Blasco siguit a contare is contixeddos de foxile suos e is corraineddos non sunt bonos a ddu respunder

269

Sunt comicos de a derus is de Limba Sarda 2.0.

Chircant de torrare sceda a Blasco Ferrer, ma sigumente Corraine ddos at proibbidu de tzitare su trabballu miu, si depent acuntentare de faeddare de politica e de acuntentare sceti a su giru de is amiguixeddos issoro: “Como bi l’amus cantada a Blasco!”

Sa làcana chi partzit sa Sardigna est neghe de sos che a Blasco

 Blasco, tzitadu dae Mauro Piredda narat ki «s’istòria de sa limba at creadu duas macrovariedades: sa campidanesa, chi at giai s’istandard suo, e sa logudoresa, chi si lu podet fraigare».

In su libbru miu (Le identità linguistica dei Sardi) mostro comente sa contu de sa Sardinnia partzida in duos est una faula, nudda prus de una faula.

Fintzas Anna Oppo ammitit ki is Sardos non atzetant sa partzidura de sa limba in duos: “Per quanto riguarda, poi, l’incapacità dei parlanti del sardo di attribuire la loro varietà locale a questo o a quel “capo”, la stessa Lőrinczi ammette che, a distanza di due secoli e mezzo, la situazione è rimasta immutata: «È inoltre rilevante che l’argomento di tale domanda si colloca ad un livello tassonomico basso: la domanda, cioè, teneva conto del fatto che i parlanti delle varietà locali non hanno e non possono (ancora) avere una diffusa consapevolezza (colta, dotta) dell’appartenenza del sardo, se preso complessivamente, ad un livello tassonomico corrispondente a un diasistema o ad una macrolingua (il sardo, per il momento, è e va considerato una macrolingua); quanto meno tale consapevolezza risulta essere labile. Secondo quanto precisava Anna Oppo durante la nostra conversazione, persino le etichette della classi “campidanese”, “logudorese” ecc. (che sono taxa intermedi riconosciuti scientificamente come tali) erano scarsamente applicabili al livello di consapevolezza dei parlanti, i quali spesso preferivano usare glottonimi o circonlocuzioni glottonimiche relativi alla stretta arealità locale (regione storica, località). Ciò si collegava alla ridotta familiarità dei soggetti intervistati con le tematiche di politica linguistica.”( Lőrinczi, 2011:7). In parole povere, Anna Oppo ha ammesso con Marinella Lőrinczi  che gli informatori intervistati nel corso della ricerca sociolinguistica da lei coordinata non facevano riferimento al proprio dialetto locale come “campidanese” o “logudorese”, ma al loro paese o alla regione storica della Sardegna a cui appartiene il paese. Si noti come Marinella Lőrinczi ammetta di fatto che la suddivisione del sardo in “campidanese” e “logudorese” sia una suddivisione dotta, politica, estranea al vissuto dei parlanti.” (http://people.unica.it/mlorinczi/files/2011/05/Lorinczi-Valencia.pdf.)

Blasco, duncas, est torra contende faulas. Faet sa parte ki sa partzidura de su sardu in duos siat una cosa de sa gente, de is Sardos, e non imbentada dae is “linguisti delle caverne”.

Ma is corraineddos non podent tzitare su trabballu scientificu cosa mia, ca deo seo “traitore”: sigo a narrer su ki apo semper nadu e non su ki cumandat Munsennore Corraine.

A bellu puntu semus!

Sa discussione est passada in manu a is ki ddas contant prus mannas, is faulas.

E arguai a nomenare a Wagner, mi’!

Totu Blasco paret ki apat fatu, ca Corraine est unu grandu fidele de Santu Max.

Blasco est sceti s’omineddu ki a fatu su riassunteddu de is sciollorios de Wagner.

Ma Wagner at nadu ki is Nugoresos sunt de ratza superiore e tando non faet a ddu tocare.

5 Comments to “Blasco siguit a contare is contixeddos de foxile suos e is corraineddos non sunt bonos a ddu respunder”

  1. la suddivisione del sardo in “campidanese” e “logudorese” sia una suddivisione dotta, politica, estranea al vissuto dei parlanti.”

    “Campidanese” e “logudorese” dotta sì (ma non politica), del Capo di sopra o del Capo di sotto no (che però ha una base se non politica, amministrativa), di cui peraltro non parlo. “Capo” nel mio testo ricorre una sola volta in “capoluogo” e basta. Perciò, per piacere, usi correttamente le virgolette se vuole citare altri. Grazie. E poi perché ce l’avete tanto in questi ultimi tempi con Eduardo Blasco? E’ il capro espiatorio di turno?

  2. Distinguere tra testo proprio e testo altrui (e quindi tra pensiero proprio e altrui) usando gli appositi segni distintivi oppure dichiarandolo esplicitamente se i segni dovessero essere troppi e confusionari, è fondamentale e non una distrazione in un testo che si pretende scientifico. Se è una distrazione indica un altro tipo di distrazione o confusione. Questo lo insegniamo già per le tesine universitarie triennali. Per farlo capire meglio si può anche dire per analogia che è come se in un testo teatrale non attribuissimo le repliche ai personaggi giusti. Interessante come sperimentazione testuale letteraria. Fiction, per intenderci. Quanto all’ammissione, non ne vedo, ma forse attribuiamo significati diversi alla parola. Quanto invece all’argomento E.B.F., è una mania collettiva ultimamente (mi correggo: di qualche persona, ma in maniera compatta, v. LimbaSarda 2.0 (Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna). Complimenti anche alla Regione (di allora, annata 2012).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: