Archive for May, 2014

May 31, 2014

L’ottimismo della volontà non ottenebrato dal pessimismo dell’intelligenza (2)

bukowsky

Si seis pensendi ca deu seu pensendi a issu, seis pensendi mali, ma seis intzertendi puru!

May 30, 2014

Sa limba de sa paxe

383

Su “sardu” pro totus is Sardos est su dialetu de bidda issoro.

Kie negat custu est macu o faulantzu.

De innoxe tocat a partire.

Tando de standardizare sa pronuntzia non si nde faeddat propriu.
E non si faeddat ne-mancu de standardizare su lessicu: sceti un macu podet pretender de narrer a is áteros cale est su faeddu giustu, intro de unas cantas possibbilidades.
Sa grammatica e su lessicu sunt, in donni manera, unitarios a su 90%, duncas de standardizatzione non bi nd’at bisongiu.
Si tratat sceti de arribbare a una manera unitaria de scrier su sardu ki permitat, in manera crara e simple, de lomper a medas pronuntzias diferentes.
E partende dae sa LSC ORIGINARIA!
Cussa aprovada dae sa cummissione, non cussa ki at fatu creer Corraine: sa LSU.
A su ki potzu bier in Facebook, sa gente ki at cumpresu ki sa LSC bolet emendada est semper de prus.
Tando, si custa gente bolet sa paxe, depet spingher pro arribbare a emendare sa LSC in manera de scuntentare a totus cantu prus pagu faet.
Duos faeddos a pitzos de su cuntzetu de “paxe”.
Sa paxe si faet cun is nimigos, non cun is amigos.
Cun is amigos semus già in paxe.
Tando is ki bolent sarvare sa LSC si depent ponner de acordiu cun is ki non dda bolent e ddos depent cumbincher.
Fintzas a immoe, Corraine e Corongiu ant chircadu de imponner sa LSU a marolla a totus.
Amus bidu totus a ita nosi at portadu custu makimine.
Corraine b’at tentadu duas bortas cun sa LSU e duas bortas at faddidu.
E sigumente non est bonu a pensare in manera diferente, bolet bogadu de mesu.
Deo penso dae semper ki sa LSC ORIGINARIA–bariedade de mesanía de su sardu–siat una base bona pro arribbare a una GRAFIA UNITARIA.
Is ki nant ca deo apo cambiadu idea sunt faulantzos, comente amus bidu, faulantzos compulsivos.
E cales sunt is nimigos cun is cales tocat a faer sa paxe?
Sunt is ki chircant de faer passare sa LSU pro LSC e de dd’imponner a totus.
E sunt is ki bolent partzire su sardu a marolla in duas “limbas”.
Pro conkistare sa majoría de is Sardos a s’idea de una grafía standard, tocat a tenner contu de is nimigos de sa LSC: de una parte e de s’átera.
Ma tocat puru a tenner contu de su fatu ki sa parte prus manna de is Sardos bivit in cabu de jossu.
E si issos non bolent, paxe non si nde faet.
Tando, a kie bolet s’unidade de su sardu dda depet acabbare de ponner mente a cussos macos ki in custos oto annos ant chircadu de faer ingurter a marolla sa LSU a sa majoría de is Sardos.
Tocat a sceberare.
A marolla.

May 29, 2014

Titulos academicos e fauleddas corrainesas

004

Custa est sa fotografia de su diploma de PhD cosa mia.

Comente faet a bier, b’apo depidu ponner bator libbros pro dd’aguantare, ca est semper in unu tubu de cartone rubiu.

No, non ddu tengio apicadu a su muru.

Proita dd’apo postu?

Pro faer arrinegare a Corraine, est craru!

Cussu mischineddu at scritu: “Finas un’àteru pessonàgiu, Roberto Bolognesi, chi s’at semper atribuidu tìtulos acadèmicos,”:http://salimbasarda.net/politica-linguistica/corraine-blasco-colonialista-bolognesi-mitomane/

A me su titulu de DOCTOR mi dd’at dadu s’universidade de Amsterdam.

Ah, cun sa laurea–o Master ki siat, immoe–si leat su titulu de DOCTORANDUS.

E depo narrer ki, a me m’ant fatu un’onore spetziale de a derus: sun bennidos totu is catedraticos de linguistica de s’universidade a intender sa defensa cosa mia e ant postu sa firma issoro in su diploma.

Custa fotografia non est unu “fotomontaggio” che cussa ki faet girare Corraine.

Ita bolet narrer custa fotografia?

Ca deo non mi seo momenadu “linguista” a solu.

Deo s’arte dd’apo imparada siguende cursos cun is fonologos prus importantes de su mundu, in una de is facultades de literas megius de s’Europa.

Ca su “mitomane” est cust’omineddu de pagu, linguista-fai-da-te, ki pro chircare de s’aguantare sa positzione de “Babbu mannu” de sa limba non podet faer átera cosa de contare faulas.

E kie ddi ponet mente est unu mischineddu ke a issu.

May 27, 2014

Ma a Corraine ddu leghent sceti is corraineddos ki non leghent átera cosa?

498

Un amigu m’at mandau sa fotocopia de s’ articulu de s’Unione , tzidadu dae Munsennore Corraine in s’intervista ki s’est fatu issu e totu in Limba Sarda 2.0. Su mere de su situ est issu.

Bolía cuntrollare si in mesu a is faulas normales ki contat Corraine non bi fessit puru carki sballiu de sa giornalista.

Nossi!

Sa sintesi ki at fatu Daniela Pinna torrat cun su ki apo scritu a issa.

Deo a Daniela Pinna dd’ia scrita: “Allora: Sono uno dei firmatari della LSC e, diversamente da quanto dichiarato da Corongiu, non ho mai cambiato idea. La LSC non è stata concepita come standard del sardo, ma come linguaggio burocratico-amministrativo per i documenti in uscita della RAS. Per quello scopo limitato, pur con tutti i suoi limiti va anche bene. Do un giudizio certamente positivo sul ruolo svolto dalla LSC in quella funzione, perché ha permesso ai Sardi di abituarsi all’idea di una lingua ufficiale. Anche se era chiaro dal principio–e io l’ho fatto presente a Paulilatino, nel 2007, alla presentazione della mia ricerca–che la LSC, così come è non poteva andar bene come standard. Era chiaro che nel meridione della Sardegna non sarebbe stata accettata. Inoltre nell’applicazione della LSC sono stati commessi degli errori molto gravi, anche perché voluti. Contro gli accordi presi in commissione, si è proceduto a settentrionalizzarla ulteriormente, sia nella grafia che nel lessico. A un certo punto, il modo in cui la LSC veniva posta in pratica ha finito per coincidere con la LSU precedente e precedentemente rifiutata, in quanto troppo logudoresizzante. Contro tutti gli accordi presi in commissione si stava procedendo alla standardizzazione del lessico e, naturalmente, con l’esclusione sistematica delle parole meridionali. Non sono quindi io ad aver cambiato idea, ma è la LSC che a un certo punto è stata trasformata il LSU. Errore gravissimo, visto che questo ha significato nient’altro che arrivare allo scontro frontale con i Sardi del meridione, cioè la stragrande maggioranza dei Sardi. Corongiu e Corraine coltivavano l’illusione dichiarata di riuscire ad imporre la LSC come standard anche al sud. Siamo ai confini della follia: senza mandato politico e senza consenso popolare si è cercato di forzare l’interpretazione della LSC ben oltre gli accordi presi in commissione. Ora, dopo la “sperimentazione” effettuata in diversi paesi del meridione pare che abbiano accettato la realtà. Malgrado i toni trionfalistici è chiaro che la LSC è stata usata finora in modo marginale e anche molto “ammoddiada”. In pratica, quello che è risultato da questa sperimentazione è che soltanto rinunciando all’idea stessa di avere una norma ortografica, sono riusciti–e solo in parte–a usare la denominazione LSC. Ripeto: denominazione. Perché nella pratica hanno usato un’altra ortografia non normalizzata. E questo anche in altre situazioni, come a Nuoro. La sperimentazione è chiaramente fallita: basta vedere come scrive la redazione di Limba Sarda 2.0 da qualche settimana a questa parte. È anarchia ortografica. In pratica si sono arresi. Ora, questa è una strada possibile, già intrapresa in Corsica. Basta darle un nome altisonante e si salva la faccia. In Corsica l’hanno chiamata “polinomia”. In questo modo si accontenterebbero anche gli estremisti “campidanesi” che una loro norma se la sono data. Forse è questa la strada che Corongiu vuole seguire. L’altra strada possibile è quella di adottare una grafia studiata per permettere varie pronunce e magari adottando alcune soluzioni grafiche doppie (lingua/limba; fillu/figiu) che riguardano alcune parole. Bastano poche ore di corso di “realfabetizzazione” per capire come si passa da una grafia standard alla pronuncia nel proprio dialetto. Ma Corongiu, malgrado sappia che questa cosa funziona, non ha mai voluto sperimentarla. Penso per non far ingelosire Corraine. Secondo me, quindi, la strada da seguire è quella di emendare leggermente la LSC, dandole però un altro nome, visto che l’attuale è associato alle persone di Corongiu e Corraine, non molto amati in cabu de jossu. Quello che il governo regionale potrebbe fare a questo punto è bandire una specie di referendum sulle tre proposte presenti: 1) il doppio standard; 2) l’anarchia ortografica, ora denominata LSC; 3) l’ortografia unitaria con libertà di pronuncia e di lessico.”

La sintesi di Pinna è la seguente:

ROBERTO BOLOGNESI, LINGUISTA E TRADUTTORE.

La Lsc ha permesso ai sardi di abituarsi all’idea di una lingua ufficiale. Bene. Però va emendata. Era chiaro da subito che non sarebbe mai stata accettata al Sud. Invece si è tentata anche una standardizzazione (a base “settentrionale”) del lessico. Giungendo allo scontro frontale. Ora, dopo anni di cosiddetta “sperimentazione”, non c’è più neanche un’ortografia normalizzata: basta vedere come scrive la redazione di “Limba Sarda 2.0”. È una strada possibile: in Corsica l’hanno chiamata “polinomia”. Accontenterebbe gli estremisti “campidanesi” che una loro norma se la sono data. L’altra strada possibile è quella di adottare una grafia che permetta varie pronunce, accettando soluzioni doppie per alcune parole:

 

fillu/figiu o lingua/limba.

 

La Regione potrebbe bandire un referendum.”

Ita scriet Corraine in Limba Sarda 2.0, sa Pravda de is corraineddos? http://salimbasarda.net/politica-linguistica/corraine-blasco-colonialista-bolognesi-mitomane/

“Finas un’àteru pessonàgiu, Roberto Bolognesi, chi s’at semper atribuidu tìtulos acadèmicos, at postu su pàrrere suo in su matessi artìculu de sa US, mustrende sa natura bera sua de pessonàgiu astròlicu e sena cabu.

Bolognesi est famadu ca no at mai tentu coerèntzia in contu de limba, at semper cambiadu idea in sos annos (bastis de afirmare s’ego maniacale e mitòmane suo), proponende semper solutziones istrambòtigas e miraculìsticas: dae propònnere, a sa prima, su baroniesu comente modellu istandard, a, como, su casteddàrgiu; dae pònnere sa firma in sa LSU e pustis in sa LSC, finas a torrare a sa passione sua, sa binomia logudoresu/campidanesu, cunforma a su modellu de sa “polinomia” a sa corsicana, in pràtica sas duas “limbas” de Blasco.”

Kie at propostu de scrier limba lingua in Aristanis: “Inue est su probblema?”?

Cussu strolicu de Bolognesi o cussu faulantzu de Corraine?

“Sa LSC podet èssere imperada sena duda peruna, fintzas in su Campidanu e in su Sulcis: craru chi serbit alfabetizatzione e tempos, ma no est una faina impossìbile. Sa diretzione giusta sunt sas propostas de emendamentos chi at fatu Diegu Corraine in Aristanis. Una diretzione chi bolet ammanniada.”

E inue est accabbada sa norma de sa LSC?

Mi’!: “Bella pregunta! Naro de presse chi in Italia, e sa Sardigna fait parti de s’Italia, pro immoe, sa pressione fiscale e su prètziu de su traballu, po chie no ddu scit, est de su 70-75% e tènnere istantàrgia una sienda est costosu meda: movende de custu e pighende in consideru su chi est prevididu pro su servìtziu de portellitu, is chi traballant cun noos, pro 40 oras de traballos a sa chida pigant € 400,00 a sa mano, duncas in unu mese est € 1.600,00, in prus cussu chi podent pigare pro sa formatzione, craramente aunde ddoe est sa cumpetèntzia: in d’unu mese arribamus a 1800,00 – 1.900,00 euros. A custu puntu sa pregunta da fatzo deo: est megius guadangiare custas tzifras o abarrare crocadu in su letu e a si chesciare contra a chie traballat, murrungende e ispainende fàulas? In su 2013 portamus 37 bustas pagas: custu est su risultadu chi contat. Si totu custu est a isfrutare is operadores, comente narant is mandrones e fintzas calencuno polìticu cun olieras mannas…beh bollu essi su primu a èssere isfrutadu. Est a traballare e no a si chesciare: isceti di aici arribant is risultados.”

 http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sarigu-bertula-antiga-eja-a-sisperimentatzione-de-sa-lsc-in-campidanu/

Custa est sa LSC  “ammoddiada”  e “polinomica”.

E Corraine immoe narat ca s’idea est sa mia.

Corraine est ke cussos pipieddos unu pagu tontos ki su tupant is ogros e si creent ca nemos prus ddos biet.

Ma is corraineddos sunt prus tontos ancora, ca a su mancu a Corraine ddu faent tzitadinu onorariu de Onanì.

 

 

 

May 26, 2014

Blasco siguit a contare is contixeddos de foxile suos e is corraineddos non sunt bonos a ddu respunder

269

Sunt comicos de a derus is de Limba Sarda 2.0.

Chircant de torrare sceda a Blasco Ferrer, ma sigumente Corraine ddos at proibbidu de tzitare su trabballu miu, si depent acuntentare de faeddare de politica e de acuntentare sceti a su giru de is amiguixeddos issoro: “Como bi l’amus cantada a Blasco!”

Sa làcana chi partzit sa Sardigna est neghe de sos che a Blasco

 Blasco, tzitadu dae Mauro Piredda narat ki «s’istòria de sa limba at creadu duas macrovariedades: sa campidanesa, chi at giai s’istandard suo, e sa logudoresa, chi si lu podet fraigare».

In su libbru miu (Le identità linguistica dei Sardi) mostro comente sa contu de sa Sardinnia partzida in duos est una faula, nudda prus de una faula.

Fintzas Anna Oppo ammitit ki is Sardos non atzetant sa partzidura de sa limba in duos: “Per quanto riguarda, poi, l’incapacità dei parlanti del sardo di attribuire la loro varietà locale a questo o a quel “capo”, la stessa Lőrinczi ammette che, a distanza di due secoli e mezzo, la situazione è rimasta immutata: «È inoltre rilevante che l’argomento di tale domanda si colloca ad un livello tassonomico basso: la domanda, cioè, teneva conto del fatto che i parlanti delle varietà locali non hanno e non possono (ancora) avere una diffusa consapevolezza (colta, dotta) dell’appartenenza del sardo, se preso complessivamente, ad un livello tassonomico corrispondente a un diasistema o ad una macrolingua (il sardo, per il momento, è e va considerato una macrolingua); quanto meno tale consapevolezza risulta essere labile. Secondo quanto precisava Anna Oppo durante la nostra conversazione, persino le etichette della classi “campidanese”, “logudorese” ecc. (che sono taxa intermedi riconosciuti scientificamente come tali) erano scarsamente applicabili al livello di consapevolezza dei parlanti, i quali spesso preferivano usare glottonimi o circonlocuzioni glottonimiche relativi alla stretta arealità locale (regione storica, località). Ciò si collegava alla ridotta familiarità dei soggetti intervistati con le tematiche di politica linguistica.”( Lőrinczi, 2011:7). In parole povere, Anna Oppo ha ammesso con Marinella Lőrinczi  che gli informatori intervistati nel corso della ricerca sociolinguistica da lei coordinata non facevano riferimento al proprio dialetto locale come “campidanese” o “logudorese”, ma al loro paese o alla regione storica della Sardegna a cui appartiene il paese. Si noti come Marinella Lőrinczi ammetta di fatto che la suddivisione del sardo in “campidanese” e “logudorese” sia una suddivisione dotta, politica, estranea al vissuto dei parlanti.” (http://people.unica.it/mlorinczi/files/2011/05/Lorinczi-Valencia.pdf.)

Blasco, duncas, est torra contende faulas. Faet sa parte ki sa partzidura de su sardu in duos siat una cosa de sa gente, de is Sardos, e non imbentada dae is “linguisti delle caverne”.

Ma is corraineddos non podent tzitare su trabballu scientificu cosa mia, ca deo seo “traitore”: sigo a narrer su ki apo semper nadu e non su ki cumandat Munsennore Corraine.

A bellu puntu semus!

Sa discussione est passada in manu a is ki ddas contant prus mannas, is faulas.

E arguai a nomenare a Wagner, mi’!

Totu Blasco paret ki apat fatu, ca Corraine est unu grandu fidele de Santu Max.

Blasco est sceti s’omineddu ki a fatu su riassunteddu de is sciollorios de Wagner.

Ma Wagner at nadu ki is Nugoresos sunt de ratza superiore e tando non faet a ddu tocare.

May 24, 2014

Il razzismo reciproco dei Sardi

272

Eravamo a Liegi, io e Pasquale Onida, a Liegi, a un convegno organizzato dalla federazione degli emigrati sardi.

Eravamo a Liegi ed erano ancora i giorni lontani della Prima Commissione per la Lingua, quella che avrebbe prodotto il tentativo abortito di sancire la superiorità linguistica del Nord Sardegna e che aveva come sponsor politico proprio Onida, l’Assessore alla Cultura.

Io e Pasquale Onida parlavamo, appunto, di quel confine invisibile che divide la Sardegna meridionale da quella settentrionale.

E Pasquale Onida, citando un modo di dire del suo paese, Sedilo, ha detto: “Sa Sardinnia acabbat in sa falada de Paule”, sottintendendo che oltre Paulilatino cominciava l’Africa.

Per carità, non voglio suggerire che Onida condividesse quel pregiudizio!

Comunque, a scanso di equivoci, gli ho raccontato che dalle mie parti si parla, invece, di “Gabillonia”, quando ci riferisce al Cabu de susu.

Pasquale Onida non mi è sembrato molto divertito dal gioco di parole iglesiente.

Non sembrava per niente divertito dallo scoprire che il razzismo tra Sardi è reciproco.

Ma come mi ha fatto notare l’altro giorno Andrea Maccis, il razzismo dei Sardi settentrionali–quando sono razzisti–è inclusivo: si sentono superiori agli altri Sardi e vogliono imporre la propria egemonia, inglobandoli in una Sardegna trasformata in una Grande Barbagia.

Il razzismo dei Sardi meridionali, invece, è esclusivo, secessionista e l’articolo che ho pubblicato ieri–quasi una parodia dei discorsi di molti “campidanesi”–illustra, estremizzandoli, sentimenti che certamente sono presenti in Cabu de jossu: http://www.vitobiolchini.it/2014/05/23/sa-natzioni-campidanesa/

I Sardi razzisti meridionali, i gabilli proprio non li vogliono in mezzo alle palle.

Da dove vengono questi razzismi speculari?

Ci vorrebbe una ricerca storico-antropologica, per appurarlo.

Io, come linguista, mi limito a constatare che per negare l’unitarietà linguistica della Sardegna, i sostenitori delle due Sardegne, sono costretti ad arrampicarsi sugli specchi.

Si veda il mio libro Le identità linguistiche dei Sardi, per un’analisi estesa dell’origine della suddivisione del sardo in “campidanese” e “logudorese”.

La storia di questa suddivisione è davvero tragicomica ed emblematica della situazione delle istituzioni culturali in Sardegna, soprattutto dell’università.

Per chi vuol farsi un’idea veloce di quali siano le differenze reali tra sardo settentrionale e meridionale, può vedersi questo articolo: Comente podimus arribbare a un’ortografia unitaria de su sardu

Come si può vedere, la differenza principale tra “logudorese” e “campidanese” è costituita dalla pronuncia delle E e O finali: cioè una differenza di si e no  un millimetro nella posizione della lingua–perché tutta qui è la differenza tra le pronunce latelati–è sufficiente per molti Sardi a giustificare la spaccatura della Sardegna linguistica.

È chiaro che la ragione non può essere quella: le differenze linguistiche esistono, ma sono limitate, sia nel lessico, che nella grammatica, che nella pronuncia.

Vedetevi pure il mio libro.

Queste differenze vengono usate per sostituire argomenti altrimenti inconfessabili, come sempre nel caso del razzismo “educato”.

Quindi vi propongo un gioco: provate a chiedere ai vostri amici e conoscenti, anche in Facebook, se ritengono più rappresentativa della Sardegna, in termini di sardità,  Cagliari oppure Orgosolo e fatevi spiegare perché.

Sono sicuro che ne verranno fuori dei risultati interessanti e divertenti, ma forse anche inquietanti.

Cagliari e Orgosolo sono i due poli di una Sardegna polarizzata.

La domanda, quindi, è rivolta a quelli che credono a una Sardegna polarizzata, anche se magari non se ne rendono conto.

Ieri, parlando con un’amico che viene da un paese appena a nord di “sa falada de Paule” e che vive praticamente a Cagliari, gli ho sentito dire: “Casteddu est Napoli.”

E quest’amico è uno dei campioni della lotta alla polarizzazione della Sardegna.

Il suo giudizio non nasce per caso: è un giudizio indotto.

Ed è un giudizio gravissimo, perché riflette l’incapacità di Cagliari di proporsi come “Capitale dei Sardi”.

Ma questo giudizio–inconsciamente razzista–è anche basato sulla realtà:

Il dramma di Cagliari

E immoi ita faint in Casteddu po scioberai sa lingua?

La realtà è quella di Cagliari che ha rinunciato al suo legittimo ruolo di capitale culturale dei Sardi.

Per il biblico piatto di lenticchie.

La borghesia cagliaritana si è lasciata schiacciare dalla visione della Sardegna inventata da Wagner e Lilliu e ha accettato di “napoletanizzarsi”.

Oggi Cagliari si propone come capitale europea della cultura, mentre ancora non riesce ad essere capitale sarda della cultura.

Eppure la scelta dovrebbe essere facile.

Si tratta di scegliere tra una Sardegna “ferma nel tempo” inventata dagli stranieri, e sottoscritta dalla borghesia compradora, e la Sardegna da sempre al centro del Mediterraneo.

Insomma, tra la Sardegna della “costante resistenziale” montagnina, inventata da Wagner e Lilliu, o la Sardegna che ha scolpito i Giganti di Monti Pramma.

A proposito, vi risulta che Lilliu–su Babbu Mannu–abbia mai protestato per lo scandalo del Giganti sequestrati per 30 anni in un magazzino?

Immaginatevi cosa sarebbe successo se Lilliu, Accademico dei Lincei, venerato da tutti i Sardi, avesse protestato contro questo scandalo.

E sarà certamente un caso  che l’importanza dei Giganti si sia “scoperta” soltanto dopo il ritiro di Lilliu dalla scena culturale sarda.

Indubbiamente, una coincidenza.

Come, naturalmente,  è una coincidenza che l’immagine grandiosa della Sardegna nuragica che ci trasmettono i Giganti, sia completamente incompatibile con quella creata da Lilliu: un’isola isolata da tutti e i cui abitanti erano intenti soltanto a sbudellarsi tra di loro.

Lilliu ha dedicato il suo libro La civiltà dei Sardi ai pastori di Barbagia, perché si era inventato una Sardegna nuragica, semplicemente proiettando indietro di millenni la società barbaricina dei suoi giorni.

Quella società non avrebbe mai potuto accumulare la ricchezza necessaria a costruire migliaia di nuraghi e i Giganti di Monti Prama.

In guerra si distruggono le risorse altrui e le si accumulano in un territorio ristretto: i nuraghi, invece, sono diffusi in tutta la Sardegna.

Ergo, in tutta la Sardegna si sono accumulate le ricchezze, le riserve, necessarie a costruirli, visto che chi è intento a costruire tutti quei nuraghi deve pur mangiare.

Nella Sardegna dei Giganti, Cagliari non è più la Sodoma e Gomorra della sardità tradita–come l’ha dipinta Sergio Atzeni nel suo brutto fantasy–e definita “cultura bastarda” da Francesco Cesare Casula. Diventa semplicemente una della porte della Sardegna verso il mondo esterno, al cui centro si trova–letteralmente–la nostra isola.

Allora la scelta tra Orgosolo e Cagliari è la scelta tra una Sardegna costituita da paesi che rappresentano solo se stessi–tranne ormai che per i turisti a caccia di emozioni  in noir–universi chiusi su se stessi, che ormai non esistono più, e la Sardegna che è tornata a essere quello che è sempre stata: centro del Mediterraneo.

Così come i Sardi dei paesi di montagna–ormai sempre più spopolati, oltretutto–non hanno motivo di disprezzare i Sardi aperti al mondo, i Sardi urbanizzati non hanno motivo di temere una sardità  che non significa immobilità e rifiuto dei contatti con l’esterno.

Questa visione polarizzata e irreale della Sardegna ha fatto danni enormi ed è ora di relegarla al letamaio della storia.

 

 

May 23, 2014

A primu partzint is Sardos in bonos e malos e a pustis pranghent ca non tenent fortza contras a is politicos

489

Custos mischineddos de Limba Sarda 2.0  sartant de is atacos sbregungidos contras a is ki non dda pensant ke a issos a pedire sa limosina de un’unidade ki issos pro primos non ant bofidu.

Immoe pranghent ca is politicos non ponent mente a issos.

Regione: dinare a muntone pro s’universidade, nudda pro sa limba

Ma non fiat Corraine su grandu lider ascurtadu dae is politicos?

“Sa polìtica, in fines, ponet semper mente a issu.” 

Corraine: contra a ingiùlios e negatividade, fraigare e non distruire

Ello? Ponende mente a issu sunt!

Tontos!

Non b’ant pensadu ki furriende sa LSC a LSU (limbagiu personale corrainesu) abarraíant a solos.

Su movimentu pro sa limba, si bolet esser unu movimentu populare e forte, non si depet faer atzeracare a is ambitziones personales de duos omines: unu macu e s’atru semper cambiende positzione pro nde tenner profetu issu.

E is corraineddos immoe ita ant a faer?

Finito bobbó!

S’ollu de procu est spaciau…

Ddos bollo bier abarrende fideles a sa linea corrainesa kentza de stipendiu.

Ita ratza de geniu ki ais siguidu, balla!

May 23, 2014

Comente podimus arribbare a un’ortografia unitaria de su sardu

224

Tocat a lassare a una parte su makimine de s’ortografia “naturale”.

Ortografias “naturales” non ddoe nd’at, ca is faeddos non si scrient a solos e sa gente pagu bortas imparat a sola scrier.

Is ki faeddant de “ortografia naturale” sunt cussos ki connoschent sceti s’ortografia de s’italianu e si pensant ca toket a dd’imperare puru pro su sardu.

Spantu ki non domandent fintzas de scrier s’inglesu a s’italiana.

Provamus, insaras, a bier, passu pro passu, ita depet cambiare in sa manera italiana de scries su sardu, pro arribbare a un’ortografia unitaria.

Amus già bidu ki, si pigamus unu testu cale-ki-siat in Patadesu, su tantu de is faeddos ki non torrant in su sardu miu est pagu meda.

La malafede di chi non vuole nessuno standard

E tando, non tenimus bisongiu de standardizare su lessicu, ca sceti unu macu criminale podet pretender de narrer a sa gente cales sunt is faeddos giustos e cuddos sballiados.

Si est berus ki a s’abetare una standardizatzione “spontanea” de s’ortografia est cosa pro inniorantes o macos–ca sa gente ki non at studiadu tzertas cosas non b’arribbat–pro su lessicu est totu un’átera kistione: si sa gente imperat cussu faeddu, tando cussu faeddu est giustu, semper si semus faeddende de gente ki sa limba sua dda connoschet.

Cosa diferente meda est sa kistione de sa scritura: pro faer una proposta de scritura unitaria tocat a connoscher medas dialetos e tocat a nde schire de fonologia e de storia de sa limba.

E tando non est berus ki fatzat a arribbare a una standardizatzione spontanea de s’ortografia, ca sceti pagu gente nde schit de custas cosas.

Pro incumentzare, tando, pigamus unu testu, torra de Nanni Falconi, scritu in una spetzia de LSC e bidimus ita tocat a faer, pro arribbare a sa pronuntzia mia de su sardu e a un’ortografia ki siat prus fatzile a permitire custa pronuntzia.

Su testu nde dd’apo leadu de innoxe: http://nannifalconi.blogspot.nl/2014/05/sinimigu-est-cuddu-chi-si-ndafutit.html

 

Creo chi siat ora de l’agabbare de inditare comente inimigu de sa limba sarda chie est cuntràriu a sa LSC; gasi comente depent fagher cuddos chi narant chi sa LSC est ochende sa limba sarda. Non semus nois sos contierradores de sa limba sarda sos inimigos, semper chi b’apat inimigos e non gente chi si nd’afutit ebbia de s’arrèsonu nostru.

Su problema de su standard est mannu e de giudu, e bisòngiat de l’isolvere cun passièntzia e tolleràntzia, ca unu standard bi cheret e tocat de si ponner de acordu. Ma no est però su problema prus mannu de sa limba sarda. No est chi cun su standard isolvimus totu sos nodos de su sardu e semus a caddu.

Nono, su sardu est limba in derrota chi nch’est lassinada in una faladòrgia chi nche l’est giughende a esser una limba de minoria in Sardigna. Su problema est , de comente allentare su custu lassinòngiu. Comente fagher cumprender a chie nos cumandat oe, chi chene sa limba sarda, su pòpolu sardu no at a esser prus cudda natzione chi nanchi est. Ma forsis est cussu su chi cherent. Su problema est chi amus una classe polìtica chi si nd’afutit, cumbinta chi petzi cun sa limba istatale italiana sa Sardigna nde podet essire dae cussa crisi de identidade chi l’est assachiende. Petzi in sa renùntzia a su connotu nostru nois diventamus una natzione moderna, tzivile. Custu est su messàgiu chi nos coronat dae sèculos como; e custu chi semus bivende est su risurtadu. Bell’aficu s’issoro.

Chie non depet ghiare a unu benidore mengius, lu faghet in sos istradones de sa renùntzia a su chi fiamus, e galu in parte semus.

Onni iscusa pro issos est de giudu pro ignorare, pro fagher finta, pro renuntziare, pro no agiuare sa limba a aguantare e allentare sa lassinada sua a s’agabbu.

S’Italia, s’Europa, su mundu intreu non nos at a regonnoscher mai sa diversidade nostra de natzione si nois etotu non nos regonnoschimus in sa limba de sos antepassados nostros.

 

Sa prima cosa fi fatzo, immoe, est a inditare is sonos ki, in su sardu miu, cambiant siguende una regula de pronuntzia sincronica (bolet narrer “ativa”, ki aplico automaticamente):

 

Creo chi siat ora de l’agabbare de inditare comente inimigu de sa limba sarda chie est cuntràriu a sa LSC; gasi comente depent fagher cuddos chi narant chi sa LSC est ochende sa limba sarda. Non semus nois sos contierradores de sa limba sarda sos inimigos, semper chi b’apat inimigos e non gente chi si nd’afutit ebbia de s’arrèsonu nostru.

Su problema de su standard est mannu e de giudu, e bisòngiat de l’isolver cun passièntzia e tolleràntzia, ca un’istandard bi cheret e tocat de si ponner de acordu. Ma no est però su problema prus mannu de sa limba sarda. No est chi cun su standard isolvimus totu sos nodos de su sardu e semus a caddu.

Nono, su sardu est limba in derrota chi nch’est lassinada in una faladòrgia chi nche l’est giughende a esser una limba de minoria in Sardigna. Su problema est , de comente allentare custu lassinòngiu. Comente fagher cumprender a chie nos cumandat oe, chi chena de sa limba sarda, su pòpolu sardu no at a esser prus cudda natzione chi nanchi est. Ma forsis est cussu su chi cherent. Su problema est chi amus una classe polìtica chi si nd’afutit, cumbinta chi petzi cun sa limba istatale italiana sa Sardigna nde podet essire dae cussa crisi de identidade chi l’est assachiende. Petzi in sa renùntzia a su connotu nostru nois diventamus una natzione moderna, tzivile. Custu est su messàgiu chi nos coronat dae sèculos como; e custu chi semus bivende est su risurtadu. Bell’aficu s’issoro.

Chie non depet ghiare a unu benidore mengius, lu faghet in sos istradones de sa renùntzia a su chi fiamus, e galu in parte semus.

Onni iscusa pro issos est de giudu pro ignorare, pro fagher finta, pro renuntziare, pro no agiuare sa limba a aguantare e allentare sa lassinada sua a s’agabbu.

S’Italia, s’Europa, su mundu intreu non nos at a regonnoscher mai sa diversidade nostra de natzione si nois etotu non nos regonnoschimus in sa limba de sos antepassados nostros.

Custu lis depimus ammentare die cun die a cuddos polìticos chi pensant chi sa limba sarda non siat una prioridade polìtica pro sa Sardigna, e non nos dare sa patente de inimigos tra pare.

Custu lis depimus ammentare die cun die a cuddos polìticos chi pensant chi sa limba sarda non siat una prioridade polìtica pro sa Sardigna, e non nos dare sa patente de inimigos tra pare.

 

Su ki apo sinnadu in “grassetto” funt is vocales medias (E, O) finales ki si furriant a vocales artas (I, U) e sa R de is infinidos de is verbos ki sparessit. Ca custas duas regulas sunt sincronicas ddu bidimus dae su fatu ki, si pigamus unu faeddu nou (es. scannerizzare) bidimus deretu ca custu si furriat a solu a sa pronuntzia meridionali scannerizai.

Pro nde cumprender de prus: Informare è fare politica? Il caso delle vocali finali

 

E torrende a su discursu de arisero potzo inditare puru is sono ki in nugoresu cambiant sighende sa regula sincronica de “depalatalizatzione”.

 

Creo chi siat ora de l’agabbare de inditare comente inimigu de sa limba sarda chie est cuntràriu a sa LSC; gasi comente depent fagher cuddos chi narant chi sa LSC est ochende sa limba sarda. Non semus nois sos contierradores de sa limba sarda sos inimigos, semper chi b’apat inimigos e non gente chi si nd’afutit ebbia de s’arrèsonu nostru.

Su problema de su standard est mannu e de giudu, e bisòngiat de l’isolvere cun passièntzia e tolleràntzia, ca unu standard bi cheret e tocat de si ponner de acordu. Ma no est però su problema prus mannu de sa limba sarda. No est chi cun su standard isolvimus totu sos nodos de su sardu e semus a caddu.

Nono, su sardu est limba in derrota chi nch’est lassinada in una faladòrgia chi nche l’est giughende a esser una limba de minoria in Sardigna. Su problema est , de comente allentare su custu lassinòngiu. Comente fagher cumprender a chie nos cumandat oe, chi chene sa limba sarda, su pòpolu sardu no at a esser prus cudda natzione chi nanchi est. Ma forsis est cussu su chi cherent. Su problema est chi amus una classe polìtica chi si nd’afutit, cumbinta chi petzi cun sa limba istatale italiana sa Sardigna nde podet essire dae cussa crisi de identidade chi l’est assachiende. Petzi in sa renùntzia a su connotu nostru nois diventamus una natzione moderna, tzivile. Custu est su messàgiu chi nos coronat dae sèculos como; e custu chi semus bivende est su risurtadu. Bell’aficu s’issoro.

Chie non depet ghiare a unu benidore mengius, lu faghet in sos istradones de sa renùntzia a su chi fiamus, e galu in parte semus.

Onni iscusa pro issos est de giudu pro ignorare, pro fagher finta, pro renuntziare, pro no agiuare sa limba a aguantare e allentare sa lassinada sua a s’agabbu.

S’Italia, s’Europa, su mundu intreu non nos at a regonnoscher mai sa diversidade nostra de natzione si nois etotu non nos regonnoschimus in sa limba de sos antepassados nostros.

 

Immoe amus bidu deretu cantu pagu cambiat custa regula de pronuntzia nugoresa.

E immoe passamus a su ki in su sardu miu cambiat siguende regulas “diacronicas”: bolet narrer, ki non apartenet prus a sa grammatica nostra, ki ant cambiadu su sonu in totu.

 

Creo chi siat ora de l’agabbare de inditare comente inimigu de sa limba sarda chie est cuntràriu a sa LSC; gasi comente depent fagher cuddos chi narant chi sa LSC est ochende sa limba sarda. Non semus nois sos contierradores de sa limba sarda sos inimigos, semper chi b’apat inimigos e non gente chi si nd’afutit ebbia de s’arrèsonu nostru.

Su problema de su standard est mannu e de giudu, e bisòngiat de l’isolver cun passièntzia e tolleràntzia, ca unu standard bi cheret e tocat de si ponner de acordu. Ma no est però su problema prus mannu de sa limba sarda. No est chi cun su standard isolvimus totu sos nodos de su sardu e semus a caddu.

Nono, su sardu est limba in derrota chi nch’est lassinada in una faladòrgia chi nche l’est giughende a esser una limba de minoria in Sardigna. Su problema est , de comente allentare custu lassinòngiu. Comente fagher cumprender a chie nos cumandat oe, chi chena de sa limba sarda, su pòpolu sardu no at a esser prus cudda natzione chi nanchi est. Ma forsis est cussu su chi cherent. Su problema est chi amus una classe polìtica chi si nd’afutit, cumbinta chi petzi cun sa limba istatale italiana sa Sardigna nde podet essire dae cussa crisi de identidade chi l’est assachiende. Petzi in sa renùntzia a su connotu nostru nois diventamus una natzione moderna, tzivile. Custu est su messàgiu chi nos coronat dae sèculos como; e custu chi semus bivende est su risurtadu. Bell’aficu s’issoro.

Chie non depet ghiare a unu benidore mengius, lu faghet in sos istradones de sa renùntzia a su chi fiamus, e galu in parte semus.

Onni iscusa pro issos est de giudu pro ignorare, pro fagher finta, pro renuntziare, pro no agiuare sa limba a aguantare e allentare sa lassinada sua a s’agabbu.

S’Italia, s’Europa, su mundu intreu non nos at a regonnoscher mai sa diversidade nostra de natzione si nois etotu non nos regonnoschimus in sa limba de sos antepassados nostros.

Custu lis depimus ammentare dicun die a cuddos polìticos chi pensant chi sa limba sarda non siat una prioridade polìtica pro sa Sardigna, e non nos dare sa patente de inimigos tra pare.

Custu lis depimus ammentare die cun die a cuddos polìticos chi pensant chi sa limba sarda non siat una prioridade polìtica pro sa Sardigna, e non nos dare sa patente de inimigos tra pare.

 

Immoe bidimus cantu pagos sunt is cambiamentos “diacronicos”, cussos ki depimus imparare a pronuntziare in una manera ki non b’intrat prus cun is regulas nostras: sunt doixi (12)!

Doixi sceti, mancari su faeddu limba, ca semus faeddende de limba, cumpargiat ses bortas.

Comente podimus afrontare custu probblema?

In maneras diferentes pro is casos diferentes.

Leamus limba.

Sa cosa prus normale iat esser a ddu furriare a sa forma etimologica: lingua.

Limba  est intrada in sa LSC, ca Renatu Soru dd’agatyaíat prus “identitaria”.

Ddu lassamus custu faeddu “identitariu”?

Si podet lassare: sunt pagos medas custos faeddos e si podent imparare in presse, comente in italianu amus imparadu a pronuntzias prus o mancu in manera curreta is prestitos dae s’inglesu.

Ma si lassamus custos faeddos, tocat a donare calincuna cosa a noso puru.

Tando noso bolimus sa X in sa grafia unitaria, ca pro noso est identitaria cantu limba  pro is cabesusesos.

E tando scriimus paxe e donniunu sighit a pronuntziare comente bolet.

Ma faet puru a lassare limbalingua, comente nosi at cuntzessu Munsennore in Aristanis.

E sa matessi cosa balet puru pro mengius/mellus.

Ambos faeddos si nde sunt stesiados meda dae s’etimologia, comente amus bidu arisero:  La storia di FILIUS, fillu, figiu e fizu

Sunt pagos meda custos faeddos e si podent imparare in presse o faet a tenner is duas formas, si Munsennore nosi ddu permitet.

E amus eliminadu sete de is doixi probblemas diacronicos.

Sa kistione de sa velare o palatale de faeddos ke chelu, chena, pische, schire, ecc.

Una grafía (CH) ki balet sa pronuntzia italiana, pro kie dda bolet, o sa pronuntzia inglesa/spanniola in cabu de jossu.

In manera parallela su GH balet pro su sonu velare in cabu de susu e pro su palatale in cabu de jossu: es. anghelu, marghine.

A custu puntu, però, tocat a agatare una solutzione puru pro is sonos velares ki s’agatant in ambos cabos: chistione, ghia.

Scritos in custa manera, in cabu de josso non iant a schire comente bolent pronuntziados: tando si podet sceberare sa grafia etimologica de custos faeddos (o “spanniola”): quistione, guia.

Opuru, sa K, ca semus abituados a s’inglesu e a su tedescu: kistione.

Sa E finale de s’infinidu de is verbos de sa segunda coniugatzione est epentetica, paragogica, e non bolet scrita: esser, ponner, ecc.

Pro totu s’áteru depet baller s’etimología de su faeddu, kentza de etzetziones.

E tando nudda agabbare, ma sceti acabbare.

Nudda caddu, ma cuaddu.

Nudda proare, ma provare.

Nudda pessone, ma persone.

Nudda numene, ma nomene.

Nudda sientzia, ma scientzia.

Nudda mastru, ma maistru.

Nudda arrosa, ma ne-mancu iscalarosascala, kentza de faer figios e figiastros e semper a sa matessi parte.

Sa forma prus acanta de s’etimología depet bincher semper, ca est s’unica manera de esser obietivos.

Si incumentzamus a bi ponner áteros criterios in mesu, dd’acabbamus ke Corraine, sartiende de una scusa a s’átera pro detzider issu ebbía.

Abarrat sa kistione de su paradigma verbale e de is pronomenes.

Ambos sunt probblemas lessicales.

Ca sa kistione est sceti ca esistint intradas lessicales diferentes pro is morfemas verbales e pro is pronomenes.

Si bolimus unu paradigma verbale unitariu, faet puru a siguire a imperare su de sa LSC: s’unu balet s’ateru.

Sa faula ca nd’esistint duos sceti Log. e Camp. nde dd’apo sciusciada in su libbru miu.

Ma fintzas a immoe nemos est stadu autorizadu a narrer cale depet essere su paradigma verbale.

Sa cummissione non est arribbada a nde discuter.

Is pronomenes?

Lu/ddu?

E  noso/nois?

Sa forma prus etimologica est nos, ca est da forma sutastante de [nOzu], cun una O paragogica pesada a U.

E de siguru issu e non isse, cun s’etimología imbentada dae Corraine.

E immoe iat a boller ki calincunu de is amigos, ki nant ca deo apo fato male a pesare avolotu, m’iat a deper spiegare proita Corongiu non at bofidu pigare in cunsideru custa proposta.

Immoe nde sunt sciuscende totu sa norma, pro dda faer passare in cabu de jossu.

Castiade in Limba Sarda 2.0 comente scrient immoe.

Donniunu a comente ddi essit.

Ma siguint a dda tzerriare LSC.

 

May 23, 2014

Irriducibili

218

“In s’Acadèmia de su Sardu onlus seus aprontendi una proposta chi at a bessiri a campu a tretu de pagu tempus po chi totus dda potzant connosci e apretziai/aderetzai/scrocorigai… sa cosa chu seu seguru est ca tocat a movi de su is babus nostus nos’ant lassau, de su Camp (chi is cantadoris nd’ant fatu unu sceti) e de su Log (chi sos cantadores nd’ant fatu unu sceti) …. àtera cosa po imoi no m’intendu de nai” Orestiade

Eus a biri, ma tocat a nai ca in su mundu de Orestiade, a su chi parit, 2 + 2 fait 5.

May 22, 2014

Siamo uomini o caporali?

224-2

S’unica arrexoni ca su Servitziu de sa Lingua non at mai sperimentau is emendamentus a sa LSC chi apu propostu deu est ca su meri de Corongiu fiat/est Corraine.