“Babbo è lontana la Catalogna?”

193

La risposta la conoscete: “Zitto e nuota!”

E la Scozia è ancora più lontana.

Gli Irlandesi non vanno più di moda, ora che sono tornati culu a terra, e così nessuno ci propone più Joyce come modello di letteratura “nazionale” scritta nella lingua del padrone coloniale.

Adesso i modelli sono ancora più lontani.

Due nazioni con una forte borghesia nazionale e una fortissima identità.

Ce lo vedete Paolo andare a una cerimonia ufficiale postu de berrita e ragas?

Gli Scozzesi vanno in kilt alle cerimonie.

E non parlatemi degli Scozzesi che parlano inglese, che non sapete di cosa state parlando.

Non parliamo poi dei Catalani, che mi prenderebbero a calci in culo già solo per il fatto di usare la lingua dello stato oppressore in questo blog.

Forse l’economicismo basterebbe a renderci uno stato–vedi l’Irlanda–ma non a renderci una nazione.

Una nazione è fatta di esseri umani legati da simboli, storie, lingua, affetti.

Ma glielo devo spiegare io a Franciscu?

Una nazione può organizzarsi come stato, quando questo diventa necessario, ma uno stato non può trasformarsi in una nazione: vedi l’Italia.

No, ancora non ci siamo…

http://www.castedduonline.it/cagliari/centro-storico/11754/manifesto-del-partito-dei-sardi-cambiamo-l-isola-partendo-dal-fisco.html?fb_action_ids=10151878457028655&fb_action_types=og.likes&fb_source=other_multiline&action_object_map=%5B507410229357998%5D&action_type_map=%5B%22og.likes%22%5D&action_ref_map

Di nuovo–e non ditemi che è colpa del giornalista–un vaghissimo accenno all’istruzione:”Il fisco italiano non è adatto alle esigenze della Sardegna, l’inadeguatezza dello stato nazionale in materia di redistribuzione delle entrate e la pressione fiscale hanno impedito dei normali processi di accumulazione della ricchezza che avrebbero garantito sviluppo nella nostra terra. Lo stesso discorso può essere applicato ad altri campi, come quello dell’istruzione e della riscossione dei rifiuti.”

Sedda e Maninchedda non escono dalla loro ambiguità: parlano di stato, ma non ci dico come possiamo diventare nazione.

E non ci dicono nulla su come possiamo ridare un futuro a quel terzo dei ragazzi sardi a cui la scuola italiana non ha niente da offrire.

A proposito: non solo solo i candidati che questi discorsi non li vogliono sentire.

Appena parli di dispersione scolastica c’è il solito tracollo di visite.

E Kelledda che ancora deve presentare il suo programma linguistico.

Ci aveva chiesto tempo.

Il tempo gliel’abbiamo dato.

No, la questione linguistica non vive in questa campagna elettorale, oltre al doveroso accenno che tutti i candidati hanno fatto all’inizio.

Non vive la questione della nazione sarda: come definirla, come diventarlo, come sentirci legati come popolo.

Abbiamo altro a cui pensare, no?

Sesso, Soldi e Rock & Roll?

E voi sognando la Catalogna!

Ma in Catalogna ci vivono i Catalani, non i Sardignoli.

Continuate così e io comincerò a fare campagna per il non voto!

8 Comments to ““Babbo è lontana la Catalogna?””

  1. Ma ite diaulu robertu propriu como chi mi fi cumbinchinde finas deo. Como chi custu partidu de sardos s’est allarghende e bi sunu puru bastianu cumpostu, gavinu sale e claudia zuncheddu. Mi paret chi non b’ada atteru, francu su no andare a votare. E tue faghes bene e tenes rejone in su chi naras.

  2. Ma ite ses narende. Totu su programa de Sardegna Possibile no est istadu acabadu, e iat a èssere su primu (inue sunt is ateros programas?).

  3. Caro Bolognesi lei è un blogger dimezzato. Tratta solo notizie e commenti di seconda mano e si vede. Parte da altre cronache parziali per dire che le affermazioni dei due sono parziali. E se invece le cose le avessero dette e scritte?
    Lei non ha fonti di prima mano. Legge altri articoli di altri giornali e blog e poi ci commenta sopra. Pessimo. Prima non era cosi disinformato era sempre in palla e ben informato. Così fa il blogger da quattro soldi. Peccato.

    • Grazie Paolo! Ma si da il caso che io il blog dell’altro Paolo–il suo quasi omonimo–lo legga quasi quotidianamente e non vedo contraddizione tra quello che ho letto di seconda mano e quello che ho letto di prima. E magari fossero quattro quei soldi, sarebbero già qualcosa! Invece è tutto a gratisi…

  4. Appunto è solo un rimando virtuale di blog in blog. C’è una Sardegna vera la fuori sa? E non legge i blog e neppure facebook

  5. traballosa?…. dai ca seusu aspettende. e tando da biu niedda

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: