Cale grafia at imperadu sa Bertula Antiga in cabu de josso?

3957

[…]

In is ufìtzios chi gestides bois, in su meridione de s’ìsula, cale casta de sardu impreades pro s’iscritura?

In su 2013 eus imperadu pruschetotu su dialetu locale, ma eus fintzas isperimentadu sa LSC in su Sulcis (13 Comunos) e in is Comunos de Assemini, Su Masu, Deximumannu e Santu Sparau.

 E ite paret?

Eus isperimentadu un’ ortografia de sa LSC ammoddiada e cussa eus a imperare in su benidore: sa bidea nostra est cussa de ammostare chi su sardu podet tènnere una grafia ùnica e sa matessi podet èssere ligia cun is dialetos locales. Is curretziones podent bènnere in su benidore e a parre miu ant a èssere is figios nostros a agatare sa grafia prus sintzilla, cussu chi depet passare est chi su sardu podet èssere iscritu in una manera isceti.

Ma sa LSC a si podet usare in Campidanu e Sulcis?

Sa LSC podet èssere imperada sena duda peruna, fintzas in su Campidanu e in su Sulcis: craro chi serbit alfabetizatzione e tempos, ma no est una faina impossìbile. Sa diretzione giusta sunt sas propostas de emendamentos chi at fatu Diegu Corraine in Aristanis. Una diretzione chi bolet ammanniada.

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sarigu-bertula-antiga-eja-a-sisperimentatzione-de-sa-lsc-in-campidanu/

Kie at sighidu sa kistione de sa LSC e custu blog ischit bene ita bolent narrer custos faeddos.

Mi su ki naraíat Corraine sceti pagas chidas a oe:

SA LSC ANDAT BENE GOSI, MACARI SIAT MERIDIONALIZADA MEDA

de Diegu Corràine

http://www.tempusnostru.it/parrere-1.page?docId=2595

Kie dd’at fatu su spantu de faer cambiare idea a Munsennore Corraine?

E berus est ki at cambiadu idea?

P.S. Labae su situ de Sa bertula antiga:http://www.sabertulantiga.com/index.html

Sa LSC ki imperant issos già mi paret “ammoddiada” meda!🙂

17 Comments to “Cale grafia at imperadu sa Bertula Antiga in cabu de josso?”

  1. Po Sarigu (scriu innoi poita ca in su blog LimbaSarda 2.0 no si podint fai comentus):
    ita bolit nai ca “eis isperimentadu sa LSC”?

    Sa mia no est una pregunta retòrica ma pròpiu una pregunta. In s’atividadi de un’Ufìtziu comenti si podit sperimentai s’ortografia?
    Ponendi calencuna delìbera in unu situ? E apustis?
    Comenti potzu biri chi cussu standard andat beni/est andendi beni?

    Fatzu custa pregunta poita ca in s’atividadi mia, candu est capitau de fai cursus de sardu e ortografia po sa genti, e chistionamu de LSC (deu dd’apu fatu sèmpiri, po fai biri cali standard imperant in is ufìtzius de sa Regioni) sa genti cumentzàt a fai faci lègia e a sconchiai. Duncas deu tengu un’impressioni unu pagu diferenti (mancai abarrit sèmpiri s’impressioni mia).

    Apustis: ita bolit nai LSC “ammoddiada”?
    Bolit nai ca sa LSC est “tostada”?
    Brullas a parti, no cumprendu beni custu fueddu.

    Un’àtera cosa: is operadoris bostus faint 40 oras a sa cida in is Cumunus? Est a nai ca is ufìtzius aberrint ònnia diri?

    Gràtzias.

    Cristian Urru

  2. Ieri Perdu stava facendo battute su questo tema in FB… io non capivo il perché. Poi sono andata sull pagina web de sa Bertula Antiga e mi sono pisciata dalle risate… http://www.sabertulantiga.com
    Fantastico.

  3. Alexandra,

    is preguntas mias innoi funt beras, po nai sa beridadi a mei sa gana de arriri m’est passada de meda. Deu no bolimu pònniri giudìtzius asuba de su trabballu de is àterus, a s’acabbada seus totus collegas e sa chistioni, comenti seu narendi de annus, no est sceti sa LSC e s’ortografia.
    De siguru nci bolit puru una manera, sèria, po controllai su trabballu chi fadeus totus.
    Perou deu bollu cumprèndiri de a berus ita bolit nai a sperimentai unu standard e fortzis iat a èssiri s’ora chi ddu cumprendessint totus is chi faint custu trabballu, po si mòviri totus impari e circai, assumancu, de fai cosas de profetu.
    Scirendi ca s’ortografia est sceti una parti de sa chistioni de sa lìngua/sorti sarda.
    Scirendi ca po lòmpiri a unu obietivu nci bolit tempus.
    Scirendi ca tempus nd’eus pèrdiu tropu e ndi seus perdendi torra. E de dinai puru.

    In bonora

    • Cristian. Tui ddu scis ca seu de acordiu cun tui e as fatu pregontas bonas e craras… femu torrendi arrespusta a su post de Bolognesu… insandus… gei si est movendi cosa. Gratzias po su chi as scritu… est de importu ascurtai is mastrus e ti apu mentovadu in su blog miu s’ atera dii po custu…pensu chi seis sa crai po sighiri a scriri in sardu… tengu arrespetu e no bollu certai prus inpitzus de sa lingua… nemus… perou… est tropu scimpru sa cosa de Bertula Antiga… ligis chi funt cun sa LSC e candu andas in su jassu insoru est totu scritu in Arregulas😉

  4. Spero vogliate soddisfare e chiarirmi una curiosità. Mi rivolgo indifferentemente a chiunque padroneggi la variante campidanese.
    Ho aperto il pdf de “Is arregulas de Sa bertula antiga”. Mi pare di rilevare una esagerazione quando vi leggo che in Italia non esiste il suono della J francese restituito in campidanese con la X. I Toscani con la G restituiscono lo stesso suono (gente). Ho letto vari scritti in campidanese che, allo stesso modo, riportano: pràgiri per pràxiri, pagi per paxi. lugi per luxi ecc.

    Vorrei chiedere se, per restituire il suono di J francese, la x deve essere sempre accompagnata dalla i, oppure se può essere tranquillamente usata anche davanti alle altre vocali, ad es. maxu per il logudorese maju (maggio), xana per il log./camp. jana/giana, xogu per il log. jogu/giogu, xanna per il log. janna/gianna, e per un magari improbabile xeu/xeo indicante il log./camp. jeo (il pron. io). L’istinto mi direbbe di sì, ma gli unici casi che personalmente ho finora memorizzato sono il cognome Xaxa e il sostantivo marxani (scritto però anche marxiani).

    • correggo: il log./camp. jeo/geo…

      • Ok… sono abbastanza sicura… il grafema che rispecchia la postalveolare fricativa, la x campidanese non è la stessa cosa come la -g- italiana. La -g- italiana rispecchia un affricata, cioè la combinazione di una plosiva e fricativa… i francesi la rendono con una -j- noi no… visto che la -j- in sardo rispecchia infatti una semiconsonante come in tedesco ‘ja’… come in eja… ma… ci illuminerà Roberto… la fonologia è veramente una cosa complicata… dai Robby… dimmi che non sto dicendo cazzate😉

    • Non so se ho capito bene la domanda… cerco di rispondere comunque🙂 La x non esiste mai all’inizio di una parola, questo è poco ma sicuro. La -g- italiana è un altro suono… chi riporta una parola sarda come paxi con la -g- sbaglia suono…forse dico una cazzata, visto che la fonologia non è il mio forte… ma grazie a Dio abbiamo un fonologo in casa…??? Roberto…?! mi sa che una è un affricata e l’altra no??? noi la -j- (come grafema) invece la usiamo come semiconsonante e non come i francesi… in casteddaju per esempio…

  5. O Beppe Soddu, la’ chi no est aici. Una cosa est mraxani, una cosa est margiani. Mancai siant sa matessi bestia e tui mi paris unu pagu mraxanatzu.

  6. Elio: Ita est su “chi no est aici”?
    Petzi ca tue iscries mraxani e ateras biddas de faeddu campidanesu iscriene marxani e marxiani? Non bi l’iscis (no ddu scisi)?
    Ja l’isco chi marxiani/marxani a su solitu NO est sa matessi pronuntzia de margiani. Ma praxiri e pragiri, paxi e pagi, luxi lugi, los apo semper bidos iscrittos e intesu leghèndelos oguale a sa X de capu ‘e josso (mancari no at a esser de aici totue, ca NO est petzi una sa faeddada campidanesa, comente NO est petzi una sa faeddada logudoresa).
    Jeo puru naro lumenargiu, remiargiu, cussorgia, partorgia, istergiu ecc. chin sas matessi desinenzas campidanesas, mancari sie de faeddu logudoresu/nugoresu, e naro margiane puru, pessa tue!, ed est semper sa G italiana de giacinto, ginestra, Gianni…

    Narami ite non b’as cumpresu… Jeo apo fatu una precunta po ateru, non po marGiani/marXiani.

  7. Ammoddigada nacchi…a m’ est pàssida cumpletamente isfata😀

  8. Alexandra, ora ho altri impegni e poco tempo, vedrò di esserci più tardi. Desidero almeno ringraziarti🙂
    Comunque Xaxa, cognome del Cagliaritano, ha la X iniziale

  9. Qui http://www.heraldrysinstitute.com/cognomi/idc/Xaxa/lang/it/ parla di origini ispano-italiche. Magari ha originato anche il cognome siciliano Sciascia, non saprei.
    Parlai con un musicista cagliaritano di cognome Xaxa, il quale mi disse che la pronuncia esatta era “Sgiasgia, come in paxi, luxi…” e per me fu il primo caso in cui trovai la X usata a inizio di parola.

    Intendevo limitarmi alla pronuncia e alle modalità d’uso. Ciò perché ho notato che la X ha una funzione pressoché analoga alla nostra J, ma nella quasi totalità dei casi con diversa pronuncia. Ho scritto “nella quasi totalità dei casi”… e infatti… una parola a caso: in FRI-GHI-JO-LA (oggi sta diventando frighiòla -padella usata per friggere), si pronuncia la vocale I e si fa sentire la semivocale J, che talvolta -come dicevo- diventa come la vostra X, e quindi la sentiremo pronunciare, frighixola. Un’altra parola: CON-CHI-JED-DA, viene pronunciato anche conchixedda.

    Avendo assistito a qualche concorso di poesia sarda, ho notato che non tutti i poeti in lingua campidanese usavano la X, ma la sostituivano con la G, per poi leggere in ogni caso SGI. Per ciò mi rifacevo all’esempio della pronuncia toscana della G, che in numerosi casi corrisponde alla J francese e alla alla nostra X (uso il verbo “corrisponde” con beneficio d’inventario, nel senso che al mio orecchio corrispondono, non in senso scientifico che purtroppo non mi compete).

    Torro gratzias a tie, Alexandra

  10. Il suono indicato dalla lettera X altro non è che una lenizione del suono G+vocale.

  11. su matzone, in sas perras mias, Patada: mariani.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: