Cara Assessore Firinu …

113

Cara Assessore Firinu,

stavolta l’ha fatta grossa!

Ci ha promesso addirittura la LEGGE!

La legge che introduce il sardo nelle scuole.

Sono molto piacevolmente stupito.

Io sono scettico, ma non cinico.

Da voi, da questa giunta guidata da un italofono, degno rappresentante dell’accademia italiana in Sardegna, una giunta che rappresenta si e no il 20% dei Sardi, non mi aspettavo niente.

Non vi ho votato, perché non mi fidavo di voi, ma non mi sono messo a spararvi addosso.

Vi stavo osservando e finora avete soltanto confermato il male che pensavo di voi.

Adesso lei viene fuori con questa promessa.

Si rende conto di quello che ha promesso?

Ci ha promesso il passo fondamentale nella strada che porta al bilinguismo perfetto.

Benissimo!

Ma adesso ne va della sua credibilità.

Ci ha pensato bene?

il sardo, come tutte le lingue costa fior di quattrini.

Lei vuol far entrare il sardo nelle scuole con una legge regionale? Benissimo!

Ma dov’è  il materiale didattico?

Dove sono gli studi preparatori necessari allo sviluppo del materiale didattico?

Quale sistema ortografico pensa di utilizzare per insegnare ai ragazzi a leggere e a scrivere in sardo?

Come pensa di formare gli insegnanti?

Se è vero, come dice il mio amico Andrea, che cominciando dalla scuola materna, per ora, questi problemi si possono rinviare: basta impregnare (aciupai, at nadu issu)  i bambini nel sardo, poi, comunque, i problemi che ho enumerato bisognerà affrontarli.

Si tratta di problemi esclusivamente politici, non finanziari.

Perché non è vero che il sardo deve far lievitare il bilancio del suo assessorato.

Se l’Assessorato fosse una famiglia, si può dire che basta dirottare i finanziamenti dalle voci “generi voluttuari” a quelle “generi di prima necessità”.

Se lei dovesse scegliere tra il pagare la bolletta dell’acqua e l’andare all’opera, cosa sceglierebbe?

Domanda retorica, lei all’opera ci va gratis, con i nostri soldi.

E così la maggior parte del pubblico a cui si rivolge l’Ente Lirico di Cagliari: gente che va a sentire musica italiana, sovvenzionata con i soldi dei contribuenti sardi.

Ecco, insomma: si tratta di stabilire delle priorità.

Priorità politiche.

Cosa è più importante per i Sardi: il sardo nelle scuole–insegnato in modo degno–o permettere a poca gente di sentire il Rigoletto, o di partecipare a concorsi letterari rigorosamente in italiano, ai festival di Jazz e Blues, o dare tutti quei soldi allo sport?

Priorità politiche, Assessore.

Quindi, tutti i discorsi sui problemi finanziari della Regione, ce li risparmi.

Non ho ancora sentito parlare di tagli al bilancio dell’Ente Lirico.

Già solo per questo, non siete credibili.

Allora, Assessore, adesso si tratta di fare politica culturale.

È il suo compito e ne va della sua credibilità.

Noi stiamo aspettando, scettici, ma non cinici.

 

3 Comments to “Cara Assessore Firinu …”

  1. Torradu a s’italianu?

  2. Est a non nci fuiri, Assessora!
    Tocat a sceberai.
    E non pighit a scusi sa batalla a fueddus chi seus fadendi in custas cidas in s’arretza.
    Custus scontròrius fatus a ritu funt de su connotu masedu de su movimentu linguìsticu sardu.
    Foras de is fueddus non si andat a in antis.
    Fustei depit sceberai, e chi mai at a decidi, a sa trassa de Pilau, de non sceberai, at a passai a sa stòria a su matessi.
    Nerit-ddu finas a presidenti Pigliaru.
    Sa chistioni est ca tocat de sceberai, de tres a una, po fai ufitziali su sardu e po ddu fai intrai in sa scola.
    Sa prima est cussa reatzionària chi dd’arrapresentat Blasco Ferrer: aturai sa stòria anca parrit e praxit a cussu, a sa spartzidura de su sardu chi Wagner, linguista legu giai a is tempus suus, at imbentau.
    Sa spartzidura de su sardu in“campidanesu” e “logudoresu” est reatzionària segundu sa polìtica e segundu sa cultura.
    Si nci torrat a tragai acoa me in is annus scurius de sa linguìstica de is arutas.
    Is traballus mius e, a in antis, is de Contini ant ammostau su farsu de custa spartzidura.
    Nì sa Stòria nì sa linguìstica si funt firmadas po fai unu praxeri a Blasco.
    In sa Storia est intrada finas sa LSC, chi de Stòria boleus chistionai, e non fait prus a non dda carculai.
    Sa LSC nci est e fait parti de sa realidadi de is Sardus, in su beni e in su mali.
    In su beni e in su mali, apuntu.
    Insandus, finas avatu a sa LSC tocat a sceberai.
    Chi sa LSC andat bastanti beni–a su nai de Corraine–tocat a dda lassai aici etotu comenti est, est a nai torraus a cussa LSC giai scrocorigada de sa stòria.
    Chi, comenti nau deu e una surra de atra genti, sa LSC andat beni, ma non bastanti, tocat a dda fai curregida e prus bona.
    Lessit a perdi totu is scimpròrius chi mi narant in custas diis: faint parti de su giogu.
    Insandus su sceberu chi fustei depit fai est de tres sceberus a unu: torrai acoa, abarrai firmus o tocai a in antis.
    Chi fustei creit ca sa LSC andat beni aici comenti est, a sa moda corrainesa, aturisì puru e pigassì totu sa responsabilidadi.
    Chi creit ca tocat a dda fai mellus, pongiassì a studiai totu is possibilidadis.
    E chi non ddi bèngiat a conca de lassai su chi pìtziat a un’atra cummissionis de “espertus”, posta impari po arrapresentai totus e nemus e sena de imbati in logu perunu!
    Tèngiat in contu ca sa LSC est nàscia po boluntadi polìtica crara de Renato Soru, sinuncas non fiaus imbàtius in logu perunu.
    E chi mai decidit de formai una cummissioni, cun s’incàrrigu de fai mellus sa LSC, custa iat a depi essi fata sceti de genti chi bolit custas milliorias.
    Iat a essi de scimprus a torrai a fai is faddinas de su passau e a fichiri in una cummissioni aici genti chi non bolit a auniri su sardu e non bolint a mudai sa LSC.
    Custus funt is sceberus chi funt ananti sua.
    Ma podit finas decidi, che a Ponzio Pilato, de non sceberai.
    At a biri fustei.
    ——
    Chi non ddu cumprendit in italianu si ddu naraus in sardu!🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: