrier su standard, partende dae sa pronuntzia locale.

In prus, sende ki sa LSC, comente dd’interpretamus casi totus in custu momentu, non est una LIMBA, ma una manera de scrier, proita iat deper abarrare cussa denominatzione? Est mellus a dda tzerriare pro su ki est: “Grafía Sarda Comuna”.

E como spiego puru proita sa E finale de is verbos de sa segunda coniugatzione bolet bogada, torrende–mira!–a sa forma ki teníant in sa LSU.

In is dialetos de cabu de susu, faeddos ke “ténnere” mostrant cussa E finale sceti in sa fine de sa frasia: “ddu depes tenner[e]”, ma “tue depes tennes kussu”.

Cussa E est paragogica e tando non bolet scrita, comente non si scriet sa paragogia in is áteros casos: “is canes tontos[o]”.

Sende ki cussa E e sa R ki dda pretzedit non si pronuntziant in medas dialetos de cabu de jossu [tenni], cussa grafía torrat megius cun cussas pronuntzias puru.

Imperende sa grafía K (ma forsis est megius QU) e GU pro is velares ki si pronuntziant a sa propriu manera in totu is dialetos, permites de distinguer sa pronuntzia de “chelu” ([kelu, tSelu] dae sa de “kistione” e sa de “anghelu” ([angelu, and3elu]) dae sa de “distinguer”.

Totu innoxe (o innoe)  sa cosa.

Inue est su scandalu?

Su scandalu est ca a pustis de sete annos, ki naro custas cosas, apo depidu faxer (o faer) unu scandalu pro mi faxer (o faer) intender.

P.S.: comente at mostradu Fabbritziu Pedes, is emendamentos ki propongio cambiant UNA litera in su 6% de is faeddos:

“In unu testu meu de 487 paràulas, 28 diferentes (6%) e 459 pretzisas (94%).

[-ki-] {+chi+} 9 bortas
======================================================================
[-tenner-] {+tènnere+}
======================================================================
[-esser-] {+èssere+} 3 bortas
======================================================================
[-risponder,-] {+rispòndere,+}
======================================================================
[-cumprender-] {+cumprèndere+}
======================================================================
[-steddu-] {+isteddu+}
======================================================================
[-scoberrer-] {+iscobèrrere+} 2 bortas
======================================================================
[-studiantes-] {+istudiantes+}
======================================================================
[-scola-] {+iscola+}
======================================================================
[-dexinas-] {+deghinas+}
======================================================================
[-svilupu-] {+isvilupu+}
======================================================================
[-schidos),-] {+ischidos),+}
======================================================================
[-scoberta-] {+iscoberta+}
======================================================================
[-spetàculos-] {+ispetàculos+}
======================================================================
[-imbenner-] {+imbènnere+}
======================================================================
[-render-] {+rèndere+}
======================================================================
[-scarrigare-] {+iscarrigare+}”

October 13, 2013

Alexandra non at cumpresu nudda de me

480

Alexandra Porcu at cummentadu in custu blog:”Ma ci sei o ci fai? Ma potresti tornare ad essere il Roberto Bolognesi che ha iniziato un movimento per il sardo meridionale e dimentcare la tua cazzo di guerra privata con Blasco?”Sa logica illogica de Stevini Cherchi

Deo seo a favore de totu su sardu, non de su sardu de cabu de jossu.

Mi faxet (o faet) rier sceti su fatu de ddu ponner in craru un átera borta.

E sa gherra mia “personale” cun Blasco–lassende stare ca non est pro nudda personale–dd’ant incumentzada issu: No Blasco no Blasco, io non ci casco!

Deo apo lassadu spatziu in is cummentos a kie non dda pensat ke a me, ma non est elegante a atacare a átera gente foras de me.

Leade-bosi-la cun me e lassade a foras is áteros.

Sinono CENSURA.

October 10, 2013

Uno spettro si aggira per la Sardegna, lo spettro della LSU (3)

017

Il segreto, che l’omone dal cognome imbarazzante e la macchina troppo grande per un uomo solo custodisce nel suo lap top, lo potete trovare qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Limba_Sarda_Unificada

Io ho approvato e firmato la prima bozza della LSU.

Forse voi non lo sapevate, ma sono da sempre a favore di uno standard scritto per il sardo.

Il documento che io ho firmato recitava: “Ben sapendo che a tale sistema potranno essere apportati emendamenti, migliorie, aggiunte, aggiustamenti”.

Nel documento che ho firmato non si parlava di lessico, cioè non si proponeva di dire che certe parole–guarda caso sempre settentrionali–sono giuste e altre–guarda caso sempre meridionali–sono sbagliate.

Se l’omone ingombrante vi fa vedere il PDF con la mia firma controllate pure.

Il documento che semplicemente propone una norma grafica per il sardo “Ben sapendo che a tale sistema potranno essere apportati emendamenti, migliorie, aggiunte, aggiustamenti” l’ho firmato a Oristano, dopo molte esitazioni, nell’Ottobre o Novembre del 2000.

Nel gennaio 2001 ho proposto i miei emendamenti alla LSU, che sono agli atti e sono poi stati pubblicati da Condaghes nel 2002 (http://www.sardegnadigitallibrary.it/mmt/fullsize/2010072309391200001.pdf).

La proposta, che introduceva la possibilità di pronunciare diversamente le stesse parole,  è stata ignorata dall’Assessorato, e durante la riunione della commissione del 28 febbraio–a cui io non ho partecipato–è stata approvata invece la standardizzazione del lessico, cioè la sua settentrionalizzazione.

Io, ma forse lo sapete già, ho sempre ritenuto una pazzia standardizzare il lessico.

E infatti la mia presa di distanze dall’omone ingombrante rispetto alla LSC riguarda proprio il fatto che lui, con la complicità dell’Ufficio per la Lingua, sta conducendo una standardizzazione del lessico–cioè la scelta esclusiva di lemmi settentrionali–in aperta contraddizione con quanto approvato dalla commissione di cui facevo parte.

Allora se l’omone con il macchinone vi mostra il PDF con la mia firma, controllate la data.

October 9, 2013

Uno spettro si aggira per la Sardegna, lo spettro della LSU (2)

013-2

L’omone ha un cognome ingombrante, molto più ingombrante del suo macchinone.

Penso che la maggior parte di noi quel cognome non vorrebbe averlo, anche se ti garantisce un posto nella storia.

Ci sono diversi modi di passare alla storia e come ho scritto una volta a Renato Soru: “Lei vuole entrare nella storia, ma allora stia attento a dove mette i piedi!”.

Appunto…

Sarà per quello che deve ASSOLUTAMENTE passare alla storia in un altro modo?

Così, lui pretende di muoversi tra i vicoli di Cagliari con quel macchinone e con quel cognome.

La gente schizzava nei portoni per non morire ammazzata.

E così–io testimone oculare e olfattivo–bruciava la frizione cercando di fare marcia indietro, alla Marina, cercando di fare marcia indietro in salita.

Non sapeva degli scalini che interrompono la strada alle macchine.

Cagliari bisogna conoscerla…

(continua)

October 9, 2013

Uno spettro si aggira per la Sardegna, lo spettro della LSU

015-2

Un omone attempato si aggira per la Sardegna in un macchinone che potrebbe contenere tutta la famiglia numerosa che non è mai riuscito a formarsi.

C’est la vie: nessuna donna è abbastanza degna di lui.

Nel macchinone porta sempre il suo lap top con dentro il PDF di un documento esplosivo.

Io ho avuto modo di vederlo perché una volta l’omone l’ha portato anche a Pisa–dove c’ero anche io, l’anno scorso–e, anche se non gli è servito, l’ha fatto intravvedere al pubblico–per un secondo–forse per farmi sapere che lui, il documento esplosivo, se lo porta dappertutto.

Il nostro omone attempato è anche un omone astuto.

Lampu!

Ora, non ditelo in giro, ma quel documento mi riguarda.

Quel documento–shhhht–contiene … anche la mia ….firma….zittti…shhhtttt….

Non fatelo sapere a nessuno, mi raccomando!

(continua)

October 9, 2013

Lesa Maestà

1293
Duncas, a boller emendare sa LSC est a traixer sa Patria Sarda!
Su Redentore at pronuntziadu s´anatema.
Amen!

Cando faeddamus de normas linguìsticas iscritas, est craru chi semus tratende de sinnos gràficos e formas de paràulas isseberadas comente modellu.

Peruna grafia podet assegurare una currispondèntzia automàtica cun 5, 7, 9 pronùntzias locales diferentes. Ma bi cheret una “astratzione” cunventzionale, in ue cada pessone istabilit una currispondèntzia biunìvoca intre una grafia determinada e su sonu currispondente. Sa LSC ubidit a custa lògica.

Bastat de lèghere cun atentu sa pag. 23 de sa Lsc, in ue dae cada pronùntzia locale podims “andare” a sa grafia “bandera” e a sa revessa, MA cun unu mecanismu de astratzione de gradu diferente. Non b’at alternativas, cale si siat variedade dialetale elevemus a modellu: cògliu o corzu in càmbiu de còrgiu, etc.

A dolu mannu, b’at gente chi pessat a sa limba comente unu “luna park”, in ue podet presentare sos giogos illusionìsticos suos, farsidades o miràculos possìbiles. Cando chi totus ischimus chi si tratat de tramperis, imboligosos.

Calicunu, dae meda, si presentat comente amigu de sa LSC, ma, faghende giros e giros de paràulas pro presentare sa meighina “miraculosa” issoro, non resessint a cuare chi, s’issoro, est un’iscusa pro distrùere sa Lsc “dae intro”. Issos creent! Tìpicu de chie costumaiat sas matessi pràticas in polìtica: “intrare” pro “distruere”. Como unos cantos “amigos” sunt essende a campu cun sa cara bera issoro.

Non bi cheret meda a lu cumprèndere.

October 8, 2013

Come liberare la LSC da Diego Corraine e vivere felici

Bolognesu: in sardu

003-2

Alcuni amici (pochissimi) mi hanno scritto, scontenti della mia dichiarazione di “non riuscita” della LSC, altri (pochissimi e alcuni indesiderati) mi hanno scritto per congratularsi.

Tutti erano un po’ stupiti.

E questo è strano, perché io dico dal 2006, a Paulitatino, che la LSC così com’è non va bene abbastanza e per questo motivo mi sono sempre rifiutato di utilizzarla.

Da anni ho proposto i miei emendamenti e io infatti scrivo in quella che chiamo Grafía Sarda Comuna.

E questo, perfettamente in linea con la delibera regionale di istituzione della LSC: “Fermo restando che intende valorizzare, valorizza e sostiene tutte le varietà linguistiche parlate e scritte in uso nel territorio regionale, la Regione ha ravvisato la necessità, dopo discussioni e confronti sulla lingua sarda durati molti anni, di sperimentare l’uso del sardo per la pubblicazione di atti e documenti dell’Amministrazione regionale.L’oralità nel contatto con gli uffici è fatta salva in…

View original post 988 more words