Emendare sa LSC: interventu de Nanni Falcone

137

Nanni Falcone narat sa sua a subra de sa LSC e su standard de su sardu scritu: http://nannifalconi.blogspot.it/2013/11/isseberu-de-criterios-e-isseberos-chene.html?view=sidebar

12 Comments to “Emendare sa LSC: interventu de Nanni Falcone”

  1. Seus setti o ottu annos narendi ca toccat a emendai sa LSC; eia, est stetia emendara, ma a s’arrevesciu: non po dda campidanesizai unu pagu de prus, ma est stetia nugoresizzada de prus in prus. Giai a s’inghitzu is sardus meridionalis non dda intendinant cosa insoru, immoi est strangia e basta. Deu puru nci appu crettiu in d-una lingua uificada, aundi dognunu s’arreconosessit unu paghixeddu, ma non est stetiu aicci. De sa LSU a sa LSC no ddoi at stetiu una furriada bera ca sa basi est stetia sempri sa LSU. Immoi seu disammorau, spoetizau, perou immoi teneus is Arregulas de su campidanesu, est un’arma forti, no teneus prus sa timoria de calincunu “blitz” de is chi si creint is meris de sa lingua, chi ant a accabbai de is steddus a su cuili.

  2. Tennis arraxoni Robur! Mancu mali ca nci funt “Is Arrègulas” e arribau a custu puntu ndi seus arròscius de custa grandu frigadura: basta! A sa bassa sa LSC!
    Ant fatu a origa surda, ant fatu e immui sciaint!
    Intra de LSC e Arrègulas… mellus s’ùrtima! Assumancus si nci bideus in custa manera de scriiri!!!!

  3. Robur e Olly, at a esser menzus pro a bois e fintzas pro àteros meda, ma non pro totus, est una manera de arresonare chi no andat a logu. In sa limba sarda, in tota sa limba sarda, sas cosas chi amus in cumone sunt sas prus, ite sensu at a s’arrocare in sas pagas chi non amus in cumone pro si dividere?

  4. Amus bisòngiu de una règula ufitziale pro totu sa Sardigna, e custa règula bolet emendada.

  5. Nanni, as scritu unu articulu bellu meda e de importu, perou pensu chi is cumentus de Podda e Olly funt de importu puru.

    Deu, fintzas a imoi, no apu cumprendiu poita no si podint agiungi duas o tres cosas a custa cauli de LSC… pensu chi calincunu de is emendamentus de Robertu Bolognesu funt bonus… po esempiu de lassai is prosteticas…

    …e de lassai su lessicu liberu, est stetiu una idea bona de Robertu puru…

    perou, no bastat e custu ddu scieus totu cantus. cumenti in sa LSC teneus calincuna forma de “sinonimus”, est a nai ca si podit imperai ddu-dda / lu-la e puru totus is articulus de su plurali, sos-sas / is…

    imoi bisongiat sceti ponni sa -x- e is finalis in -i … e est fatu… non fait duas linguas, ma fait una cosa prus allargu, cumenti sa primu versioni de sa limba de mesania, perou sena -dh- e aterus scillorius…

    craru chi de cussa manera si lompit a tenni unu pagu una cosa cumenti is Arregulas, ma sena tenni s’impressioni chi siant “duas linguas” chi faint sa “partzidura”…

    no est dificili… si depint ponni un atera borta is espertus (prus giovanus puru e prus feminas e prus de basciu) in d-una mesa e arrexonai… cumenti genti intelligenti…

    …e insandus eus a tenni una grafia chi tenit unu pagu de totus is propustas de is urtimus annus e chi fortzis podit andai beni a totus… fata impari.

    pensu chi imoi seus totus cantus stracus de gherrai, o no?
    😉

  6. Alexandra, tocat a apretare sos polìticos, chi finas a como si nde sunt afutidos de sa limba sarda. Forsis ca sos pius de issos cherent solu s’italianu, o forsis ca timent de perder eletores. bae e ischi.

  7. “Robur e Olly, at a esser menzus pro a bois e fintzas pro àteros meda, ma non pro totus, est una manera de arresonare chi no andat a logu. In sa limba sarda, in tota sa limba sarda, sas cosas chi amus in cumone sunt sas prus, ite sensu at a s’arrocare in sas pagas chi non amus in cumone pro si dividere?”

    No ba atteru de azunghere!.

  8. Martino, hai letto proprio qui l’ultimo intervento di Bolognesi?
    La dice tutta sulla capacità di immedesimarsi e di abbandonare dogmi, autoelaborati in questo caso.
    Finali in “i” ? Eresia !! Bolognesi farà fuoco e fiamme, che noi non comprendiamo una beneamata minchia e che invece lui è il depositario dell’unica verità scientifica.
    Ma la questione è proprio lì: come le velari e la labializzazione sono caratterizzanti il sardo settentrionale, le “i” finali sono caratterizzanti il sardo meridionale; e tutti e tre insieme sono caratterizzanti del sardo tutto. Come a voi verrebbe molto difficile acettare “lingua” e “celu”, per noi la “i” finale è irrinunciabile.
    Tu lo faresti questo scambio? Io credo di no. E io lo stesso: per me “sa Limba” è lingua straniera, il rumeno ha “limba”, non il (mio) sardo.
    Ma ti voglio fare un altro esempio sulla reale volontà di avvicinare le due varianti: fillu e fizzu. Come sanno gli storici della lingua sarda, fizzu è l’evoluzione di figgiu, ma figgiu con fillu non c’entra un’H. Per noi è tanto estraneo quanto fizzu. Esiste il gradino superiore, quello da cui derivano fillu e figgiu, e sono le varietà ogliastrine, “filgiu” di Jerzu in particolare. Qualcuno lo ha proposto? Perché i compromessi si fanno così: o si trova il minimo comune multiplo o si fa una scelta controbilanciata con un’altra in senso opposto. Si soppesano i sacrifici, perché alcuni sono più importanti di altri, vengono intesi come caratterizzanti, tipici ed irrinunciabili.
    Hai visto questo tipo di atteggiamento in questo blog o in altri in tanti anni? No, la LSC non si è mossa di un mm.
    Dopo tanti anni mi seu arrosciu.
    La via ormai tracciata è quella della separazione, temo non vi sia rimedio.
    D’altronde non è né una disgrazia né una tragedia, e solo un modo più facile di gestire il sardo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: